Post in evidenza

MiL ha bisogno di voi lettori: DONAZIONI

A sx (nella versione per pc) e su palmare (voce " Donazione ") troverete la possibiltà di donare. Vi speghiamo il perchè.  Potrete...

venerdì 6 maggio 2022

Alla scoperta dei membri del Coetus internationalis Summorum Pontificum (CISP) #3: il blog portoghese "Senza pagare" #sumpont2022

Dopo aver conosciuto l’associazione #1 Nuestra Señora de la Cristiandad - España (QUI), e la #2 Fœderatio Internationalis Una Voce (FIUV) (qui il nostro post), oggi continuamo continuiamo la presentazione dei membri del Coetus internationalis Summorum Pontificum (CISP) (che organizzano il Pellegrinaggio Internazionale "Populus Summorum Pontificum" (QUI l’annuncio su MiL) per i prossimi 28, 29 e 30 ottobre 2022) con il blog portoghese "Senza Pagare". 

Roberto

Cari amici,

Continuiamo la presentazione dei membri del CISP con un'intervista al nostro amico João Silveira, il coordinatore del blog di lingua portoghese Senza Pagare che vi spiegherà che il suo pubblico supera di gran lunga i soli parlanti portoghesi. Non c'è da stupirsi, per un popolo che ha partecipato così attivamente alle Grandi Scoperte e quindi all'Evangelizzazione del Mondo.
La preparazione del nostro prossimo pellegrinaggio continua e speriamo di inviarvi presto il programma completo e dettagliato del nostro momento più importante dell'anno!
In unione di preghiera e di amicizia,

Christian Marquant
Presidente del CISP


Puo presentarci Senza Pagare?
Il blog Senza Pagare nasce nel 2005, quando avere un blog era “di moda”. Facebook non esisteva ancora, o almeno era praticamente sconosciuto. I blog sono stati utilizzati per consentire alle persone di comunicare tra loro.
Il blog Senza, in particolare, è stato creato da un gruppo di amici portoghesi dopo un pellegrinaggio a Roma nell'aprile 2005, in occasione del Conclave che ha eletto Benedetto XVI e poi della sua prima messa da Papa. Sono stati giorni di immensa gioia ed eccitazione a Roma. Il gruppo ha vissuto momenti indimenticabili e uno degli obiettivi della creazione del blog era testimoniarlo al mondo. L'altro obiettivo era che fosse un modo che potevamo usare per comunicare facilmente tra di noi.
Fin dall'inizio il blog ha assunto anche un carattere apostolico: con la pubblicazione di preghiere, vite di santi, testi di dottrina cattolica e anche notizie dalla nostra Chiesa. Nel tempo e con l'avvento dei social network, i blog hanno perso contenuti e audience. Il blog Senza Pagane è un'eccezione, essendo uno dei pochi ad essere stato mantenuto sin dai suoi inizi.
Abbiamo sfruttato i social network e la pagina Senza Pagane su Facebook conta più di 120.000 iscritti. Poiché i testi sono scritti esclusivamente in portoghese, la maggior parte dei follower proviene dal Brasile e dal Portogallo. Con la facilità di traduzione, oggigiorno, abbiamo già abbonati da quasi tutto il mondo.


Perché siete legati alla liturgia tradizionale?
In Portogallo, la Messa tradizionale è praticamente scomparsa dopo la Riforma Liturgica del 1970. Da allora è stato un argomento quasi tabù e considerato ancora qualcosa del passato, obsoleto e che oggi sarebbe anacronistico. Anche chi critica la Messa tradizionale, a cominciare dai sacerdoti, non la conosce o, nella migliore delle ipotesi, ha un ricordo tenue di quando era bambino.
Il mio primo contatto regolare con la Messa tradizionale avvenne solo quando andai a studiare a Roma quasi 10 anni fa. Fu la scoperta del tesoro più bello che la Chiesa possedeva e che, stranamente, mi era stato nascosto, cioè negato. Da allora, una delle missioni di Senza Pagane è diventata la diffusione del Rito Tradizionale e di tutte le innumerevoli ricchezze che lo circondano. È una parte essenziale della più ampia missione del blog, che è aiutare le anime ad arrendersi a Gesù Cristo come Via, Verità e Vita e, in questo modo, ad essere salvate.
La liturgia tradizionale, parte integrante della vita della Chiesa fin dai primi secoli e che ha nutrito spiritualmente la stragrande maggioranza dei santi, non può essere disprezzata o perseguitata all'interno della Chiesa stessa. Inoltre, ha un'importanza ancora maggiore nei nostri tempi in cui la maggioranza della popolazione vive come pagana cercando di soddisfare la sete di sacralità con continui divertimenti. La scoperta della liturgia tradizionale, con la sua santità e bellezza, ha riportato molti alla Chiesa o addirittura permesso a molti di entrarvi per la prima volta.


Perché siete membri del CISP?
Siamo membri del CISP perché siamo uno dei pochi siti web in portoghese a promuovere regolarmente il Rito Tradizionale. Dopo diversi anni di questo lavoro, siamo riusciti a far conoscere questo Rito a tanti che, da allora, hanno cominciato a viverlo anche loro, sia andando alla Messa Tradizionale, sia volendoci andare anche se non hanno vicino casa.
Le Lettere della Paix Liturgique, che pubblichiamo regolarmente, hanno contribuito a questo, così come i resoconti che facciamo sui grandi eventi del mondo tradizionale, come il pellegrinaggio Parigi-Chartres e il pellegrinaggio Summorum Pontificum a Roma.


Qual è il vostro punto di vista sulle notizie della Chiesa sul tema della Messa tradizionale?
Nella Chiesa regna un clima di conflitto liturgico. Non è una novità, è iniziato con la Riforma Liturgica del 1970, che è stata quasi universale. Poco gli sfuggì, e fu fatta con tanti elementi propri di una rivoluzione: cioè la fretta così com'era fatta e anche la spietata persecuzione fatta a coloro che volevano solo continuare a vivere la loro vita spirituale al ritmo della Liturgia Tradizionale.
Oggi, nella Chiesa, il potere è in gran parte nelle mani di persone ostili al Rito Tradizionale. Alcuni per dispetto, altri per ignoranza, anche se hanno buone intenzioni. D'altra parte, un numero crescente di giovani sacerdoti e fedeli di età molto inferiore alla media che hanno scoperto la Messa tradizionale, spesso attraverso Internet, e che vogliono averla nella loro vita perché ne riconoscono l'importanza per la loro preghiera vita e anche per la formazione dottrinale. Va notato che questo desiderio è globale e non limitato a un particolare paese o parte del mondo. Sono veri "segni dei tempi", secondo un'espressione molto cara a molti di coloro che rifiutano la Messa tradizionale.
Guardando solo al numero delle vocazioni e di coloro che assistono alla Messa, senza dover fare previsioni speculative, il futuro della Chiesa coinvolgerà sempre più sacerdoti e fedeli che pregano con la liturgia tradizionale. Ma il percorso non sarà facile e se tante prove sono già state superate, altre ne arriveranno. Solo Dio può sapere cosa saranno. Tuttavia, non prevalebunt!