martedì 19 marzo 2013

Ottobre 2013: nuovo Pellegrinaggio tradizionale internazionale: La famiglia "Summorum Pontificum" torna a Roma, a conclusione dell'Anno della Fede

Torna la S. Messa in rito antico a San Pietro: il prossimo sabato 26 ottobre, in occasione della conclusione dell'Anno della Fede. Organizzato dal CISP, sarà il II pellegrinaggio tradizionale internazionale, dopo quello del 2012 (1°-3 novembre).
Complimenti vivissimi agli organizzatori del CISP e... avanti così! A presto!

fonte: il sito ufficiale del CISP una Cum Papa nostro 


- AGGIORNAMENTO al 08.09.2013: Sarà il Card. Castrillón Hoyos a celebrare la S. Messa in San Pietro sabato 26 ottobre alle ore 11:00

- AGGIORNAMENTO al 19.08.2013: Precisazioni del CISP sulla Messa antica in Vaticano


- NOVITA' di Maggio 2013: 
su Facebook c'è la pagina ufficiale/web site del Pellegrinaggio "Populus Summorum Pontificum"
Roberto


Papa Francesco prega all'altare di San Pio V, nella basilica di S. Maria Maggiore

Ottobre 2013

IL POPOLO SUMMORUM PONTIFICUM TORNA A ROMA A CONCLUSIONE DELL'ANNO DELLA FEDE 

Dopo il fecondo successo spirituale del pellegrinaggio 2012, il popolo Summorum Pontificum torna a Roma per far risplendere la perenne giovinezza della liturgia tradizionale presso la tomba dell’Apostolo, il Cœtus Internationalis Summorum Pontificum (CISP) è lieto di annunciare che chiuderà l'Anno della Fede con una peregrinatio Ad Petri Sedem. 
Il CISP intende così partecipare all’armonia e all'edificazione della Chiesa universale, nella docilità all’azione dello Spirito Santo.
Il pellegrinaggio si terrà da giovedì 24 a domenica 27 ottobre 2013, e la sua organizzazione è stata avviata già da alcuni mesi, aderendo all’incoraggiamento a “seguir adelante” (andare avanti) calorosamente indirizzato al CISP dal Cardinale Canizares Lovera, Prefetto della Congregazione del Culto Divino, al termine del pontificale del 3 novembre. Lo scorso 14 marzo, il Cardinale Comastri, Arciprete della Basilica di San Pietro, ha comunicato la disponibilità della basilica il prossimo sabato 26 ottobre 2013, ore 11, per la celebrazione solenne, ritomomento culminante del pellegrinaggio.
Il CISP ringrazia il Card. Comastri per la sua benevolenza e invita tutti i gruppi che curano la celebrazione della Santa Messa nella forma straordinaria del rito romano a prepararsi sin d’ora con la preghiera al pellegrinaggio, e a sostenerne attivamente l’organizzazione, affinché tutti i sacerdoti, i religiosi, i seminaristi e i fedeli legati alla liturgia tradizionale possano convenire numerosi a Roma a dimostrare il loro amore per la Chiesa e la sede di Pietro.
Il CISP, costituito nel luglio dello scorso anno per l’organizzazione del pellegrinaggio del 2012, è oggi guidato da un comitato composto dal Cons. Giuseppe Capoccia, Delegato Generale, da Guillaume Ferluc, Segretario Generale, e da Don Claude Barthe, Cappellano. Il Cons. Capoccia succede al Cons. Riccardo Turrini Vita, nominato il 31 dicembre scorso Giudice della Corte d’Appello dello Stato della Città del Vaticano. 
Contatto: +39 366 70 46 023 / cisp@mail.com
http://unacumpapanostro.com

*

ENGLISH October 2013
 THE PEOPLE OF SUMMORUM PONTIFICUM BACK IN ROME 
FOR THE YEAR OF FAITH CLOSING CEREMONIES 
The Cœtus Internationalis Summorum Pontificum (CISP) gladly announces that it will end the Year of Faith just as it had begun it: with a pilgrimage Ad Petri Sedem (to the See of Peter).
Following the 2012 pilgrimage’s spiritual success, the people of Summorum Pontificum are once again meeting in Rome to bear witness to the traditional liturgy’s eternal youth at the Apostle’s Tomb. The CISP thus means to contribute to the harmony and building up of the universal Church, while remaining docile to the action of the Holy Ghost.
In order to respond to the encouragement to “seguir adelante” (keep forging ahead) on the part of Cardinal Cañizares Llovera, Prefect of the Congregation for Divine Worship, at the end of the November pilgrimage, the CISP early in 2013 had asked St. Peter’s Basilica’s archpriest, Cardinal Angelo Comastri, for access to the Basilica. This March 14, Cardinal Comastri confirmed the Basilica’s availability on 26 October next at 11am for the solemn celebration, which will be the high point of the pilgrimage.
The Cœtus Internationalis Summorum Pontificum thanks Cardinal Comastri for his hospitality and invite all groups linked to the extraordinary form of the Roman rite already to start preparing themselves for this pilgrimage through prayer and to take an active part in organizing it. 
The Cœtus Internationalis Summorum Pontificum, which was established last July, is the organizer of the People of Summorum Pontificum pilgrimage--diocesan priests and priests from ED communities, seminarians, religious, and the faithful attached to the traditional liturgy--in Rome. This year the steering committee is made up of: Giuseppe Capoccia, managing director; Guillaume Ferluc, secretary-general; Abbé Claude Barthe, chaplain. Giuseppe Capoccia, Italian senior civil servant, succeeds as councilor to Riccardo Turrini who was named Judged at the Court of Appeals of the Vatican City State on December 31, 2012. 
Contact :  +39 366 70 46 023  /  cisp@mail.com
http://unacumpapanostro.com/

*
(ESPAÑOL) Octubre 2013
EL PUEBLO SUMMORUM PONTIFICUM PRESENTE EN ROMA 
PARA LA CLAUSURA DEL AÑO DE LA FE 
El Cœtus Internationalis Summorum Pontificum (CISP) tiene la alegría de anunciar que concluirá el Año de la Fe como lo había iniciado: con una peregrinación Ad Petri Sedem.
Después de la peregrinación de 2012, motivo de un fecundo provecho espiritual, el pueblo Summorum Pontificum vuelve a Roma para manifestar la eterna juventud de la liturgia tradicional junto a la tumba del Apóstol. De este modo, el CISP quiere participar en la edificación y la armonía de la Iglesia universal, siguiendo con docilidad la acción del Espíritu Santo.
Alentado a “seguir adelante” por el cardenal Cañizares Llovera, Prefecto de la Congregación para el Culto Divino, al término de la peregrinación de noviembre, el CISP había contactado, a principio de año, al cardenal Angelo Comastri, arcipreste de la basílica de San Pedro, a fin de celebrar allí la misa. El 14 de marzo, el cardenal Comastri confirmó que la basílica estará disponible el 26 de octubre próximo, a las 11 horas, para la celebración solemne, momento culminante de la peregrinación.
El Cœtus Internationalis Summorum Pontificum agradece al cardenal Comastri su hospitalidad e invita a todos los grupos vinculados a la forma extraordinaria del rito romano a prepararse desde ahora por medio de la oración a la peregrinación y a colaborar activamente con su organización.
Constituido en julio de 2012, el Cœtus Internationalis Summorum Pontificum es el organizador de la peregrinación a Roma del pueblo Summorum Pontificum (sacerdotes diocesanos o pertenecientes a comunidades, seminaristas, religiosos y fieles vinculados a la liturgia tradicional). Este año, el comité de dirección está compuesto por Giuseppe Capoccia, delegado general; Guillaume Ferluc, secretario general y el padre Claude Barthe, capellán. El Consejero Giuseppe Capoccia, funcionario italiano de alto rango, sucede al Consejero Riccardo Turrini Vita, nombrado juez de la Cámara de Apelaciones del Estado de la Ciudad del Vaticano el 31 de diciembre de 2012.
 

