sabato 3 gennaio 2015

Tovaglia a quadri e tavolo da giardino: ecco l'altare a Ottana (Nu) per la messa tarallucci e vino


La foto (rabbrividiamo ogni volta a vederla) si riferisce ad una Messa "per il lavoro" del 1° gennaio 2015 officata da don Corrias di Ottana. 
Lodevole l'impegno e l'intenzione della celebrazione, specialmente in Sardegna, regione d'Italia segnata gravemente dalla piaga della disoccupazione, soprattutto a seguito dei noti recenti problemi... ma non c'era una chiesa in tutta la diocesi ove poter celebrare? O una stanza? E una tovaglia bianca? 
Da questi particolari si evince proprio l'intento malizioso (o malevolo?) di non voler curare  la celebrazione,o meglio, di volerla curare "all'inverso" anche in spregio alle norme dell'Ordinamento Generale del Messale Romano (Paolo VI, III ed. Ty, 2000) che prescrivono: 
 117. L'altare sia ricoperto da almeno una tovaglia bianca.

297. La celebrazione dell'Eucaristia, nel luogo sacro, si deve compiere sopra un altare; fuori del luogo sacro, invece, si può compiere anche sopra un tavolo adatto, purché vi siano sempre una tovaglia e il corporale, la croce e i candelabri.

304. Per rispetto verso la celebrazione del memoriale del Signore e verso il convito nel quale vengono presentati il Corpo e il Sangue di Cristo, si distenda sopra l'altare sul quale si celebra almeno una tovaglia di colore bianco, che sia adatta alla struttura dell' altare per la forma, la misura e l'ornamento.
308. Inoltre vi sia sopra l'altare, o accanto ad esso, una croce, con l'immagine di Cristo crocifisso, ben visibile allo sguardo del popolo radunato. Conviene che questa croce rimanga vicino all'altare anche al di fuori delle celebrazioni liturgiche, per ricordare alla mente dei fedeli la salvifica Passione del Signore.
Una cosa è certa: è vergognoso! 
Ma per poter esprimere dei commenti (che non possono che essere negativi), diciamo solo che il Vescovo di questo prete nuorese, è mons. Mosè Marcia, che fu vicario di Mons. Mani quando questi era arcivescovo di Cagliari (prima di mons. Miglio che per certi aspetti non é certo meglio del suo predecessore!)
Tutti i nostri lettori si ricorderanno di Costui, deciso oppositore al Motu Proprio Summorum Pontificum tanto da impedire per iscritto un congresso sul tema della liturgia antica che era stato organizzato a Mandas nel 2009. 
Il Caro Arcivescovo, che tanto si dà da fare per opporsi ad una legge universale della Chiesa, permette però squallide chiese gonfiabili, non corregge le "stravaganze" teologiche dei domenicani di Cagliari, e fa di tutto -anche tramite i suoi
Confratelli isolani- per impedire la vendita del Seminario (non più usato) di Cuglieri all'ICRSS (e piuttosto ottiene che diventi un centro interreligioso) .
Roberto

55 commenti:

  1. Dispiace perché il popolo Sardo, fedele e devoto (basti pensare alla meravigliosa processione di Sant'Efisio a Cagliari, con partecipazione da tutta l'isola) non si merita cotanti pastori! Comunque il seme della fedeltà alla tradizione sta spargendosi ed attecchirà anche lì, episodi come l'"altare" (???) in oggetto gridano vendetta davanti a Dio e agli uomini!

    RispondiElimina
  2. Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Oibò mi dicono che un mio intervento a favore di Mons. Miglio s'è auto cancellato.

      Elimina
  3. Quando vedo queste schifezze scrivo sempre in Diocesi non servirà a nulla ma almeno perdono tempo ad aprire la mail....

    diocesi@nuoro.chiesacattolica.it

    RispondiElimina
  4. Ottana fu sede episcopale fino al 1503 quando Giulio II soppresse la diocesi e trasferì la sede ad Alghero.C'è una cattedrale romanica bellissima, ma i preti preferiscono celebrare per strada. Poveri fedeli costretti a sorbirsi le idiozie di questo clero!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma se non sai nemmeno cosa il sacerdote ha detto nell'omelia? Questo significa solo essere prevenuti.

