mercoledì 10 ottobre 2018

Il Papa torna a condannare l'aborto e usa parole dure

Ogg (10.10.2018), durante l'udienza generale del mercoledì, commentando il V comandamento, il Papa ha usato parole dure contro l'aborto, quand'anche provocato per risolvere problemi, o in caso di malformazioni del feto.  
"E' come assoldare un sicario"
Poi è tornato a parlare della Misericordia per la donna e del perdono. 
Qui il testo completo (ripreso da Magister) 

Qualche volta ne dice una giusta ...  
Mamma mia a che punto siamo arrivati:  a gioire perchè questo Papa dice cose cattoliche... 
Roberto



12 commenti:

  1. meh....

    e domani ci dirà il contrario, o meno alla maniera di jesuiti.

    che inizi a rispondere al Monsignor Vigano sullo scandalo dei sacerdoti "gay" !
    che inizi a rispondere al cardinale Burke sulle "Dubia !

    è finita la commedia....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E già, ogni tanto Bergoglio si ricorda di essere il capo della Chiesa Cattolica. Soltanto ogni tanto, però, mentre invece dovrebbe farlo tutti i giorni. Mi sembra quanto meno inopportuno che dopo aver detto "è come assoldare un sicario" sia tornato a parlare della Misericordia per la donna e del perdono secondo il solito metodo cerchiobottista. Non che la Misericordia e il perdono non debbano essere esercitati, ma parlarne subito dopo aver stigmatizzato il "sicario" mi sa tanto di ... si vabbè però. Mi sembra inoltre che l'attenzione (si fa per dire) delle alte sfere vaticane sia esclusivamente concentrata (si fa sempre per dire) sulla piaga della pedofilia, mentre l'orrore della sodomia che sta dilagando in seno alla Chiesa sembra non desti alcuna preoccupazione. Tutto in sintonia con il famoso e funesto "chi sono io per giudicare?"

      Elimina
    2. Concordo. Ormai molti non si fidano più. E sono convinto che di Bergoglio non si fidano più neanche le potenti lobbies che lo hanno sostenuto fino ad oggi.

      Elimina
    3. Bergoglio, ottobre 2018: Chi pratica aborto è assassino.
      Bergoglio, febbraio 2016: Bonino e Napolitano fra i grandi d'Italia oggi.
      Papa San Pio X, settembre 1907: Il modernismo è confusione, è derisione per la Chiesa, è preludio per l'ateismo.

      Elimina
  2. Chiedo che anche la redazione si decida: quando il papa chiede di ricorrere, saggiamente, alla preghiera a San Michele Arcangelo, fanno scrivere: "Diffondiamo con filiale obbedienza e con grata letizia la significativa iniziativa di preghiera che il Santo Padre Francesco ha proposto per tutto il mese di Ottobre tradizionalmente dedicato alla recita del Santo Rosario". Poi però, come oggi, fanno scrivere: " Qualche volta ne dice una giusta ...
    Mamma mia a che punto siamo arrivati: a gioire perchè questo Papa dice cose cattoliche..."
    Fratelli miei, il rispetto al Santo Padre non può essere a corrente alternata.

    RispondiElimina
  3. Che bello sarebbe se a ogni dieci appelli pro immigrati il Papa ne facesse almeno uno pro life...Michele

    RispondiElimina
  4. Dica apertamente, se vuole essere credibile, 'parole dure' ai predicatori ed agli autori delle leggi che aprono all'aborto, con disinvoltura da lui ricevuti, i quali agli occhi di tutti appareranno legittimati a continuare più arditamente la loro opera criminale. Già, " chi sono io per giudicare?"

    RispondiElimina
  5. Sapersi muovere non vuol dire avere una meta. Spostarsi a secondo della convenienza del momento vuol dire farsi portare .Portare dove ?

    RispondiElimina
  6. Bergoglio, ottobre 2018: Chi pratica aborto è assassino.
    Bergoglio, febbraio 2016: Bonino e Napolitano fra i grandi d'Italia oggi.
    Papa San Pio X, settembre 1907: Il modernismo è confusione, è derisione per la Chiesa, è preludio per l'ateismo.

    RispondiElimina
  7. Ah la "coerenza" questa sconosciuta.....

    RispondiElimina

L'inserimento senza moderazione dei commenti è limitato ai soli post usciti nella medesima giornata di inserimento e nel giorno precedente. Per i post più vecchi, i commenti saranno sottoposti a moderazione.
Qualora fosse attiva la moderazione, possono passare anche alcuni giorni prima del controllo da parte della Redazione.