Contacto: +39 366 70 46 023 / cisp@mail.com
http://unacumpapanostro.com/

*
(FRANçAIS) Octobre 2013 
LE PEUPLE SUMMORUM PONTIFICUM DE RETOUR À ROME 
POUR LA CLÔTURE DE L'ANNÉE DE LA FOI
Le Cœtus Internationalis Summorum Pontificum (CISP) est heureux d'annoncer qu'il conclura l'Année de la Foi comme il l'a commencée : par un pèlerinage Ad Petri Sedem. 
Après le succès spirituel du pèlerinage 2012, le peuple Summorum Pontificum se donne à nouveau rendez-vous à Rome pour témoigner l'éternelle jeunesse de la liturgie traditionnelle sur le Tombeau de l'Apôtre. Le CISP entend ainsi participer à l'harmonie et à l'édification de l'Église universelle, dans la docilité à l'action du Saint-Esprit. 
Pour répondre à l'encouragement à "seguir adelante" (continuer à aller de l'avant) que lui avait adressé à l’issue du pèlerinage de novembre le cardinal Cañizares Llovera, Préfet de la Congrégation pour le Culte divin, le CISP avait demandé, en début d'année, la disponibilité de la basilique Saint-Pierre à son archiprêtre, le cardinal Angelo Comastri. Ce 14 mars, le cardinal Comastri a confirmé la disponibilité de la basilique samedi 26 octobre prochain, à 11 heures, pour la célébration solennelle qui sera le temps fort du pèlerinage.
Le Cœtus Internationalis Summorum Pontificum remercie le cardinal Comastri pour son hospitalité et invite tous les groupes liés à la forme extraordinaire du rite romain à se préparer dès à présent par la prière au pèlerinage et à s'associer activement à son organisation.
 
Constitué en juillet dernier, le Cœtus Internationalis Summorum Pontificum est l'organisateur du pèlerinage du peuple Summorum Pontificum - prêtres diocésains ou de communautés, séminaristes, religieux et fidèles attachés à la liturgie traditionnelle - à Rome. Cette année, il est piloté par un comité constitué de : Giuseppe Capoccia, délégué général ; Guillaume Ferluc, secrétaire général ; Abbé Claude Barthe, aumônier. Le Conseiller Giuseppe Capoccia, haut-fonctionnaire italien, succède au Conseiller Riccardo Turrini Vita devenu, le 31 décembre 2012, juge de la Cour d’appel de l’État de la Cité du Vatican.


 * 
PORTUGUêS








Outubro 2013: O POVO SUMMORUM PONTIFICUM DE VOLTA A ROMA PARA O ENCERRAMENTO DO ANO DA FÉ
O Cœtus Internationalis Summorum Pontificum (CISP) tem a alegria de anunciar que irá concluir o seu Ano da Fé da mesma maneira que o começou: com uma peregrinação Ad Petri Sedem.Depois do sucesso espiritual conseguido pela peregrinação 2012, o povo Summorum Pontificum volta a fixar o ponto de encontro em Roma a fim de testemunhar a juventude perene da liturgia tradicional junto do Túmulo do Apóstolo. O CISP pretende assim participar da harmonia e da edificação da Igreja universal, na docilidade à acção do Espírito Santo. 

Para responder às palavras de encorajamento que lhe foram dirigidas pelo Cardeal Cañizares Llovera, Prefeito da COngregação para o Culto Divino,  “seguir adelante” (“seguir em frente”), o CISP tinha pedido, logo no início do ano, a disponibilidade da Basílica de São Pedro ao seu Arcipreste, o Cardeal Angelo Comastri. No passado sai 14 de Março, o Cardeal Comastri confirmou a disponibilidade da Basílica para o sábado, dia 26 de Outubro, pelas 11 horas, para que aí se possa realizar a celebração solene que será o ponto alto de toda a peregrinação.
O Cœtus Internationalis Summorum Pontificum agradece ao Cardeal Comastri pela sua hospitalidade e convida todos os grupos ligados à forma extraordinária do rito romano a começarem desde já a preparar-se pela oração para a peregrinação e a associarem-se ativamente à sua organização.

Criado no passado mês de Julho, o Cœtus Internationalis Summorum Pontificum é o organizador da peregrinação do povo Summorum Pontificum — isto é, sacerdotes diocesanos ou pertencentes a comunidades, seminaristas, religiosos e fiéis ligados à liturgia tradicional — até Roma. Este ano a pilotá-la será um comité constituído por: Giuseppe Capoccia, delegado-geral; Guillaume Ferluc, secretário-geral; e o Pe. Claude Barthe, capelão. O Conselheiro Giuseppe Capoccia, que é um alto funcionário do Estado italiano, vem suceder ao Conselheiro Riccardo Turrini Vita, que, no passado dia 31 de Dexzembro, foi nomeado juiz do Tribunal de Apelação do Estado do Vaticano.
cisp@mail.com / +39 366 70 46 023


133 commenti:

  1. TRADIZIONALISTA19 marzo 2013 16:25

    Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. TRADIZIONALISTA20 marzo 2013 00:08

      Ripeto, ottima iniziativa, ma questa volta lasciamo a casa i criptosedevacantisti per cortesia. Il fatto che il mio educato commento sia stato rimosso dimostra come abbiate la coda di paglia. Peccato per voi che rimuovere un commento sia del tutto inutile visto che la realtà circa le massicce infiltrazioni di sedevacantisti nei gruppi dell'indulto sono all'esame delle gerarchie da mesi.

      Elimina
  2. Christus Vincit Christus Regnat Christus Imperat

    RispondiElimina
  3. FALSI COME L'ANIMA DI GIUDA.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ma chi falso? perchè?

      Elimina
    2. Placet, Anonimo 15:25! E' da boicottare!

      Elimina
  4. Dalla elezione di Papa Francesco qualcuno è impazzito.

    In ogni caso l'altro anno il pellegrinaggio è stato davvero toccante.

    Ci saremo anche quest'anno. Naturalmente più numerosi!