      Elimina
    2. puo' aver detto cose bellissime l'idiozia e' celebrare senza decoro
      e rispetto per il sacramento dell'altare.

      Elimina
  5. Formalmente la "mensa eucaristica" appare criticabile.
    Un' informazione più completa doveva contenere anche il luogo, l'occasione,le circostanze e soprattutto le intenzioni del celebrante (inclusa l'omelia) e con quale animo il "popolo di Dio" ha accolto e partecipato alla celebrazione. Dio guarda ai cuori delle sue pecorelle, e poi alla forma.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dio guarda anche e soprattutto al rispetto con cui si accoglie il Figlio: in casi come questo la forma è sostanza.
      La bancarella da picnic non è altare. In un deserto lo capirei.

      Elimina
    2. Caro Ettore l'abuso blasfemo non ha attenuanti :nemmeno in nord Africa con gli albionici difronte si officiava in maniera siffatta!Cambierebbe se le fornissi anche l'orario ?Se vedesse il celebrante poi in maglione e chiusura lampo....Forma e sostanza son correlate perfettamente!

      Elimina
  6. Che Mani sia stata una sciagura su tutti fronti per l'Arcidiocesi di Cagliari è vero e incontestabile. Cattivo, vendicativo, machiavellico, capriccioso, ostile alla tradizione, al Papa. Insomma ha distrutto la diocesi cagliaritana. Il vescovo di Nuoro è un degno discepolo. Mi dispiace, però, caro Roberto che nel suo post voglia associare e infangare anche il nome di mons. Miglio, che non ha nulla a che vedere col suo predecessore. Informatevi prima di scrivere e assicuratevi che le vostre fonti siano oneste. Sulla questione della tovaglia è inutile scandalizzarsi. L'anarchia è intrinseca al messale di Paolo VI. Non esistono abusi col nuovo messale.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. "Mi dispiace, però, caro Roberto che nel suo post voglia associare e infangare anche il nome di mons. Miglio, che non ha nulla a che vedere col suo predecessore. Informatevi prima di scrivere e assicuratevi che le vostre fonti siano oneste".
      Placet e sottoscrivo

      Elimina
    2. Volevi scrivere "Vecchio" Messale?

      Elimina
    3. no ho scritto nuovo: il messale di Paolo VI, che lascia al celebrante ampie facoltà decisionali. Quel che molti chiamano "abuso" in realtà è un semplice "adattamento pastorale" previsto dal messale bugniniano. Ciò è impossibile col Messale di san Pio V.

      Elimina
  7. Dalle cronache loiolite si apprende che a Roma un prete argentino è stato arrestato per pedofilia e dire che al sinodo volevano stravolgere l'insegnamento cattolico sul matrimonio!
    Parole d'ordine? Resistere e combattere, attendere che passi la buia nottata bergogliana

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E cosa c'entra col Sinodo? Casi come questi sono sempre esistiti, solo che fino a qualche anno fa si nascondeva tutto e si spostava semplicemente il reo. Queste sono le stupidaggini che recano danno alla MiL.

      Elimina
    2. Stavolta il Nuovo ha ragione.

      Elimina
    3. Concordo con Nuovo, nella Chiesa questi casi sono sempre stati presenti. Qui il modernismo non c'entra nulla.

      Elimina
    4. Con l'accettazione e la non condanna della pratica omosessuale, il passo verso la liceita` dei rapporti con i minori e` breve.

      Elimina
  8. Come ragioni la Conferenza Eoiscopale Sarda lo si è visto nella vicenda dell'ex-seminario di Cuglieri negato all'ICRSS per le pressioni dei Vescovi sardi sulla Giunta Regionale!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. il ragionamento della Conferenza Episcopale Sarda è stato benedetto dal Santo Padre il 23 settembre 2013...

