Post in evidenza

Clamoroso: il Pellegrinaggio a Chartres in diretta TV (olte che su YouTube) #NDC2024 #pentecoste2024 #pentecoste

SEGUI LA DIRETTA Qui sul canale YouTube di Notre Dame de Chretienté tutte le varie dirette.  - sabato 18 maggio a partire dalle ore 6:00 la...

lunedì 2 maggio 2011

Ding-Dong! The wicked witch is dead!



Così cantano i Mastichini, nell'immortale film Il Mago di Oz del 1939 (che il vostro cronista, per doveri paterni e ragioni di puericultura, conosce a menadito). Mentre la strega cattiva dell'est giace morta, il popolo fino ad allora oppresso canta e balla la sua gioia alla spaesata Dorothy-Judy Garland che l'ha involontariamente uccisa.

Mi viene in mente quella scena nel constatare il giubilo un po' infantile degli americani per la notizia della morte dello scellerato. Comprensibile e giustificato (e non basterà a guastarlo il fervorino di Padre Lombardi, che peraltro a ragione ricorda come un cristiano non debba gioire per la morte di un nemico); ma nondimeno infantile, dicevo, poiché espressione di quell'idea molto americana di personificare il nemico, ossia dare un nome e cognome al principal foe. E come in un western, quando finalmente (perché succede sempre, nei western) il cattivo incontra il suo fato, la storia si scioglie e la giustizia e il bene trionfano.

Purtroppo nel mondo reale non sempre è così; ma in generale gli americani conoscono molto male il mondo reale (ossia tutto ciò che esce dalle loro frontiere e relativi stati cuscinetto: alludo alle repubbliche delle banane), per colpa di un sistema educativo sbilanciato che li rende, quando va bene, estremamente competenti in un circoscritto settore ma crassi ignoranti su tutto il resto: non era Bush quello che pensava che The Talibans fosse il nome di un complesso rock?

E così, la morte di Osama darà sì una grande gioia a tutti, un benvenuto sollievo al dolore dei parenti delle vittime e un aumento di consensi per il quasi omonimo (e, si dice, quasi correligionario) Obama, ma il vero nemico non ha nome né cognome: è un'ideologia; peggio, è una religione. E' l'islamismo, inteso come islam radicale o salafita, vissuto in coerenza, peraltro, con i dettami del corano stesso, che precrive la guerra e la scimitarra per imporre con la sopprafazione e la violenza la "sottomissione" (in arabo=islam) ai dettami di una fede irrazionale e inumana.

Il defunto Osama è stato attaccato in una città pakistana dove hanno sede le più prestigiose scuole militari del paese; di quel Pakistan che uccide il ministro Shabbaz Bahti e incarcera per anni "per blasfemia" la cristiana Asia Bibi. Questo ci dà l'idea di quanto radicato e diffuso sia l'islamismo, che non ha certo bisogno di un "grande vecchio" per continuare a tramare i suoi disegni assassini (to', una parola di origine araba, mica per caso), in una specie di franchising universale del terrore e del fanatismo religioso. Insomma, per spiegarlo agli americani: dopo la strega dell'est, resta la ben più temibile strega dell'ovest; e dopo chissà quante altre ancora.


Enrico

146 commenti:

  1. La notizia serve soprattutto a ricordarci chi è il primo e vero nemico del cristianesimo nel mondo, cioè l'islam, e in particolare l'islam fanatico.

    RispondiElimina
  2. tg2: folla in festa a Washington: non ancora posso crederci ! :)


    <span>
    <p>un incubo mondiale è finito...
    </p><p>(tanti altri sono in agguato all'orizzonte...,ma per oggi tiriamo un respiro...)
    </p></span>

    RispondiElimina
  3. Sinceramente a me non fa paura l'islam e Osama Bin Laden o al quaeda! Ma Obama, il liberalismo, l'ONU, i diritti umani, la sovranità popolare, il socialismo, il comunismo, il materialismo, il laicismo, ecc. tutte cose "occidentali" prodotte da una società che ha completamente rigettato Dio in nome del naturalismo, tutte cose che fino a Pio XII i Papi condannavano senza chiedere il permesso a nessuno, senza paura, perché Dio non muore mai! W Cristo Re!

    RispondiElimina
  4. Non mi meraviglierei se qualche devoto vuota attribuisca l'uccisione di Bin Laden ad un miracolo di Giovanni Paolo II...

    RispondiElimina
  5. http://lalbaditutto.blogspot.com/

    RispondiElimina
  6. Non mi meraviglierei assolutamente se qualche fan o devoto attribuisca l'uccisione di Bin Laden ad un miracolo di Giovanni Paolo II...

    RispondiElimina
  7. <span>tg2: folla in festa a Washington: non ancora posso crederci !  :)   
     <span>un incubo mondiale è finito...  

    (e tanti altri sono in agguato all'orizzonte...,ma per oggi tiriamo un respiro...)  
    </span></span>

    RispondiElimina
  8. Preghiamo affinchè la Vergine Maria contribuisca sempre a difendere il cristianesimo dal satanico islam, come fece a Lepanto e in moltre alte occasioni

    RispondiElimina
  9. USraele... ha organizzato una festa senza precedenti.... con un Falso... 

    RispondiElimina
  10. Ricordo sempre la visione di Santa Caterina, organizzatrice della Prima Crociata, che vide i non-credenti (islamici) entrare nel costato di Cristo e salvarsi.

    Premesso ciò è la 4a o 5a volta che Bin Laden viene dichiarato morto, ma già nel 2001 si diceva che necessitasse di dialisi e mi chiedo come possa essere campato 10 anni in un qualsiasi villaggio tra Afghanistan e Pakistan con tali necessità di assistenza : probabilmente è morto da tempo, ma di malattia.

    Dicono questa volta il cadavere c'è ma adesso salta fuori che è stato "seppellito in mare" ... la domanda credo possa essere "perché serve agli USA cantar vittoria ?"
    Temo che la risposta sia "per aprire un altro fronte in Libia" con un bell'intervento i terra.

    Per l'opportunità di quanto sta accadendo mi rimetto all'opinione del Vescovo di Tripoli :
    http://www.agi.it/estero/notizie/201103221216-est-rt10112-libia_vescovo_tripoli_intervento_sbagliato

    Se continuiamo di questo passo sarà più probabile una terza guerra mondiale scatenata da "missioni di pace" irresponsabili da parte di occidentali di un "europa islamica nel 2050".

    RispondiElimina
  11. ci voleva di dare una soddisfazione alle masse dopo anni di guerra. Incredibile che gli americani si bevano ancora ste robe (e non solo gli americani, vedo!)

    RispondiElimina
  12. Forse vogliono preparare il popolino ad una ritirata dall'Afganistan.  Ormai sono impantanati li' da troppo.
    ci sono nuovi fronti piu' redditizi: Libia, Siria, Persia...................

    per quanto riguarda le torri di NY, in molti ormai dicono che sono state minate ad arte e lungo tutta la struttura.

    siamo degli illusi a credere ciecamente in queste pseudo-democrazie.

    Marcello veneziani qualche mese fa' ha pubblicato un bell'articolo sulla sostanziale truffa della liberl democrazia.

    RispondiElimina
  13. La dialisi non deve aver posto molti problemi; a quanto pare non si tratta di un villaggio sperduto qualsiasi, ma di un luogo pittoresco sede di tre reggimenti dell'esercito pachistanese ...

    RispondiElimina
  14. Questo blog va sempre di male in peggio!Ma cosa c'entra la morte di Bin Laden con la Messa Tridentina o con la tradizione?Leggo commenti sempre più deliranti sembrate voi una sorta di Al qaeda cattolica.Bin Laden era un fanatico assassino figuriamoci se posso difenderlo ma certo la morte no n da mai gioia anche se chi muore è un perverso assassino.Poi definire l'Islam il nemico non mi sembra molto cristiano.
    Ma questo è un blog cattolico o si fa politica?Insomma sono disgustato

    RispondiElimina
  15. TEORICAMENTE è stato braccato per 10 anni e, stando alle (dis)informazioni dell'epoca, rinchiuso nelle grotte vicino a Kandahar.
    Ricordo una fantasiosa "ricostruzione" del max-bunker dove sicuramente si trovava, con tanto di piantina ...

    Bin Laden morto ora, "cui prodest?"

    RispondiElimina
  16. può destare preoccupazione tutto quello che hai detto, ma ANCHE l'Islam, soprattutto per il calamento di braghe dei governi e della Chiesa!

    RispondiElimina
  17. A me non fanno paura né gli uni né gli altri. L'islam è un nemico dichiarato, così come, per altri aspetti, il giudaismo anticristiano e il calvinismo anticattolico. Forse chi si illude che l'islam non sia un pericolo ha bisogno di sentire il muezzin dietro casa e di veder saltare in aria qualche parente, prima di rendersi conto che tra gli sproloqui dell'ONU e le violenze dei maomettani c'è comunque un bell'abisso.

    RispondiElimina
  18. ...piccoli blondettari crescono...

    RispondiElimina
  19. Chiedo scusa se la franchezza offende ma questa entry di Enrico mi sembra un concentrato di luogocomunismo anti-americano da quattro soldi. I commenti li salto direttamente per carità di patria, tra anitsemitismo rivoltante e la solita confusione tra tradizione e i vecchi comunicati della Stefani del tempodella RSI.

    Che Bush sia un ignorante lo può dire solo chi pensa che la persona corrisponda ai ritratti che ne fanno gli invitait RAI comunisti e filo-terroristi. Anche solo a livello di titoli di studio - oltre ad essere stato un pilota di caccia intercettori e ottimo imprenditore del basesball coi Texas Rangers che rilanciò come squadra di primo piano - è stato l'unioc presidente ad avere contemporaneamente una laurea da entrambe le università top: una umanistica (storia) a Yale e una "tecnica" (business admn.) ad Harvard. 

    Che gli americani in genere siano più ignoranti di noi lo può pensare solo chi non ha mai corretto gli scrittidegli studenti universitari italiani (o europei) che non sanno nemmeno cosa sia un congiuntivo -forse una mallattia degli occhi' - e farebbero fatica a identificare sulla carta geografica la loro città, non parliamo di nazioni estere.

    La Messa di sempre ha una diffusione e un successo negli USA che qua ce lo sognamo, e non solo nelle comunità tradizionaliste, ma nelle diocesi, celebrata da vescovi e preti "normali", come dovrebbe essere. E anche se pure loro hanno i loro "rad-trad" che odiano più il Papa che il diavolo, in genere il settarismo è meno pronunciato . Se si vuole trovare messali, graduali e breviari bisogna cercarli su siti fattti da Americani e così dicasi per molto altro materiale liturgico

    Gli studi migliori su Roma e sulla Grecia - e su qualunque cosa, dal Barocco alla storia militare, dalla tecnologia a tutto ciò che manda avanti il pianeta - vengono da lì. 