    Trieste

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.

      Elimina
    2. Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.

      Elimina
    3. E invece è necessario esserci per testimoniare la nostra esistenza!! Io ci andro!
      Andrea s.

      Elimina
    4. Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.

      Elimina
    5. Io non ci sarò.

      Elimina
    6. TRADIZIONALISTA20 marzo 2013 00:12

      Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.

      Elimina
  5. S. Pio V è sepolto nella Basilica di Santa Maria Maggiore, non in quella di San Pietro in Vaticano (come indicato nella didascalia).

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La didascalia è sbagliata e andrebbe corretta, ma l'immagine è pertinente per il richiamo a Pio V ma il pellegrinaggio è ovviamente ad Petri Sedem e la cosa stupenda è il pontificale per il 26 ottobre.

      Elimina
    2. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

      Elimina
    3. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

      Elimina
  6. Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma pensa, è massone? Lo sai perché è iscritto alla tua stessa loggia?

      Elimina
    2. E' membro onorario del rotary

      Elimina
  7. http://fimdostempos.net/anel-prata-macom-papa-francisco.html

    O Santo Padre também resolveu não usar o anel do Pescador de ouro sólido que havia sido encomendado pela Santa Sé e, ao invés, utilizará um anel de prata, revestido de película de ouro, que pertenceu ao Arcebispo Macchi, secretário particular do Papa Paulo VI. Este anel, após a morte do arcebispo, pertenceu a outro padre, e então ao Cardeal Giovanni Battista Re, que o deu ao novo Sumo Pontífice. O novo anel não contém a tradicional imagem de São Pedro como pescador, atirando uma rede ao mar,imagem essa que é usual nos anéis do Pescador de sucessivos pontífices.Ao invés disso, o anel contém uma imagem do rosto de Pedro, segurando as chaves.

    OBS: O anel de prata está passando de geração em geração > Macchi > outro padre > Battista > Papa Francisco

    ————-

    Renata Giraldi
    Enviada Especial da Agência Brasil/EBC

    Vaticano – O papa Francisco receberá amanhã (19) o anel do pescador, um dos principais símbolos do pontífice. Mas o anel que o papa usará não é de ouro, é de prata dourada. O porta-voz do Vaticano, padre Federico Lombardi, não informou a razão de o anel não ser de ouro. O papa passará a usar o símbolo no dedo anelar da mão direita.

    Há informações de que o modelo de anel usado pelos papas que antecederam Francisco era de ouro. Cada papa recebe um anel do pescador especialmente feito para ele. Na joia, há o nome do papa e o de São Pedro, além da imagem do santo com as chaves.

    O anel do pescador tem esse nome também para simbolizar o chamado de Cristo para que o papa seja o “pescador de homens”. É uma alusão a São Pedro, que era pescador e foi o primeiro papa da Igreja Católica Apostólica Romana.

    O anel será colocado no anelar da mão direita do papa Francisco pelo decano do Colégio dos Cardeais, Angelo Sodano. O modelo do anel foi desenhado pelo artista italiano Enrico Manfrini e o secretário do papa Paulo VI, monsenhor Pasquale Macchi.



    http://www.fimdostempos.net/macons_catolica.html

    65.
    Macchi, Pasquale. Cardeal. Prelado de Honra e Secretário Particular de Papa Paulo VI, até ser excomungado pelo mesmo por heresia. Foi reimpossado pelo Secretário do Estado Jean Villot, e feito cardeal. 23/04/58; #5463-2. “MAPA”.

    Sobre o Villot:

    123.
    Villot,
    Jean. Cardeal. Secretário do Estado durante o Papa Paulo VI.
    Ele é um Camerlengo (Tesoureiro). “JEANNI”, “ZURIGO”.

    -
    No início de setembro de1978 o recém empossado Papa João Paulo I pediumao seu Secretário do Estado Cardeal Jean Villot iniciar uma investigação nas operações do Banco Vaticano. Concordou também em se encontrar com a delegação de congressistas americanos para discutir sobre o controle da
    população mundial e da natalidade.

    -
    Em 28 de setembro de 1978 João Paulo I apresenta ao Cardeal Villot uma lista de pessoas a serem transferidas, ou a apresentarem as suas resignações, ou demitidas. Todas as pessoas da lista eram suspeitas de serem membros do grupo Maçônico “P2″, inclusive o próprio Villot.

    -
    Em 29 de setembro de 1978 o Papa João Paulo I é encontrado morto na cama. Villot emite falsas declarações à imprensa acerca das circunstâncias envolvendo a morte, remove todas as evidências chaves do quarto do Papa e ordena que o corpo seja embalsamado imediatamente sem a autópsia…

    (“Entre aqueles que ofenderam a Igreja de Roma, havia o Cardeal Jean Villot. Ele recebeu o castigo merecido.” - Nossa Senhora a Veronica Lueken em 01 de julho de 1985)

    http://www.fimdostempos.net/macons_catolica.html

    ——————————————————–

    RispondiElimina
  8. Tradizione Sacra19 marzo 2013 18:25

    ' Chi non è contro di Me e con Me'
    Questa di ottobre è una grande opportunità di preghiera,quindi non sto ha guardare chi la organizza o chi sia il Papa ma solo l'Amore per Cristo e la sua Sposa.

    Ave Maria+

    RispondiElimina
  9. Carissimi web-administrators, se volete mantenere il vostro sito interessante, utile, informativo, ecc. per tutta la comunità cattolica che ama la Messa di Tutti i Tempi, beh, vi consiglio con tutto il cuore di bloccare tutti i commenti.
    MOLTI COMMENTI ABBASSANO IL LIVELLO DI UN BLOG.
    :(

    RispondiElimina
    Risposte
    1. il tuo è un esempio di come abbassare a livelli minimi questo blog con la censura forzata.

      Elimina
  10. Leggendo certi commenti ci si chiede se questo blog, un tempo interessante e informato, sia diventato un centro raccolta di psicopatici che vedono complotti massonici, profezie à la Voyager e apocalissi imminenti pure nella scelta delle scarpe del Papa, oppure se sia infestato da geniali modernisti che vogliono fare la parodia dei tradizionalisti picchiatelli. In ogni caso, fortunatamente la Tradizione è qualcosa di molto più serio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. TRADIZIONALISTA20 marzo 2013 00:15

      Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.

      Elimina
  11. Bene son contento questo significa che la Tradizione è viva. Preghiamo con affetto per papa Francesco che venera le spoglie di San Pio V cosa che nemmeno Benedetto ha mai fatto.
    Viva il nostro amato papa Francesco.

    RispondiElimina
  12. Guardate che PIO V è a S. Maria Maggiore! ;) Comunque complimenti agli organizzatori!!! :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ci andranno veramente in pochi, vedrai.

