Post in evidenza

La Messa proteiforme: a modest proposal. Risposta e proposta al Prof. Grillo

Il Prof. Grillo ha voluto gentilmente confrontarsi (v. qui ) con il nostro commento critico alla sua intervista (in cui, lo ricordiamo, el...

mercoledì 25 ottobre 2023

Francesco consegna ai membri del Sinodo il testo di teologia della liberazione del gruppo di pressione del Vaticano II


Sul famigerato "Patto delle Catacombe" vedere MiL QUI, QUI, QUI.
"Lo storico della Chiesa Roberto de Mattei ha dichiarato a LifeSiteNews che questo evento estremamente significativo è "l'ultimo atto di un processo" iniziato con il Vaticano II e culminato nel Sinodo sulla sinodalità di Papa Francesco".
"Nel 2015, il vescovo Bettazzi ha dichiarato che il testo a cui lui e i suoi colleghi firmatari hanno lavorato stava ora "dando i suoi frutti". "Il patto delle catacombe oggi... è Papa Francesco""
Nella foto a fianco i "sinodali" in visita alle Catacombe.
Nostra traduzione.
Luigi

Michael Haynes, LifeSiteNews, Ven 20 ottobre 2023

CITTA' DEL VATICANO (LifeSiteNews) - Con una mossa estremamente significativa, i
partecipanti al Sinodo sulla sinodalità hanno ricevuto in sordina il testo di un patto segreto - composto per la prima volta da un gruppo di teologi liberali durante il Concilio Vaticano II - che fa parte di un piano relativistico ed "egualitario" incarnato e messo in atto da Papa Francesco per "cambiare l'identità della Chiesa cattolica".
In un articolo pubblicato il 13 ottobre, l'America Magazine, gestito dai gesuiti, ha rivelato che ai partecipanti al Sinodo sulla sinodalità è stato consegnato un testo controverso e segreto durante il viaggio del 12 ottobre alle Catacombe dei Santi Sebastiano, Callisto e Domitilla (un archivio del servizio dell'America Magazine è disponibile qui).
Il rapporto affermava che il libretto di preghiera dato ai partecipanti al Sinodo "includeva il testo completo del Patto delle Catacombe". Da notare che questo non era incluso nel libretto inviato via e-mail ai giornalisti del corpo stampa vaticano.

Il testo e la sua consegna ai membri del Sinodo è estremamente significativo, con il professor Roberto de Mattei, storico della Chiesa, che lo descrive come "l'ultimo atto di un processo" iniziato con il Vaticano II e culminato nel Sinodo sulla sinodalità di Papa Francesco.

Commentando l'evento a LifeSiteNews, de Mattei ha dichiarato:

Il Patto delle Catacombe distribuito ai Padri sinodali la scorsa settimana non è un evento puramente commemorativo, ma l'ultimo atto di un processo iniziato con il Concilio Vaticano II e che ha la sua massima espressione nel progetto sinodale incoraggiato da Papa Francesco di cambiare l'identità della Chiesa cattolica, eliminando ogni elemento "costantiniano" e trasformandola in un'agenzia sociale egualitaria e pauperista.

Cos'è il Patto delle Catacombe?

Il 16 novembre 1965, 42 vescovi presenti al Concilio Vaticano II si riunirono nelle Catacombe di Santa Domitilla per compilare e firmare il "Patto delle Catacombe", o Patto delle Catacombe. Il testo è rimasto in gran parte lontano dagli occhi del pubblico, ma è una formulazione di 13 punti chiave riguardanti la vita, l'organizzazione e la pratica della Chiesa, tutti basati sui principi dell'ideologia eterodossa nota come Teologia della Liberazione.

