sabato 18 gennaio 2020

Monaco (Baviera): partecipazione a sorpresa all’ ‘Acies Ordinata’ contro il Sinodo tedesco

Si è da poco concluso (16:00) a Monaco di Baviera un’Acies Ordinata organizzata dal prof. de Mattei per resistere alle derive molto probabili che sta per prendere anche il Sinodo tedesco.
Il nostro inviato ci riferisce che la riuscita è stata ottima e segnala la partecipazione anche dell’eroico Mons. Carlo Maria Viganò e dell’altrettanto eroico - se pur in termini diversi - di Alexander Tschugguel, l’affondatore delle pachamama. 







In questi istanti si sta svolgendo la conferenza stampa. 




In serata vi aggiorneremo con un post sui particolari. 
Roberto ed Enrico R. 





Magister: Dove va la chiesa? La situazione di oggi e Francesco


Una interessante intervista a Sandro Magister su La Verità del 16 gennaio
Luigi

Maurizio Caverzan per “La Verità “ intervista  Magister 

È l' osservatore più acuto di ciò che succede nei Sacri Palazzi. 76 anni, autore di colpi giornalistici come la pubblicazione in anteprima, nel marzo 2018, della lettera integrale di Joseph Ratzinger, manipolata per simulare il suo sostegno a teologi bergogliani, Sandro Magister tiene sul sito dell'Espresso il seguitissimo blog Settimo cielo, diffuso in quattro lingue. A lui ci siamo rivolti per illuminare i fatti di questi giorni e capire come potrà proseguire la convivenza tra i due Papi dopo la tortuosa pubblicazione del libro sul celibato dei sacerdoti, uscito ieri in Francia e atteso per fine mese in Italia.

Ottavario di preghiera per la conversione dei non cattolici

Riceviamo dal Gruppo Ghisi e volentieri pubblichiamo.
Luigi

Primo giorno (18 gennaio), Cattedra di San Pietro: pregare per la conversione di tutti coloro che sono nell’errore.

Secondo giorno (19 gennaio): pregare per la conversione di tutti gli scismatici.

Mons. Léonard scrive ai Vescovi: il celibato non si può toccare.

Ottima notizia dal blog Stilun Curiae di Tosatti: l’arcivescovo emerito di Marines-Bruxelles, mons. André-Joseph Léonard, ha reso noto tramite il sito “L’Homme Nouveau” un appello rivolto a tutti i vescovi, e naturalmente al Pontefice regnante in primis, affinché non si tocchi il celibato sacerdotale per i sacerdoti di rito latino. L’arcivescovo dà il suo pieno appoggio al libro scritto da Benedetto XVI e dal card. Robert Sarah, e di cui tanto si parla in questi giorni. (Traduzione di Tosatti  dal francese).

Roberto 

venerdì 17 gennaio 2020

Clamoroso incontro tra Card. Sarah e Benedetto XVI. Cosa si saranno detti?


Questa sera (17.1.2020) il Card. Sarah, ha incontrato Benedetto XVI  in seguito alle polemiche incessanti, nauseabonde e menzoniere che non si sono mai fermate dall’inizio della settimana, sul libro “Dal profondo del nostro cuore”.
Da questo bel incontro, durante il quale il cardinale. ha avuto ennesima conferma di non aver  alcun malinteso col papa emerito, Sarah è uscito molto felice, pieno di pace e di coraggio.
A rivelarlo è lo stesso prefetto con un Tweet delle ore 20:30 circa.

Teologo e gentleman: il cardinale Newman

Un interessante approfondimento della figura del Beato John Henry Newman (1801-1890), apparso sul sito dell'Università Cattolica.
Luigi

Ivo Musajo Somma | 5 dicembre 2019

«Dio è ancora con noi e ci farà andare avanti nonostante questa perdita. Non dobbiamo nascondere la sua importanza, poiché è la perdita più grande che potesse capitarci. Coloro che lo hanno acquisito conoscono bene i suoi meriti… La nostra Chiesa non ha saputo trarne profitto. Era come se un’affilata spada dormisse nella sua guaina perché nessuno sapeva adoperarla. Era un uomo predestinato ad essere un grande strumento divino, in grado di realizzare un ampio progetto atto a restaurare la Chiesa… Se n’è andato – come tutti i grandi strumenti di Dio – inconsapevole della propria grandezza. Se n’è andato per compiere un semplice atto di dovere, senza pensare a se stesso, abbandonandosi completamente nelle mani dell’Altissimo. Così sono gli uomini su cui Dio fa affidamento. Si potrebbe dire non tanto che ci ha lasciato, ma che adesso si sia trasferito in un’altra zona della vigna, dove può utilizzare tutte le energie della sua mente possente…».

