Post in evidenza

Elenchi dei Vescovi (e non solo) pro e contro Fiducia Supplicans #fiduciasupplicans #fernández

Pubblichiamo due importanti elenchi. QUI  un elenco coi vescovi contrari, quelli favorevoli e quelli con riserve. QUI  un elenco su  WIKIPED...

lunedì 25 dicembre 2023

Alla scoperta dei membri del Coetus internationalis Summorum Pontificum (CISP) #12 The Roman Forum #sumpont2024

Si avvicina la fine dell’anno e presto inizieremo a preparare il 12º Pellegrinaggio Populus Summorum Pontificum (Roma, dal 25 al 27 ottobre 2024). Per saperne di più, vi invito a consultare il sito it.summorum-pontificum.org.
Ma prima, tra sei settimane, vi sarà il 13º simposio del Centre international d’études liturgiques, diretto dal prof. Rubén Peretó Rivas, sul tema “Concelebrazioni e messe private nella storia della liturgia”. Spero che potremo essere in molti a parteciparvi. Per registrarsi invitation.oremus.plus.
Dopo che il Pellegrinaggio ha accolto quest’anno quattro nuove associazioni, che ci aiuteranno a sviluppare i lavori, e dopo aver conosciuto l’associazione Nuestra Señora de la Cristiandad - España (QUI), la Fœderatio Internationalis Una Voce (FIUV) (QUI), il blog Senza Pagare (QUI), l’associazione Una Voce France (QUI), l’associazione Latin Mass Society (QUI), l’associazione Notre Dame de Chrétienté (QUI), il Coordinamento Nazionale del Summorum Pontificum (CNSP) (QUI), l’associazione Una Voce Italia (QUI), l’associazione Oremus-Paix Liturgique (QUI), il Centre international d’études liturgiques (CIEL) (QUI) e l’associazione Una Voce España, continuiamo la presentazione dei membri del Coetus internationalis Summorum Pontificum (CISP) e oggi – con l’intervista di Christian Marquant, presidente del CISP – diamo la parola al prof. John C. Rao, presidente di The Roman Forum.

L.V.

Caro John, come analizzi la situazione in cui ci troviamo attualmente?

Forse la più grande tragedia del mondo moderno è stata la presunzione di un inevitabile conflitto tra natura e religione. I naturalisti considerano l’introduzione delle idee religiose nella vita quotidiana come una condanna a morte per la libertà individuale e il progresso sociale. Molte persone con convinzioni religiose sono sospettose del mondo che le circonda e considerano qualsiasi interesse per la natura e le conquiste umane come un ostacolo insormontabile alla crescita spirituale. I risultati, presi insieme, sono stati disastrosi: “cultura” priva sia di trascendenza che di profondità; percezioni religiose unidimensionali; piattezza, noia, mancanza di poesia e di uno scopo preciso in tutti gli aspetti della vita.

Una seconda tragedia moderna è stata la compartimentazione dell’esistenza. Molti teologi non conoscono la filosofia; la maggior parte degli scienziati, nessuna teologia; molti esperti in studi intellettuali astratti, pochi nelle belle arti; la maggior parte degli artisti, o, del resto, la maggior parte delle persone in generale, nulla hanno del bisogno di radicarsi nelle cose permanenti. Quasi nessuno riesce a porre il proprio campo di studi o le proprie azioni quotidiane all’interno di un contesto storico. Gli uomini lavorano per scopi contrastanti e ottengono poco dai loro sforzi a parte una visione di ombre sulla parete di fondo della caverna della modernità.

È questo che ha portato a creare The Roman Forum?