Il documento evidenzia aspetti che risuonano fortemente con gli attivisti per la "giustizia sociale" di oggi, quali:

Vivere alla "maniera ordinaria del nostro popolo",

rifiutare "l'apparenza e la realtà delle ricchezze", anche nel vestire e negli oggetti, compresi apparentemente gli oggetti liturgici,

cedere le finanze ai laici nelle diocesi,

Rifiutare i titoli ecclesiastici tradizionali come "Eccellenza".

evitare qualsiasi parvenza di trattamento gerarchico, anche durante la liturgia,

concentrarsi maggiormente sullo stile della "collegialità".

"essere più umanamente presenti, più accoglienti" e "mostrarci aperti a tutti, indipendentemente dalla loro religione".

Secondo alcuni resoconti, il Patto ha raccolto il sostegno di ben 500 vescovi presenti al Concilio.

Chi l'ha orchestrato?

Nel suo dettagliato resoconto del Concilio Vaticano II, de Mattei scrive che il patto fu proposto da un gruppo di prelati noto come "Chiesa dei poveri", che descrive come uno dei tre "gruppi di pressione più importanti ed efficaci del Concilio".

La "Chiesa dei poveri" iniziò a riunirsi già durante la prima sessione del Concilio, nell'ottobre 1962.

Il defunto vescovo di Ivrea, Luigi Bettazzi [foto sotto] - che fino alla sua morte, avvenuta nel luglio 2023, è stato l'ultimo firmatario del Patto - ha dichiarato che il testo è stato scritto principalmente dall'arcivescovo Hélder Câmara, un prelato brasiliano descritto come "icona" e "padre" della teologia della liberazione.


L'influenza dell'autore non deve essere sottovalutata.

Il Prof. de Mattei ricorda che la collaborazione di Câmara con l'importante sostenitore liberale Cardinale Joseph Suenens al Vaticano II fu "una delle forze motrici 'nascoste' dell'assemblea conciliare".

Come sottolinea de Mattei, Câmara descrisse il suo amico Suenens come "l'uomo chiave del Concilio, certo della fiducia diretta e personale del Santo Padre". Câmara ha difeso la descrizione di Suenens come "il capo mondiale del progressismo", aggiungendo "è il mio leader al Concilio".

Lo stesso Câmara ha sostenuto la contraccezione e l'accettazione del divorzio durante gli anni del Concilio, ed è riconosciuto come "fonte di ispirazione per Papa Francesco", soprattutto perché sotto Francesco è stato approvato il suo processo di canonizzazione nel 2015.

Câmara era anche vicepresidente del Celam all'epoca del Concilio Vaticano II, e quindi aveva influenza sui circa seicento prelati latinoamericani.

Non va trascurata nemmeno la composizione dei firmatari.

La firma del vescovo Luigi Bettazzi sul Patto del 1965 collegava il documento all'attività di altre importanti forze liberali in gioco in quegli anni. Bettazzi, ricorda de Mattei, firmò come rappresentante del cardinale Giacomo Lercaro, arcivescovo di Bologna.
Lercaro fu molto influente nella compilazione della liturgia del Novus Ordo insieme all'arcivescovo Annibale Bugnini, e fu uno dei quattro moderatori nominati da Papa Paolo VI per supervisionare i lavori quotidiani del Concilio Vaticano II, solo poche settimane dopo l'elezione di Paolo VI a Papa nel giugno 1963.
Un certo padre Giuseppe Dossetti fu il consulente teologico di Lercaro. Dossetti era la figura di spicco della cosiddetta "Scuola di Bologna", che promuoveva lo "spirito" liberale del Concilio e dipingeva i tradizionalisti come nemici.

De Mattei descrive la Scuola di Bologna come "il laboratorio intellettuale dell'ultra-progressismo europeo".

Così, i fondatori e i leader delle forze liberali estreme sia in Europa che in Sud America erano dietro il Patto delle Catacombe del 1965.