Scisma tedesco e dimissioni di Papa Francesco? Cosa ci può dire l’intervista a Scalfari.

Solo per gente forte: dal Blog di Tosatti: una terrificante e Drammatica analisi delle vicende recenti Benedetto / Sarah / Gänswein, e di quello che può rivelarci davvero  l’ultima intervista (?) di Scalfari
 a Papa Francesco (su La Repubblica) sul “Dio unico” (??!!??) e sull’ulteriore svilimento della Santa Religione Cattolica.  E della Chiesa.
Roberto

Il "pauperismo": una "negatività" che i Santi non hanno mai praticato!

Quanti arredi sacri dal post-Concilio  in poi per effetto di un falso "pauperismo" sono finiti, dietro laute elargizioni, in abbienti case private o in mostre profane iper sponsorizzate!
Ai poveri che rimarranno, purtroppo, poveri... per colpa delle ideologie marxiste penetrate nella Chiesa Cattolica  dall'ultimo Concilio non è stata neppure accordata   la consolazione di bearsi, come è accaduto per due millenni,  della bellezza liturgica: " la ricchezza della povera gente". Al contrario approfittando delle nuove ideologie "pauperiste" i  "potenti di turno"  si sono  furbescamente  arricchiti di più acquisendo, poco devotamente, le opere di arte sacra, suppellettili e paramenti compresi,  s-vendute  da tanti chierici senza scrupoli!
Eppure si tratta di oggetti sacri costruiti per la lode di Dio, solennemente benedetti e appartenementi all'intera comunità : sia ai consacrati che ai  fedeli laici!
AC


Il "pauperismo": una "negatività" che i Santi non hanno mai praticato!  

Per troppo tempo ci hanno instillato il concetto di pauperismo: solo che il pauperismo non è

giovedì 16 gennaio 2020

Una suora, la Cirinnà e Luxuria

Dal Blog di Sabino Paciolla un bell'articolo dell'amico Gianfranco Amato: dobbiamo ridere o piangere?
Ma certe suore invece di partecipare ai consigli a amministrazione delle banche (QUI) non potrebbero pensare a pregare di più e a convertire il loro prossimo?
Luigi

Di Gianfranco Amato| 18 Dicembre 2019

suor Giuliana Galli
Che ci fa una suora tra la senatrice Monica Cirinnà, madrina delle unioni civili “omosex” ed il noto transessuale Vladimiro Guadagno in arte “Luxuria”? Bella domanda. È accaduto il 13 dicembre giorno di Santa Lucia a Torino. La religiosa in questione è Suor Giuliana Galli, Presidente dell’Associazione Mamre Onlus (impegnata in progetti di integrazione e mediazione interculturale), che proprio insieme alla Cirinnà e Luxuria ha deciso di svolgere il ruolo di terza “banditrice” in un’asta di beneficenza avente per oggetto importanti opere d’arte offerte da una serie di donatori, tra cui Beatrice Merz, per sostenere un’iniziativa Lgbt.

Pietrangelo Buttafuoco: "Il miracolo della famiglia"

Un'amica mi ha segnalato un vecchio articolo dello scrittore Pietrangelo Buttafuoco.
C'è più cattolicesimo - sulla descrizione della famiglia, del padre e del valore delle "radici" - in lui, sembra apostata islamico e lontano dal cattolicesimo,  che in intere annate di Avvenire.
Da leggere.
Luigi

15 FEBBRAIO, 2014. Il Foglio

"Fosse pure nella durezza di una tumulazione, 
crudele quanto naturale, inaudita e dolce perché – è così – 
da Lui veniamo, a Lui torniamo"

Quando ci siamo trovati insieme, io e i miei figli, sotto la bara di mio padre, portandola in spalla, abbiamo vissuto non poco fuoco. Giuseppe, sedici anni, mi scrutava per scongiurare altre mie lacrime. Saro, il grande, quello col nome del nonno, prendeva il controllo del momento. Ecco, io ero l’orfano e loro mi tenevano d’occhio perché è sempre un mettere alla prova i padri, questo fanno i figli. E questa è la loro fatica: amano raggranellando pezzi importanti di vita. Stanno distanti, devono pur andarsene, e poi sbucano d’improvviso. Per mettere alla prova.
Questo fanno i figli. L’avevo fatto appena qualche giorno prima io con mio padre, nel suo letto di degenza, versando nel suo orecchio un nostro scherzo: dire buonanotte al modo di Ficarra e Picone. Lo misi alla prova. Mi rispose: “Ciao, ciao!”