    Dovremmo smetteral con la boria da Europei altezzosi. Con tutti i loro difetti, quei cow-boy hanno molti più valori tradizionali di noi, che siamo ormai una massa di socialisti dipendendti dallo stato-provviddenza incapaci di difenderci e quasi desiderosi di essere sottomessi dagli islamici.

    Un pò di umiltà non guasterebbe. Ricordatevi diceva su Roma il nazionalista greco - ma onesto - Polibio ai suoi conterranei che disprezzavano i "rozzi" Romani nonostante dipendessero da Roma in tutto chidendo aiuto ogni volta per tirarli fuori dai guai. Erano una massa di decadenti che volevano vivere di rendita su gloria passate da un pezzo. Proprio come noialtri e "la nostra Europa", come se il Belgio fosse ancora quello di Goffredo di Buglione, o se gli Italiani fossero ancora quelli delle Repubbliche Marinare o di Alessandro Farnese e Pio V.

    RispondiElimina
  20. <span>Chiedo scusa se la franchezza offende ma questa entry di Enrico mi sembra un concentrato di luogocomunismo anti-americano. I commenti li salto direttamente per carità di patria, tra anitsemitismo rivoltante e la solita confusione tra tradizione e i vecchi comunicati della Stefani del tempo della RSI.  
     
    Che Bush sia un ignorante lo può dire solo chi pensa che la persona corrisponda alla caricatura che ne hanno fatto per anni gli inviati RAI comunisti e filo-terroristi. Anche solo a livello di titoli di studio - oltre ad essere stato un pilota di caccia intercettori e ottimo imprenditore del basesball coi Texas Rangers che rilanciò come squadra di primo piano - è stato l'unico presidente ad avere contemporaneamente una laurea da entrambe le università top: una umanistica (storia) a Yale e una "tecnica" (business admn.) ad Harvard.   E' stato il primo governatore della storia del Texas - lo stato più ricco e più di destra - a essere eletto due volte di seguito per poi vincere due volte da presidente. 
     
    Che gli americani in genere siano più ignoranti di noi lo può pensare solo chi di recente non ha mai corretto gli scritti degli studenti universitari italiani (o europei) che non sanno nemmeno cosa sia un congiuntivo -forse una mallattia degli occhi? - e farebbero fatica a identificare sulla carta geografica la loro città, non parliamo di nazioni estere.  
     
    La Messa di sempre ha una diffusione e un successo negli USA che qua ce lo sognamo, e non solo nelle comunità tradizionaliste, ma nelle diocesi, celebrata da vescovi e preti "normali", come dovrebbe essere. E anche se pure loro hanno i loro "rad-trad" che odiano più il Papa che il diavolo esattamente come i nostri, in genere il settarismo è meno pronunciato, perchè non essendo  presuntuosi come noi, studiano seriamente prima di fiatare. Se si vuole trovare messali, graduali e breviari bisogna cercarli su siti fattti da americani e così dicasi per molto altro materiale liturgico, stroico e dottrinale. Gli studi migliori su Roma e sulla Grecia - e su qualunque cosa, dal Barocco alla storia militare, dalla tecnologia a tutto ciò che manda avanti il pianeta - vengono da lì, compresi i soldi che tengono in piedi le economie europee che sennò sarebbero crollate come l'URSS da un pezzo.
     
    Dovremmo smetterla con la boria da Europei altezzosi. Con tutti i loro difetti, quei cow-boy hanno molti più valori naturali di noi, che siamo ormai una massa di socialisti dipendendti dallo stato-provviddenza incapaci di difenderci e quasi desiderosi di essere sottomessi dagli islamici. 
     
    Un pò di umiltà non guasterebbe. Ricordatevi cosa diceva di Roma il nazionalista greco - ma onesto - Polibio ai suoi conterranei che disprezzavano i "rozzi" Romani nonostante i "colti" greci dipendessero da Roma in tutto chiedendo aiuto ogni volta per tirarli fuori dai guai. Erano una massa di decadenti che volevano vivere di rendita su gloria passate da un pezzo. Proprio come noialtri e "la nostra Europa", come se il Belgio fosse ancora quello di Goffredo di Buglione, o se gli Italiani fossero ancora quelli delle Repubbliche Marinare o di Alessandro Farnese e Pio V.</span>

    RispondiElimina
  21. L'Islam è un nemico che si batte lealmente con la spada alla luce del sole, e come è stato già sconfitto a Poiters, a Grenada e a Lepanto può nuovamente essere sconfitto. Invece il mondialismo, il liberalismo, il materialismo invece sono infinitamente più subdoli, sono bubboni pestiferi che infettano l'occidente dall'interno da quattrocento anni: essi non si sconfiggono solo con mezzi umani. Spiace usare toni così drammatici, ma bisogna essere realisti ed avere chiare le idee di dove indirizzare la 'buona battaglia'. Pace e bene, e per una volta ha ragione Padre Lombardi.

    RispondiElimina
  22. Ma tu perché pensi che l'Islam c'è l'abbia tanto con l'occidente? Non certo perché l'occidente è cristiano, visto che i cristiani sono la minoranza, ma perché giustamente anche loro, come i grandi Papi della Chiesa, hanno capito che l'ONU significa morte della religione, che la democrazia è la morte della religione, che il liberalismo è la morte di Dio, che i diritti umani offendono i diritti di Dio! Da questo punto di vista dovremmo allearci con Ahmadinejad, primo ministro di uno stato confessionale, in difesa del diritti della religione di comandare sullo stato e di basare tutte le leggi eterne di Dio. Ma non capite, il cristianesimo occidentale non esiste più, in particolare il cattolicesimo, è divenuta una pseudo-religione ufficiale dell'ONU che per decalogo ha la satanica dichiarazione universale dei diritti dell'uomo, ovvero una sorta di "torre di babele" scritta che divinizza l'uomo. Certo, l'Islam è una religione falsa, frutto anch'essa dell'orgoglio umano che rifiuta la potestà dell'unico e vero Dio, tuttavia è molto più vicina a noi di quanto pensiamo, la sua rivolta nei confronti dell'occidente è la rivolta verso la religione massonica che ha come divinità l'uomo. E' un peccato che la Chiesa, con il magistero post-conciliare si sia fatta il più grande garante di questo nuovo culto dell'uomo, ignorando tutte le condanne dei sommi pontefici pre-conciliari in merito alla democrazia, ai diritti umani, alla libertà, alla rivoluzione, all'orgoglio umano che vuole sostituirsi all'ordine stabilito da Dio! Abbiamo smarrito la bussola, solo in Dio c'è salvezza, non solo per l'anima, ma anche per la società, per le nazioni, per il mondo!

    RispondiElimina
  23. ... e piccoli photoshoppari del pentagono pure...

    RispondiElimina
  24. D: Cui Prodest?

    R: Elezioni Presidenziali 2012!

    RispondiElimina
  25. Aprimao gli occhi! Siamo noi che viviamo nell'inganno! Quella parte dell'Islam antioccidentale non vuole fare altro che rivoltarsi contro il tre precetti satanici: libertà, uguaglianza, fraternità! Questo tre leggi così come sosno state tramandate dalla massonica rivoluzione francese sono state condannate anche da Gregorio XVI, Leone XIII, Pio IX, S. Pio X, Pio XI, Pio XII! Come cattolici dovremmo prendere coscienza degli avvertimenti della Chiesa, poichè essa, suprema custode della verità divina, ci aveva messo in guardia da quelle ideologie che escludono Dio per innalzare esclusivamente l'uomo. Come possono quarant'anni di magistero post-conciliare promuovere la rivoluzione francese, i diritti umani, la sovranità popolare, la libertà religiosa, il liberalismo, quanto venti secoli di magistero precedente non hanno fatto altro che condannare tutte queste cose? Siamo noi che dobbiamo aprire gli occhi e svegliarci dal lavaggio del cervello che il nuovo ordine mondiale creato dopo la seconda guerra mondiale dall'ONU, che reciso il cordone ombelicale che legava la terra a Dio. Il demonio usa anche la politica, le ideologie, le istituzioni per promuovere la sua opera, non attacca solo le singole anime, ha capito che se ne possono pervertire tante in un colpo solo!

    RispondiElimina
  26. Osama è morto? Ma è mai esistito? A me preoccupa un po' di più cosa si combina in Europa, cosa ci combinano i tanti, o pochi Osama nascosti nei Palazzi oscuri dell'Europa. Chi sono? Chi fa le mille e mille leggi Europee? Specialmente quelle che in modo subdolo minano la nostra liberetà? Chi sono coloro che tolgono la libertà dei Paesi che non sono più sovrani? Chi pilota l'immigrazione mussulmana in Europa? Sapete tutti vero che c'è il mandato di incarcerazione per ogni cittadino in qualsiasi luogo si trovi in Europa? Non lo useranno forse per chiudere la bocca a chi da fastidio?
    Forse conosciamo qualcuno di quelli che tirano le fila in Europa? Forse abbiamo votato noi quelli che comandano e ci sono sconosciuti? Questo mi spaventa, specialmente il fatto che non abbiamo più una Patria, un posto sicuro dove stare, mi spaventa questa Europa senza Dio, questa Europa contro l'uomo, questa Europa pronta solo a punire, a castrare ogni iniziativa, questa Europa che alza gli scudi appena un Paese si dichiara cattolico non solo di nome, ma anche di fatto. Altrochè Osama, quel'Osama che ci hanno fatto sempre vedere, con la stessa faccia, mai invecchiato e che è persino dubbio sia mai esistito veramente, o sia stato un personaggio costruito in certi ambienti per giustificare certe guerre. Pace all'anima di Ben Laden, morto lui ne fabricheranno altri, intanto il vero terrorismo c'è lo fanno in casa nostra i finti amici, coloro che vogliono la libertà di Barabba e tutti i suoi mortiferi vizi e mettono a morte Gesù con tutta la sua Chiesa. Osservate bene cosa accade in Europa, qui c'è da preoccuparsi.

    RispondiElimina
  27. E chi se ne ricorderà nel 2012, la memoria ce l'abbiamo corta!?

    R2: Elezioni parlamentari egiziane 2011, Fratelli mussulmani.

    RispondiElimina
  28. Scusate, ma cosa c'entra il post su Osama con la Messa (in latino, non in latino, tridentina, nuova o comechessia?). Non mi sembra il caso di usare un sito dal titolo Messa in latino per esprimere le proprie idee politiche, quali che siano e pur assolutamente legittime.

    RispondiElimina
  29. della morte non si gioisce, lo ha detto pure oggi la Santa Sede!
    la parola Isapia da noi significa Insipida...

    RispondiElimina
  30. i dubbi ci sono, e non da adesso, l'islamismo è un pericolo, non  neghiamolo, però come è cresciuto? chi è convinto di essere stato e di essere il più forte del mondo ha maneggiato sostanze che tavolta scoppiano tra le mani e poi bisogna recuperare i guasti......

