Post in evidenza

MiL ha bisogno di voi lettori: DONAZIONI

A sx (nella versione per pc) e su palmare (voce " Donazione ") troverete la possibiltà di donare. Vi speghiamo il perchè.  Potrete...

lunedì 20 giugno 2022

Sospese le ordinazioni a Tolone: piccola rassegna stampa #traditioniscustodes

A quindici giorni dalla decisione vaticana di sospendere le ordinazioni sacerdotali e diaconali in Francia, nella Diocesi di Tolone, cerchiamo di fare il punto della situazione ed elencare di seguito i link del Comunicato Diocesi stessa e alcuni articoli a riguardo.
Infine pubblichiamo un commento tradotto da Tosatti.
Luigi
  • Annonce de Mgr Rey concernant les ordinations 2022, Sito della Diocesi di Tolone;
  • Tweet di Diane Montagna, JUST IN: Bishop Dominique Rey of Fréjus-Toulon (France) has today informed all priests of the diocese via email that Rome has “requested that the diaconal and priestly ordinations planned for the end of June be postponed.” See original French email and English translation below
  • La Santa Sede ha sospeso le ordinazioni nella Diocesi di Fréjus-Toulon, Korazym.org ;
  • Rome demande au diocèse de Toulon de surseoir à ses ordinations, FC
  • Diocesi troppo "vitale": scatta la scure della Santa Sede, La Nuova Bussola Quotidiana
  • LE CARDINAL MARC OUELLET EST DERRIERE LA TENTATIVED'ELIMINATION DE L' EVEQUE DE TOULON. Paix Liturgique n. 867
  • Dopo la scioccante decisione della Santa Sede nei confronti del Vescovo di Fréjus-Toulon, Jean-Marie Guénois su Le Figaro pone la domanda: “Un’autorità autoritaria nella Chiesa Cattolica? Korazym.org ;
  • Diocèse de Toulon : pourquoi le Vatican a choisi le silence, La Croix
  • La diocesi francese ricca di vocazioni che non piace al Vaticano, Tempi.
Il Vaticano Bombarda il Seminario di Tolone. Sospese (Perché?) le Ordinazioni.

3 Giugno 2022 Marco Tosatti

Cari amici e nemici di Stilum Curiae, mi sembra interessante portare alla vostra attenzione questo commento di Le Salon Beige, che ringraziamo per la cortesia, relativo alla straordinaria misura imposta dai dicasteri romani al vescovo di Tolone. Sembra talvolta che a Roma (pensiamo al caso del seminario di Ciudad del Este, dove il vescovo – destituito da Bergoglio senza mai aver potuto parlare con lui – Rogelio Ricardo Livieres Plano, aveva una gran messe di seminaristi, nell’invidia dei colleghi. Analogie con la Francia? Vedete voi…Buona lettura.
§§§

Con stupore e sgomento ho letto il comunicato di Mons. Rey, vescovo di Tolone, che annunciava che Roma gli chiedeva di rinviare le ordinazioni previste per la fine di giugno. Questo comunicato è troppo laconico perché il lettore possa stabilire tutti i dettagli e, come semplice fedele, mi guarderei bene dall’entrare in una dolorosa polemica tra un vescovo e il Vaticano, di cui conosco solo una minima parte.

Ma posso dire chiaramente che questa notizia è catastrofica.

Prima di tutto per gli ordinandi. Bisogna essere davvero senza cuore per privare dei giovani, che si sono preparati per 6 o 7 anni, dell’ordinazione tanto attesa in modo così brusco e così vicino alla data fatidica – senza ovviamente offrire loro alcuna “alternativa”. Bisogna anche credere che la Chiesa in Francia possa permettersi di rifiutare nuovi sacerdoti. Le vocazioni vanno così bene nel nostro bel Paese, non è vero?