I figli sanno di diventare padri e non nel senso di essere un giorno genitori di altri figli, ma –

“Nel loro DNA c’è l’odio per la Chiesa Cattolica”: la profanazione e la desacralizzazione in Europa degli oggetti e dei simboli sacri cristiani

"Ormai chiunque si sente libero di aggredire i cristiani nell'assenza totale di una gerarchia incline al compromesso suicida e a comportamenti equivoci e blasfemi.  ..." (Cfr. MiL QUI N.d.R.
"Due visioni del mondo che si stanno confrontando. Da una parte chi crede nella libertà, nei valori, nei diritti, nella libertà d'impresa, nella libertà di cura, nella libertà educativa e nella libertà culturale. E dall'altra parte invece chi ritiene che il pensiero unico, il cibo unico, la musica unica, la politica e la giustizia a senso unico siano il futuro... io sono sempre per la libertà." (Matteo Salvini, Ancona 23 dicembre 2019,  Mole Vanvitelliana)  
AC


2019: l’Anno nero della cristianofobia in Europa 

Un rapporto del Gatestone Institute mette in luce 
come gli attacchi anti-cristiani abbiano raggiunto un picco nel 2019. 
Specialmente in Europa 

di Andrea Gagliarducci 

PARIGI , 14 gennaio, 2020 / 9:00 AM (ACI Stampa).- 
Sono stati almeno 3000 gli edifici cristiani vandalizzati nel 2019 in Europa, tra chiesa, scuole, cimiteri e monumenti.  
Una escalation che ha toccato soprattutto la Francia, ma che non manca di avere i

mercoledì 15 gennaio 2020

Libro BenedettoXVI\Sarah: 12 volte è usato il "noi" già nella prima pagina. Benedetto aveva anche visto la copertina

Cari lettori, un brevissimo post per alcune notizie importanti:

  1. MiL ha avuto la possibilità di leggere una versione del volume: solo nell'"Introduzione degli Autori",  la PRIMA PERSONA PLURALE è stata usata 12 volte; e così per le pagine seguenti. Riteniamo veramente impossibile che mons. Georg o altri non se ne siano accorti o sia una forzatura dell'editore o del Card. Sarah.
  2. Idem per la "Conclusione degli Autori": TUTTO è al plurale. Un altro complotto? Quando, dalle lettere di Benedetto,  si evince che egli  era d'accordo sulla pubblicazione ("Da parte mia il testo può essere pubblicato nella forma da lei prevista")?
  3. Pentin oggi su NCRegister (QUI il tweet) informa che anche la copertina del libro era  stata mostrata dal Card. Sarah a BENEDETTO IN PERSONA il 3 dicembre. Già il titolo "Dal profondo del NOSTRO cuore" non poteva trarre in inganno nessuno: possibile che alcuno abbia chiesto al card. Sarah o ai vari editori il perchè del  titolo con la prima persona plurale?

"Prima della venuta di Cristo, la Chiesa deve passare attraverso una prova finale che scuoterà la fede di molti credenti" CCC 675

Soprattutto nei momenti difficili affidiamoci al Magistero immutabile della Santa Chiesa, nostra Madre.
AC

L'ultima prova della Chiesa 
675 Prima della venuta di Cristo, la Chiesa deve passare attraverso una prova finale che
scuoterà la fede di molti credenti. 637 
La persecuzione che accompagna il suo pellegrinaggio sulla terra 638 svelerà il « mistero di iniquità » sotto la forma di una impostura religiosa che offre agli uomini una soluzione apparente ai loro problemi, al prezzo dell'apostasia dalla verità. 
La massima impostura religiosa è quella dell'Anti-Cristo, cioè di uno pseudo-messianismo in cui l'uomo glorifica se stesso al posto di Dio e del suo Messia venuto nella carne. 
676 Questa impostura anti-cristica si delinea già nel mondo ogniqualvolta si pretende di realizzare nella storia la speranza messianica che non può essere portata a compimento se

Mons. Negri: l'immigrazione è distruttiva!