      Elimina
    2. Questo non lo so. So solo che dirò sempre "viva il papa!". Non considero eresia il non volere una croce dorata, anche se non aggrada a me. Spero che ad ottobre siano in tanti, e che i tanti che in questi giorni su questo blog, in altri commenti, hanno sparato a zero sul papa, facciano un esame di coscienza. Anonimo 18:46

      Elimina
  13. “I DIRITTI dell’UOMO” al posto del “Vangelo”

    La “Democrazia Universale” sarà retta dalla “Carta
    dei Diritti dell’uomo”, che confonde la “coscienza morale”
    con la forza morale che ci dà solo la Grazia divina,
    e confonde la solidarietà umana con la Carità cristiana,
    e fa sparire la Grazia di Cristo Redentore, i Sacramenti
    e la Preghiera:
    Perché «il bene pubblico… non può sussistere diverso
    dal vostro (ONU), fondato sul rispetto del Diritto della
    giusta libertà e della dignità della persona» (“Breve” alle
    Nazioni Unite del 4 ottobre 1965).
    Ora, Paolo VI fu impegnato a fondo da quel naturalismo,
    la cui base è l’attuazione dei principi della Rivoluzione
    Francese del 1789.

    RispondiElimina
  14. Ricordiamoci sempre, oggi domani e dopodomani,che Bergoglio non vuole essere (dunque non è) Papa ma vescovo di Roma. Il "mondo" lo vuole papa e lo chiama papa ma lui sa di non esserlo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. L'unica cosa sensata che molti qui faticano a capire!

      Elimina
  15. Ignoranza a parte, ma ci vuole così tanto a cambiare pure la didascalia di una foto citando Santa Maria Maggiore anziché S. Pietro in Vaticano riguardo al luogo della tomba di S.Pio V?
    Cerchiamo di non farci ridere dietro. Forza webmaster datti una mossa non buttare lì gli articoli come il gossip sulla bufala di Mons. Marini cacciato o le asinate su dove sia sepolto il Papa amato proprio dal nostro mondo tradizionalista.
    Forza cerchiamo di non dare spettacolo. Grazie
    Riccardo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il luogo della sepoltura di S.PIO V è secondario. Ciò che deve essere corretto è Papa Francesco che deve essere cambiato, in "il vescovo di Roma Francesco"....

      Elimina
  16. STIAMO DANDO UN PESSIMO SPETTACOLO, CI STIAMO FACENDO PRENDERE IN GIRO E STIAMO FACENDO GODERE I PROGRESSISTI. DIAMOCI UNA CALMATA.
    LABRONICUS

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Infatti bergoglio è amato persino dagli atei come Eugenio Scalfari!

      Elimina
    2. Spettacolo sta dando lui, Bertone lo porta dietro, rendiamoci conto..... Non c'è peggior cieco di chi non vuol vedere.

      Elimina
    3. Anche Gesù era amato dagli esclusi, dai poveri e dai pagani... non certo dai sadducei e fariei, che erano i vostri predessori e dei quali voi, come il lupo, non avete perso nè il pelo nè il vizio!

      Elimina
  17. Buona sera a tutti. Sono ormai un non più giovane parroco di un piccolo paesino del bergamasco e vorrei con buona creanza, precisare alcune cose. Leggo frasi serpentine su qualcosa che parla di 200 casule, di licenziamenti del Maestro delle Cerimonie e di altre informazioni poco informate. A Chi ieri scriveva in questo blog che la Cerimonia di inizio Pontificato sarebbe stata "diretta" dai frati francescani, la smentita arriva direttamente dalla realtà. A chi pone come dubbio sulla POVERTA' di Papa Francesco, la commissione di 200 casule bianche, cerchi in internet e scoprirà che le stesse sono state consegnate in Vaticano, PRIMA del 13 marzo 2013, quindi ordinate da Qualcuno, ma non sicuramente dal Nuovo Papa. Ho l'onore di avere un nipote tra i Cerimonieri Pontifici e Vi assicuro che nessuno di loro TEME il "promoveatur ut amoveatur". Con ossequio, Don Tino.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. bravo, reverendo... la mistificazione, le sparate, la strumentalizzazione, e altro, sono le armi di questi arroganti neosadducei!

      Elimina
    2. Caro Don Tino, grazie per il Suo commento. Lei non immagina con che stupore alcuni di noi hanno assistito alla brusca sterzata di Enrico e di Messainlatino, che in passato si erano distinti per ragionevolezza.

      Fra i commenti i disgraziatelli che vivono di profetismo da supermercato, cospirazionismo ad usum infantium, isterismi ideologici e quant'altro ci sono sempre stati. Ma nei post si era finora seguita una linea complessivamente onesta.

      Ora invece abbiamo assistito a vari lanci di pietre preventivi proprio nei post redazionali (in quelli a firma Enrico). Difficile non provare un senso di disgusto di fronte all'ingiustificata e malevola - serpentina, dice Lei - virulenza di questi attacchi al Papa. Tanto più che sedi normalmente ben più radicali di Messainlatino hanno avuto la serietà di assumere posizioni attendiste (cfr. per esempio il blog Chiesa e Postconcilio).

      Motivo di conforto è riscontrare che molte persone legate alla Messa tradizionale non si riconoscono affatto nella linea adottata da Enrico e da Messainlatino su Papa Francesco. In parte lo si rileva anche qui, come mostra il Suo commento. Gli scalmanati tendono a scrivere tanto, oltre che sopra le righe. Ma la quantità dei loro interventi non è rappresentativa: essi costituiscono una minoranza tanto sparuta quanto rumorosa.

      Elimina
  18. Ah, dimenticavo, siccome ero presente sia alla Messa di inizio Pontificato di Papa Benedetto XVI e anche stamattina, per chi non lo avesse notato, le casule utilizzate per i Signori Cardinali sono le medesime. Di nuovo grazie a Tutti. Don Tino.

    RispondiElimina
  19. Per tutti quelli che stupidamente negano la liceità dell'elezione di Papa Francesco:

    Non vi viene il sospetto che se ci fosse qualche dubbio la San Pio X sarebbe andata in rivolta e avrebbe sparato a zero sul nuovo Papa??!!

    Non si puo rinnegare un Papa solo perchè indossa una croce di ferro anzichè d'oro...

    Non incontra il gusto estetico di molti e nemmeno il mio ma cio non costituisce una colpa così grave da parlare di sede vacante.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. la S. Pio X non si rivolta su niente perche' e' gia' conciliarizzata....al 95% ( Fellay dixit )

      Elimina
  20. La S.Pio X sta giustamente godendo del suo trionfo, e, sapientemente saluta. Chi poi saluti non è affar suo. Per ora!

    RispondiElimina
  21. Ammesso e non concesso che, a ottobre 2013, il motu proprio esista ancora... :(

    RispondiElimina
    Risposte
    1. LABONTON TON SPHAIRON PANTA KAKA PHEUGOUSIN19 marzo 2013 20:14

      Questo si chiama JETTARE, e le persone che vi si esercitano diconsi JETTATORI.

      Sciò!

      Elimina
    2. Perché ad Ottobre non dovrebbe più esserci il MP? Ha informazioni che noi non abbiamo o è le sue fobie a parlare?

