Post in evidenza

Elenchi dei Vescovi (e non solo) pro e contro Fiducia Supplicans #fiduciasupplicans #fernández

Pubblichiamo due importanti elenchi. QUI  un elenco coi vescovi contrari, quelli favorevoli e quelli con riserve. QUI  un elenco su  WIKIPED...

giovedì 30 novembre 2023

Mons. Gadecki: Chiesa tedesca in crisi come ai tempi della Riforma di Lutero #sinodo

Grazie a Marco Tosatti per  questa interessante traduzione sul Cammino Sinodale Tedesco: “Come Presidente della Conferenza Episcopale Polacca, con filiale devozione e rispetto per l’ufficio apostolico del Successore di S. Pietro, e allo stesso tempo con preoccupazione e tristezza per le decisioni del Cammino sinodale tedesco, vorrei attirare l’attenzione del Santo Padre su queste tesi estremamente inaccettabili e non cattoliche del Cammino sinodale, confidando che il Deposito Apostolico [della Fede ] di cui Vostra Santità è custode e depositario, rimane intatto
Luigi C.

22 Novembre 2023 

Cari amici e nemici di Stilum Curiae, offriamo alla vostra attenzione, nella nostra traduzione, questo articolo apparso su Kath.net, che ringraziamo per la cortesia. Buona lettura e condivisione.

“Il giorno di apertura del Sinodo, noi… abbiamo ricevuto tutti i documenti del Cammino sinodale tedesco via e-mail”

Il presidente della Conferenza episcopale polacca, Gądecki: “Quasi tutte le richieste elencate mi danno motivo di seria preoccupazione. Credo che la Chiesa in Germania sia nella più grande crisi dai tempi della Riforma”.

Vaticano Varsavia (kath.net/pl) “Il giorno dell’apertura del Sinodo, tutti noi… abbiamo ricevuto via e-mail i documenti del Cammino sinodale tedesco. Quasi tutte le richieste elencate mi danno motivo di seria preoccupazione. Credo che la Chiesa in Germania sia nella più grande crisi dai tempi della Riforma. A mia volta, leggo l’invio di questi documenti come un tentativo di pubblicizzare i problemi tedeschi nella Chiesa. I documenti si basano molto sulla teologia protestante e sul linguaggio della politica moderna”. Il presidente della Conferenza episcopale polacca, l’arcivescovo Stanislaw Gądecki (vedi link), descrive questa situazione con notevole irritazione in un’intervista al portale statunitense “Catholic World Report” (vedi link sotto). E continua: “Questo porta alla convinzione che la Chiesa debba adattarsi al mondo adottando un sistema democratico e gli standard di una burocrazia liberale. In Germania, abbiamo fondamentalmente una Chiesa con una burocrazia sviluppata. Ne consegue il desiderio di limitare il potere dei vescovi e l’intenzione di stabilire una struttura di potere secolare parallela a quella gerarchica e di introdurre una supervisione secolare sui vescovi”.

L’arcivescovo di Poznan era egli stesso un delegato alla conferenza episcopale che si è svolta in Vaticano in ottobre. Il sinodo stesso aveva voluto “affrontare la questione della sinodalità”, ha spiegato, “cioè la ricerca di soluzioni per modellare le relazioni tra i vari settori della vita all’interno della Chiesa, come i vescovi, i sacerdoti, i religiosi e i laici, in modo che questo serva all’opera di evangelizzazione nel miglior modo possibile”. La maggior parte dei laici polacchi” considera “questo aspetto estremamente importante”. Hanno anche chiarito che si aspettano che la Chiesa trovi nuovi modi di annunciare il Vangelo senza compromettere la dottrina e rimanendo fedele a Cristo e al Vangelo”.

Gądecki ha poi spiegato nell’intervista che “la Germania sta spingendo molto per l’introduzione del diaconato per le donne”, “ma non si basa su argomenti teologici, bensì sul divieto di discriminazione di genere e sull’avanzamento delle donne. Questo argomento suggerisce che il problema non è il diaconato, ma la posizione delle donne nella Chiesa. Di conseguenza, l’introduzione del diaconato per le donne non sarebbe una soluzione al problema, ma alimenterebbe solo la disputa sull’ordinazione delle donne al sacerdozio”. L’arcivescovo ha anche fatto riferimento a una dichiarazione di Papa Francesco. Il Papa ha detto che una donna “non ha pretese sul principio petrino, ma sul principio mariano, che è più importante”. Gądecki ha sottolineato: “Il fatto che una donna non abbia accesso al ministero ordinato non è quindi uno svantaggio, perché il suo posto è molto più importante. Nella nostra catechesi, sbagliamo a spiegare queste cose e finiamo per tornare a un criterio amministrativo che non funziona a lungo termine”.