Alcune istruttive riflessioni dell'Arcivescovo Emerito di Ferrara Mons. Luigi Negri sul problema dell'immigrazione incontrollata.
Luigi


VESCOVO NEGRI CONTRO INVASIONE: “IMMIGRAZIONE È DISTRUTTIVA”

Non tutta la Chiesa è perduta. E’ quindi importante dare voce alla parte sana che non ha spazio sui media: ovviamente, una parte che non ha alcun potere, soprattutto nel ramo dell’immigrazione. Ad esempio le parole di uno dei pochi vescovi italiani che vedono l’immigrazione di massa per quello che è: un male.
“Negli ultimi decenni la Chiesa, nonostante gli straordinari magisteri di San Giovanni Paolo II e di Benedetto XVI, ha imboccato una china che la sta portando ad arrendersi alla forza dilagante dell’anticristianesimo: sta cedendo alla mentalità dominante e si accontenta di rifugiarsi in una sorta di riserve, già imposte in questi secoli a molte altre minoranze religiose e culturali”.

La (santa) mamma di Tolkien

Un'altra scoperta sul nostro amato Tolkien da parte dell'amico Stefano Chiappalone
Sull'autore de Il Signore degli Anelli vedere alcuni dei post che ha pubblicato MiL QUI.
Luigi

29-12-19, Edificati sulla Roccia, di Stefano Chiappalone

All’indomani della canonizzazione di John Henry Newman (1801-1890) viene spontaneo affacciarsi furtivamente al di là della storia, chiedendosi se la straordinaria figura di questo convertito non segni una sorta di misterioso passaggio dall’era dei martiri a un’era dei confessori nella prospettiva di una nuova fioritura spirituale e culturale del cattolicesimo inglese, che nel secolo appena trascorso ha espresso nomi di grande risonanza come John Ronald Reuel Tolkien (1892-1973) o di un certo peso (in tutti i sensi) quale Gilbert Keith Chesterton (1874-1936).
Duramente perseguitati dall’età della Riforma, considerati a lungo pericolosi eversivi, nemici di uno Stato che tuttora ha nel sovrano il vertice insieme politico e religioso della nazione anglicana, privati della gerarchia, costretti a celebrare la messa di nascosto, i cattolici inglesi e irlandesi hanno versato fiumi di sangue tra i secoli XVI e XVII. Probabilmente lo stesso poeta e drammaturgo William Shakespeare (1564-1616) era tra quei «papisti» che vivevano e trasmettevano furtivamente la propria fede, all’ombra dei patiboli su cui si spargevano

martedì 14 gennaio 2020

Libro BOMBA Benedetto XVI e Sarah a favore del celibato: versioni contrapposte e Ignatius Press mantiene le due firme!


Gli ultimi aggiornamenti (19:22) sulla vicenda della bomba Benedetto XVI e Sarah a favore del celibato:

  1. Tweet Sarah delle 23.24 di ieri con lettere allegate (vedere MiL QUI): "Gli attacchi sembrano implicare una bugia da parte mia. Queste diffamazioni sono di gravità eccezionale. Stasera do le prime prove della mia stretta collaborazione con Benedetto XVI per scrivere questo testo a favore del celibato. Parlerò domani se necessario. RS +".
  2. Tweet Sarah delle 8.28 di oggi: "Dichiaro solennemente che Benedetto XVI sapeva che il nostro progetto avrebbe preso la forma di un libro. Posso dire che abbiamo scambiato diversi test per stabilire le correzioni. Stamattina rilascerò una dichiarazione più dettagliata per ristabilire la verità. RS".

Seminario di apologetica a Brescia 4, 11 e 18 febbraio


Dall'amico don  Marco Begato.
Soprattutto per i nostri lettori della zona di Brescia, Bergamo, Mantova e Cremona
Luigi

Arriva alla sua quarta edizione il Seminario di Apologetica a Brescia, promosso dal Centro Damasco con la collaborazione della Amicizia San Benedetto Brixia.
Dopo aver trattato dei fondamenti della Apologetica, e aver approfondito tematiche di ambito liturgico e di morale individuale, quest'anno il Seminario si dedica alla Dottrina Sociale della Chiesa.
Il Direttore dell'Osservatorio Cardinale Van Thuan, dott. Stefano Fontana, gestirà le tre serate dedicate alle questioni della multi-religiosità, della bioetica e dell'ecologismo.

