Post in evidenza

MiL ha bisogno di voi lettori: DONAZIONI

A sx (nella versione per pc) e su palmare (voce " Donazione ") troverete la possibiltà di donare. Vi speghiamo il perchè.  Potrete...

domenica 20 marzo 2022

dalla rivista "Cardinalis" #7 - S. E. R. il Card. Timothy Dolan, arcivescovo di New York (USA)

S. E. il Card. Dolan 
(foto: CL)

Breve biografia sull'arcivescovo di New York 

Questo articolo è apparso sulla rivista Cardinalis.

 

CARDINALE TIMOTHY DOLAN

 "La mia prima lettera pastorale sarà una condanna della birra light e del purè di patate istantaneo", ha scherzato il cardinale Timothy Dolan quando è stato nominato arcivescovo di New York. "Odio entrambi”.

         Prelato falstaffiano e semplice, di costituzione robusta, nato a St. Louis, è noto per la sua bonarietà e giovialità, soprattutto negli Stati Uniti, suo paese d’origine, dove, in prima serata, è ospite fisso in diversi programmi televisivi americani nei quali parla della fede.

         Tuttavia, la sua personalità gioviale nasconde una carriera di traguardi ecclesiastici di alto livello. Da quando venne nominato da Benedetto XVI, nel 2009, il prelato americano è il decimo e attuale arcivescovo di New York, una delle sedi più prestigiose degli Stati Uniti, che conta 2,5 milioni di cattolici.

         Benedetto XVI lo ha elevato al rango di cardinale nel 2012, quando Dolan era presidente

della Conferenza episcopale degli Stati Uniti, carica che ha ricoperto dal 2010 al 2013. In precedenza è stato rettore del prestigioso Pontificio Collegio Nordamericano (PNAC) a Roma, carica che ha ricoperto dal 1994 al 2001, dopo di che Papa Giovanni Paolo II lo ha nominato Vescovo, prima Ausiliare di St. Louis dal 2001 al 2002 e successivamente Arcivescovo di Milwaukee dal 2002 al 2009. Dal 2007 al 2008 è stato anche nominato Amministratore Apostolico della Diocesi di Green Bay.

         L'Arcivescovo Dolan è stato anche Presidente del Catholic Relief Services, è membro del Board of Trustees della Catholic University of America e nel 2009 è stato Visitatore Apostolico nei seminari irlandesi nell'ambito della Visita Apostolica in Irlanda che ha avuto luogo a seguito della crisi degli abusi sessuali in Irlanda. Il suo dossier sul Pontificio Collegio Irlandese di Roma ha portato a cambiamenti radicali nel personale dell'istituzione.

         Primo di cinque fratelli, è nato a St. Louis, Missouri, nel 1950. Ha sentito la chiamata al sacerdozio in tenera età, è entrato nel seminario minore nel 1964 e ha completato i suoi studi a Roma. È stato ordinato sacerdote nel 1976, ha completato il dottorato (sul compianto arcivescovo Edwin O'Hara, uno dei fondatori della Catholic Bible Association) presso l'Università Cattolica d'America, ed è tornato nel Missouri per il lavoro pastorale dal 1983 al 1987.

          Giovanni Paolo II gli ha conferito il titolo di monsignore nel 1994, mentre prestava servizio al PNAC, dove Dolan era, a detta di tutti, un rettore assai popolare. Quando è stato nominato vescovo, ha adottato il motto episcopale della professione di fede di san Pietro: Ad Quem Ibimus, "Signore, da chi andremo?" (Gv 6,68).

         Come arcivescovo di Milwaukee, Dolan ha affrontato per la prima volta la sfida dela gestione della crisi degli abusi sessuali del clero (la diocesi, come molte altre negli Stati Uniti, aveva migliaia di casi simili). Successivamente è stato rivelato che aveva coordinato il pagamento di quasi $ 20.000 a non pochi dei sacerdoti accusati, per impedire loro di impugnare la sua laicizzazione. L'idea era quella di accelerare il processo e ridurre i costi. Dolan si interessò anche in modo particolare alle vocazioni in Milwaukee e le iscrizioni al seminario aumentarono durante il suo mandato.

         Poco dopo il suo arrivo a New York, Dolan ha intrapreso una riorganizzazione delle scuole dell'arcidiocesi, ma ha anche annunciato che decine di scuole e parrocchie poco utilizzate sarebbero state chiuse o accorpate a causa dei cambiamenti demografici, dell'aumento dei costi, della diminuzione delle presenze e del calo delle vocazioni. Non sorprende che questo annuncio abbia suscitato rabbia e opposizione, alcuni lo hanno accusato di aver portato a termine il processo in segreto e di aver creato confusione.

         Il cardinale, normalmente considerato ortodosso e conservatore, è stato relativamente moderato e spesso ama insegnare la fede in modo popolare e prosaico, utilizzando i social media per farlo. Ma è stato anche coinvolto in alcune polemiche finite su varie testate.

         Il fatto più eclatante è stato che nel 2014 impedì alla diocesi di Peoria di accogliere le spoglie dell'arcivescovo Fulton Sheen, che riposano nella cattedrale di San Patrizio, e insieme ad altri dodici cardinali firmò una lettera aperta a papa Francesco criticando i sinodi sulla famiglia del 2015. Nel 2018 disse di non aver "visto nulla di veramente sacrilego" al Met Gala di quell'anno, che invece i critici definirono irrispettoso nei confronti del cattolicesimo.

         Ha provocato anche non poche polemiche quando ha elogiato un calciatore gay per aver rivelato il suo orientamento, affermando che la Bibbia insegna che non si devono giudicare le persone, così come le virtù della castità, della fedeltà e del matrimonio; nel 2015 ha fatto nuovamente notizia per aver accettato di essere il gran maresciallo alla parata del Giorno di San Patrizio a New York, l'anno in cui i gruppi gay hanno avuto il permesso di parteciparvi per la prima volta. (Nel 2009, Dolan ha cambiato impostazione quando ha firmato una dichiarazione ecumenica che chiedeva il mancato rispetto delle regole e delle leggi che consentono l'aborto, il "matrimonio" omosessuale e altre questioni che vanno contro la sua coscienza religiosa). 

         Durante la pandemia Dolan ha chiesto la chiusura delle chiese in caso di aumento dei contagi o delle proteste.

 

La rivista Cardinalis vi offre questo articolo ma abbiamo bisogno del vostro sostegno per informare i cardinali. Potete sostenerci qui: https://soutenir.cardinalis-magazine.com

Nessun commento:

Posta un commento

L'inserimento senza moderazione dei commenti è limitato ai soli post usciti nella medesima giornata di inserimento e nel giorno precedente. Per i post più vecchi, i commenti saranno sottoposti a moderazione.
Qualora fosse attiva la moderazione, possono passare anche alcuni giorni prima del controllo da parte della Redazione.