Post in evidenza

MiL ha bisogno di voi lettori: DONAZIONI

A sx (nella versione per pc) e su palmare (voce " Donazione ") troverete la possibiltà di donare. Vi speghiamo il perchè.  Potrete...

venerdì 17 giugno 2022

Alla scoperta dei membri del Coetus internationalis Summorum Pontificum (CISP) #5 Latin Mass Society #sumpont2022

La preparazione dell’11º Pellegrinaggio internazionale Populus Summorum Pontificum (QUI l’annuncio su MiL) continua e speriamo di vedervi in molti a Roma il 28, 29 e 30 ottobre 2022.
Dopo aver conosciuto l’associazione Nuestra Señora de la Cristiandad - España (QUI), la Fœderatio Internationalis Una Voce (FIUV) (QUI), il blog Senza Pagare (QUI) e l’associazione Una Voce France (QUI), continuiamo la presentazione dei membri del Coetus internationalis Summorum Pontificum (CISP), oggi – con l’intervista di Christian Marquant, presidente del CISP – diamo la parola a Joseph Shaw, presidente della Latin Mass Society, che può essere considerata la più potente delle associazioni legate alla liturgia tradizionale e la cui influenza si estende su Inghilterra, Galles e, con l’aiuto della lingua inglese, un po’ su tutto il pianeta!

L.V.

Caro Giuseppe, potrebbe presentarci la “Latin Mass Society”?

La “Latin Mass Society”, fondata nel 1965, è un’associazione di fedeli cattolici dedicata alla promozione della liturgia tradizionale latina della Chiesa cattolica, degli insegnamenti e delle pratiche che ne fanno parte, della tradizione musicale che la serve e della lingua latina in cui viene celebrata. Il valore intrinseco e la continua importanza delle “precedenti tradizioni liturgiche” della Chiesa è stato affermato da Papa Benedetto XVI nel suo motu proprio Summorum Pontificum (SP) del 2007 (Preambulo), che afferma che il Messale Romano Tridentino nella sua ultima edizione del 1962, “il Messale del Beato Papa Giovanni XXIII, non è mai stato abrogato”. Si dovrebbero menzionare anche gli altri sacramenti e riti, l’Ufficio Divino tradizionale e altri legittimi riti liturgici, usi e costumi dell’Occidente latino, come parti importanti e vive della tradizione liturgica latina.

Oltre ai pellegrinaggi occasionali all’estero, le nostre attività si concentrano su Inghilterra e Galles, che hanno le loro conferenze episcopali (Scozia e Irlanda hanno conferenze separate). Siamo uno dei tanti gruppi nazionali dedicati alla conservazione e alla promozione della Messa tradizionale, raggruppati nella FIUV, la Federazione Internazionale, di cui siamo stati membri fondatori.

Tra questi gruppi, siamo il più grande per numero di membri, con circa 1.800, e uno dei più antichi. Abbiamo una rete di rappresentanti locali in tutta l’Inghilterra e il Galles, un ufficio permanente a Londra, un piccolo team di professionisti, una rivista trimestrale, “Mass of Ages”, così come un sito web e una presenza sui social network.

Il vescovo Mark O’Toole della diocesi di Plymouth partecipa a un pellegrinaggio in onore dei martiri cattolici del XVI secolo a Chideock, nel Dorset, dove ha appena istituito un nuovo apostolato dell’Istituto di Cristo Re Sommo Sacerdote.

Il nostro lavoro principale è sempre stato quello di facilitare la celebrazione della liturgia tradizionale. Questo lavoro include l’organizzazione di molte messe regolari domenicali e feriali, così come molte occasioni speciali e pellegrinaggi. Il nostro più grande evento annuale è un pellegrinaggio a piedi da Ely a Walsingham, il nostro santuario nazionale della Beata Vergine Maria, una distanza di 90,5 km; nel 2021, 120 persone ne hanno partecipato. Fino a quest’anno abbiamo potuto tenere una celebrazione annuale del Sacramento della Cresima, per i cattolici di tutto il paese e anche oltre, seppur questo non è più possibile secondo Traditionis Custodes (il Sacramento sarà comunque conferito in Inghilterra e Galles come parte degli apostolati degli istituti sacerdotali tradizionali).

