Post in evidenza

Clamoroso: il Pellegrinaggio a Chartres in diretta TV (olte che su YouTube) #NDC2024 #pentecoste2024 #pentecoste

SEGUI LA DIRETTA Qui sul canale YouTube di Notre Dame de Chretienté tutte le varie dirette.  - sabato 18 maggio a partire dalle ore 6:00 la...

lunedì 13 marzo 2023

Elenco (parziale) degli errori di Papa Francesco in questi dieci anni funesti di pontificato

Oggi ricorre il X anniversario dell’elezione al Sommo Pontificato del 266° Papa di Santa Romana Chiesa:  Francesco (ironia della sorte: ieri, il 12 marzo, abbiamo ricordato l’incoronazione di Papa Pio XII: era il 1939 ma sembra secoli fa). 
A innalzare peana al Vescovo di Roma e a declamare panegirici delle meraviglie (??) compiute dal pontefice regnante ci hanno già pensato altri, ben più grandi di noi e testate giornalistiche ben più titolate del nostro piccolo Blog. Quindi non proviamo nemmeno a competere nella gara al rialzo. 
Proviamo, invece, a cimentarci a ricordare quelle che, a nostro sommesso avviso, sono le sciagure compiute - più o meno consapevolmente - da Francesco che sono oggettivamente critiche o che hanno avuto  risultati ed  effetti nefasti. (si veda anche l'editoriale di S. Fontana per La Nuova Bussola Quotidiana di oggi 13.3.2023). 

Prendiamo spunto, “arricchendolo”, dall’elenco di questo blog, che presenta le “abolizioni” (implicite, per disuso, e non con atto normativo) volute dal Papa Francesco che hanno tolto molto della trascendenza e del senso del sacro della Chiesa e della sua missione nel mondo:

- caduto in disuso il saluto tipicamente cattolico “Sia lodato Gesù Cristo” (in barba a 2000 anni di prassi, nata per tener fede al salmo 145 “Ogni giorno ti benedirò e loderò il tuo nome per sempre.”).

–  caduta in disuso la Messa pubblica del Pontefice, per la Solennità dell’Assunta al Cielo il 15 agosto;

– caduta in disuso l’Adorazione Eucaristica con il Pontefice durante le visite apostoliche o le GmG, negli incontri con i giovani;

– imposti alla Chiesa i Primi Vespri per il Creato del primo settembre, alla presenza del sommo Pontefice e di contro caduti in disuso i Primi Vespri di Avvento – con o senza il Pontefice;

– caduto in disuso il saluto al Santissimo Sacramento da parte del sommo Pontefice, durante le visite alle Chiese;

– caduta in disuso  l’Adorazione Eucaristica durante gli incontri religiosi in piazza San Pietro. Durante l’Anno del Giubileo della Misericordia non è stata fatta una sola adorazione al Santissimo, pubblicamente;

– caduta in disuso la presenza del sommo Pontefice all’unica Processione pubblica romana del Corpus Domini, quando i Papi in passato, prigionieri nella Città del Vaticano, si limitavano a farla nella Piazza, pur di non far mancare ai fedeli questa preziosa testimonianza: Pietro, umilmente in ginocchio, davanti al Re dei re.

– abolito l’uso delle colombe per l’ultima domenica di gennaio, all’Angelus, per il consueto saluto all’Azione Cattolica, sostituito con il lancio dei… palloncini colorati…

– caduta in disuso la benedizione papale per il Primo dell’Anno all’Angelus, in rispetto dei non credenti (??) si legga qui; ed anche qui.

– caduta in disuso oggi la tradizionale Benedizione papale degli agnelli per la composizione dei sacri pallii degli Arcivescovi. 

- declassato a ‘titolo storico’ il ruolo del Papa quale “Vicario di Cristo” (nonostante il chiaro ed esplicito mandato divino “pasci le mie pecorelle… qualunque cosa scioglierai in terra sarà sciolto in cielo… su questa pietra fonderò la mia Chiesa”).

