sabato 29 febbraio 2020

Coronavirus. Papaboys: "Le immagini dei Vescovi che celebrano da soli sono «irreali» è ora di riaprire le Chiese: svegliate preti e vescovi anestetizzati dalla paura!" Firmare la petizione!

A proposito della gravissima situazione "surreale" del divieto, pressocchè generalizzato in diverse diocesi del nord Italia, di celebrare le Sante Messe per timore del contagio del coronavirus, un fedele ha scritto:" Non è cosa saggia che proprio all'inizio della Quaresima i vescovi  vietino la preghiera comunitaria e soprattutto la celebrazione della santa Messa! E' solamente un favore a quelli che stanno dall'altra parte della barricata e che lavorano per i demoni . ... La società in cui viviamo oggi permette di andare in banca a pagare il mutuo , in posta per pagare le bollette ,  al centro commerciale per comprare vestiti e videogames ... ma non possiamo assistere alla Santa Messa perché lì, solo lì c'è il rischio di essere contagiati dal virus (v.post MiL QUI )... Lasciate che io abbia un piccolo sospetto nei confronti di questa "discutibile" iniziativa dei vescovi: il soldato quando combatte ha diritto di dissentire se i generali non sanno fare la guerra e mandano a morte i soldati . La guerra di cui parlo non è  materiale ma spirituale! "
Proponiamo il coraggioso e significativo articolo dei Papaboys che andrebbe seguito alla lettera!
AC

Comunicato dei Papaboys: ‘Ribellatevi alla chiusura delle Chiese’. 
Andate a suonare il campanello al parroco e ai vescovi!  

E’ una vergogna senza fine chiudere le Chiese, adesso basta!

Ma dove siamo finiti? 
Supermercati aperti, pub aperti, discoteche e locali aperti e chiese chiuse? Il sogno che il diavolo propone attraverso il grande inganno del Coronavirus, ha fregato molti Vescovi italiani! 
Le Chiese devono stare aperte! Senza Eucarestia come può vivere una comunità? 

Le immagini dei Vescovi che celebrano da soli sono irreali, è l’ora di riaprire le Chiese: andate a suonare ai campanelli delle canoniche e delle curie e svegliate, per cortesia, preti e vescovi anestetizzati dalla paura! Coronavirus, mentre l'Italia cerca di ripartire, si registrano i primi contagi in Europa Coronavirus, mentre l’Italia cerca di ripartire, si registrano i primi contagi in Europa 

In quasi tutto il Nord Italia sono state sospese le celebrazioni religiose, nonostante mercoledì inizi la Quaresima. I vescovi di città importanti come Milano, Torino, Verona, Venezia hanno deciso di evitare possibilità di contagio tra i fedeli cancellando le messe quotidiane, spostando i battesimi e dando rigorose disposizioni per matrimoni e funerali, ordinando che si svolgano davanti a pochissime persone. 

Cancellate anche le benedizioni pasquali nelle case, gli incontri di catechismo, gli oratori pomeridiani dedicati ai bambini. Molti hanno lodato queste decisioni, che invece sono state duramente contestate da personalità e gruppi cattolici. 

Ecco, noi dei Papaboys siamo tra questi! 

Fonte: Papaboys QUI 

Immagine: articolo de La fede quotidiana: Coronavirus, don Ermanno Caccia sulle chiese chiuse: “dov’è la nostra fede?” QUI 

***
Dal blog Duc in altum di Aldo Maria Valli 
Firmare la petizione per riprendere subito le celebrazioni eucaristiche "Non c'è nulla di più importante della S. Messa domenicale che possa giustificare la sospensione della partecipazione alla S. Messa. Numerosi cristiani sono morti e muoiono per testimoniare questo affrontando pericoli e chilometri pur di partecipare alla S. Messa domenicale."
QUI

12 commenti:

  1. Ormai stanno tirando giù tutto l’Edificio

    RispondiElimina
  2. I Papaboys diventati di botto dei tradizionalisti? Uhm ...

    RispondiElimina
  3. Il Santo Sacrificio della Messa può essere celebrato SENZA POPOLO, perché è il sacerdote che celebra no il popolo! Ma nella Nuova Messa la Mensa Protestante ha preso il posto del sacrificio!

    Papaboys, la peggior specie del conciliarismo modernista! Ribellatevi! Aprite le chiese! Chi sono le Sardine della Chiesa?!

    RispondiElimina
  4. Ma tutti quelli che fino a ieri dicevano che anziché andare alla Messa nuova era meglio stare a casa a dire il Rosario, ora che stanno a strillare????

    RispondiElimina
  5. Addirittura Andrea Riccardi ha criticato la decisione di sospendere le messe sulla Stampa! https://www.lastampa.it/cronaca/2020/02/29/news/se-per-battere-la-paura-del-contagio-da-coronavirus-si-mettono-in-ginocchio-le-nostre-chiese-1.38530058

    RispondiElimina
    Risposte
    1. "Non volere sapere chi l'ha detto ma poni mente a ciò ch'è detto" (Im.r.)
      Ha fatto bene il Dott.Riccardi a prendere quella posizione conto i vescovi sospensivi: la ( giusta) protesta NON poteva rimanere circoscritta SOLO nell'ambito tradizionale!

      Elimina
    2. Riccardi: te lo raccomando!

      Elimina
  6. Ahahahah ben vi stà idolatri!

    RispondiElimina
  7. Invito a leggere il vergognoso articolo contro il Cardinale Burke apparso sul sito dei Papaboys il 12 novembre 2019 a firma di Daniele Venturi. Così.. Solo per capire con chi abbiamo a che fare.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Quell'articolo di tal Daniele Venturi fa effettivamente schifo e ribrezzo: grazie per la segnalazione!

      Elimina
    2. In altri tempi in presenza di serie malattie le chiese venivano aperte apposta, oggi imperversa la vigliaccheria e si fa il contrario. Io sono tranquillo perché questo clero "progressista" si annullerà da solo, l'estinzione è già prevista nel suo dna, quando si è così paurosi e si esalta la debolezza anziché la forza l'auto-cancellazione è ineluttabile.

      Elimina
  8. sono i nuovi giuda siamo al compimento di molte profezie e soffermiamoci sull ultima tentazione del Vangelo della prima Domenica di quaresima e avremo la risposta su chi governa questo mondo

    RispondiElimina

L'inserimento senza moderazione dei commenti è limitato ai soli post usciti nella medesima giornata di inserimento e nel giorno precedente. Per i post più vecchi, i commenti saranno sottoposti a moderazione.
Qualora fosse attiva la moderazione, possono passare anche alcuni giorni prima del controllo da parte della Redazione.