Post in evidenza

Ora puoi... aiutare MiL

Se volete aiutare e sostenere MiL, potete fare una donazione anche piccola.   Ricordiamo ai nostri lettori infatti che MiL si sostiene solo ...

lunedì 9 gennaio 2023

NOSTRE INFORMAZIONI di mons. Eleuterio Favella: la Costituzione Apostolica «In galeram» #benedettoxvi

Per tramite del suo segretario diacono Ambrogio Fidato abbiamo ricevuto la seguente informazione ex Aedibus da S.E.R. Mons. Eleuterio Favella
La comunicazione segue alla notizia della pubblicazione (in libreria dal 12 gennaio) del libro Nient’altro che la Verità (Piemme Editori, 2023), scritto da mons. Georg Gänswein, già segretario particolare del Sommo Pontefice Benedetto XVI ed attuale Prefetto della casa pontificia (QUI e QUI alcune anticipazioni su MiL).
Grati a Sua Eccellenza Reverendissima  imploriamo la sua augusta benedizione.

L.V.

NOSTRE INFORMAZIONI

La Segreteria di Stato, con nota diffusa oggi pomeriggio dalla Sala Stampa della S. Sede, ha anticipato che domattina entrerà in vigore la Cost. Ap. «In galeram», promulgata stamane, con cui il S. Padre, nell’onnicomprensivo disegno di salutifere e messianiche riforme della Curia Romana, ha disposto, con effetto retroattivo dal 31 ultimo scorso per la salvezza del popolo cristiano, la tutela dell’ecclesiastica disciplina e la difesa della dottrina cattolica, la reviviscenza della Sacra Congregazione dell’Indice e, contestualmente, dell’Indice dei Libri Proibiti, in deroga suprema ed assoluta alla vasta messe di normativa del Concilio Vaticano II, nonché del Breve Ap. «Albicoelestis pontificatus» con cui ha ordinato al nominando Prefetto della mentovata Sacra Congregazione (attualmente riservato «in pectore»), di inserire «nunc pro tunc» nel prefato indice, il libro «Nient’altro che la verità» di G. Gänswein - S. Gaeta, ed. Piemme (2023) nei confronti del quale saranno adottati i provvedimenti canonici a norma del diritto.


Nessun commento:

Posta un commento

AVVISO AI LETTORI: Visto il continuo infiltrarsi di lettori "ostili" che si divertono solo a scrivere "insulti" e a fare polemiche inutili, AVVISIAMO CHE ORA NON SARANNO PIU' PUBBLICATI COMMENTI INFANTILI o PEDANTI. Continueremo certamente a pubblicare le critiche ma solo quelle serie, costruttive e rispettose.
La Redazione