Cordialmente in G.C.

don Marco Begato SDB

Aurelio Porfiri: "L'Aventino personale dei musicisti dopo il Concilio vaticano"

Una riflessione del Maestro Porfiri sulle possibilità odierne della musica sacra e i suoi possibili futuri sviluppi.
Sarebbe bello avere l'opinione di altri musicisti sull'argomento
Luigi 


Marco Tosatti, 5 Gennaio 2020 

Cari Stilumcuriali, il M° Aurelio Porfiri prosegue con le sue riflessioni sulle conseguenze della Sacrosanctum Concilium sulla musica sacra, e sul delicato e complesso legame con la liturgia. Buona lettura.

§§§

“Non senti Tu, o Signore, i giorni miei
cadere nel passato
siccome le pietruzze di corrente?
Che lunga vita dovrei avere mai
per costruir con esse il divenire? (…)
Dimmi, o Signore, dimmi dove vanno
le pietruzze portate dal torrente?
Forse all’estuario ci sei Tu?”
(Luca Ghiselli, in « Poesie di Dio », a cura di Enzo Bianchi, Einaudi Tascabili, pag. 27)
§§§

Uno dei problemi più evidenti, in seguito alla promulgazione della Sacrosanctum Concilium, è stato quello che ha riguardato il canto gregoriano e la polifonia che, di fatto, hanno subito un colpo

Dichiarazione del card. SARAH sul libro scritto con Benedetto XVI

Testo in italiano da Tosatti
Qui le foto della corrispondenza di Papa Benedetto al card. Sarah (con la prova della collaborazione e con l'autorizzazione alla publicazione). 

Communiqué de Son Eminence Monsieur le Cardinal Robert SARAH


14 janvier 2020 Le 5 septembre dernier, après une visite au monastère Mater Ecclesiae où habite

Le 20 septembre, le Pape émérite m'a remercié en m'écrivant que lui aussi, de son côté, avant même de recevoir ma lettre, avait débuté l'écriture d'un texte sur ce sujet, mais que ses forces ne lui permettaient plus de rédiger un texte théologique. Toutefois, ma lettre l'avait encouragé à reprendre ce long travail. II ajoutait qu'il me le transmettrait quand la traduction en langue italienne serait achevée.
Le 12 octobre, pendant le synode des évêques sur l'Amazonie, le Pape émérite me remettait sous pli confidentiel un long texte, fruit de son travail des mois écoulés. En constatant l'ampleur de cet écrit, tant sur le fond que sur la forme, j'ai immédiatement considéré qu'il ne serait pas possible de le proposer à un journal ou à une revue, eu égard à son volume et à sa qualité. J'ai donc immédiatement proposé au Pape émérite la parution d'un livre qui serait un immense bien pour l'Eglise, intégrant son propre texte et le mien. A la suite des divers échanges en vue de l'élaboration du livre, j'ai finalement envoyé, le 19 novembre, un manuscrit complet au Pape émérite comportant, comme nous l'avions décidé d'un commun accord, la couverture, une introduction et une conclusion communes, le texte de Benoît XVI et mon propre texte. Le 25 novembre, le Pape émérite exprimait sa grande satisfaction concernant les textes rédigés en commun, et il ajoutait ceci : « Pour ma part, je suis

Antonio Socci: San Paolo, "Siederà nel tempio di Dio, additando se stesso come Dio"

Qualche citazione dell'ultimo libro di Antonio Socci che abbiamo recensito QUI.
Luigi


Posted: 13 Dec 2019 
Un altro caso interessante è rappresentato dall’apparizione della Madonna a La Salette, nel 1846, che è stata riconosciuta dalla Chiesa. Nel messaggio datato 6 luglio 1851 si dice che «non passeranno due volte cinquant’anni» e «nascerà l’Anticristo».