    RispondiElimina
  31. Ringrazio di questa  invettiva che fa riflettere...

    RispondiElimina
  32. Comunque al di là dei commenti, personalmente, finalmente, mi ritrovo con un discorso di equilibrio di Enrico che condivido.
    che poi sia il vero Bin Laden o un fotomontaggio,lo diranno con certezza altri chiarimenti. Per ora nulla mi induce a credere che sia un falso, nonostante si possa dubitare di molte cose e di come vi sia manipolazione delle informazioni. Che poi vi siano inserite qui le solite informazioni fantasiose dettate da chi sa poco di realtà scientifiche (come la minatura delle torri gemelle...) non mi meraviglia poichè ormai internet è diventato l'autostrada di ogni genere di realtà e corbellerie pure.

    RispondiElimina
  33. incredibile c'è ancora qualcuno che crede alle balle sulle torri minate. Ma i filmati degli aerei li avete visti? Sono fotomontaggi pure quelli? Visitate meno siti complottisti e svegliatevi. Ce ne sono a miliardi di studi che provano la pazzia della tesi dell'autoattentato con le mine, ammesso che uno abbia bisogno di dimostrazioni che la terra non sia piatta e che Gesù non è morto di freddo per convincersi che 20 maomettani hanno fatto una strage lanciando aerei contro dei grattacieli.

    E  lo hanno fatto per lo stesso motivo per cui da 13 secoli cercano di annientarci. Noi possiamo aver dimenticato chi siamo, ma loro no. Lo sapete come Bin Laden e gli altri assatanati chiamavano Bush nei loro comunicati farneticanti? "Cane Romano", perchè per loro siamo ancora a quando hanno occupato Constantinopoli e l'hanno islamizzata. Perchè il loro primo nemico Occidentale è stao l'Impero Romano.

    Ci chiamano "Romani " e "Crociati", perchè essi odiano quello che noi rappresentiamo e quello siamo che ci piaccia o no: LA CIVILTA' OCCIDENTALE, ROMA, ATENE E GERUSALEMME altro che le balle filoterroriste sulla vendetta per il colonialismo e "l'imperialismo". Queste boiate fatele dire a nazisti e comunisti, non tra cattolici che dovrebbero sapere chi siano i maomettani e come pensano. Loro sanno benissmo  che per quanto secolarizzato l'occidente è l''unico che se si da' una mossa può spezzare le ossa a questi barbari, perchè solo noi abbiamo quel DNA anche se adesso è irriconoscibile (ma non per loro).

    RispondiElimina
  34. «San Giovanni Battista protegga l’Islam». Chi l'ha detto?

    http://www.vatican.va/holy_father/john_paul_ii/travels/documents/hf_jp-ii_spe_20000321_wadi-al-kharrar_it.html

    RispondiElimina
  35. "San Giovanni Battista protegga l’Islam". Chi l'ha detto?
    http://www.vatican.va/holy_father/john_paul_ii/travels/documents/hf_jp-ii_spe_20000321_wadi-al-kharrar_it.html

    RispondiElimina
  36. Lui, il grande "Ecumenista", santo subito... eh alle volte la faccenda gli sfuggiva un po' dalle mani...

    RispondiElimina
  37. Notizia vecchia: la povera Benazir Bhutto la diede già nel Novembre 2007 !

    Toto direbbe che "muoiono sempre gli stessi" !

    RispondiElimina
  38. Scusate ma da quando libertà uguaglianza e fratellanza sono concetti satanici?? haha ma voi state proprio fuori.. era Gesù stesso che predicava l'uguaglianza e la fratellanza! mha..

    RispondiElimina
  39. Infatti sono stati gli islamici ad uccidere Gesù e a processarlo!

    RispondiElimina
  40. dicono che Bin laden fosse morto 6 anni fa. Oggi serve dire che è morto, così la guerra in afganistan sarà dichiarati vinta, e alle elezioni rieleggeranno obama, due volte meritevole: di avere ucciso il nemico, e di avere riportato i ragazzi a casa. Come da promesse!

    Ovviamente prima che si doveva giustificare la guerra, serviva dire che era vivo.

    MA ovviamente l'islam è il nemico numero uno!

    RispondiElimina
  41. Pero' non predicava il "dialogo" alla maniera ecumenista come fanno i nostri cari porporati modernisti....

    RispondiElimina
  42. Si ma libertà solo perché la concessa Dio, uguaglianza perché siamo figli di Dio, fratelli perché Cristo ha versato il suo sangue per noi. Invece la rivoluzione francese dice che queste cose esistono già in natura, ma questa è una cosa diabolica, poiché niente viene da Dio, egli è la fonte di tutto, l'uomo senza Dio non avrebbe nemmeno la vita! Leggiti le encicliche dei sommi pontefici romani (prima del concilio ovviamente: Gregorio XVI, Leone XIII, Pio IX, Pio X, ecc.).

    RispondiElimina
  43. Scusa, errore di scrittura: TUTTO VIENE DA DIO! L'illuminismo è una filosofia anticristiana, il 1789 è anticristiano, ma siete cattolici o protestanti? Svegliatevi, dove è finito l'orgoglio cattolico?!

    RispondiElimina
  44. Vedete, è su questi temi che si vede la spaccatura tra magistero pre-conciliare e magistero post-conciliare, anche un bambino la vedrebbe! Il cattolicesimo non è fatto per secolarizzarsi come il protestantesimo, poiché esso si basa esclusivamente sull'ordine soprannaturale e non sull'ordine naturale, per questo è il mondo che se vuole ed è disposto con un grande sforzo si deve adattare alla Chiesa, non è la Chiesa che si deve piegare al mondo, è nella soprannaturalità che si fonda l'identità cattolica! Dio non l'uomo, sempre e solo Dio, questa è la vera Chiesa!

    RispondiElimina
  45. <span>Checché ne dicano Russel Kirk e i suoi epigoni nostrani, come Marco Respinti, gli Stati Uniti nascono come ribellione ed eresia (politica e no) contro l'Europa tradizionale (o di quel che ne restava all’epoca, che comunque poco non era), come rottura con la sua storia, i suoi valori, la sua cultura e le sue radici. Tutta la storia americana è impastata di un biblismo fondamentalista (e ovviamente anticattolico) mischiato a una esplicita ed esibita sotto-cultura massonica (che riesce ad essere ridicola e tragica al contempo). Tutta la politica estera di questa “grande nazione” è sempre stata guidata dall’odio per lo “jus publicum europaeum”, per i suoi riti civili, le sue guerre regolate, i suoi equilibri dinastici che comunque limitavano e canalizzavano i conflitti. La rivoluzione americana prelude “ideologicamente” quella (certamente ben più funesta) francese. La guerra civile, scatenata dal Nord per distruggere quel poco di cultura europea che resisteva al Sud, è stata il “modello” per le guerre totalitarie del Novecento. Le stragi compiute dalle colonne dei soldati blu di Sherman nella Confederazione ricalcano quelle delle “colonne infernali” dei </span><span>Bleus</span><span> in Vandea. La distruzione di Atlanta prefigura quella di Dresda. L’elitismo WASP (se esiste ancora) è solo una grottesca caricatura delle aristocrazie tradizionali europee. E tralascio la storia più recente di questi “liberatori”. Spiacente, non credo nel mito dell’ “occidente” né in quello della “Magna Europa”, inventati per colonizzarci e per dominarci meglio. La nostra cultura, la nostra storia, le nostre radici sono ben altre. Se non ne siamo consapevoli, meritiamo la decadenza e il servaggio. Se non ne siamo consapevoli, soccomberemo all'islam, che invece coltiva ancora le sue radici e la sua identità. </span>

    RispondiElimina
  46. Secondo me B.Laden era solo un strumento dei potenti di questo mondo. Lo hanno creato,usato e alla fine lo hanno eliminato

    RispondiElimina
  47. E' l'oblio della ragione... anche un idiota capisce il giochetto!  i cattolici e tradizionalisti che si rallegrano e che credono che l'islam il vero nemico sono più inetti degli idioti!...

    RispondiElimina
  48. Bin Laden, il personaggio CATTIVONE l'hanno creato loro e dubito che sia veramente un uomo in carne ed ossa... Usraele, "non piace a Dio ed è nemico di tutti gli uomini"

    RispondiElimina
  49. ULTIME NOTIZIE!!!!!

    RispondiElimina
  50. Che idiozia! Gli islamici non c'erano al tempo di Gesù. Ma se proprio ti piace l'antisemitismo, Enzo G. Castellari, puoi consolarti pensando che gli islamici sono in buona parte anch'essi semiti.

    RispondiElimina
  51. Può anche darsi che tu abbia ragione, Camillo. Ma non è un buon motivo per accogliere a braccia aperte chi da Poitiers a Vienna abbiamo sorpreso (e mazzolato) più volte non certo in gita di piacere. Ma è anche vero che esistono preti e laici di inveterate tendenze legaliste e teocratiche che come imam e taliban saprebbero ben figurare.

    RispondiElimina
  52. L'islam aggredisce invece nell'ombra, a colpi di bombe eplosivo+chiodi. E' gente con mentalità da predoni, anche se una certa area del tradizionalismo cattolico l'ha mitizzata.

    RispondiElimina
  53. Follia e cecità. Ma avete mai abitato da cristiani in un paese islamico? Ci siete mai stati nel Pakistan, anzi per l'esattezza nel nord del Pakistan? Shahbaz Bhatti l'ha ammazzato la Cia? Asia Bibi è in un carcere usa con l'accusa di avere bestemmiato contro Mosè? O magari non esiste? Ma fatevi un giro anche solo nell'entroterra turco, e non da turisti! Poi vi si schiariranno le idee, se l'ideologia non vi ha mangiato del tutto la materia grigia.

    RispondiElimina
  54. Strano, mi sembrava che Osama il defunto parlaase di "nuovi crociati" ma evidentemente mi sbaglio... ;)

    RispondiElimina
  55. Caro Don Camillo, non è solo l'Islam il nemico del cristianesimo, purtroppo! Ma c'è dentro anche lui! E finchè si guerreggiano islam e sionisti ci va anche  bene, per grazia del Signore, ma spesso sono alleati per defungerci nel peggior modo possibile.
    Il cristianesimo è in mezzo e serve da sviamento, ma ne fa le spese!

    RispondiElimina
  56. infatti io la bevo e bene come la coca cola qualche volta, ma non misento idiota visto che mi informo per bene ed ho abbastanza info di stampo militare per capire quel che va capito ..."e più non dimandare..."

    RispondiElimina
  57. :-D facciamoci una risata sopra, don Camillo, ma in realtà anche sulla storia di Gheddafi si stanno imbastendo troppe "verità". E la politica che gestisce questa sporca storia della sporca guerra di Libia è intrecciata talmente che le verità sono tante e sono le informazioni varie che raccogliamo, ma che non hanno una sola semplice spiegazione.Vedi articoli di Riscossa Cristiana, che condivido appieno su questa storia.

