Post in evidenza

Ora puoi... aiutare MiL

Se volete aiutare e sostenere MiL, potete fare una donazione anche piccola.   Ricordiamo ai nostri lettori infatti che MiL si sostiene solo ...

venerdì 30 dicembre 2022

"Assassinio nella Cattedrale" (1958): il martirio di S. Tommaso Becket di Canterbury in un'opera di Eliot - Pizzetti

Ieri la Chiesa ha ricordato il martire S. Tommaso di Canterbury che 
fu sgozzato nella sua cattedrale, fra le grida di terrore del clero e dei fedeli, il 29 dicembre 1170, a opera di quattro sicari inviati dal re d’Inghilterra Enrico II (il santo arcivescovo era colpevole di non essersi piegato alle pretese cesaropapiste del sovrano). 

Il grande Thomas Stearns Eliot (1888-1965), americano ma naturalizzato inglese, convertito all’anglo-cattolicesimo, si ispirò alla vicenda per uno dei capolavori della letteratura novecentesca, il dramma “Murder in the Cathedral”, rappresentato per la prima volta nel 1935.

Il compositore Ildebrando Pizzetti ne trasse il libretto per l’opera “Assassinio nella cattedrale” e lo musicò con intensa emozione (1958), attingendo a esiti di forte spiritualità.

L’emozione si fa angosciosa nel momento in cui – nella scena che precede immediatamente il martirio – un coro di preti dietro le quinte intona la sequenza dei morti, il “Dies irae”; e intanto il Coro femminile in scena si abbandona a immagini (della morte e dell’inferno) che fanno davvero tremare.

Qui per leggere alcune scene (con riferimenti proprio alla liturgia antica) e vedere un breve video.  

1 commento:

  1. Ogni tanto buttate un occhio anche sulla vostra pagina facebook però. Sono già partiti commenti deliranti circa i prossimi funerali di Benedetto XVI. Tra dietrologi e complottisti, si sono aperte le cateratte.

    RispondiElimina

AVVISO AI LETTORI: Visto il continuo infiltrarsi di lettori "ostili" che si divertono solo a scrivere "insulti" e a fare polemiche inutili, AVVISIAMO CHE ORA NON SARANNO PIU' PUBBLICATI COMMENTI INFANTILI o PEDANTI. Continueremo certamente a pubblicare le critiche ma solo quelle serie, costruttive e rispettose.
La Redazione