Nel segreto del 1879 scritto da Melania diversi anni dopo l’approvazione delle apparizioni (su cui dunque non c’è un’approvazione della Chiesa) si legge fra l’altro (…): «Roma perderà la fede e diventerà la sede dell’Anticristo». E poi: «La Chiesa sarà eclissata; il mondo sarà in costernazione».

Sarah pubblica le lettere di Benedetto XVI che confermano la sua volontà di scrivere il libro a quattro mani con il cardinale.

Immediatamente dopo la pubblicazioni di voci incontrollate sui principali quotidiani (QUI 
QUI ) su una presunta volontà di Benedetto XVI di dissociarsi dal libro sul celibato scritto a quattro mani con il card. Sarah, il Prefetto del Culto divino ha pubblicato (QUI) ieri sera le lettere autografe di Benedetto XVI che confermano l'autorizzazione alla pubblicazione degli scritti.
Vedere anche QUI la Bussola.
Pubblichiamo le lettere.
Luigi

Magister: Ancora dal libro bomba di Ratzinger e Sarah. Piccola antologia sul celibato


Ancora altre notizie molto interessanti da Magister.
Da leggere anche le prime notizie che vengono dal Vaticano QUI.
Da leggere attentamente il Post Sciptum di Magister che smentisce le ipotesi normaliste di Tornielli.
Luigi

Dal libro a quattro mani di Joseph Ratzinger/Benedetto XVI e del cardinale Robert Sarah, di cui il post precedente ha dato la notizia e un primo estratto, sono qui riportati cinque passaggi, tutti riguardanti la questione del celibato dei sacerdoti.

I primi due hanno per autore il papa emerito, i successivi il cardinale Sarah. Con in più alla fine un "Post scriptum".
*
1. CELIBI O CONTINENTI, PER CELEBRARE L’EUCARISTIA

Molto presto – non sappiamo esattamente quando, ma in ogni caso molto rapidamente – la celebrazione regolare, e anche quotidiana, dell’eucaristia è divenuta essenziale per la Chiesa. Il pane “soprasostanziale” è nello stesso tempo il pane “quotidiano” della Chiesa. E ciò ebbe una conseguenza importante, che, appunto, assilla oggi la Chiesa.

Nella coscienza comune di Israele, i sacerdoti erano rigorosamente tenuti a rispettare l’astinenza sessuale nei periodi in cui esercitavano il culto ed erano dunque in contatto col mistero divino. La relazione tra l’astinenza sessuale e il culto divino fu assolutamente chiara nella coscienza comune di Israele. A titolo di esempio, vorrei ricordare l’episodio di Davide che, fuggendo da Saul, pregò il sacerdote Achimelek di

lunedì 13 gennaio 2020

L'ignoranza (su Giovanni XXIII) genera mostri. Nessuno smacco al Papa buono nel celebrare "coram Deum".

Gli amici di Campari e De Maistre hanno pubblicato un bellissimo commento per smontare le fantasiose credenze, frutto di ignoranza ideologizzata e di facile populismo, attorno alla presunta attitudine "modernista" di Giovanni XXIII, ero, erronenamente, quale innovatore della Chiesa e rivoluzionario liturgico. 

L'organista (Grazioli) di Soncino, che ha ispirato - male - il titolista del quotidiano la Provincia di Cremona ("Messa spalle al popolo: smacco a Giovanni XXIII"), ignora che il papa buono era un severo liturgista e e fedelissimo alla Tradizione e mai si sarebbe sognato di "girare" gli altari verso i fedeli e di eliminare il latino dalle celebrazioni liturgiche.
A breve un altro articolo per insegnare un po' di cose al buon Grazioli.

Cogliamo l'occasione per ricordare al novello Inquisitore di Soncino che il parroco per esercitare i propri munera docendi, sanctificandi e gubernandi nella propria chiesa (tra cui decidere se e come spostare gli altari, dedidere sulla liturgia, e su altro di ordinaria amministrazione) non deve chiedere nessuna autorizzazione nè alla Curia nè tanto meno al Consiglio Pastorale (che ha comunque ha scopo solo consultivo e non deliberativo, can. 536 § 2 del CIC). 
Come si diceva una volta, ricordiamo un antico adagio secondo cui Il parroco nella propria parrocchia è "papa, imperatore e re" come recita un antico adagio che sintetizza i diritti e i doveri dei parroci, che non sono funzionari o amministratori delegati eletti dai parrocchiani a cui devono sottostare e rendicontare. 
Quindi Grazioli si mettesse l'animo in pace e smetta di sfornare video zeppi di imprecisioni e di errori canonici.