    RispondiElimina
  58. Non si ammazza nessuno come un cane, nè lo si butta a mare come un sacco della monnezza. Tra poco ci sarà il decimo anniversario de " l'11 settembre" e gli americani non potevano sopportare che colui che loro vedevano come il nemico numero 1, che più di chiunque altro li aveva umiliati, non fosse ancora caduto sotto la scure della loro Giustizia Divina. Gli americani sono dei puritani vendicativi, mandano a morte anche persone affette da disturbi mentali. Come se adesso, ammesso che la notizia sia vera ( forse non lo sapremo mai), avessero annulato l'odio antiamericano. I morti delle Torri gemelle sono molti di meno di quelli provocati dagli americani nelle loro guerre ingiuste, come in Iraq, o con la bomba atomica.

    RispondiElimina
  59. Sei sicuro che l'idiota sia E. Castellari?

    RispondiElimina
  60. Beh, sì, sono barbari,  dei primitivi etc. Ma voi, che esaltate il vostro DNA occidental-greco-roman-cristiano, vivete comodamente in nazioni dove viene riconosciuto il diritto di ABORTIRE; loro, che sono dei trogloditi, dei selvaggi etc., vorrebbero vivere secondo la legge del loro dio. Io trovo più coerenti loro. Non mi pare che ricchi cattolici occidentali siano tanto afflitti ed agguerriti nei confronti dei regimi liberali e democratici che mortificano i principi del Cristianesimo.

    RispondiElimina
  61. Sì, infatti, invidiamoli i "valori" americani. Lì, sei malato e non hai i soldi per curarti, puoi anche crepare. E poi, quasi dimenticavo: Occhio per occhio, dente per dente!

    RispondiElimina
  62. "Noi non siamo come voi: preferiamo la morte alla vita", diceva quel tipo. Poi si nasconde dieci anni e alla fine cerca di nascondesi dietro la moglie quando arrivano per dargli quello che voleva.

    RispondiElimina
  63. Caro Silente,

    non posso condannarla per il soo fatto di ripetere le balle che le sono state insegnate dalla storiografia comunista e laicista - e quindi anti-occidentale e filoterrorista - delle nostre scuole, TV, radio e riviste. Se lei pensa che la monarchia Inglese contro cui i coloni si rivoltarono era l'Europa tradizionale allora la sua idea di tradizione non deve essere più fondata nei fatti di quei poveretti che dicono che Lutero è più cattolico di Benedetto XVI. Quellla monarchia era una monarchia assoluta - cosa contraria alla monarchia tradizionale medievale del governo limitato, dei corpi intermedi e del principio di sussidiarietà (anche se allora non si chiamava così) fondato sui diritti naturali. Quella monarchia massacrava i cattolici e tutti i cristiani che non volevano il re come loro leader religioso. La rivolta nacque per difendere il diritto a vivere secondo le libertà tradizionali medievali che l'assolutismo stava distruggendo. 

    Naturalmente non nacque come repubblica cattolica. E allora? Quei coloni non stavano cercando di portare il processo sovversivo più avanti, ma di ritornare a dove avevamo cominciato a deraggliare. Ovviamente coi mezzi che avevano e con i limiti del loro background culturale e religioso. Ma di sicuro avevano una idea molto più accurata dell'eredità di Roma che ne abbiamo noi, e lai sarebbe sorpreso di scorpire come alcuni Founding Fathers tra i più importanti avesseo dimestichezza - e ammirazione - per gli scritti politici di San Tommaso e di San Roberto Bellarmino ( e altri), grazie anche ma non soltanto all'influenza dei cattolici tra di loro.

    Che la monarchia dispotica nazionalista e dispotica inglese - assieme alla francese sempre alleata del Turco e del Luterano contro Roma e l'Europa - sia fatta passare per "tradizionale" quando fu la carnefice dei cattolici e del continente per 4 secoli fa davvero venire i brividi sull'indottrinamento accecante che ancora oggi pervade l'europeo medio.

    Con tutti i limiti che nessuno nega, gli americani paralavano di legge naturale e divina come base del diritto non soggetto all'arbitrio dei legislatori e delle masse quando qui ci sollazzavamo con Voltaire e Rousseau e la Chiesa era preda dell'errore giansenista che ancora oggi ci affligge (ed è radice non piccola deglie errori sia lefevraini che modernisti, ma non divaghaimo). Essi fondarono una REPUBBLICA e NON una democrazia. Questo - e il fondamento religioso della nazione - è il concetto su ciu più insistono i fondatori degli Stati Uniti. Ma naturalmente bisognerebbe sapere un pò di inglese e studiare un pochetto prima di fiatare dopo aver letto i libelli o i siti che sono una specie di "bigini" complottisti antioccidentali alla wikipedia, l'enciclopedia degli ignoranti conformisti e pigri pagata da George Soros che dell'aAmerica pensa la stessa cosa di certi difensori della "tradizione".

    RispondiElimina
  64. non illudiamoci, anche per la parte di Islam non terrorista noi siamo infedeli da sottomettere. E non dimenticate il loro principio di extratetorrialità: qualunque comunità (le numerose moschee e madrasse=scuole di preghiera ad esempio) dovunque si trovino sono Islam. Più ne lasciano costruire e più ci rosicchiano materialmente prima di farlo applicando la sharia quando saranno la maggioranza tra poche generazioni, dato che ci stanno invadendo e per di più proliferano come conigli. Se non ci pensano gli stati a salvaguardare la nostra cultura e la nostra legge e i cittadini ad aver consapevolezza della propria identità ed i cristiani a non esserlo solo per 'etichetta', ma pienamente, non si salverà nemmeno il salvabile! Purtroppo il secolarismo, la mondializzazione, il liberismo slavaggio, non sono queste le cose da salvare; ma i principi, le nostre radici quasi divelte...

    RispondiElimina
  65. magari quello che dici è vero, Enzo. Ma l'Islam non è un nemico da sottovalutare, anche se è giusto adoperarsi per una convivenza civile e non per armare crociate.

    RispondiElimina
  66. <span>Caro Silente,  
     
    non posso condannarla per il solo fatto di ripetere le balle che le sono state insegnate dalla storiografia comunista e laicista - e quindi antioccidentale e filoterrorista - delle nostre scuole, TV, radio e riviste. Se lei pensa che la monarchia inglese contro cui i coloni americani si rivoltarono era l'Europa "tradizionale" allora la sua idea di tradizione non deve essere più fondata nei fatti di quei poveretti che dicono che Lutero è più cattolico di Benedetto XVI. Quellla monarchia era una monarchia assoluta - cosa contraria alla monarchia tradizionale medievale del governo limitato, dei corpi intermedi e del principio di sussidiarietà (anche se allora non si chiamava così) fondato sui diritti naturali. Quella monarchia massacrava i cattolici e tutti i cristiani che non volevano il re come loro leader religioso. La rivolta nacque per difendere il diritto a vivere secondo le libertà tradizionali medievali che l'assolutismo stava distruggendo.   
     
    Naturalmente non nacque come repubblica cattolica. E allora? Quei coloni non stavano cercando di portare il processo sovversivo più avanti, ma di ritornare a dove avevamo cominciato a deragliare. Ovviamente coi mezzi che avevano e con i limiti del loro background culturale e religioso. Ma di sicuro avevano una idea molto più accurata dell'eredità di Roma che quella che abbiamo noi adesso, e lei sarebbe sorpreso dallo scoprire come alcuni "Founding Fathers" tra i più importanti avessero dimestichezza - e ammirazione - per gli scritti politici di San Tommaso e di San Roberto Bellarmino (e altri), grazie anche - ma non solo - all'influenza dei cattolici tra di loro.  </span>

    <span>Che la monarchia dispotica nazionalista e dispotica inglese - come la francese sempre alleata del Turco e del Luterano contro Roma e l'Europa - sia fatta passare per "tradizionale" quando fu la carnefice dei cattolici e del continente per 4 secoli fa davvero venire i brividi sull'indottrinamento accecante che ancora oggi pervade l'europeo medio.  Con tutti i pesantissimi limiti che nessuno nega, gli americani almeno parlavano di legge naturale e divina come base del diritto non soggetto all'arbitrio dei legislatori e delle masse quando qui ci sollazzavamo con Voltaire e Rousseau e la Chiesa era preda dell'errore giansenista che ancora oggi ci affligge (ed è radice non piccola deglie errori sia lefevraini che modernisti, ma non divaghaimo). Essi fondarono una REPUBBLICA - res publica - e NON una democrazia (certo poi bisognerebbe sapere cosa vuol dire "repubblica"  in dottrina classica e perchè mai la Cristianità si definisse res publica christiana). Questo - e il fondamento religioso della nazione - è il concetto su cui più insistono i fondatori degli Stati Uniti. Ma naturalmente bisognerebbe sapere un pò di inglese e studiare un pochetto prima di fiatare dopo aver letto i libelli o i siti che sono una specie di "bigini" complottisti antioccidentali tipo </span><span>lla wikipedia di Soros </span><span>(quando va bene), che dell'America pensa la stessa cosa di certi difensori della "tradizione".</span>

    RispondiElimina
  67. Tra cinematografaro e Don Abbondio, la loro immondizia antiebraica e anticattolica disonora chi la tollera e andrebbe cancellata subito. Spero per loro che siano solo invicibilmente ignoranti e non solo meschini.

    RispondiElimina
  68. è un fatto che ha echi e riflessi mondiali e ci riguarda tutti. C'entra con la nostra coscienza di cristiani. Quindi c'entra anche con la messa in latino ed è giusto confrontarsi anche su queste cose, perché oltre ad essere credenti siamo anche dei cittadini...

    RispondiElimina
  69. E' proprio vero che l'ironia è solo per le persone intelligenti!

    RispondiElimina
  70. Brava mic. Questi non si bevono solo le favole sulle torri gemelle minate dal mossad, ma anche la grande favola dell'islam moderato. L'Europa è sottoposta a un'invasione di fatto e si è pure disarmata. Lo sfratto di Innocenzo XI, per fare posto al papa che baciò il corano, è sintomatico, al di là delle intenzioni di chi lo ha disposto. L'islam è il nostro nemico mortale. Tirare in ballo secolarismo, mondializzazione, liberismo e persino diritti umani ogni volta che si tocca il tasto dell'islam e cambiare in questo modo l'oggetto dell'attenzione, equivale ad autoaccecarsi. La globalizzazione o la secolarizzazzione sono un problemae vanno affrontati. Ma l'islam è una minaccia mortale, ripeto mortale, e va contrastato con forza. Oggi la chiesa tiene verso l'islam la posizione che ieri teneva verso il nazismo: stigmatizzazione indiretta per evitare lo scontro frontale che costerebbe la vita ai milioni di cattolici DISCRIMINATI e PERSEGUITATI nei paesi islamici, dalla "modernissima" Turchia al Maghreb alla penisola araba ai paesi a maggioranta sciita. La chiesa non può che parlare di accoglienza e dialogo (per lo più a spese altrui, visto che di tendopoli in piazza San Pietro finora non se ne sono viste). Lo scontro, quando sarà il momento, lo dovranno sostenere gli stati. Mic ha ragione da vendere: la consapevolezza della propria identità, delle proprie radici, una consapevolezza che non si limiti a quattro formulette imparaticce da sindacalista militante degli anni Settanta, ma passi attraverso un serio percorso di conoscenza ed esperienza, è vitale. L'incapacità di cogliere la virulenza dell'islam e la minaccia che esso rappresenta per l'Occidente, per l'Europa e soprattutto per la Cristianità viene proprio da un deficit di consapevolezza.