- ridotti i canonici del V.do Capitolo di San Pietro a poco più che steward della basilica, avendo vietate le celebrazioni dell’ufficio e delle Messe capitolari in latinol’assistenza in coro e avendo rivoluzionato  lo statuto


A ciò si aggiungano: 

- il commissariamento della diocesi di Albenga Imperia (la testa del cui ottimo vescovo - Oliveri - fruttò sicuramente l’episcopato e altre promozioni ai delatori);

- commissariamento di un’altra diocesi inclusiva (anche dei tradizionalisti, oltre che di altri carismi): quella di Tolone (e, cosa mai vista prima, sospensione delle ordinazioni fino a nuovo ordine) si veda anche qui;

- il commissariamento  di tantissimi ordini tradizionalisti, Frati dell’Immacolata in primis, nonché gli sgarbi  ai Cavalieri di Malta (si veda anche qui);

- scioglimento dell’Opera Familia Christi


nella liturgia ricordiamo:

- la profanazione della basilica di San Pietro con l’idolatria della Pachamama

- tramite la CEI: la modifica ingiustificata della traduzione (solo in italiano, e non anche nelle altre lingue nazionali) del Padre Nostro, del Gloria;  
l’errore grammaticale introdotto nel Confiteor nella traduzione italiana (con sottomissione alle baggianate femministe in nome di un assurdo inclusivismo per altro a singhiozzo perché non onorato in altre parti della Messa);

- e ovviamente il Traditionis Custodes e la sua iperbole contraddittoria: il Rescriptum al Card. Roche.


frasi cattive e silenzi peggiori: 

- frasi dette a vanvera tipo “chi sono io per giudicare” che tanto danno sta facendo alla santità della Chiesa 

- di contro, silenzio assordante di fronte alle derive eretiche e scismatiche di molte chiese nazionali si veda quella del Belgio (che approva il rito per la benedizione delle coppie gay), e da  ultimo  la maggioranza dei vescovi della Germania - nominati da Francesco- che giusto qualche giorno fa sta portando la Chiesa Cattolica ad uno scisma, silente il Papa, e vogliono la benedizione delle coppie gay, nonostante il Responsum della CDF del 2021, firmato dal Papa;

- il silenzio ancor peggiore sul caso scandaloso Rupnik (e il sospetto che sia stato proprio il Papa a fargli rimettere la scomunica e a insabbiare il processo per abusi sessuali sulle suore);


in politica estera

- la pessina gestione della questione Cinese (nonostanze gli avvertimenti del Card. Zen) e l'abbandono dei cattolici cinesi, perseguitati dal regime comunista cinese; simile con la grave situazione della Chiesa Cattolica in Nicaragua; silenzio sull'arresto del Vescovo Álvarez;


in politica interna:

- la creazione di cardinali come Gambetti, Roche Tobin, Cupich, McElroy, Hollerich, Czerny, Farrell, Fitzgerald, Gregory, e altri, nonché la nomina di pessimi vescovi troppo progressisti (e senza titoli o meriti) specialmente in Italia e negli USA;

- la gestione dittatoriale della Città del Vaticano e del Vicariato  di Roma, e la funesta riforma della Curia Romana che ora è molto più burocratica (a dispetto delle intenzioni); 


in dottrina: 


- la comunione agli abortisti perchè, secondo il Papa, la S. Comunione non andrebbe negata a nessuno. Nemmeno agli scomunicati (perchè, ricordiamolo, chi abortisce - e collabora fatticvamente per procurare l'aborto) è scomunicato

- la nomina di Mazzuccato: atea e nota abortista a capo della Pontificia Accademia per la vita; 

- la sollecitudine ai sacerdoti di dare sempre e comunque l'assoluzione (dimenticandosi che ci sono casi in cui non è possibile assolvere, o che essa è riservata all'Ordinario o alla S. Sede). 

- la riabilitazione (con tanto di cerimonie con una "vescova" luterana lesbica e "sposata" con una donna, di statue e di francobolli) dell'eresiarca Martin Lutero in occasione del Cinquecentenario della sciagurata riforma protestante; 

- Gli errori (qui una summa) di Francesco in tema di eresie luterane e le "arrampicate sugli specchi" sulla intercomunione coi protestanti; 

- la dichiarazione di Abu Dhabi e la pertinacia nel propagandare la Fratellanza ritenere uguali tutte le religioni (tradendo il mandato evengelico di convertire e battezzare tutte le nazioni fino ai confini della Terra) 

- la nuova redazione del n. 2267 del Catechismo della Chiesa Cattolica sulla eliminazione della pena di morte


varie ed eventuali:

- la pessima gestione della morte e dei funerali di Benedetto XVI (si veda anche qui);



Roberto