      Elimina
    2. E basta con questa storia di Cuglieri, Miglio ha avuto un ruolo marginale, chi ha mosso le acque è stato il Vescovo di Alghero! E comunque la Sardegna non ha perso nulla, la crisi della Chiesa non si risolve a suon di campanelli, fiocchetti e berrette azzurre! In Sardegna ci sono tanti sacerdoti validi che celebrano abitualmente la Messa! Sembra che Gricigliano sia la soluzione a tutto! Nessun fedele stranamente si è lamentato!

      Elimina
    3. Seminario che era stato venduto dagli stessi vescovi alla Regione sardegna e ora se lo sono ricomprato a suon di miliardi e intrallazzi vari per farci che? i seminaristi scarseggiano eppure i vescovi presi dal delirio di onnipotenza hanno messo i bastoni fra le ruote all'ICRSS

      Elimina
    4. Basta coll'8 x 1000 alla CEI!

      Elimina
    5. Ridurre l'opera dell'ICRSS ai fiocchetti e ai berretti (o berrette?) è demenziale. Certamente in Sardegna ci saran bravi sacerdoti. Ma un istituto che ha tante vocazioni sarebbe proprio stato inutile? Soluzione di tutti i problemi? No senz'altro, ma un aiuto a risolverli e a donare ai fedeli una sana dottrina, sì. I fedeli non se ne lamentano? alcuni si son lamentati, altri, se non li conoscono, come potrebbero lamentarsi della mancata accoglienza? Un po' di logica!

      Elimina
    6. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

      Elimina
    7. Io non sono del luogo, ma conosco persone (non solo cattoliche praticanti) residenti dalle parti di Cuglieri che erano felicissime per l'arrivo dell'ICRSS, ed ora sono deluse e preoccupate per la futura destinazione dell'edificio. Et ex hoc satis.

      Elimina
    8. De hoc: complemento d'argomento. Ex: di provenienza.

      Elimina
  9. Questo poveraccio non sta facendo altro che imitare il vdr.
    Non le avete ancora viste le foto di Bergoglio che celebra per strada a fianco ai cassonetti dell'immondizia???
    Cercatele tramite google su "nullapossiamocontrolaverita`.blogspot" .

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tale foto e` al thread: "La fantomatica preghiera per la pace indetta dal parroco bergoglio,capo visibile della falsa chiesa conciliare."
      Su "nullapossiamocontrolaverita.blogspot"

      Elimina
    2. Il noto sito di fantareligione dove solo gli autori scrivono anche i commenti? non ha un gran seguito ma fa ridere...

      Elimina
    3. Si,si...
      Io ho detto di guardare la foto,
      le altre sciocchezze le stai dicendo tu.

      Elimina
  10. Scusate,ma c'e` pure la tanica di vino?
    E quel tavolo e` roba per nani?
    E` una messa-circo?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tanica di vino=altoparlante: occhiali ....

      Elimina
    2. Caro fratello e` che messo li` vicino al mesale a quadri sembra piuttosto una tanica di vino!
      Ci vedete una messa li`???
      Ma dai!!!
      Due soppressate ci starebbero benissimo!!!

      Elimina
  11. Morfino il vescovo di Alghero è dunque il responsabile, il genio malefico? Vuol far dimenticare chè è stato nominato per grazia di Bertone.

    RispondiElimina
  12. Dove andremo a finire....Bisogna punire queste persone che si definiscono "sacerdoti", et in primis i loro Vescovi; deboli nello Spirito. Preghiamo per la Chiesa e per la Giusta Formazione dei nostri sacerdoti. :(

    RispondiElimina
  13. Tutte in Italia...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In Inghilterra o negli USA sì che curano la perfezione liturgica! Dobbiamo reimparare da loro!

      Elimina
  14. Vorrei da sardo difendere l'ottimo Roberto autore dell'articolo, ricordando che anche Miglio come TUTTI i vescovi sardi si sta distinguendo nella persecuzione dei sacerdoti fedeli alla Tradizione . Quelli del convegno del 2009.Alcuni adddirittura rimasti al diaconato perche' invisi al Mani!
    Diciamolo francamente : se Mani uccideva alla toscana Miglio agisce col medesimo disegno in souplesse alla piemontese!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. non sarai forse una delle vedove di Mani caduta in disgrazia?!