    RispondiElimina
  71. E i preti che esaltano l'islam perchè ci vedono un mirabile esempio di corerenza teocratica sono così babbei che al campionato mondiale dei babbei arriverebbero secondi. E sono traditori della Fede, della Civiltà, del loro mandato e dei loro fratelli.

    RispondiElimina
  72. Dalla preghiera liturgica Vetus Ordo:
    "Ut inimicos Sanctae Ecclesiae humiliare digneris: Te rogamus, audi nos"
    Più cristiana di così...

    RispondiElimina
  73. E allora vai a vivere da loro!

    RispondiElimina
  74. Va là, che quando lo fanno loro quelli come te non fiatano. Ipocrita!

    RispondiElimina
  75. Chi l'ha detto?
    Il Papa lo dovrebbe scomunicare.

    RispondiElimina
  76. Caro ospite

    Uguaglianza e  fratellanza senza un Padre Celeste sono un inganno!

    Gesù ci ha fatto conoscere il Padre.

    RispondiElimina
  77. L'America ha grosse difficoltà economiche: per la disoccupazione, per il petrolio, per due o tre guerre in corso, ecc. L'amministrazione ha concluso di esibire ai suoi cittadini una vittoria che le rafforzi il consenso e la fiducia. Esattamente come stanno suggerengo le decine di film che sono usciti in questi anni sulle azioni di terrorismo, sulle invasioni aliene, sulla lotta alla corruzione mafiosa, sulle catastrofi naturali e cosmiche. La tesi è sempre la stessa: gli Americani sono i buoni e i bravi. Il mondo si deve fidare di loro che vincono sempre. Ovviamente la vittoria ha un prezzo: per avere pace e sicurezza bisogna dare più potere all'amministrazione, dentro e fuori gli Stati Uniti. Così la partita continua. Bisogna scoprire chi ha coperto e finanziato Bin Laden. Poiché Al Qaeda minaccia vendetta, bisogna rilanciare la guerra al terrorismo. Quindi bisogna aiutare le insurrezioni del Nord Africa e del Medio Oriente per portare la democrazia. Bisogna temperare le identità religiose eliminando i fanatismi degli integralismi di qualunque fede e favorire i temi di una nuova religione condivisa. Bisogna inventare nuovi mostri per ottenere più fiducia, più potere. Bisogna togliere le inutili piccole sovranità nazionali e creare un più vasto impero di tutti i buoni. Bisogna chiedere ai cittadini (prima agli americani, poi a tutti gli altri) di rinunciare un pochino ai beni di consumo, a troppe libertà... qualche sacrificio per la causa superiore.

    RispondiElimina
  78. Infatti, non dimentichiamo che Luigi XVI e i suoi predecessori si rifiutarono sistematicamente di consacrare la Francia al Sacro Cuore di Gesù come richiesto dalla Madonna alla Alacocque, e infatti la monarchia fu spazzata via e il re ghigliottinato!

    RispondiElimina
  79. Esatto, e si vede subito chi non è intelligente e pensa si tratti di ironia, così come pensa di essere intelligente

    RispondiElimina
  80. Si tratta di un perfetto, tragico esempio dell’insostenibile clima di intolleranza che viviamo in Pakistan. Chiediamo al governo, alle istituzioni, a tutto il paese, di riconoscere e affrontare con decisione tale questione, perché si ponga fine a questo stato di cose, in cui la violenza trionfa.

    Lawrence Saldanha, vescovo di Lahore sull'assassinio di Shahbaz Bhatti.

    RispondiElimina
  81. Siete dei talebani pseudocattolici. Grazie a Dio la Provvidenza ha deciso di disarmarvi, perché se aveste il potere che i talebani hanno in Pakistan e in Afghanistan, decretereste la morte del prossimo come se niente fosse, in nome delle quattro nozioncelle ideologiche che avete imparato come i compagni sessantottini imparavano il libro rosso di Mao.

    RispondiElimina
  82. Esatto, è incredibile che questi ammiratori della "coerenza" dei fanatici accusino il prossimo di viviere "comodamente" nell'occidente secolarizzato come se fosse una colpa e come se lo avessimo secolarizzato noi! Che ne sanno della nostra vita? "Comodamente". "ricchi" un par di cosidetti!  E vorrei vedere cosa fanno per la battaglia antiabortista tuti questi decantatori delle scimitarre maomettane. Siccome qua c'è l'aborto dobbiamo ammirare i maomettani dato che sono "coerenti". Così ammirevoli che da loro c'è "solo" la schiavitù, gli sgozzamenti, le donne trattate come bestie, la poligamia (il divorzio breve ce l'avevano da secoli prima di noi), i cristiani trucidati, e poi vuoi mettere la civiltà di chi mette le bombe nelle carrozzine dei neonati?

    RispondiElimina
  83. Non capisco questa scissione tra l'essere cristiani ed essere cittadini...questi temi ci preoccupano in quanto cristiani, non in quanto cittadini, la cittadinanza è una cosa senza creata dalla rivoluzione francese...l'uomo è innanzitutto creatura di Dio, non cittadino!

    RispondiElimina
  84. Anche quest'altro mito della sanità in mano allo stato. Volevo vedere quanti commenti ci volevano prima che qualcuno tirasse fuori quest'altra balla che se in America non  hai i soldi no ti cureno. Invece in Italia e in Europa le conosscete le statistiche della mortalità ospedaliera? Per non parlare di chi crepa perchè ci vogliono 10 mesi per una ecografia? E lo sapete che l80% delle tasse che pagate vanno a pagare questa bella sanità "gratuita"? Coi soldi che ci tolgono potremmo pagarci tutti una assicurazione privata e scegliere noi dove come quando e con chi curarci, altro che balle.

    Quanti americani vengono a frasi curare in Italia? ZERO e invece c'è la fila di Italiani ed europei vari, e non solo di miliardari, negli ospedali americani. Quante volte avrete raccolto i soldi per far curare qualcuno in America che qua non c'erra verso? Io tante. La sanità nazionalizzata è non a caso un pilastro del marxismo per creare dipendenza e sottomissione della gente verso lo stato. Gli ospedali e la sanità non gli ha inventati lo stato ma LA CIVILTA' CRISTIANA, le diocesi, le comunità locali, le confraternite e gli ordini cavallereschi, insomma GLI UOMINI LIBERI e non i burocrati. Lo stato si tolga di mezzo e si dedichi alle cose (poche) che gli competono: difesa interna ed esterna, soprattutto, che le nostre città fanno schifo e sono in mano ai delinquesti nostrani e stranieri, e poi non ci sono i soldi per pagare la benzina ai carabinieri che devono inseguire i rapinatori, perchè lorsignore sprecano i soldi di chi lavora per ministeri e burocrazine inutili e dannose distruggendo al proprietà e le famiglie.

    PENSATE PRIMA DI PARLARE!

    RispondiElimina
  85. se ti riferisci a me non ho sicsso proprio niente. Ho detto che oltre ad essere credenti siamo anche dei cittadini perché le creature di Dio hanno anche un compito temporale agganciato al Soprannaturale e il compito temporale sfocia nella Politica e quindi nell'esercizio della cittadinanza a tutti i suoi livelli. Ricordo la definizione di 'politica' come "attività della polis" che ci riguarda tutti e non è prerogativa solo dei governati. Quelli di ogg, poi, Dio ce ne scampi!...
    Nelle "attività della polis", possiamo includere anche la partecipazione d un blo come questo, ad esempio, sia quando approfondisce cose di Fede che quando si occupa, e giustamente, di quel che ci viene incontro nella storia...

    RispondiElimina
  86. <span>se ti riferisci a me non ho sicsso proprio niente. Ho detto che oltre ad essere credenti siamo anche dei cittadini perché le creature di Dio hanno anche un compito temporale agganciato al Soprannaturale e il compito temporale sfocia nella Politica e quindi nell'esercizio della cittadinanza a tutti i suoi livelli. Ricordo la definizione di 'politica' come "attività della polis" che ci riguarda tutti e non è prerogativa solo dei governati. Quelli di ogg, poi, Dio ce ne scampi!...  
    Nelle "attività della polis", possiamo includere anche la partecipazione d un blog come questo, ad esempio, sia quando approfondisce cose di Fede che quando si occupa, e giustamente, di quel che ci viene incontro nella storia...</span>

    RispondiElimina
  87. <span>se ti riferisci a me non ho scisso proprio niente. Ho detto che oltre ad essere credenti siamo anche dei cittadini perché le creature di Dio hanno anche un compito temporale agganciato al Soprannaturale e il compito temporale sfocia nella Politica e quindi nell'esercizio della cittadinanza a tutti i suoi livelli. Ricordo la definizione di 'politica' come "attività della polis" che ci riguarda tutti e non è prerogativa solo dei governati. Quelli di oggi, poi, Dio ce ne scampi!...    
    Nelle "attività della polis", possiamo includere anche la partecipazione ad un blog come questo, ad esempio, sia quando approfondisce cose di Fede che quando si occupa, e giustamente, di quel che ci viene incontro nella storia...</span>

    RispondiElimina
  88. Sinceramente io ho più paura di Israele, dei sionisti e degli ebrei fanatici che del supposto terrorismo islamico! Scusate la franchezza...ma è così.

    RispondiElimina
  89. per ora chi salta in aria è la povera gente in Afghanistan, in Palestina etc., con bombe cadute dal cielo

    RispondiElimina
  90. wow che figo! info di stampo militare! scusaci!!!

    RispondiElimina
  91. non sapevo che New York e Tel Aviv rappresentassero la continuità con "Roma Atene e Gerusalemme". MI informerò meglio da qualche fonte di stampo militare

    RispondiElimina
  92. Meglio invece essere senior fellow del centro Tocqueville dei cattolici liberali: questi invece hanno capito tutto. Soprattutto il magistero di Pio IX.

    RispondiElimina
  93. oh è sbarcata Alleanza Cattolica o Lepanto?