“Il secondo tema” dalla Germania è “la questione del celibato sacerdotale. Il rapporto afferma che su questo tema sono state espresse “valutazioni diverse”. Per quanto riguarda il celibato, dobbiamo essere consapevoli che coloro che parlano di “volontarietà” del celibato sono in realtà a favore della sua abolizione”.
Gądecki ha sottolineato che il celibato è “uno dei segni più importanti del fatto che si crede veramente nella realtà e nella verità di Dio. È il vero tesoro della nostra Chiesa. Forse è per questo che gli antichi scrittori cristiani chiamavano il celibato “martirio bianco”. Il celibato – come il martirio – è un segno impressionante della fede nel primato assoluto di Dio nella vita. La vita celibe è un chiaro segno che Dio è la perla preziosa, l’Unico, il Solo.

L’unico senza il quale è impossibile vivere. La vera e ultima disabilità nella vita non è il celibato ma l’empietà, una vita senza Dio, l’ateismo. Dio è tutto ciò di cui abbiamo bisogno. La rinuncia radicale alla forma più bella dell’amore umano – il matrimonio e la famiglia – è il segno che Dio è per tutti noi una necessità assoluta per compiere il nostro destino umano. Chi dovrebbe mostrare questa verità se non i pastori della chiesa? Il fatto che alcuni preti si siano comportati in modo scandaloso negli ultimi anni rende più difficile per alcune persone comprendere la grandezza e il significato di una vita celibe. Ma questo non è un motivo sufficiente perché la Chiesa abbandoni il celibato sacerdotale”. Perché “i giovani di tutto il mondo continuano a prendere questo impegno con generosità. Migliaia di sacerdoti guardano a Cristo stesso, il Sommo Sacerdote che non ha allevato una famiglia, come modello per il loro servizio agli altri”.

Gądecki ha criticato il fatto che, nonostante il termine “inclusione” sia stato usato spesso nell’aula sinodale, “solo poche persone” si sono chieste cosa significasse. Ancor prima che il termine “inclusione” raggiungesse l’aula sinodale, era stato “chiaramente definito nel linguaggio della politica secolare”. Dovrebbe essere associato “non solo alle vacanze “tutto compreso”, ma anche alla International Planned Parenthood Federation e all’Agenda delle donne delle Nazioni Unite. I documenti di queste istituzioni minano chiaramente il binario di genere e riconoscono uguali tutte le forme di espressione di genere. Si tratta anche di abolire o allentare i criteri esistenti per l’ingresso di vari gruppi, compresa la chiesa. Quando la Chiesa luterana in Svezia era [ancora] una chiesa di stato, un ateo richiedeva l’ammissione nella comunità ecclesiale senza battesimo. Ha vinto la causa in tribunale: si è deciso che richiedere il battesimo costituiva una discriminazione”.

Gądecki ha concluso: “Il compito del Sinodo è stato quello di ravvivare il carisma dell’evangelizzazione sia tra i laici che tra il clero. La valorizzazione dei laici nella Chiesa è cruciale, ma non deve portare alla distruzione della struttura gerarchica e apostolica della Chiesa». John Henry Newman. Newman era “grato che la luce della fede abbia raggiunto la sua generazione incontaminata nonostante molti eventi turbolenti” e “spiegava che a volte nella storia la fiaccola della fede ortodossa è stata portata da un solo uomo, poiché tutti gli altri sono stati sviati”. i vescovi. Penso che in questa immagine esprima efficacemente la nostra fiducia nello Spirito Santo, il quale non permette che la luce accesa da Cristo si spenga o venga sostituita da un’altra luce”.

Lettera dell’arcivescovo Gądecki a papa Francesco: Inoltre, il 15 novembre, l’agenzia di stampa cattolica polacca KAI ha pubblicato la lettera che l’arcivescovo Gądecki aveva scritto a papa Francesco il 9 ottobre (poco dopo l’inizio del Sinodo dei vescovi). In esso Gądecki mette in guardia in modo molto fondamentale contro i tre punti della democratizzazione della Chiesa, i cambiamenti nella morale sessuale della Chiesa, inclusa la benedizione delle unioni omosessuali e l’ordinazione delle donne come diaconi e sacerdoti. Il Presidente della Conferenza Episcopale Polacca scrive testualmente: “Come Presidente della Conferenza Episcopale Polacca, con filiale devozione e rispetto per l’ufficio apostolico del Successore di S. Pietro, e allo stesso tempo con preoccupazione e tristezza per le decisioni del Cammino sinodale tedesco, vorrei attirare l’attenzione del Santo Padre su queste tesi estremamente inaccettabili e non cattoliche del Cammino sinodale, confidando che il Deposito Apostolico [della Fede ] di cui Vostra Santità è custode e depositario, rimane intatto”.