Post in evidenza

URGENTE APPELLO AI GRUPPI STABILI ITALIANI: comunicateci conferme o variazioni alle vostre Messe

ABBIAMO URGENTE BISOGNO DEL VOSTRO AIUTO!  Viste le ultime notizie sulla CEI e sulle risposte dei Vescovi  sul Summorum Pontificum i...

sabato 31 ottobre 2020

Francesco i i cosiddetti "pochi ma buoni" nell'intervista ad AdnKronos di ieri

Dall'amico Gabriele una breve riflessione sulla fluviale ennesima intervista del S. Padre di ieri.
Contento lui su quello che propone...
QUI un altro commento all'intervista.
Luigi

Pochi ma buoni: un’illusione poco ambiziosa che si trascina da secoli.

 Nell’intervista che Papa Francesco ha rilasciato all’agenzia di stampa AdnKronos e che è stata pubblicata nelle ultime ore, afferma:

"Non voglio entrare nelle decisioni politiche del governo italiano ma le racconto una storia che mi ha dato un dispiacere: ho saputo di un vescovo che ha affermato che con questa pandemia la gente si è "disabituata" – ha detto proprio così - ad andare in chiesa, che non tornerà più a inginocchiarsi davanti a un crocifisso o a ricevere il corpo di Cristo. Io dico che se questa "gente", come la chiama il vescovo, veniva in chiesa per abitudine allora è meglio che resti pure a casa. È lo Spirito Santo che chiama la gente. Forse dopo questa dura prova, con queste nuove difficoltà, con la sofferenza che entra nelle case, i fedeli saranno più veri, più autentici, Mi creda, sarà così".

Alla lettura di queste righe, mi è subito tornato alla mente un libro di Pierre Andreu uscito in Francia nel 1953 in cui riassumeva il pensiero di George Sorel (1847-1922) sul futuro del Cattolicesimo, e lo faceva in questo modo:

I cattolici saranno sempre meno numerosi; ma saranno forse migliori; il numero non è tutto”.

Pierre Andreu, pag. 179, Sorel Il nostro maestro, Giovanni Volpe Editore, Roma 1967

(ed. orig. Notre maître M. Sorel, Grasset 1953)

Alla fine dei conti, si tratta della stessa idea che sembra riproporre il Santo Padre, nell’intervista di oggi. Il dubbio però viene: ormai già da qualche secolo ci ripetiamo lo stesso mantra; purtroppo, però, picchi di qualità non saltano all’occhio e si registra soltanto un costante (e sempre più veloce) calo delle presenze tra i banchi delle chiese.

Soddisfatti Sorel, Andreu e il Papa…!

Sempre speranzosi, restiamo in attesa di intuizioni e proposte migliori. Nella consapevolezza che, in questo caso, di migliori  (ma era S. Carlo Borromeo!)ne esistono già e basterebbe recuperarle dalla mansarda della canonica.

 Gabriele





Nessun commento:

Posta un commento

L'inserimento senza moderazione dei commenti è limitato ai soli post usciti nella medesima giornata di inserimento e nel giorno precedente. Per i post più vecchi, i commenti saranno sottoposti a moderazione.
Qualora fosse attiva la moderazione, possono passare anche alcuni giorni prima del controllo da parte della Redazione.