    RispondiElimina
  94. Se dicevi sul serio ti ho sopravvalutato: grosso errore, ahimè.

    RispondiElimina
  95. la realtà supera ogni fantasia. Comunque a falso beato corrisponde miracolo da propaganda, tout se tient

    RispondiElimina
  96. due osservazioni qualunque: la monarchia inglese del Settecento, con tutti i suoi mali, NON era una Monarchia assoluta. Era più o meno quello che è adesso. Secondo: che non elogiare il sistema americano sia conformismo planetario, è un'affermazione talmente coraggiosa che rasenta l'incoscienza. Poi è accecamento solo negare che gli Stati Uniti siano la colonna della Massoneria, di un diabolico governo mondiale che ha appunto fatto sì che l'Italia non sia più quella di Pio V e Alessandro Farnese, che occupa il nostro paese e l'Europa e ha favorito mille volte l'islamizzazione di interi paesi, oltre che l'arrivo qui di quelle masse arabe che tanto detestate

    RispondiElimina
  97. si può fare un post su questo?

    RispondiElimina
  98. Scusate ma quanti morti ha fatto il cosiddetto islam cattivo come lo chiamate voi? Gli stessi di Bush, di Obama, del nazismo, del fascismo e del comunismo? Guardiamoci in casa, siamo noi occidentali il vero problema! Di fronte a queste cose gli islamici fanno bene a prendersela con l'occidente, certo loro utilizzano la retorica anticristiana perché appartiene alla loro tradizione religiosa, ma diciamoci la verità...quanti cristiani ci sono ancora in occidente? Cristiani nel senso di appartenenti alla vera ed unica chiesa di Cristo (non quelle conciliari)? forse sono pochi milioni...
    E' inutlie che in un occidente completamente scristianizzato guardiamo all'Islam come un pericolo religioso, è una cosa che non ha senso di esistere, che non ci fa onore. Solo se rinneghiamo la rivoluzione francese possiamo parlare dell'Islam come un pericolo per l'occidente cristiano, ma se imputiamo all'Islam di volere attentare alla religione cristiana, quando i diritti umani hanno scalzato i diritti di Dio, quando la sovranità popolare ha scalzato la sovranità di Dio, quando l'ONU ha scalzato la Santa Sede, quando la rivoluzioni hanno distrutto la società cristiana, quando il culto dell'uomo ha scalzato il culto di Dio, allora siamo proprio dei fessi, che non sappiamo quello che diciamo. Per il cattolicesimo tradizionale l'Islam e l'ONU (intnedendo con questa sigla tutto il NWO nato dopo la II guerra mondiale) sono entità nocive alla pari, perchè non riconoscono la potestà di Cristo!

    RispondiElimina
  99. Ciao Pasqualino!
    Se sei disgustato nessuno ti obbliga a restare o sei masochista?

    RispondiElimina
  100. Ma guarda che io non decanto per niente le scimitarre maomettane. Semplicemente non ho una visione manichea del mondo: da una parte il Bene ( L'Occidente ed i suoi "valori")  e dall'altra il Male ( i Musulmani). I valori dell'Occidente sono in gran parte disvalori  agli occhi  dei musulmani. Bisogna anche capirli, sono poveri e pazzi. Quando si è poveri ci si aggrappa alla religione e la si brandisce come un'arma contro chi vive meglio e se la gode.

    RispondiElimina
  101. Non sapevo che i sovrani avessero la facoltà di consacrare qualcosa a qualcuno. Ma anche se fosse, dubito che le cose sarebbero andate diversamente.

    RispondiElimina
  102. Sì, infatti quelli che vanno in America,  che oggettivamente  è all'avanguardia in diversi ambiti scientifici,  sono  i ricchi, oppure i casi  umani che devono andare in televisione ad implorare la gente di dar loro i soldi per poter curare i loro figli.

    RispondiElimina
  103. Infatti noi non siamo come i terroristi islamici. Se fossimo realmente più civili, come crediamo di essere, allora non dovremmo comportarci come loro.

    RispondiElimina
  104. <span> Se fossimo realmente più civili, come crediamo di essere, allora non ci comporteremmo come loro. Non saremmo assetati di sangue e di vendetta.</span>

    RispondiElimina
  105. Grazie a questo colossale atto di Giustizia degli Americani, non colossale però quanto la gloriosa  guerra mossa a l'Iraq, aspettiamoci da un momento all'altro che i terroristi facciano esplodere qualche centrale nucleare. Siccome gli americani ora si proteggono meglio di prima, le centrali nuclerari esploderanno sotto i c..i europei.

    RispondiElimina
  106. Adesso talebani sono quelli che riconducono le cose al loro vero Principio.
    Libertà uguaglianza e fraternità, se non sono fondate in Dio, sono gusci vuoti e presto degenerano, come è sempre accaduto come accede oggi e come accadrà ancora se non sono fecondate dalla Salvezza di Cristo, che ci ri-costituisce nel Padre, con la dynamis del suo Spirito di Risorto.

    RispondiElimina
  107. <span>Adesso talebani sono quelli che riconducono le cose al loro vero Principio.  
    Libertà uguaglianza e fraternità, se non sono fondate in Dio, sono gusci vuoti e presto degenerano, come è sempre accaduto come accade oggi e come accadrà ancora se non sono fecondate dalla Salvezza di Cristo, che ci ri-costituisce nel Padre, con la dynamis del suo Spirito di Risorto.</span>

    RispondiElimina
  108. <span>Poi c'è Leone XIII, altro grande papa che come Benedetto non sposa - ovviamente - il modello USA in tutto e per tutto ma è un attimino più maturo e pacato nel giudizio. Modernista pure lui? lui che condannò l'errore "americanista" che ovviamente ha a che fare con la teologia e non con la Dichiarazione d'Indipendenza e la politica istituzionale?  
     
    <span>enciclica </span><span>Longinqua</span><span> (1895):</span>  


    http://www.vatican.va/holy_father/leo_xiii/encyclicals/documents/hf_l-xiii_enc_06011895_longinqua_en.html  
    <span>Nor, perchance did the fact which We now recall take place without some design of divine Providence. <span>Precisely at the epoch when the American colonies, having, with Catholic aid, achieved liberty and independence, coalesced into a constitutional Republic the ecclesiastical hierarchy was happily established amongst you; and at the very time when the popular suffrage placed the great [George] Washington at the helm of the Republic, the first bishop was set by apostolic authority over the American Church. The well-known friendship and familiar intercourse which subsisted between these two men seems to be an evidence that the United States ought to be conjoined in concord and amity with the Catholic Church. And not without cause; for without morality the State cannot endure-a truth which that illustrious citizen of yours, whom We have just mentioned, with a keenness of insight worthy of his genius and statesmanship perceived and proclaimed</span>. <span>But the best and strongest support of morality is religion</span>.</span>
    <span>[...]</span>
    <span>5. <span>That your Republic is .progressing and developing by giant strides is patent to all; and this holds good in religious matters also</span>.</span>
    </span>

    RispondiElimina
  109. E chi ha detto che è un idiota. Si è solo detto che ha scritto un'idiozia. Come d'altronde hai appena fatto tu.

    RispondiElimina
  110. <span><span><span>Poi c'è Leone XIII, altro grande papa che come Benedetto non sposa - ovviamente - il modello USA in tutto e per tutto ma è un attimino più maturo e pacato dei blondettisti nel giudizio. Modernista pure lui? lui che condannò l'errore "americanista" che ovviamente ha a che fare con la teologia e non con la Dichiarazione d'Indipendenza e la politica istituzionale?    
       
    <span>enciclica </span><span>Longinqua</span><span> (1895):</span>    
     
     
    http://www.vatican.va/holy_father/leo_xiii/encyclicals/documents/hf_l-xiii_enc_06011895_longinqua_en.html    
    <span>Nor, perchance did the fact which We now recall take place without some design of divine Providence. <span>Precisely at the epoch when the American colonies, having, with Catholic aid, achieved liberty and independence, coalesced into a constitutional Republic the ecclesiastical hierarchy was happily established amongst you; and at the very time when the popular suffrage placed the great [George] Washington at the helm of the Republic, the first bishop was set by apostolic authority over the American Church. The well-known friendship and familiar intercourse which subsisted between these two men seems to be an evidence that the United States ought to be conjoined in concord and amity with the Catholic Church. And not without cause; for without morality the State cannot endure-a truth which that illustrious citizen of yours, whom We have just mentioned, with a keenness of insight worthy of his genius and statesmanship perceived and proclaimed</span>. <span>But the best and strongest support of morality is religion</span>.</span>  
    <span>[...]</span>  
    <span>5. <span>That your Republic is .progressing and developing by giant strides is patent to all; and this holds good in religious matters also</span>.</span>  
    </span></span>Today, 15:38:29<span><span>– </span>Mi piace</span><span><span> – </span>Reply</span><span><span> – </span>Delete</span></span>

    RispondiElimina
  111. No, salta in aria con bombe piazzate dai teocratici nei mercati, davanti alle chiese e alle moschee della parte avversa. Adesso vedrete che qualche buffone si farà avanti a dire che Arrigoni l'ha ammazzato la Cia. Aprite i vostri occhi!

    RispondiElimina
  112. Che cavolo ne sai tu? Magari è un militare di carriera!

    RispondiElimina
  113. Sono dei fottutissimi ipocriti, che fanno free riding sulle libertà messe loro a disposizione dagli ordinamenti democratici occidentali. Di loro si può dire quello che ne "Gli adelphi della dissoluzione" Blondet diceva dei neopagani da salotto: esaltano le truculenze di altri tempi o di altri luoghi solo perché possono contemplarle dal ventre placido e opulento dell'Occidente.

    RispondiElimina
  114. <span>Questi ammiratori della "coerenza" dei fanatici, sono solo dei fottutissimi ipocriti, che fanno free riding sulle libertà messe loro a disposizione dagli ordinamenti democratici occidentali. Di loro si può dire quello che ne "Gli adelphi della dissoluzione" Blondet diceva dei neopagani da salotto: esaltano le truculenze di altri tempi o di altri luoghi solo perché possono contemplarle dal ventre placido e opulento dell'Occidente.</span>

    RispondiElimina
  115. Rileggiti il De monarchia, ignorante!

    RispondiElimina
  116. Eh già, non è mai esistito. Infatti i taliban che stanno sfilando per il Pakistan con le sue gigantografie, esaltandolo come un martire, sono delle controfigure e i filmati sono girati a Hollywood. Oppure sono degli spiritisti che stanno esaltando un fantasma. L'anima di Bin Landen non avrà pace, perché è nera come quella di qualsiasi criminale, oltre a essere l'anima di un infedele.

    RispondiElimina
  117. Certo, e tu farai una bella festa con i tuoi amici in turbante! Quelli come te andrebbero espulsi dall'Europa ed esiliati in Pakistan.