      Elimina
    3. Se il buongiorno si vede dal mattino, io penso che questo si chiami "essere realisti"...

      Elimina
    4. Io non ci sarò a ottobre

      Elimina
    5. neppure io!

      Elimina
    6. Basta a salute e un par de scarpe nove

      Elimina
    7. Non contate neanche su di me

      Elimina
    8. Non sentiremo la mancanza degli iettatori "realisti" né a ottobre né in altri mesi dell'anno. Andate in pace, possibilmente lontano.

      Elimina
    9. Neppure io ci vado!

      Elimina
  22. Quanto alla mozzetta di cui si parla nel precedente post, è inutile farsi illusioni. E' chiaro che si tratta della mozzetta di seta rossa usata da Giovanni Paolo II in tutte le stagioni. Era evidente che il papa non potesse restare senza abito corale, ma da questo ad illudersi del ritorno del raso, del velluto rosso e della pelliccia diermellino ce ne corre! Se si trattasse della mozzetta con pelliccia d'ermellino non sarebbe stato necessario tornare da Gammarelli a prenderla perchè era già a disposizione in Vaticano dal giorno dell'elezione. Quindi, non è quella!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Evidentemente, guardando le foto di oggi, Francesco non ha voluto indossare nemmeno la "mozzetta misteriosa" di cui si parla da ieri.

      A me andrebbe bene anche solo se, sotto la talare, non indossasse quei bruttissimi pantaloni neri.

      Elimina
  23. Che ignoranza si vede in questi giorni, ma lo sapete che il capo dei copti (scismatici, non quelli tornati alla fede cattolica, seppur con rito orientale, e per chi non lo sapesse i copti scismatici non sono nemmeno "ortodossi" essendo monofisiti e staccatisi da Roma ben prima del 1054 anno dello scisma d'Oriente) ha il titolo di "Papa"?

    Però NESSUN ALTRO (ortodosso, monofisita, nestoriano ecc. per non parlare dei protestanti) ha il titolo bellissimo di VESCOVO DI ROMA?

    Quante polemiche per nulla, anzi il titolo a me sembra bellissimo, la sottolineatura di Roma (la città di Pietro e Paolo) è bellissima.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi pare ovvio ,perchè la chiesa copta essendo autocefala può dare al suo vertice il nome di Papa.
      Chiamandosi Vescovo di Roma si mette allo stesso livello ,per esempio,del Patriarca ecumenico di Costantinopoli.
      Abbiamo già ricomposto il grande scisma d'oriente?
      Io ero rimasto alle scarpe nere e croce di ferro...scusate.
      atronge.

      Elimina
    2. Ho scoperto che anche il capo della chiesa voodoo del Benin è chiamato Papa (oltre al patriarca ortodosso di Alessandria e ad altri, tra cui un capo buddista del Vietnam)

      Che orrore, no no VESCOVO DI ROMA è M-E-R-A-V-I-G-L-I-O-S-O

      P.S. a chi dice che il "Papa" (VESCOVO DI ROMA!!!) è anche Patriarca d'Occidente, il titolo è stato abolito dopo 1556 anni da un certo Benedetto XVI

      Elimina
    3. Come è stato abolito quello di patriarca latino di costantinopoli nel 1964 da Paolo VI.
      Guarda che non mi prendi per i fondelli,sò dove vuoi andare a parare e ti dico subito che non mi sembra una buona idea.
      atronge.

      Elimina
  24. http://www.cantualeantonianum.com/2013/03/cosa-pensa-papa-bergoglio-sulla-messa-e.html

    L'EUCARISTIA NON E' UNA RIUNIONE DI AMICI

    RispondiElimina
  25. Che ci vada papa checco, io non ci vado

    RispondiElimina
  26. http://planetagea.files.wordpress.com/2013/03/el-cardenal-jorge-bergoglio-en_54369268241_53389389549_600_396.jpg

    RispondiElimina
  27. Cuore Vandeano19 marzo 2013 21:02

    Io sto con il Papa.Nonostante le tante perplessità.Lo seguirò in quelle azioni e in quegli insegnamenti incardinati nella Tradizione,nel Magistero perenne e nella Sacra Scrittura.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. incardinati nella Tradizione ?
      scusi, le sembra normale che un papa si faccia benedire dalla folla, inchinandosi come un attore sul palcoscenico ? ?
      gesto che fa parte della Tradizione, rientra nella figura del Vicario di Cristo, nella sua autorevolezza, regalità e funzione di Pastore supremo?

      Elimina
    2. Cuore Vandeano19 marzo 2013 23:40

      Appunto:non approvo nè difendo quelle azioni e insegnamenti che non sono nel solco della Tradizione del Magistero e della Sacra Scrittura(come il non definirsi mai Papa ma solo Vescovo,come la benedizione in silenzio per non urtare i non credenti ecc).I suoi insegnamenti mi vincolano solo se in accordo con Tradizione,Magistero e Scrittura.Quando ha detto che una Chiesa senza Cristo diventa una ONG pietosa,ad esempio non ha detto nulla di nuovo...Altresi,mi ha fatto piacere quando ha parlato sin nella prima omelia del cornuto,misconosciuto dai cattolici adulti.

      Elimina
  28. In Argentina sono contro i cattolici in molti e la maggior parte pagani, atei, gnostici.
    Guardate cosa dicono di lui, lo chiamano mason con tanto di prove.
    http://www.taringa.net/posts/info/16515365/Pruebas-que-el-Papa-Francisco-es-un-Mason.html?utm_source=feedburner&utm_medium=feed&utm_campaign=Feed%3A+Taringa%2Fultimos-post+%28Taringa.net+-+%C3%9Altimos+post%29

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche qui, fu profanata la Catedrale di Buenos Aires

      http://mensajesdelavirgenmaria.blogspot.com.ar/2013/03/el-papa-francisco-mason.html

      Elimina
  29. bah, secondo questi Bergoglio sarebbe allora il papa massone?
    Non posso crederlo. Ma è possibile????

    RispondiElimina
  30. A te, o beato Giuseppe, stretti dalla tribolazione, ricorriamo, e fiduciosi invochiamo il tuo patrocinio, dopo quello della tua santissima sposa. Per, quel sacro vincolo di carità, che ti strinse all'Immacolata Vergine Maria, Madre di Dio, e per l'amore paterno che portasti al fanciullo Gesù, riguarda, te ne preghiamo, con occhio benigno la CARA EREDITA' CHE GESU' CRISTO ACQUISTO' COL SUO SANGUE, e col tuo potere ed aiuto sovvieni ai nostri bisogni.
    Proteggi, o provvido custode della divina Famiglia, l'eletta prole di Gesù Cristo: allontana da noi, o Padre amatissimo, LA PESTE DI ERRORI E DI VIZI, che ammorba il mondo; assistici propizio dal cielo in questa LOTTA COL POTERE DELLE TENEBRE, o nostro fortissimo protettore; e come un tempo salvasti dalla morte la minacciata vita del pargoletto Gesù, così ORA DIFENDI LA SANTA CHIESA DI DIO dalle OSTILI INSIDIE e da ogni avversità; e stendi ognora sopra ciascuno di noi il tuo patrocinio, affinché a tuo esempio e mediante il tuo soccorso, possiamo virtuosamente vivere, piamente morire e conseguire l'eterna beatitudine in cielo. AMEN!!!!