The Roman Forum ha cercato di rispondere a questa tragica situazione attraverso una difesa attiva dell’unica forza che può riunire tutti gli aspetti della natura e del soprannaturale: il cattolicesimo romano. Tra il 1968 e il 1991 ha operato soprattutto attraverso conferenze ad hoc in risposta alle attuali crisi della Chiesa e della società. Nel 1991, tuttavia, ci si rese conto che queste conferenze, pur essendo preziose, erano tuttavia in qualche modo sconnesse, oscurando così in parte il loro scopo finale. The Roman Forum ha deciso che per adempiere con successo al suo compito dichiarato occorreva dedicarsi a un insegnamento sistematico del Vero, del Buono e del Bello, un insegnamento che non ignorasse né il quadro particolare né quello complessivo della conoscenza, delle arti e della vita in generale, un quadro storico più ampio e strutturato. Si concludeva inoltre che almeno una parte di questa formazione sistematica doveva essere impartita in un ambiente che, per la sua storia e il suo sviluppo, fosse più congeniale all'amore cattolico per la fede, la ragione e la gerarchia dei valori, più di un'America che, oltre ad essere secolarizzata nelle sue pratiche e credenze contemporanee, è stata protestante e illuminista nelle sue origini.

A quel punto per quale soluzione avete optato?

Questo programma più ampio, storicamente focalizzato e internazionale è stato inaugurato il 23 febbraio 1992, Solennità della Cattedra di San Pietro in Antiochia (oggi festa patronale di The Roman Forum), con una Santa Messa pontificale tradizionale celebrata da S. Em.R. card. Alfons Maria Stickler, Prefetto della Biblioteca apostolica vaticana. E coinvolge diversi progetti. La serie di conferenze sulla storia della Chiesa nella città di New York offre una discussione approfondita di periodi consecutivi nella vita della cristianità ogni anno, da settembre a maggio. I simposi estivi di Gardone, nel nord Italia, portano avanti questo studio in un ambiente spirituale, intellettuale, storico e sociale pienamente cattolico nei mesi di giugno e luglio. Poi, dei tour annuali portano i partecipanti in diversi luoghi europei di interesse cattolico dando corpo ai temi discussi a New York e Gardone.

Gardone è dove organizzate una sorta di convegno, non è così?

I colloqui speciali che si tengono durante l’anno mantengono l’antico impegno di The Roman Forum nell’affrontare i grandi problemi contemporanei, radicati nella teologia e nella filosofia, coinvolgendo la Chiesa e la società in generale. Tutte le conferenze dei colloquia e dei simposi sin dal 1993 sono stati conservati e sono ora disponibili tramite il sito Keep the Faith (keepthefaith.org). Articoli che trattano questioni sia accademiche che immediate sono pubblicati nella Letter from the Romans di The Roman Forum. La sua spiritualità, radicata nella comprensione delle piene conseguenze dell'Incarnazione per la vita personale e sociale, è presentata nella nostra discussione on line sulla Teologia del Corpo Mistico di Cristo. Il Forum sponsorizza anche cene con relatori di spicco provenienti da tutto il mondo in vari momenti dell'anno accademico al fine di creare un più stretto senso di fraternità e gioia cattolica.

È per questo che sorge anche l’attaccamento alla liturgia tradizionale?

Già, perché questa liturgia è parte integrante del nostro patrimonio e la più capace di mobilitare tutto ciò che è vero, buono e bello per l'adorazione di Dio e l'elevazione dell'anima umana verso la sua meta eterna.

… E perché avete aderito al Coetus Internationalis Summorum Pontificum, che da dodici anni organizza il nostro pellegrinaggio romano?

Perché partecipo regolarmente al pellegrinaggio e, in effetti, è la nostra stessa missione che ci spinge a sostenere ciò che il CISP porta avanti da anni.

Che dire della situazione attuale?

Qui negli Stati Uniti siamo fiduciosi. Ci sono problemi con alcuni vescovi, ma in generale abbiamo il sostegno di molti di loro. I seminaristi (come, ad esempio, qui a New York) sono amici della Messa tradizionale, il che significa, quindi, che sono una grande promessa per il futuro. Le nostre chiese sono piene di giovani e di giovani famiglie. Niente può fermarci!!! La situazione attuale è solo un problema temporaneo.

Nessun commento:

Posta un commento

AVVISO AI LETTORI: Visto il continuo infiltrarsi di lettori "ostili" che si divertono solo a scrivere "insulti" e a fare polemiche inutili, AVVISIAMO CHE ORA NON SARANNO PIU' PUBBLICATI COMMENTI INFANTILI o PEDANTI. Continueremo certamente a pubblicare le critiche ma solo quelle serie, costruttive e rispettose.
La Redazione