Inoltre, le mosse dei padri conciliari sono state attuate in altre parti della Chiesa. Commentando la situazione a LifeSiteNews, de Mattei ha notato che nel 1965 "padre Pedro Arrupe, l'autore di un progetto di riforma della Chiesa che ne stravolgeva le fondamenta sulla falsariga del Patto delle Catacombe, fu eletto generale della Compagnia di Gesù".
È stato questo stesso superiore generale gesuita liberale, p. Arrupe, a fare da mentore al giovane p. Jorge Bergoglio S.J. e a crescerlo fino a farlo diventare superiore distrettuale a soli 36 anni. In effetti, Francesco ha elogiato Arrupe anche quest'estate, quando ha salutato il suo "coraggio".

Il patto delle catacombe e Papa Francesco

Per capire Papa Francesco e la sua direzione per la Chiesa è quindi fondamentale fare i conti con il suo rapporto con il testo firmato dai padri conciliari nel 1965. Francesco ha infatti legami cruciali con le persone coinvolte nel documento, con le ideologie del testo stesso e con i suoi stessi obiettivi.

De Mattei ha raccontato a LifeSite che Francesco è in possesso di un testo del documento almeno dall'inizio della sua permanenza in Vaticano. "Il 21 marzo 2013, una settimana dopo la sua elezione, Papa Francesco ha ricevuto una copia del Patto delle Catacombe dalle mani dell'attivista argentino Adolfo Pérez Esquivel, sostenitore dei dittatori marxisti Fidel Castro, Nicolas Maduro e Hugo Chaves", ha detto lo storico.

De Mattei ha aggiunto che nel luglio 2014 il teologo della liberazione preferito dal Papa, Leonardo Boff, "ha pubblicato un articolo dal titolo El pacto de las catacumbas vivido por el Papa Francisco, in cui, dopo aver trascritto il Patto delle Catacombe del 1965, concludeva con queste parole: 'Non sono forse proprio questi gli ideali presentati da Papa Francesco?".

Nel 2015, il vescovo Bettazzi ha dichiarato che il testo a cui lui e i suoi colleghi firmatari hanno lavorato stava ora "dando i suoi frutti". "Il patto delle catacombe oggi... è Papa Francesco", ha detto. Tra l'altro, quando Bettazzi è morto a giugno, Papa Francesco lo ha descritto come "... un uomo di dialogo e un punto di riferimento per numerosi rappresentanti della vita pubblica e politica italiana".

Papa Francesco e il vescovo Bettazzi

In effetti, nel 2015, anno in cui ricorre il 50° anniversario del testo, si è risvegliato l'interesse per il documento che era rimasto in gran parte fuori dalla coscienza pubblica.

Il Washington Post ha scritto che "forse niente ha ravvivato e legittimato il Patto delle Catacombe quanto l'elezione a sorpresa, nel marzo 2013, del cardinale argentino Jorge Mario Bergoglio - Papa Francesco".

Il prelato eterodosso tedesco, Walter Kasper, ha dichiarato all'agenzia di stampa che "il programma di Francesco è in larga misura quello che era il Patto delle Catacombe".
Kasper ha affermato che "ora lui [Francesco] lo riporta in auge", dicendo che già nel 2015 "il Patto catacombale è ovunque in discussione".

Il Sinodo di Amazon e un nuovo Patto

Poiché Papa Francesco è stato descritto come l'incarnazione stessa del Patto, non sorprende che il documento abbia assunto un ruolo chiave nel suo pontificato, anche se non ha avuto un'esposizione pubblica tale da poter essere definito al centro della scena.
Forse, però, nessun segno più chiaro dell'impegno e della promozione del Patto delle Catacombe del 1965 da parte di Francesco è stato dato durante il Sinodo sull'Amazzonia del 2019.
Durante quel sinodo - che è forse più tristemente noto per il fatto che gli idoli pagani della Pachamama sono stati onorati in Vaticano - è stata firmata una versione rinnovata del Patto del 1965. (Una copia può essere visualizzata qui).
Nelle stesse Catacombe di Santa Domitilla, un gruppo di cardinali, vescovi e membri del Sinodo ha celebrato la Messa e firmato un "Patto delle Catacombe per la Casa Comune". A guidarli è stato il cardinale Cláudio Hummes, che ha annunciato con orgoglio di indossare la stola dell'arcivescovo Câmara. Câmara era un uomo a cui Hummes "era estremamente devoto", ha osservato de Mattei.