Roberto


"Il Papa adoperava il regale Noi e fu l'ultimo pontefice ch'ebbe la cerimonia d'incoronazione secondo l'antica liturgia: interminabile e fastosa, bimbo vi assistetti per televisione a casa di nonno Gino Jacoangeli. Cantava il canto liturgico della Messa con voce limpidissima e intonata e nemmeno in quell'occasione essa si flesse per l'emozione. Adesso tale cerimonia è "in rete" e si resta sbalorditi anche per un'altra cosa: il cardinale Roncalli non aveva mai "studiato da Papa" eppure s'impadronì in poche ore della complicata liturgia dell'incoronazione. Giovanni XXIII fu anche l'ultimo a seguire la severissima liturgia in infirmitate Pontificis, quella che il Papa malato dovrebbe osservare: il che gli aumentò di molto le sofferenze. Il segretario particolare, monsignor Loris Capovilla, ha rivelato che nelle ultime ore egli chiamò a sé il Segretario di Stato, Cardinale Cicognani: questi gli si presentò piangente ed egli disse: 'Eminentissime Domine quare fles: Laetatus sum in his quare dicta sunt mihi: in domum Domini ibimus'. E' l'incipit del Salmo CXXI: 'Mi

L'Arcivescovo di Cracovia contro Greta Thunberg: è un oracolo sfruttato ideologicamente


Dagli amici di Totus tuus.
QUI un'intervista  sul tema a don Alfredo Morselli.
QUI Tosatti.
Luigi

7-1-20 Un vescovo fa il suo mestiere e dice la sua.

Contrariamente a quanto si possa pensare, Greta Thunberg, non è un’eroina alla Giovanna D’Arco rediviva.
Ce n’eravamo quasi convinti visto come – specie in Europa – molti prelati sono letteralmente caduti ai piedi della adolescente svedese che da mesi gira il mondo, in versione sempre green e un po’ scroccona, per richiamarci alla fine del mondo per causa dell’inquinamento e dello sfruttamento della terra.

Che agli scienziati – quelli veri – la giovane non stia poi tanto simpatica, è cosa ormai già detta, ma ci voleva anche che un vescovo prendesse posizione visto che in tante parrocchie, poco ci manca che non si inizi la liturgia con un “dal Vangelo secondo Greta”.

Marek Jedraszewski, arcivescovo di Cracovia, in un’intervista concessa al media locale TV Republika, ha definito la ragazza un «oracolo». Per il vescovo dunque, l’adolescente «è diventata un oracolo per tutte le forze politiche e sociali» che cercano di «demolire tutta la tradizione cristiana».

Il suo punto di vista, che ha sollevato la furia degli indignati difensori dell’ambiente, parte da una

Marradi: le monache "sotto sfratto" barricate dentro il loro monastero. Fallito il blitz dei freddi "coadiutori" vaticani

Il 23 luglio 2019 dopo che alcuni fedeli di Marradi (Firenze) ci avevano informato che "Ieri lunedì 22 luglio 2019 i cosiddetti "coadiutori" delle anziane monache - domenicane proprietarie dello storico e artistico Monastero della Santissima Annunziata - sono arrivati dentro le sacre mura del monastero" scrivemmo: "che fine farà il sacro spazio monastico di Marradi? In cosa saranno trasformati gli altri Monasteri soppressi e le preziose opere d'arte ivi contenute... per effetto dei recenti decreti vaticani?". 
Il 25 agosto dovemmo purtroppo ritornare sulla penosa vicenda delle povere monache di Marradi: "gli ultimi aggiornamenti in merito al commissariamento del Monastero Domenicano di clausura di Marradi (FI), frutto della nuova riforma delle congregazioni claustrali..." (leggere MiL QUI e QUI )
Non bisogna essere dei geni per immaginare il motivo di tanto accanimento nei confronti delle comunità claustrali: ad esempio il bellissimo monastero di proprietà delle monache di Marradi , che le religiose domenicane

Discerniamo il discernimento

Un'intervista all’amico don Alfredo M. Morselli

DISCERNIAMO IL DISCERNIMENTO

Nel lessico ecclesiale contemporaneo, il termine “discernimento” è diventato una parola inflazionata: la troviamo in tutte le salse. Cerchiamo di fare un po’ di chiarezza su questa espressione con don Alfredo Morselli

Allora questo discernimento lo dobbiamo fare oppure…

Certamente il discernimento è una cosa buona, purché alla parola si dia il significato giusto: che è fare una scelta tra possibili azioni buone: cioè cercare di capire, tra tante opzioni buone, qual è quella che Dio vuole che scegliamo.

