Post in evidenza

Elenco Messe tradizionali in Italia: URGE UN AGGIORNAMENTO

Cari lettori di MiL, molti di voi ci hanno scritto, giustamente, per lamentarsi del fatto che l'elenco delle Messe tradizionali del nost...

sabato 24 settembre 2022

Sui francobolli vaticani c'è Lutero ma non Lepanto

Anniversari mancati e non.
Lutero sì, S. Pio V no.
Spieghiamo a certi responsabili in vaticano e alla CEI che l'8per mille se lo devono meritare.
Luigi

Vincenzina Santoro, La Nuova Bussola Quotidiana, 13-09-2022

Strane scelte e omissioni della Filatelia Vaticana che ricorda persino Charlie Chaplin e la Riforma protestante, ma passa sotto silenzio il 450° anniversario (nel 2021) della battaglia di Lepanto, che segnò la fine della minaccia islamica in Europa, e (nel 2022) della morte di papa san Pio V: un pontefice santo e coraggioso, forse troppo lontano dagli attuali "standard".

Come ogni Stato indipendente, il Vaticano emette i suoi propri francobolli – circa 15-20 ogni anno – e tramite la Direzione dell’Economia del Governatorato vende a una clientela internazionale una selezione dei suoi prodotti filatelici e numismatici: francobolli e monete della Città del Vaticano sono infatti molto ricercati dai collezionisti in tutto il mondo. La scelta dei temi è prevalentemente dedicata all'ambito religioso, essendo sede del Papato e centro del mondo cattolico. Ma non esclusivamente.

I temi più consueti includono l’anno del pontificato, i viaggi papali dell’anno precedente, le solennità di Natale e Pasqua, vari anniversari di nascita e morte di santi, papi, e personaggi laici ben noti, o eventi come i congressi eucaristici, gli Incontri Mondiali delle Famiglie o le Giornate Mondiali della Gioventù. Nel 2021 sono stati emessi francobolli per il 90° anniversario della fondazione di Radio Vaticana ed il 160° de L’Osservatore Romano. Ma sono stati commemorati anche i 700 anni dalla morte di Dante Alighieri e il 450° anniversario della nascita di Caravaggio.

Sin dall’inizio del pontificato di Francesco si segnalano particolarità riguardo alle scelte... e alle omissioni. Papa Francesco ne sarà senza dubbio al corrente, in quanto capo di Stato. In particolare una strana assenza si è fatta notare sia l’anno scorso che quest’anno. Nel 2021 non è stato emesso nessun francobollo per commemorare il 450° anniversario di una delle più grandi battaglie navali nella storia del Mediterraneo e forse anche nella storia del mondo: la battaglia di Lepanto del 7 ottobre 1571 che ha salvato il cristianesimo in Europa con la sconfitta dell’impero ottomano. Migliaia di uomini a bordo di imbarcazioni ben armate, furono mobilitati da papa Pio V (Michele Ghisleri). I combattenti erano inviati non solo dal Vaticano, ma anche dalla “Serenissima” (la Repubblica di Venezia), dal re Filippo II di Spagna, e da altri ancora. Combatterono il nemico fino alla vittoria, gloriosa ma sanguinosa, che costò migliaia di vite. Così Pio V pose fine alla minaccia musulmana in Europa.

Niente francobollo (né moneta commemorativa) per ricordare questa grandissima vittoria in difesa della Chiesa. E neanche per Pio V che, nel suo breve regno durato soli sei anni, stabilì che i sacerdoti dovessero formarsi adeguatamente nei seminari, dispose la revisione del Messale, diede impulso al catechismo per rafforzare la fede degli uomini, ed ebbe il coraggio di scomunicare la regina Elisabetta I dl’Inghilterra, in conseguenza della rottura definitiva con Roma. Pio V morì nel 1572, ma quest’anno non si è visto nemmeno un ricordo filatelico per un papa (e santo) tra i più grandi della storia. Per esempio, nel 2018 sono stati emessi francobolli per il 40° anniversario della morte di Paolo VI e di Giovanni Paolo I. Nel 2017 è stato ricordato il 350° anniversario della morte di papa Alessandro VII e nel 2016 il settimo centenario della morte di papa Innocenzo III.

Se Lepanto è stata ignorata, nel 2017 è stato emesso un francobollo vaticano per commemorare…il quinto centenario della Riforma protestante! Questo francobollo presentava un crocefisso affiancato da Martin Lutero, con in mano la Bibbia, e da Filippo Melantone, un teologo e forte sostenitore di Lutero, che tiene in mano Confessio Augustana, il primo “manuale” del protestantesimo. Nel 2014, il Vaticano aveva celebrato con francobollo il 125° anniversario della nascita di Charlie Chaplin, che non era nemmeno un cattolico. Perché prestare omaggio filatelico a Martin Lutero e Charlie Chaplin e non a Michele Ghisleri, Papa Pio V, dichiarato santo nel 1712?