    RispondiElimina
  118. <span>Bisogna anche capirli, sono poveri e pazzi. Quando si è poveri ci si aggrappa alla religione e la si brandisce come un'arma contro chi vive meglio e se la gode</span>

    A parte che il terrorismo non ha giustificazioni e quindi mi rifiuto di "capirli", poveri un corno! Bin Laden era miliardario, e i dirigenti terroristi sono tutti ricchi altolocati. E non solo i dirigenti: i criminali dell 11 settembre erano quasi tutti poliglotti di famiglie ricche che avevano studiato in università occidentali, con i costi relativi. L'Iran galleggia sul petrolio (e fa la fame lo stesso perchè il socialismo, tanto più se islamico, non funziona) e così buona parte dei paesi che negano diritti ai cristiani e ai non maomettani in genere.

    Questa storiella del "nuovo proletariato" islamico l'hanno tirata fuori i secolaristi antioccidentali (e quindi anticristiani) delle università in mano ai comunisti. E' la tesi di Tony Negri, degli "esperti" ONU e di tutta la gentaglia che tiene in piedi la dittatura del relativismo e che si illude che i maomettani gli aiuteranno a sconfiggere il "grande satana"  americano, "imperialista" e "colonialista" e quanto resta dell'Europa, che comunque si suicida da sola, salvo poi protestare se l'america non la tira fuori dai guai.

    Lo stesso in Yugoslavia, crisi nel cortile di casa nostra: prima gli americani erano accusati di non intervenire perchè non c'è petrolio da quelle parti. poi sono intervenuti e allora tutti a strillare "imperialisti, imperialisti" come comunistelli fuori corso a Lettere degli anni 70. Ma che dovessimo fare qualcosa noi da soli se non ci sta bene come la fanno gli americani, non viene in mente a nessuno? E' questa ideologia della vittimizzazione che bisogna smontare: le condizioni degli stati sono la conseguenza del tneore morale degli uomini: l'Europa cristiana non è finita perchè c'erano battaglioni di massoni a cospirare in ogni anfratto, ma perchè non era più cristiana come prima. Il male è forte solo della debolezza del bene. I popoli islamici non sono pezzenti per colpa dell'imperialismo, ma semplicemente perchè quando non hanno più potutto fare il califfato e depredare il mondo, sono caduti in rovina, perchè la "civiltà" islamica è, semplicemente, una barbarie.

    Ma a noi la Cappella Sistina, le cattedrali, la tecnologia, il diritto, ce lo hanno fornito bello e pronto le missioni dei caschi blu o ci siamo fatti un mazzo tanto per costruire la Cristianità, "provando e riprovando" e con la grazia di Dio (quello vero, però)?

    RispondiElimina
  119. <span><span>"Bisogna anche capirli, sono poveri e pazzi. Quando si è poveri ci si aggrappa alla religione e la si brandisce come un'arma contro chi vive meglio e se la gode</span> "
     
    A parte che il terrorismo non ha giustificazioni e quindi mi rifiuto di "capirli", poveri un corno! Bin Laden era miliardario, e i dirigenti terroristi sono tutti ricchi altolocati. E non solo i dirigenti: i criminali dell'11 settembre erano quasi tutti poliglotti di famiglie ricche che avevano studiato in università occidentali, con i costi relativi. L'Iran galleggia sul petrolio (e fa la fame lo stesso perchè il socialismo, tanto più se islamico, non funziona) e così buona parte dei paesi che negano diritti ai cristiani e ai non maomettani in genere.  
     
    Questa storiella del "nuovo proletariato" islamico l'hanno tirata fuori i secolaristi antioccidentali (e quindi anticristiani) delle università in mano ai comunisti. E' la tesi di Tony Negri, degli "esperti" ONU e di tutta la gentaglia che tiene in piedi la dittatura del relativismo e che si illude che i maomettani li aiuteranno a sconfiggere il "grande satana"  americano, "imperialista" e "colonialista" e quanto resta dell'Europa, che comunque si suicida da sola, salvo poi protestare se l'America non la tira fuori dai guai.  Vedi in Yugoslavia negli anni '90, una crisi nel cortile di casa nostra: prima gli americani erano accusati di non intervenire perchè non c'è petrolio da quelle parti. Poi sono intervenuti e allora tutti a strillare "imperialisti, imperialisti" come comunistelli fuori corso a Lettere degli anni 70. Ma che dovremmo fare qualcosa noi da soli  e rischiare la ghirba se non ci sta bene come lo fanno gli americani, non viene in mente a nessuno? E' questa ideologia della vittimizzazione che bisogna smontare: le condizioni degli stati sono la conseguenza del tenore morale degli uomini: l'Europa cristiana non è finita perchè c'erano battaglioni di massoni a cospirare in ogni anfratto, ma perchè non era più cristiana come prima. Il male è forte solo della debolezza del bene. I popoli islamici non sono pezzenti per colpa dell'imperialismo, ma semplicemente perchè quando non hanno più potuto fare il califfato e depredare il mondo - GRAZIE A MIGLIAIA DI ITALIANI MORTI NEL MEDITERRANEO PER SECOLI - sono caduti in rovina, perchè la "civiltà" islamica è, semplicemente, una barbarie.  
     
    Ma a noi la Cappella Sistina, le cattedrali, la tecnologia, il diritto, ce l'hanno forniti belli e pronti le missioni dei caschi blu o ci siamo fatti un mazzo tanto per costruire la Cristianità, "provando e riprovando" e con la grazia di Dio (quello vero, però)?</span>

    RispondiElimina
  120. Diciamo che Benedetto XVI e Leone XIII, pur parlando dello stesso argomento e toccando gli stessi punti, dicono cose anche molto diverse tra di loro in merito agli USA. Per esempio Benedetto XVI, riferendosi al viaggio in USA ha esaltato l'idea illuministica e massononica dello stato laico, definendola addirittura come sana, sostenendo inoltre la legittimità della libertà di coscienza e di religione:

    Nell’incontro con il Signor Presidente nella sua residenza, ho avuto modo di rendere omaggio a quel grande Paese, che fin dagli albori è stato edificato sulla base di una felice coniugazione tra principi religiosi, etici e politici, e che tuttora costituisce un valido esempio di sana laicità, dove la dimensione religiosa, nella diversità delle sue espressioni, è non solo tollerata, ma valorizzata quale “anima” della Nazione e garanzia fondamentale dei diritti e dei doveri dell’uomo. [...]

    Invece Leone XIII, che fortunatamente non doveva dimostrare a nessuno di essere in continuità con la chiesa modernista del vaticano II, diceva ai vescovi statunitensi, nella Longiqua Oceani, che:


    <p>presso di voi grazie alla buona costituzione dello Stato, poiché la Chiesa non è ostacolata dai vincoli di alcuna legge, è difesa contro la violenza del diritto comune e dall’equità dei giudizi, ha ottenuto la libertà garantita di vivere e di agire senza impedimento. Tutte queste osservazioni sono vere; bisogna però guardarsi da un errore: che da ciò non si inferisca che la migliore situazione per la Chiesa è quella che c’è in America, oppure che è sempre concesso e utile separare e disgiungere i principi degli affari civili e quelli degli affari sacri come in America. […] Infatti, se la religione cattolica è tenuta in onore presso di voi, se essa è prospera, se si è anche sviluppata, bisogna interamente attribuirlo alla fecondità divina della quale gode la Chiesa che, quando nessuno le si oppone, quando nulla la ostacola, si espande da sola e si diffonde; tuttavia essa produrrebbe ancora molti più frutti se godesse non solo della libertà, ma anche del favore delle leggi e della protezione dei pubblici poteri.
    </p><p> 
    </p>

    RispondiElimina
  121. Leone XIII e Benedetto XVI, pur riferendosi entrambi agli USA, hanno anche delle opinioni differenti e divergenti. Infatti Ratzinger, esaltando l’idea illuministica e massonica della laicità dello stato nonché il principio della libertà religiosa afferma che:

    Nell’incontro con il Signor Presidente nella sua residenza, ho avuto modo di rendere omaggio a quel grande Paese, che fin dagli albori è stato edificato sulla base di una felice coniugazione tra principi religiosi, etici e politici, e che tuttora costituisce un valido esempio di sana laicità, dove la dimensione religiosa, nella diversità delle sue espressioni, è non solo tollerata, ma valorizzata quale “anima” della Nazione e garanzia fondamentale dei diritti e dei doveri dell’uomo.
    http://www.vatican.va/holy_father/benedict_xvi/audiences/2008/documents/hf_ben-xvi_aud_20080430_it.html

    Invece Leone XIII, nella Longiqua Oceani, rivolgendosi ai vescovi statunitensi dice che

    presso di voi grazie alla buona costituzione dello Stato, poiché la Chiesa non è ostacolata dai vincoli di alcuna legge, è difesa contro la violenza del diritto comune e dall’equità dei giudizi, ha ottenuto la libertà garantita di vivere e di agire senza impedimento. Tutte queste osservazioni sono vere; bisogna però guardarsi da un errore: che da ciò non si inferisca che la migliore situazione per la Chiesa è quella che c’è in America, oppure che è sempre concesso e utile separare e disgiungere i principi degli affari civili e quelli degli affari sacri come in America. […] Infatti, se la religione cattolica è tenuta in onore presso di voi, se essa è prospera, se si è anche sviluppata, bisogna interamente attribuirlo alla fecondità divina della quale gode la Chiesa che, quando nessuno le si oppone, quando nulla la ostacola, si espande da sola e si diffonde; tuttavia essa produrrebbe ancora molti più frutti se godesse non solo della libertà, ma anche del favore delle leggi e della protezione dei pubblici poteri.

    RispondiElimina
  122. Infatti come sostiene Pio XII

    può essere interessante e anche sorprendente per la Storia riscontrare negli Stati Uniti un esempio, fra altri, della maniera in cui la Chiesa riesce a fiorire nelle situazioni più disparate. [Tuttavia, n.d.a.] Lo storico non dovrà dimenticare che, se la Chiesa e lo Stato conobbero ore e anni di lotta, ci furono, da Costantino il Grande fino all’epoca contemporanea, e anche recente, periodi tranquilli, sovente prolungati, durante i quali essi collaborarono in una totale comprensione all’educazione delle stesse persone. La Chiesa non nasconde che considera in linea di principio questa collaborazione normale, e che ritiene un ideale del popolo nella vera religione e l’unanimità d’azione tra essa e lo Stato.
    (Pio XII, Discorso al X cngresso internazionale di scienze storiche, 7 settembre 1955)

    Dunque la societas christiana e quindi la dottrina tradizionale della Chiesa suggeriscono un'unione tra la Chiesa e lo stato, se non addirittura uno stato sottoposto all'autorità divina della Chiesa, tutto il contrario rispetto alla laicità, alla libertà religiosa o all’indifferentismo religioso. Questi sono tutti principi massonici e a buona ragione Leone XIII dice che l'indifferentismo è l'ateismo meno il nome!