La guida di Hummes del Patto del 2019 è anche un segno dell'approvazione di Francesco per l'impresa. Hummes era seduto accanto al cardinale Bergoglio durante il conclave papale del 2013, ha accompagnato il nuovo Papa Francesco sul balcone per salutare la folla il 13 marzo 2013 ed è rimasto, secondo le parole di Francesco, "un buon amico". Hummes ha avuto anche una responsabilità chiave per il Sinodo di Amazon, servendo come relatore generale - la posizione ora ricoperta dal cardinale Jean-Claude Hollerich per il Sinodo sulla sinodalità.

Come ha commentato de Mattei a LifeSite a proposito del Patto del 2019, "il Patto socio-politico degli anni Sessanta è diventato il Patto socio-cosmico in quindici punti intitolato: "Patto delle catacombe per la casa comune". Per una Chiesa dal volto amazzonico, povera e serva, profetica e samaritana"".

Scrivendo del Patto del 2019, Jeanne Smits di LifeSite aveva notato come il nuovo testo presentasse anche argomenti molto più espliciti a favore dei temi ecologici e indigeni.

Il nuovo Patto delle Catacombe non solo proclama un'attenzione preferenziale per i poveri, come il primo Patto firmato nel 1965 - i poveri sono ora rappresentati dalle popolazioni indigene dell'Amazzonia, ma anche il loro diritto alla loro "spiritualità" tradizionale (pagana e panteistica) e il loro diritto a partecipare a tutte le decisioni della Chiesa nella loro area.

L'elemento panteistico è presente nel Patto nell'affermazione di una "ecologia integrale, in cui tutto è interconnesso, la razza umana e tutta la creazione, poiché tutte le creature sono figlie e figli della terra".

"Il Patto del 1965 è stato semplicemente aggiornato", ha scritto Smits.

Qui, come in molti altri aspetti dei dettagli relativi al Patto delle Catacombe, c'è un'ulteriore integrazione di dettagli. Infatti, è stato il sacerdote laicizzato Leonardo Boff, che nel 2015 ha paragonato il pontificato di Francesco al Patto delle Catacombe del 1965, ad essere ampiamente accreditato per aver fornito le basi teologiche per il Sinodo di Amazon del 2019.

Come ha raccontato la dottoressa Maike Hickson, l'amicizia tra Boff e Francesco risale a decenni fa ed è cresciuta d'impatto per la Chiesa da quando il cardinale Bergoglio è salito al soglio pontificio e ha tenuto Boff come amico e consigliere stretto.

Infatti, a dimostrazione dell'impegno di Francesco verso gli ideali della Teologia della liberazione del Patto delle Catacombe, Boff ha affermato in un'intervista del 2016 che Papa Francesco è "uno di noi".

"Ha trasformato la Teologia della liberazione in una proprietà comune della Chiesa. E l'ha ampliata", ha detto Boff.

Con Francesco che ora si assicura che i membri del lavoro principale del suo pontificato, il Sinodo sulla sinodalità, ricevano il testo del Patto delle Catacombe del 1965, la sua agenda per la Chiesa è sempre più chiara per coloro che desiderano vederla.

"Oggi", ha detto de Mattei a LifeSite, "questa eredità è raccolta da un organismo che si chiama Sinodo, anche se non è un vero Sinodo (i vescovi sono solo una parte dei suoi membri), e che esprime un magistero che non è un magistero, perché manca del contenuto e della forma dell'autentico insegnamento cattolico".