Post in evidenza

Elenco Messe tradizionali in Italia: URGE UN AGGIORNAMENTO

Cari lettori di MiL, molti di voi ci hanno scritto, giustamente, per lamentarsi del fatto che l'elenco delle Messe tradizionali del nost...

venerdì 18 novembre 2022

Dalla rivista 'Cardinalis' #4\3: "Essere nel mondo senza essere del mondo" #cardinalis

Abbiamo dato notizia di una rivista (dal felice nome in latino "Cardinalis") che è e sarà inviata ai cardinali di tutto il mondo (QUI e QUI).
Con molto piacere, riceviamo dalla redazione la traduzione autorizzata di alcuni interessanti articoli che possiamo proporre - in esclusiva in italiano per MiL - ai nostri lettori.
Luigi

Questo articolo è apparso sulla rivista Cardinalis.

 "Essere nel mondo senza essere del mondo"

 "Essere nel mondo senza essere del mondo". Questa è una citazione riformulata dal Vangelo di Giovanni (17:15). Più precisamente, Gesù dice: "Ho dato loro la tua parola e il mondo li ha odiati perché essi non sono del mondo, come io stesso non sono del mondo. Non chiedo che tu li tolga dal mondo, ma che li custodeisca dal maligno".

Nell'Evangelii gaudium, Papa Francesco ha parlato contro "La mondanità spirituale, che si nasconde dietro apparenze di religiosità e persino di amore alla Chiesa, consiste nel cercare, al posto della gloria del Signore, la gloria umana ed il benessere personale".

Tuttavia, è chiaro che le tentazioni del mondo sono una preoccupazione costante che nemmeno la Chiesa stessa può evitare. Negli ultimi tempi, il Sinodo dei Vescovi è stato il ricettacolo di questo spirito mondano nella Chiesa. Sull'account Facebook ufficiale della Segreteria Generale del Sinodo dei Vescovi,

una serie di disegni pubblicati con il logo del Sinodo hanno suscitato non poche polemiche. Uno di questi mostra un attivista LGBT che grida: "Siamo i giovani del futuro e il futuro è adesso" o un sacerdote donna con la casula. In altre parole, possiamo già conoscere quale direzione prenderà il Sinodo sulla sinodalità, il tutto orchestrato dalla Segreteria Generale del Sinodo.

In realtà, questa rivoluzionaria offensiva sociale era in cantiere da diversi mesi.  Ci sono diversi nomi alla guida di questa operazione.

In primo luogo il cardinale Mario Grech, segretario del Sinodo dei Vescovi, che da anni si batte per un cambiamento della dottrina e della prassi della Chiesa cattolica per quanto riguarda l’ omosessualità.

Poi suor Nathalie Becquart, sottosegretaria del Sinodo dei vescovi che ha detto che "nessuno sa dove finirà questo Sinodo", ma proprio per questo dobbiamo essere aperti alle "sorprese dello Spirito Santo".

Infine, il relatore generale, il cardinale e gesuita lussemburghese Jean-Claude Hollerich. Questultimo desiderava "muoversi nella direzione" del matrimonio dei sacerdoti. Si è anche espresso a favore dell'ordinazione sacerdotale delle donne. Non ha esitato inoltre ad affermare che "le posizioni della Chiesa sulla peccaminosità delle relazioni omosessuali sono errate" e ha auspicato "una revisione di base dell'insegnamento della Chiesa".

Se non sappiamo dove finirà questo sinodo, sappiamo già per certo quale direzione prenderà la sua conclusione prima che venga stabilita. L'ultimo sinodo sulla famiglia ha mostrato quanto sia facile da manipolare. Un gran numero di cardinali si è opposto a questa scelta. L'allora segretario speciale del Sinodo dei Vescovi sulla famiglia, monsignor Bruno Forte, è stato pubblicamente accusato dal relatore, il cardinale Peter Erdo, classificato come moderato, di aver scritto di sua iniziativa parte della "relatio post disceptationem".

E lo stesso Mons. Forte sembra confermare questo fatto. In particolare, il 2 maggio 2019 ha dichiarato che in occasione di un'udienza pre-sinodale - alla sua domanda su come procedere durante il sinodo sulla questione della comunione ai divorziati risposati - Papa Francesco avrebbe risposto così:

"Se parliamo in modo esplicito di comunione ai divorziati risposati, loro [cioè i cardinali e i vescovi contrari] - non avete idea di che caos faranno!  Quindi non ne parliamo direttamente, tu fai il lavoro di base e poi io trarrò le conclusioni.

A seguito di questo intervento, durante il quale fu troppo loquace, il vescovo Forte perse protagonismo, venendo confinato nella sua diocesi di Chieti e Vasto.  Papa Francesco non gli ha più affidato alcun ruolo di rilievo.

Sembra abbastanza chiaro che il Sinodo sulla sinodalità stia cercando di percorrere la stessa strada. Sarà un sinodo del mondo.

Ma correre appresso al mondo, non è come correre dietro a una chimera? Odon Vallet, uno storico delle religioni considerato progressista, ha recentemente riconosciuto che i giovani cattolici che vanno ancora a Messa sono "certamente più conservatori della generazione precedente". È curioso notare che il Sinodo dei Vescovi sembra voltare le spalle a questi giovani che cercano di vivere il Vangelo.

In questo numero il cardinale Bagnasco ci offre una visione abbastanza equilibrata dell'annuncio della Parola di Dio nel mondo "attuale", rifiutando però di "lasciarsi ingannare dalla narrazione dominante" che rischia di "allontanare la verità dalla persona di Cristo", riducendo la fede a "un'emozione" e Cristo a "un maestro di sapienza umana, una filosofia che deve essere adattata ai tempi". La sua riflessione, moderata, come il suo autore, descrive una sottile linea di azione che la Chiesa potrebbe intraprendere e che merita di essere presa in considerazione.

La questione fondamentale che oggi è oggetto di discordia è se la Chiesa debba offrire il Vangelo di Cristo così come le è stato dato o se debba offrire un Vangelo su misura  che si adatti ai cambiamenti del mondo. Quello che era peccato ieri è ancora peccato oggi? Il peccato di oggi sarà peccato domani? Ma non si corre il rischio di cedere al "principe di questo mondo" e di preferire, come scrive Papa Francesco, "la gloria umana e il benessere personale" alla "gloria del Signore"? Il rischio è quello di perdersi lungo la strada, perché, come diceva Gustave Thibon: "Essere nel vento è l'ambizione di una foglia morta...".

 La rivista Cardinalis vi offre questo articolo ma abbiamo bisogno del vostro sostegno per informare i cardinali. Potete sostenerci qui: https://sostienici.cardinalis-magazine.com/


Nessun commento:

Posta un commento

AVVISO AI LETTORI: Visto il continuo infiltrarsi di lettori "ostili" che si divertono solo a scrivere "insulti" e a fare polemiche inutili, AVVISIAMO CHE ORA NON SARANNO PIU' PUBBLICATI COMMENTI INFANTILI o PEDANTI. Continueremo certamente a pubblicare le critiche ma solo quelle serie, costruttive e rispettose.
La Redazione