La notizia è calamitosa anche per l’ufficio episcopale stesso. Ancora una volta, vediamo che gli insegnamenti più chiari del Vaticano II vengono calpestati allegramente proprio da coloro che vogliono costringerci ad aderire alle dottrine nebbiose del “consiglio dei media”. Se il vescovo non ha la pienezza del sacerdozio per governare, insegnare e santificare nella sua diocesi, ci si chiede cosa abbia voluto dire la costituzione sulla Chiesa Lumen gentium! In questo caso, il fatto che alcuni confratelli – e persino alcuni apparati dei dicasteri romani – non abbiano apprezzato la “strategia” di evangelizzazione del vescovo Rey non legittima a privarlo della sua libertà e responsabilità apostolica. Abbiamo bisogno di vescovi liberi e coraggiosi, e da tutte le parti. Monsignor Rey è uno di loro e questo è senza dubbio uno dei motivi, forse addirittura il motivo principale, di questa dolorosa sanzione. Questo, ripetiamo ancora una volta, è il problema principale delle Conferenze episcopali: spingono per le mezze misure, per il minimo comune denominatore o, se si preferisce, per le insipide mozioni di un congresso radical-socialista. Ma le conferenze episcopali non fanno parte della struttura divinamente istituita della Chiesa, a differenza del papato o dell’episcopato. Dopo una tale sanzione, chi nell’episcopato oserà prendere decisioni coraggiose? Se tutte le teste che sporgono sono condannate ad essere tagliate, ci condanniamo alla tirannia della burocrazia clericale!

Ma c’è, se possibile, qualcosa di ancora peggiore. Mons. Rey è proprio il tipo di vescovo “tradizionalista”, che accoglie tutte le nuove comunità, dai carismatici ai tradizionalisti, compresa la comunità di Saint-Martin. È il pastore delle “forze vive” del cattolicesimo francese. E, ovviamente, i curatori della bancarotta della Chiesa di Francia trionferanno in occasione di questa “condanna”. Come ho già detto, le suddette “forze vive”, per quanto distanti tra loro in termini di liturgia, regole canoniche o “sensibilità”, sono collegate. Ciò che i modernisti odiano non è la tonaca o il latino, ma la Messa, la confessione, l’adorazione eucaristica, in una parola la fede ortodossa (essendo stato seminarista in un importante seminario francese, posso darne testimonianza personale). E così, leggendo il motu proprio Traditions Custodes, era ovvio che dopo i sacerdoti del Summorum Pontificum, gli sciacalli avrebbero attaccato la comunità di San Martino (come avevano attaccato quella di San Giovanni), poi quella dell’Emmanuele, e così via di seguito. Le iene dei media, ritenendo che il “lavoro” sia finito per i “tradis”, hanno già iniziato a denunciare la comunità di Saint-Martin come troppo “identitaria”. Temo molto che questa decisione di proibire a Mons. Rey di ordinare accelererà questa caccia alle streghe e quindi il crollo delle vocazioni e, più in generale, il crollo della Chiesa in Francia.

Infine, ma non meno importante, per noi laici: Il vescovo Rey ha parlato coraggiosamente in passato per difendere i principi non negoziabili. Anche questo deve essere stato imbarazzante (per alcuni dei suoi confratelli e per i politici). Ora, tutti percepiscono che la GPA e l’eutanasia sono nel menu del nuovo quinquennio di Macron. Per l’oligarchia libertaria, un buon vescovo è, se non un vescovo morto, almeno un vescovo tirapiedi. Questo non è certamente il caso del vescovo di Tolone. Non so se c’era qualche pressione politica affinché Roma lo mettesse a tacere. Questo è già successo nella storia. In ogni caso, è certo che la decisione romana ha inferto un duro colpo ai cattolici convinti e alla nostra capacità di condurre una lotta pro-vita efficace e coerente in questo contesto.

Tuttavia, nessuno deve farsi illusioni: questo non ci impedirà di lottare – e di esprimere tutta la nostra ammirazione per il notevole lavoro che è già stato fatto nella diocesi di Tolone. Tra l’altro, attendo con grande interesse il prossimo atteggiamento di alcuni di coloro che ora si rallegrano per la decisione romana: la lotta che la cultura della morte ci imporrà presto dovrebbe segnare in modo netto la linea di demarcazione con i falsi fratelli, mentre si vedrà senza dubbio che ci vuole ben altro per mettere a tacere un vescovo coraggioso come Mons. Rey!

Guillaume de Thieulloy

PS: Ancora una parola per dire che le accuse che sento per spiegare la decisione romana non reggono. Sembra che il vescovo Rey sia stato sanzionato perché la formazione nel suo seminario “pone problemi”. Ma allora tutti i seminari in Francia dovrebbero essere chiusi – praticamente nessuno di essi rispetta la ratio studiorum romana! Si dice anche che accoglie troppi sacerdoti e comunità straniere, ma questa è una presa in giro quando sappiamo che, nella maggior parte delle diocesi, una buona parte dei sacerdoti sotto i 65 anni proviene dall’Africa, dall’Asia o dal Sud America! Che ci siano cose da migliorare nel seminario o nella diocesi di Tolone, non c’è dubbio. Che il modo giusto per migliorare sia quello di rompere tutto è molto più discutibile…