    RispondiElimina
  31. CHe confusione...che caos,che divisioni.Non doveva andare a finire cosi'...Viva la Santa Chiesa Cattolica ed il Papato di sempre.
    La colpa della crisi della Chiesa e' anche deifedeli cattolici,che hanno rinnegato i loro simboli.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Viva Papa Benedetto XVI!

      Elimina
  32. contro i luoghi comuni19 marzo 2013 23:10

    Il Concilio ha inaugurato l'era del pauperismo, anzi: del miserabilismo, come espressione di avversione alla ricchezza e al potere e facile lasciapassare ideologico.
    Eppure non si dovrebbe dimenticare che Lazzaro, uno dei più cari amici di Nostro Signore ch'Egli si degnò resuscitare dai morti, era un ricco, così come molti Santi furono ricchi e potenti, e seppero essere distaccati dai beni senza per questo vestire i panni del mendico. Lo stesso Salvatore indossava l'abito dei rabbini, che Lo contraddistingueva come persona rispettabile e di rango. E quanti ricchi, laici ed ecclesiastici, hanno saputo fare del bene alla Chiesa e ai poveri, senza abdicare alla dignità del loro rango: la storia testimonia secoli di beneficenza e di munificenza senza pari, senza scadere negli estremismi ideologici e nelle deviazioni dottrinali dei pauperisti.

    Rinunziare alle scarpe rosse - reminiscenza dei calzari imperiali concessi in uso al Pontefice Romano - per un paio di scarpe borghesi è un modo semplice ma efficace per ribaltare la prospettiva in cui si deve guardare al Papa: emerge l'uomo e si lascia eclissare il Vicario di Cristo, si innalza il servus servorum e si umilia il Rex regum.
    Privare la Chiesa dei suoi simboli e dei suoi riti più antichi per farla tornare a forza alla semplicità delle catacombe non è cosa nuova: fu tipico del pauperismo delle sette ereticali, che con i simboli e i riti voleva cancellare secoli di magistero, di dottrina, di erudizione, di fede. Esattamente come hanno fatto il Concilio e i suoi eredi senza tiara.

    Se tanto sta a cuore a certi ecclesiastici praticare la povertà vera, è sufficiente che si ritirino in convento o nel deserto, sull'esempio di tanti Santi. Questa è la via regia per la pratica della perfezione evangelica, che non è però obbligatoria per meritare il Cielo.
    L'ascesi, la contemplazione, la mistica chiedono il distacco dai beni materiali e lo spirito di penitenza, ma con la saggezza propria del Cattolicesimo queste discipline distinguono anche le specifiche condizioni e i doveri di stato di chi le vuole praticare: l'eremita, lo sposo, il padre di famiglia, il soldato, il maestro, il sovrano, il chierico, il Prelato.

    Gli eccessi, le stravaganze, le scarpe da città e i paramenti di scarso valore non hanno nulla a che vedere con la povertà di San Francesco, il quale - giova ricordarlo - lungi dal farsi benedire dagli eretici o dal favorire incontri ecumenici con gli Ebrei, univa la pratica della povertà e della penitenza alla predicazione della Verità cattolica.
    Senza la Fede e la Carità, la povertà è senz'anima e l'umiltà diventa orgoglio.
    (C. Baronio)

    http://opportuneimportune.blogspot.com/2013/03/loquimini-nobis-placentia.html#!/2013/03/loquimini-nobis-placentia.html

    RispondiElimina
    Risposte
    1. grazie "contro i luoghi comuni" di questo fantastico e puntuale contributo
      spero che certa gente riesca ad aprire gli occhi e ragionare!!!

      Elimina
  33. TRADIZIONALISTA20 marzo 2013 00:06

    Ripeto, ottima iniziativa, ma questa volta lasciamo a casa i criptosedevacantisti per cortesia.
    Il fatto che il mio educato commento sia stato rimosso dimostra come abbiate la coda di paglia.
    Peccato per voi che rimuovere un commento sia del tutto inutile visto che la realtà circa le massicce infiltrazioni di sedevacantisti nei gruppi dell'indulto sono all'esame delle gerarchie da mesi.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Presto inizierà la caccia alle streghe!

      Elimina
    2. Se intendi la caccia allo psicotradizionalista, togli pure "tr", e aggiungi "mezze". Speriamo che il buon Checco ce ne liberi per sempre. La Tradizione è una cosa seria, così come la Messa tridentina!

      Elimina
  34. Sto guardando "Porta a Porta". Meno male che c'è l'ateo Giuliano Ferrara. E' l'unico che mette a tacere i cialtroni come Politi. Lo ha letteralmente zittito. Spero che lo stiano guardando molti dei visitatori di questo blog.

    RispondiElimina
  35. Sono d'accordo con Messori quando dice che finita la "luna di miele" i nodi verranno al pettine. Il Papa non può sottrarsi dall'affrontare le questioni etiche.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Certo che può! E' il papa!

      Elimina
    2. Certo che può è "solo" il vescovo di Roma

      Elimina
  36. "Il relativismo che, con la scusa del rispetto delle differenze, omogeneizza nella trasgressione e nella demagogia; consente tutto pur di non assumere la contrarietà che esige il coraggio maturo di sostenere valori e principi. Il relativismo è, curiosamente, assolutista e totalitario, non permette di differire dal proprio relativismo, in niente differisce dal “taci” o dal “fatti gli affari tuoi".

    Chi l'ha detto?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. P.S.

      Erroneamente si associa il termine matrimonio al sacramento cattolico: il termine fu codificato dal diritto. E, dunque, “affermare l’eterosessualità del matrimonio non vuol dire discriminare, ma partire da un elemento oggettivo che è il suo presupposto”

      Chi l'ha detto?

      Elimina
    2. Jorge Mario Bergoglio ?

      Elimina
  37. Io, comunque, rimpiango Ratzinger. Era così bello, tutto rosso e bianco; aveva messo pure il sacro fanone :(

    RispondiElimina
  38. In Argentina la gente commenta che non c'e nessun problema ad essere massoni! Per ignoranza (non hanno religione) o per interessi. Sono senza parole!

    RispondiElimina
  39. Qualcuno di voi sa cosa significa la croce che porta? Perche Gesu ha le braccia incrociate come una figura egizia? Con le gambe scoperte cosi non avevo mai visto.

    http://2.bp.blogspot.com/-wTcwAe0se4s/UUOhrTS5RwI/AAAAAAAABko/MxotMzhG8LQ/s1600/croce.jpg

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ha sulle spalle un agnello e lo tiene per le zampe, è per questo che sembra che abbia le "braccia incrociate".
      Le gambe scoperte non ha nessun significato "esoterico", è vestito da pastore.
      ...pastore che deve anche attraversare i corsi d'acqua quindi si è tirato su la veste.
      Cerchiamo di non vedere complottismi ovunque!!!