    RispondiElimina
  123. Perchè esiste un cattolicesimo non integralista? Un cattolicesimo dove si può seguire qualche comandamento, ma non tutti, dove si può servire Dio dopo la politica, gli affari, i piaceri personali, i propri comodi? Un cattolicesimo della domenica non applicabile alla vita? Siamo talebani, ma perchè facciamo violenza a noi stessi per poter essere simili a Gesù che non disdegnò la sofferenza e la morte per obbedire al Padre suo. Da cosa vedi caro ospite, che Dio ci ha disarmati? Dio ci arma continuamente con la sua grazia non meritata, altrimenti a quest'ora saremo atei, o al più buddisti.

    RispondiElimina
  124. Inoltre approposito della esaltazione da parte di Benedetto XVI della libertà e della democrazia popolare di cui si fa araldo il popolo americano, si vada a leggere quanto dice Leone XIII nelle encicliche "Libertas" ed "Immortale Dei", ovvero tutto il contrario! Possibile che in poco più di cento anni la dottrina sia sottoposti a tali cambiamenti, non è cambiata nei duemila anni precedenti, perchè proprio in quest'ultimo secolo? L'abominio è giunto nei luoghi più santi?

    RispondiElimina
  125. Strana cognizione della grazia divina caro ospite, se pensi che nella debolezza e nella sofferenza Dio ci abbandoni, è proprio quando al mondo sembriamo più deboli, o disarmati,che in realtà Dio ci arma delle armi più efficaci, quelle che non ci portano alla disperazione, quelle che ci fanno vedere la luce anche nel buio totale. Dici poco? Non siamo disarmati, rimaniamo bassi, perchè è quando ci si erge troppo in alto che poi si fanno i tonfi più roboanti. Attenzione al botto finale!

    RispondiElimina
  126. Io non ammiro un bel niente e non esalto alcuna truculenza. Sono quelli come te che si riempiono la bocca di parole come " Giustizia" quando viene ammazzata gente senza nemmeno processarla, forse, a legittimare certi atti truculenti. Io cerco solo di mettermi nei panni di coloro che odiano l'Occidente, cerco di capire il perché del loro rancore. Non li ritengo nè vittime nè carnefici. Non è certo con le bombe che si elimina l'odio. E modera il linguaggio, maleducato.

    RispondiElimina
  127. Ah, ho dimenticato di consultare gli atti del Magistero ed i Sacri Testi Liturgici approvati da Sua Santità Dante Alighieri. E tu, ospite che ti nascondi, senza avere il coraggio di scrivere uno scraccio di nickname, sei sempre un GRAN MALEDUCATO.

    RispondiElimina
  128. Te lo dico senza ironia: tu mi preoccupi, scrivi come un esaltato.

    RispondiElimina
  129. Invece tu sei un'anima bianca, pura e luminosa. Potremmo utilizzare lo splendore della tua anima per risolvere il problema delle fonti energetiche alternative al nucleare. Sei fonte di energia pulita :)

    RispondiElimina
  130. E tu modera le scemenze, malvissuto.

    RispondiElimina
  131. E tu un GRAN MALVISSUTO.

    RispondiElimina
  132. Fai bene a preoccuparti.

    RispondiElimina
  133. perchè in questo secolo?
    non a caso S. Pio X volle introdurre il giuramento anti modernista, a baluardo della Fede di tutto il clero, come leggo in questa rievocazione , dove si ricorda il Convegno tenuto a Roma nel 2007, in occasione del centenario, con l'intervento illustre del prof . <span>Roberto de Mattei, che ricordava:</span>
    <span><span>"</span>Con il decreto del 1° settembre 1907, il Papa impose il "giuramento antimodernista": f<span>u un colpo mortale a questa corrente di pensiero che, caduta nel dimenticatoio per oltre cinquant’anni</span>, riemerse come un fiume carsico soltanto a cavallo del Concilio Vaticano II”, ....</span>
    <span></span>
    -------------------- come tanti cattolici mi chiedo: perchè è stato abolito a partire dal concilio ? per difendere meglio la Chiesa  dalle eresie e dai nemici interni ed esterni ?Sarebbe tutto da rileggere, e illuminante sui nostri tempi, per chi non l'ha mai letto, soprattutto i sacerdoti odierni, che ion seminario si formano non su s.Tommaso e i padri della Chiesa, ma su Marx. Lutero, Freud & affini......Monumentale dichiarazione di fedeltà di un Papa, esempio e monito per i successori,  culmina così nella parte finale :"Mantengo pertanto e fino all'ultimo respiro manterrò la fede dei padri nel carisma certo della verità, che è stato, è e sempre sarà nella successione dell'episcopato agli apostoli , non perché si assuma quel che sembra migliore e più consono alla cultura propria e particolare di ogni epoca, ma perché la verità assoluta e immutabile predicata in principio dagli apostoli non sia mai creduta in modo diverso né in altro modo intesa .<span>Mi impegno ad osservare tutto questo fedelmente, integralmente e sinceramente e di custodirlo inviolabilmente senza mai discostarmene né nell'insegnamento né in nessun genere di discorsi o di scritti.Così prometto, così giuro, così mi aiutino Dio e questi santi Vangeli di Dio.</span>

    RispondiElimina
  134. <span>perchè in questo secolo?  
    non a caso S. Pio X volle introdurre il giuramento anti modernista, a baluardo della Fede di tutto il clero, come leggo in questa rievocazione , dove si ricorda il Convegno tenuto a Roma nel 2007, in occasione del centenario, con l'intervento illustre del prof . <span>Roberto de Mattei, che ricordava:</span>  
    <span><span>"</span>Con il decreto del 1° settembre 1907, il Papa impose il "giuramento antimodernista": f<span>u un colpo mortale a questa corrente di pensiero che, caduta nel dimenticatoio per oltre cinquant’anni</span>, riemerse come un fiume carsico soltanto a cavallo del Concilio Vaticano II”</span> 
    -------------------- </span>
    <span>come tanti cattolici mi chiedo: perchè è stato abolito a partire dal concilio ? per difendere meglio la Chiesa  dalle eresie e dai nemici interni ed esterni ? Sarebbe tutto da rileggere, e illuminante sui nostri tempi, per chi non l'ha mai letto, soprattutto i sacerdoti odierni, che in seminario si formano non su s.Tommaso e i padri della Chiesa, ma su Marx. Lutero, Freud & affini (così lamentò l'amico di Paolo VI, Jean Guitton, già negli anni '70)</span>
    <span>......Monumentale dichiarazione di fedeltà di un Papa, esempio e monito per i successori,  culmina così nella parte finale : </span>
    <span>"Mantengo pertanto e fino all'ultimo respiro manterrò la fede dei padri nel carisma certo della verità, che è stato, è e sempre sarà nella successione dell'episcopato agli apostoli , non perché si assuma quel che sembra migliore e più consono alla cultura propria e particolare di ogni epoca, ma perché la verità assoluta e immutabile predicata in principio dagli apostoli non sia mai creduta in modo diverso né in altro modo intesa . </span>
    <span><span>Mi impegno ad osservare tutto questo fedelmente, integralmente e sinceramente e di custodirlo inviolabilmente senza mai discostarmene né nell'insegnamento né in nessun genere di discorsi o di scritti. </span></span>
    <span><span>Così prometto, così giuro, così mi aiutino Dio e questi santi Vangeli di Dio."</span></span>

    RispondiElimina
  135. Redazione

    qui si espongono opinioni o vige la libertà di insulto e minaccia ?

    RispondiElimina
  136. Ospite delle 9:09, dato il tempo trascorso, non mi sarei scomodato a risponderle se non fosse stato per il suo attacco personale, per il suo tono sprezzante, per i suoi insulti, per le sue volgari accuse (io sarei allievo della "storiografia comunista e laicista"? ma lei che ne sa di me, della mia storia personale e politica? che ne sa della mia conoscenza dell'inglese - dimostrando peraltro, solo con questo, un infantile provincialismo?) Nel merito, non intendo perdere tempo con lei. Preferisce la massonica e illuministica nascente repubblica rispetto all'Europa "ancien regime" che conservava non poche vestigia tradizionali, pur nel deprecabile assolutismo? Fatti suoi, ma non s'imbarchi in risibili elucubrazioni sul "diritto naturale" quale base del nascente stato. Questo era il wishful thinking di Russel Kirk e di altri "conservatori" della sua specie, contraddetti dai fatti e dalla storia. Gli Stati Uniti portano fin dall'origine la tabe egualitaria, mercantile, antigerarchica e antiaristocratica che, anche oggi, è la sua cifra principale, come dimostrano i suoi atti, recenti e meno recenti. Per favore, lasci stare il giansenismo, che impestò poche elite ma non il "corpo" della civiltà cristiana di allora e non si abbandoni a improbabili analisi sulle sue eredità odierne.
    Vuole giocare al piccolo Jefferson, con Franklin e Monticello e i Federalist Papers e Hamilton?. Si diverta pure, anzi ci aggiunga anche, per arrivare a giorni più vicini a noi, Roosvelt (Franklin D.) e Barry Goldwater e William Buckley Jr e la National Review e, già che vanno tanto di moda, anche i Navy Seal. Giochi pure con tutti questi paraphernalia di uno pseudoconservatorismo che, invece, è solo la destra acchiappagonzi della Rivoluzione. Destra  assai improbabile (la vera Destra è ben altro), Rivoluzione certamente. Io mi tengo la nostra cultura,  la nostra Tradizione e la nostra storia: quella della Grecia, di Roma e dell'Europa cristiana che nel profondo Iowa, secondo lei, conoscono certamente così bene.

    RispondiElimina
  137. Io non voglio rispondere alle tue gratuite provocazioni. Tanto, sappiamo tutti chi sei. A me fai solo tenerezza.

    RispondiElimina
  138. Io spero soltanto che questo ospite così arrogante e pieno di livore non sia un prete, perchè la sua correzione così poco fraterna rivela un cuore vendicativo e distruttore.

    RispondiElimina
  139. Per radazione:

    <span>mi sembra</span> che Un vs. utente  subisca per le sue opinioni, dopo gli insulti, anche le minacce, neanche tanto velate.

    E' tutto normale ?

    RispondiElimina
  140. Vedi che abbiamo qualcosa in comune. Anch'io provo per te un'infinita tenerezza. E anche un'infinità pietà.

    RispondiElimina
  141. I molti anni passati alla tua scuola l'hanno resa così candida......

    RispondiElimina

AVVISO AI LETTORI: Visto il continuo infiltrarsi di lettori "ostili" che si divertono solo a scrivere "insulti" e a fare polemiche inutili, AVVISIAMO CHE ORA NON SARANNO PIU' PUBBLICATI COMMENTI INFANTILI o PEDANTI. Continueremo certamente a pubblicare le critiche ma solo quelle serie, costruttive e rispettose.
La Redazione