      Elimina
    2. Ma come si permette goorka a parlare di situazioni che evidentemente non conosce? Come si permette a parlare di persone che ancora soffrono, e non certo per una berretta e un fiocchetto? Pensa di fare del bene? Ma cravadinci in sa bassa!

      Elimina
    3. Caro signore io espongo fatti inoppugnabili e difendo ottimi sacerdoti. Senza parlare di fiocchi. Lei offende invece con epiteti volgari senza capire cio' che scrivo.

      Elimina
  15. Vorrei infine ricordare che anche il Miglio per la prima volta, forse che nemmeno ai tempi del massone Bacaredda agli inizi del secolo scorso, ha officiato la Messa di Natale per il Consiglio Comunale cagliaritano non come di solito nella vicinissima Chiesa di San Francesco di Paola ma su una tavola approntata nel bel mezzo dell'Aula consiliare...Mani faceva altre sozzure ma non questa!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. che ignorante! Inutile difendere Mani, anche lui ha celebrato nell'aula consiliare! Portò con se anche un prete in mozzetta nera e bottoni paonazzi per suonare! Questa si chiama cattiva informazione...

      Elimina
    2. Se ho sbagliato chiedo venia. Ma sa io a sua differenza sono stato una vittima di Mani ...

      Elimina
  16. Che fare se il cattivo esempio viene dall'alto. Viviamo in tempi tristi la Chiesa autodemolita dal suo interno. Ma noi continuiamo a credere la Santa Chiesa cattolica quella di sempre da duemila anni, non quella dei loioliti, di Kasper, Forte e Hummes.

    RispondiElimina
  17. E mentre noi siamo qui a discutere allarmati e preoccupati per il triste momento che sta vivendo la Chiesa, oggi tutte le riviste patinate in edicola dedicano la copertina a Bergoglio.. Tutti osannanti, tutti adulanti.. E la maggior parte dei cattolici praticanti invece di preoccuparsi vanno dietro l' onda.. Ecco come funziona la macchina del consenso!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bergoglio - sono tenuto a pensarlo - in buona fede, completamente obnubilato da megalomania piacionesca e colpevole utopismo si sta prestando senza esitazioni come elemento potentissimo al movimento dell'Anticristo.
      C'è perfino una rivista in edicola "il mio Papa" sembra tutto vada nella direzione di far penetrare l'idea di Francesco non vicario ma successore di Cristo.

      Dobbiamo però vedere più teologicamente in profondità, per non perdere la speranza. Le scemenze di questo pontificato sono una costellazione di atti su cui non può esservi di principio l'infallibilità, mentre con un atto infallibile quale la canonizzazione di Giovanni Paolo II, egli ha dato più forza alla Beata Emmerich (che da GPII fu beatificata) che nelle sue visioni ha chiaramente indicato il momento attuale della Chiesa con la profezia dei due papi e lo sfacelo conseguente.

      Leggiamo, meditiamo e diffondiamo perciò la profezia della Emmerich. E' lo stesso Papa Francesco a chiedercelo per poter salvare la Chiesa e lui stesso dal delirio che lo sta travolgendo.

      Preghiamo anche Papa Pio X, grandissimo difensore della dottrina, nel suo centenario, affinchè ci dia il coraggio per testimoniare.

      Elimina
  18. Ma dalle onde si può esser sopraffatti.

    RispondiElimina
  19. E la folla osannava Erode e nel teatro gridava: parole di un dio non di un uomo!

    RispondiElimina
  20. Da Quondam Ioannes XXIII in poi certo clero semba più attento più agli applausi del mondo che alla Volontà di Cristo

    RispondiElimina
  21. Ora i cagliaritani si rifaranno gli occhi con un po di rosso cardinalizio. Auguri al tradizionalista cardinal De Magistris.

    RispondiElimina
  22. Il Vescovo di Alghero....!!!! Povera Diocesi....

    RispondiElimina

L'inserimento senza moderazione dei commenti è limitato ai soli post usciti nella medesima giornata di inserimento e nel giorno precedente. Per i post più vecchi, i commenti saranno sottoposti a moderazione.
Qualora fosse attiva la moderazione, possono passare anche alcuni giorni prima del controllo da parte della Redazione.