      Giacomo

      Elimina
  40. il blog Rorate coeli riferisce:
    ...il Card. Hummes prevede grandi cambiamenti anche nella Messa, e le allusioni dell'entusiasta Leonard Boff circa la rivoluzione dirompente che verrà attuata, secondo lui, anche nel campo della morale sessuale.
    A proposito, l'ex Padre Boff - sempre come riportato da Rorate coeli - cita un episodio che francamente, se vero, sarebbe abominevole: l'allora card. Bergoglio, due mesi or sono, avrebbe approvato l'adozione di un bambino da parte di una coppia di omosessuali. Francamente, mi sembra strano che il Bergoglio si sia spinto a tanto, e sapendo chi è Boff non vorrei dargli credito. Ma siccome Rorate coeli ha reso pubblica questa cosa, sarebbe importante smentirla - se possibile. Il nuovo Papa dev'essere esaminato con onestà e criticato in modo fondato: eventuali calunnie non potrebbero essere giustificate in alcun modo. Qualcuno più informato potrebbe smentire o confermare il fatto?

    Qui i due collegamenti:

    http://rorate-caeli.blogspot.com/2013/03/popes-greatest-friend-and-most.html

    http://rorate-caeli.blogspot.com/2013/03/leonardo-boff-pope-francis-is-much-more.html

    RispondiElimina
    Risposte
    1. riforma permanente20 marzo 2013 08:47

      Pope's greatest friend and most influential Cardinal:
      "way of celebrating Mass" will have to be "reformed" - once again...

      [Q:] In what sense is reform necessary?

      [Cardinal Hummes:] Not just of the Curia, but many other things:
      our way of celebrating ["fazer", lit. "making", "doing"] mass,
      ... of doing evangelization, this new evangelization needs new methods. The pope spoke in the meeting with the cardinals of new methods, we need to find new methods.

      (link cit.)
      --------------------
      "....il nostro modo di celebrare la Messa DEVE ESSERE RIFORMATO...."

      Elimina
    2. Quello che temi è invece ciò che aspettano la maggioranza schiacciante dei fedeli. Speriamo che si realizzino.

      Elimina
  41. Così "a naso" SS Francesco mi è sembrato un "grande", simile al mai troppo compianto Albino Luciani.
    Però, poi, ho letto questo che proverrebbe direttamente da Gesù:
    " http://messaggidagesucristo.wordpress.com/2013/03/12/8-marzo-2013-egli-e-stato-inviato-per-smantellare-la-mia-chiesa-e-ridurla-in-frantumi/ "

    Che mi dite?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E in un messaggio del 16 luglio 2012 in riferimento a Benedetto XVI uno di questi messaggi dice: "Molto presto sarà costretto a fuggire dal Vaticano"....
      http://messaggidagesucristo.wordpress.com/2012/07/22/16-luglio-2012-e-vicino-il-tempo-in-cui-la-persecuzione-del-mio-amato-vicario-papa-benedetto-xvi-raggiungera-il-suo-apice/

      Elimina
    2. A certo, il sito da cui parla Gesù. Ma per favore...

      Elimina
    3. cosa strana però: la "gospa" di p. Livio non ha dato alcuna notizia in anteprima di questi grandi sconvolgimenti...chissà perchè !

      ....ah, ora ricordo: è una "madonna ecumenista" ! infatti aveva detto che ...."essere cristiani significa RISPETTARE TUTTE LE RELIGIONI" !

      ah beh, allora sì che il PUZZLE si ricompone bene:
      .....elementare, Watson !

      e il buon padrre Livio, che aspettava un "papa guerriero", che fine ha fatto ? gli piace il "grande RINNOVATORE DELLA CHIESA" ?
      e questa gospa che parla parla da ben 32 anni....
      e non ha detto una sola sillaba nè sulle dimissioni di BXVI,
      nè di tutti questi cambiamenti, benedizioni multi-eretiche e NON date ec....
      si vede che alla "gospa" questo papa piace mucho!....ed è tutto OK, per lei, p. Livio e popolo medjugorista, tutti felici verso il grande restyling dell'Edificio
      LITURGIA - FEDE - DOTTRINA - MORALE

      LEX ORANDI - LEX CREDENDI - LEX VIVENDI

      rinnovamento continuo nello-spirito-di-assisi

      (avanti tutta verso il punto "omega"...)

      Elimina
    4. Ti diciamo hahahahahaha! Non bastavano i pizzini della Gospa, adesso anche quelli di Gesù! Pffffhahahahahaha!

      Elimina
    5. Messaggio del vero Gesù:https://sites.google.com/site/locuzioni/
      ahahahah

      Elimina
    6. Come dicono a Roma: Anonimo delle 11:40 e 21:40 "ma che te ridi?". Il tuo link che vorrebbe dimostrare? Ci sono anche messaggi falsi, questo è risaputo, ma ciò non significa che siano tutti falsi. Infatti ci sono stati messaggi di Gesù nel corso dei secoli anche riconosciuti dalla Chiesa (Sacro Cuore, Divina Misericordia,...) e non si vede quindi perchè il Cielo dovrebbe stare zitto adesso che la crisi è grande e migliaia di anime rischiano di perdersi. Come diceva San Paolo "Non spegnete lo Spirito, non disprezzate le Profezie; esaminate ogni cosa, tenete ciò che è buono". Mi pare invece che lei sia contrario a priori. Liberissimo di esserlo ma non si deve permettere di usare un tono così beffardo che rivela disprezzo degli altri e quindi mancanza di Carità. Comodo fare un commento semplicemente con un 'ahahahah' senza argomentare nulla vero?

      Elimina
    7. Correggo: rivolto all' Anonimo delle 11:40 e delle 21:10

      Elimina
    8. Forse non hai capito anonimo delle 22,32,se vai qua capisci il senso ironico di ciò che ho scritto http://www.messaggidelsacrocuore.it/i-messaggi-da-gesu-cristo-sono-falsi,era riferito in risposta a tutti di cui sopra.
      IO STO CON IL SACRO CUORE DI GESUù E CON LA REGINA DELLA PACE(GOSPA) E LEGGO I MESSAGGI CHE NON SONO CONTRARI ALLA DOTTRINA DELLA CHIESA .FORSE NON TI STA BENE?
      marco

      Elimina
  42. sicuramente il neo-papa, essendo aperto all'UNIONE con tutte le religioni, che possono BENEDIRSI l'una con l'altra,
    approverà medjugorie e tutte le false apparizioni ecumeniste, NEWAGE e NWO,
    e negherà e combatterà quelle vere, come Fatima, e così, prprio mentre viene oscurato e censurato, il messaggio di Fatima continua ad avverarsi:
    "vescovi contro vescovi, cardinali contro cardinali......
    solo in Portogallo si conserverà il DOGMA DELLA FEDE."