Stiamo anche facendo della formazione una priorità, con eventi di formazione per sacerdoti e seminaristi per imparare a celebrare la messa tradizionale, per i serventi e i cantori. Abbiamo inoltre un’associazione di chierichetti, la Società di San Tarcisio. Offriamo corsi di latino online e con sessioni, così come la formazione per coloro che desiderano fare e riparare paramenti liturgici, come parte della nostra Gilda di Santa Chiara affiliata alla LMS.

Questo lavoro ha permesso di facilitare la celebrazione della messa tradizionale con il canto gregoriano e la polifonia sacra, spesso per le messe solenni, ma anche per le messe basse.


Perché siete legati alla liturgia tradizionale?

La Chiesa d’Inghilterra e Galles ha vissuto un secolo di forte crescita dopo la restaurazione della gerarchia cattolica (vescovi e diocesi) nel 1850, con un programma di costruzione di chiese e scuole per una crescente popolazione cattolica e molti illustri convertiti. Questo periodo di successo è stato costruito sulla testimonianza dei martiri e confessori cattolici di un lungo periodo di persecuzione, iniziato nel XVI secolo e continuato fino al XIX secolo.

Per i cattolici perseguitati, e nel più recente periodo di prosperità prima del Concilio Vaticano II, l’antica liturgia era essenziale per il loro senso di identità: segnava la loro separazione dai cristiani non cattolici e la loro continuità con la Chiesa inglese medievale.

Quando venne la riforma liturgica, ci fu quindi una forte reazione, soprattutto da parte dei convertiti, e questa reazione doveva essere vista come un segno dell’identità della Chiesa.

Quando arrivò la riforma liturgica, quindi, ci fu una forte reazione, soprattutto da parte dei convertiti, e questa reazione valse la precoce concessione dell’”indulto inglese” da parte di Papa Paolo VI. Così la messa tradizionale fu ufficialmente permessa, anche se in modo molto limitato, e la LMS fu riconosciuta come organo principale per la negoziazione delle celebrazioni, a partire dal 1971.

Oggi, nuove generazioni stanno scoprendo l’antica messa, comprese le persone che potrebbero essere attratte da liturgie New Age o “carismatiche”, convertiti non cristiani e molti giovani cattolici non praticanti. Noi e queste nuove generazioni di sostenitori cerchiamo allora di dimostrare la capacità dell’antica liturgia di convertire i cuori a Cristo e di contribuire all’evangelizzazione del nostro paese.


Perché essere membro del CISP?

Consideriamo il pellegrinaggio CISP un evento di grande importanza, che riguarda tutti coloro che amano la Messa tradizionale in tutto il mondo. Dimostra la tendenza del movimento a cercare il centro, Roma: la vera casa del Rito Romano, e anche il luogo più critico di discussione e di conflitto su di esso.

La Latin Mass Society è lieta di poter contribuire al successo del pellegrinaggio e desidera sostenerlo in ogni modo possibile.


Qual è il suo parere sulla situazione attuale nella Chiesa per quanto concerne la Messa tradizionale?

La lettera apostolica Traditionis Custodes di Papa Francesco cancella lo status giuridico favorevole della messa tradizionale stabilito da Papa Benedetto XVI. Tuttavia, mentre questo può essere fatto con un tratto di penna, la crescita del movimento di coloro che amano la liturgia tradizionale non può essere invertita così facilmente.

In Inghilterra abbiamo scoperto che ben pochi vescovi e sacerdoti vogliono ostacolare la celebrazione dell’antica messa. Anche se c’è più burocrazia sotto il regime Traditionis Custodes, quasi tutti i nostri eventi hanno potuto procedere normalmente.

Il fatto che questa Messa sia diventata così profondamente radicata e accettata come parte normale della vita liturgica della Chiesa in Inghilterra e Galles, ci dà la speranza che l’antica Messa sopravviva e rimanga una fonte di grazie per noi e per i nostri successori.

Nel frattempo, continueremo a fare quello che abbiamo fatto: organizzare Messe e impartire le conoscenze e le competenze necessarie per la sua rispettosa celebrazione e sia così oggetto di ammirazione.

Nessun commento:

Posta un commento

AVVISO AI LETTORI: Visto il continuo infiltrarsi di lettori "ostili" che si divertono solo a scrivere "insulti" e a fare polemiche inutili, AVVISIAMO CHE ORA NON SARANNO PIU' PUBBLICATI COMMENTI INFANTILI o PEDANTI. Continueremo certamente a pubblicare le critiche ma solo quelle serie, costruttive e rispettose.
La Redazione