E quando si dà il significato sbagliato?

Quando si legittima il termine come pretesa di capire quando un’azione che è sempre 
cattiva in un certo caso particolare potrebbe essere buona.

Alcuni dicono che si tratta di vedere quando l’azione cattiva potrebbe essere l’unica possibilità reale…

Solo ipotizzare questo è una bestemmia contro la Provvidenza del buon Dio, che non ci chiude mai in una trappola dove si può solo peccare. Ci crediamo che non si muove foglia che l’amore non voglia? Crediamo a San Paolo che dice che tutto coopera al bene per coloro

domenica 12 gennaio 2020

BOMBA RATZINGER: “Non posso tacere”. “Il celibato è indispensabile”

Breaking news sul nuovo libro del papa emerito Benedetto XVI e del Card. Sarah che uscirà il 15 gennaio prossimo e del quale Le Figaro pubblica un’anticipazione.
Attacco diretto all’apertura ai preti sposati.
Di seguito alcuni link tra cui la traduzione della relazione di Le Figaro.
La possibilità di ordinare uomini sposati sarebbe una catastrofe pastorale.
Bomba contro Papa Francesco?

Su TGCom

La Repubblica

Sul blog di Magister



ESCLUSIVA  di ©️Dogmatv.it

– LA TRADUZIONE A CURA DI DOGMATV.IT DELL'AMPIO RESOCONTO DI LE FIGARO SUL LIBRO DI BENEDETTO XVI E DEL CARD. SARAH

Celibato del sacerdozio: il grido di allarme di Benedetto XVI

ESCLUSIVO – Il Papa Emerito prende una posizione ferma contro l'ordinazione sacerdotale degli

Il Papa: “nel battesimo diamo al bambino un tesoro: lo Spirito Santo che lo difenderà, lo aiuterà durante tutta la vita”.

Nell'Omelia della domenica Festa del Battesimo del Signore il Santo Padre ha ribadito l'importanza fondamentale di battezzare i bambini da piccoli.
AC  







Papa Francesco: “Battezzare un figlio è un atto di giustizia” 

In una brevissima omelia a braccio, Papa Francesco invita a battezzare i bambini da piccoli 

di Andrea Gagliarducci 

Battezzare i bambini da piccoli è un “atto di giustizia”, perché viene data loro la forza dello Spirito Santo che li “aiuterà e difenderà per tutta la vita”. 
Brevissima omelia di Papa Francesco in cappella Sistina, dove, come tradizione nella festa

Sodomiti alla riscossa. Vescovo inglese: ho istituito le “Messe LGBT “in risposta alla proclamazione del Santo Padre dell’Anno della Misericordia nel 2016”

Parliamo di Sua Eccellenza Reverendissima il Vescovo Terence Drainey della diocesi di Middlesbrough in Inghilterra.
Poveri fedeli inglesi.
Luigi

Di Sabino Paciolla|7 Gennaio, 2020

Il vescovo Terence Drainey si rifiuta di incontrare le persone preoccupate per il sostegno della diocesi di Middlesbrough all’agenda del “Pride”.

Di seguito l’articolo scritto da Paul Smeaton pubblicato su LifeSiteNews.

Eccolo nella mia traduzione.

I fedeli laici cattolici della diocesi britannica di Middlesbrough lanciano un allarme sulle attività incontrollate del “ministero” LGBT+ nella loro diocesi. L’anno scorso, il “ministero” ha ospitato una bancarella in occasione di un evento locale “Pride” omosessuale, e il suo sito web e le pagine dei social media mostrano una croce con i colori della bandiera arcobaleno.

Le domeniche di don Camillo 7: "Predica e raccolta soldi"

Proponiamo ai nostri lettori,  per qualche domenica,  una serie di filmati sul meraviglioso Don Camillo di Guareschi.
Da vedere o da rivedere per chi non li ha ancora visti.
Luigi