    RispondiElimina
  43. Be.... esistete ancora? Speravo che la nuova aria vi avesse spazzato via come pula. Spero arrivi presto il tempo in cui nella Chiesa, gente che ama il papa come voi, non abbia alcuna cittadinanza.
    Spero.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Riprova, sarai più fortunato

      Elimina
    2. Perché 'sti fanatici sono nella Chiesa?

      Elimina
    3. Lo scopino non è che dimostri tanta misericordia, Francesco non approverebbe

      Elimina
  44. Davide 'ArciCantore' Carollo20 marzo 2013 12:32

    Qui in troppi siamo usciti di cotenna... esser diventati orfani di Benedetto XVI ha fatto sbroccare gli amanti dei pizzi e dei merletti, cosi' tanto amati dal Pontefice tedesco e dal suo cerimoniere.

    Diverse preoccupazioni pertinenti sono state espresse, ma questo scadere dei post e' inquietante, fa cattiva testimonianza e mette in pessima luce il mondo Tradizionale, che risulta arrabbiato e confuso per la gioia dei modernisti, che stanno gongolando alla grande.

    Non riesco a replicare, sono ancora stordito da questa nomina... datemi il tempo di riprendermi.... so gia' che qualche conoscente modernista sta per portarmi un Tapiro d'Oro...

    ArciCantore

    RispondiElimina
  45. è UNA GRANDE OPPORTUNITA! FORSE sarà un'occasione buona per chiedere a papa Francesco di attuare il nostro FEDERALISMO ECUMENICO: ex pluribus unum...
    Dobbiamo PRETENDERE l'istituto della prelatura personale, così potremo fare gli affari nostri, QUESTO è IL MOMENTO BUONO: APPROFITTARE DELLA GIUSTA MITEZZA DEL PAPA PER OTTENERE TUTTO QUELLO CHE ABBIAMO SEMPRE AUSPICATO.
    Un caro, cordiale saluto a tutti, ste' ben, ad maiora.
    pippo trolley

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bravo. Credo tu abbia centrato il punto. Dobbiamo conquistarci noi la prelatura, noi come gruppi pro summorum pontificum.
      So che suona come utopico, ma dobbiamo osare.
      Dobbiamo fare massa, sacrificarci dal di dentro per pianare la strada a chi vorrà rientrare.
      Dobbiamo crederci. A dio piacendo nessun obiettivo sarà irraggiungibile.
      A noi spetta la battaglia a Dio la vittoria finale
      Animo ragazzi, ed entusiasmo positivo, senza questo non si va da nessuna parte.
      Cerchiamo di vedere oltre l'evento in se, ma quello che potrà far scaturire.
      Se tra qualche anno il movimento si sarà consolidato ne vedremo delle belle

      Elimina
  46. Mi spiace ma io non ci vado. Adios amigos!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io vengo con te, non ci vado neppure io.

      Elimina
  47. Ma chissenefrega

    RispondiElimina
  48. Incredibile come tanta gente impazzisce e mostra il vero cuore quando un fanone non è in vista.

    RispondiElimina
  49. A quanto pare nel 2010 era favorevole alle unioni civili gay -
    http://www.liberoquotidiano.it/news/italia/1207967/Quando-Papa-Francesco-era-favorevole-alle-unioni-civili-omosessuali.html

    RispondiElimina
    Risposte
    1. NON CI POSSO CREDERE! ABBIAMO UN PAPA FAVOREVOLE ALLE UNIONI CIVILI OMOSESSUALI!

      Elimina
  50. Il vescovo di Roma canonizzera' un francescano argentino ucciso dalla dittatura nel 1972, era un sostenitore della teologia della liberazione , il primo santo della teologia della liberazione e della teologia filo marxista. Ha espresso Francesco questo desiderio, sara' forse il suo primo santo. Hasta la victoria siempre, SOCIALISMO O MUERTE, compagneros !

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono tanti i martiri delle dittature sudamericane, quelle sostenute dal pedofilo Plinio Correa.

      Elimina
    2. Leggi i rapporti di alcuni dei fuori usciti dalla TFP. Esiste anche un forum dove vi sono diverse testimonianze.

      Elimina
    3. Già detto da un progressista come te che nega l'utilità degli esorcisti... Acquista grande autorità questa calunnia!

      Elimina
  51. Scusate, avete conferma che il prossimo sabato ad Albano Laziale sarà proiettato il documentario su Monsignor Lefebvre? Viva Papa Benedetto XVI, che si fotta il pezzente della Pampa.

    Meo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Placet Meo! W Papa Benedetto XVI!

      Elimina
    2. Pezzente sei tu, soprattutto in testa! Vergognati, scismatico!

      Elimina
    3. C'è gente ormai in crisi di nervi per l'elezione di Papa Francesco. Ad Albano dovranno distribuire tanto Valium e magari qualcuno avrà delle visioni.

      Elimina
    4. Grave che redazione non intervenga.

      Elimina
  52. Papa Francesco favorevole alle unioni civili omosessuali.

    http://www.liberoquotidiano.it/news/italia/1207967/Quando-Papa-Francesco-era-favorevole-alle-unioni-civili-omosessuali.html

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E allora? Libera Chiesa in libero Stato....

      Elimina
  53. A TUTTI I CATTOLICI DI BUONA VOLONTA' DITEMI COSA NE PENSATE DI QUESTA OPPOSIZIONE ALL'APOSTASIA DI ROMA

    http://www.youtube.com/watch?feature=player_embedded&v=QHQ1GEoX6fs

    RispondiElimina
  54. Perché la Redazione non "cassa" neanche i commenti più inopportuni? Semplicemente perché non sarebbe giusta una "censura"(parolacce a parte). Il problema è un altro e consiste nel fatto che in un blog che dovrebbe accomunare tutti quei Cattolici che desiderano esprimere la loro opinione su un determinato argomento, una sorta di "auto moderazione" dovrebbe essere la "conditio sine qua non". Un conto sono le considerazioni e le relative risposte, ed un altro le ingiurie e le offese. Quello che si legge e che si scrive dovrebbe aiutarci tutti , anche nei problemi più spinosi,a cercare quel "bandolo della matassa"che poi, alla fin fine, ci dovrebbe vedere tutti "dalla stessa parte". Non mi sembra opportuno fare un grande favore a chi ride delle nostre divisioni in categorie improvvide (tradizionalisti, progressisti) e relative alzate di scudi e tirate di fendenti ed anzi le porta (eccome se le porta)a testimonianza delle nefaste tesi che adduce .

    RispondiElimina

L'inserimento senza moderazione dei commenti è limitato ai soli post usciti nella medesima giornata di inserimento e nel giorno precedente. Per i post più vecchi, i commenti saranno sottoposti a moderazione.
Qualora fosse attiva la moderazione, possono passare anche alcuni giorni prima del controllo da parte della Redazione.