sabato 1 aprile 2017

“Ecco perché tornerei a convertirmi al cattolicesimo”

Magistrale testimonianza di un convertito prorestante e il suo dolore per la new wave cattolica degli ultimi anni: "«Come metodista – scrive – ero sempre preoccupato che la mia comunità avrebbe continuato ad abbandonare la morale tradizionale per abbracciare ogni aspetto della rivoluzione sessuale, come poi è effettivamente successo. Sapevo che era possibile, perché Cristo non ha mai promesso di proteggere la Chiesa metodista dall’errore. Come cattolico, però, sono meno ansioso. Certo, mi scandalizzo quando i leader cattolici abbracciano la menzogna e il male, e quando lo fanno in modo tale da provocare danni incalcolabili alle anime."
L

«Recentemente ho festeggiato il venticinquesimo anniversario della mia conversione al cattolicesimo, e quando ripenso a quel tempo ricordo che era una stagione di grande ottimismo nella Chiesa».


Scrive così Eric Sammons, ex evangelico convertito al cattolicesimo nel 1993.l
l suo articolo, «Twenty Five Years Later, I Would Still Become Catholic», «Venticinque anni dopo vorrei ancora diventare cattolico», si può leggere nel sito www.onepeterfive.com ed è un contributo molto interessante sia per capire qual è l’attuale stato di salute della Chiesa cattolica sia per considerare in quale misura e per quali motivi la Chiesa cattolica, vista da fuori, può essere attraente.


All’inizio degli anni Novanta, ricorda Sammons (che è padre di sette figli e autore di libri sulla sua conversione e sull’impegno per l’evangelizzazione) tutti sentivano che finalmente si stava uscendo dal periodo nero degli anni Settanta e Ottanta e che, sotto il pontificato di Giovanni Paolo II, «avremmo presto visto la Chiesa tornare al suo antico splendore».
Ogni settimana, scrive Sammons, un altro pastore protestante diventava cattolico e io pensavo che una volta entrato a mia volta nella Chiesa cattolica sarei diventato un difensore della verità e dei valori cristiani, e lo sarei rimasto per il resto della mia vita.
«Ora – prosegue l’autore – ho vissuto da cattolico per un quarto di secolo, di cui cinque trascorsi a lavorare per una diocesi. È stato un viaggio interessante, più di quanto mi aspettassi. Mi sono sentito privilegiato per essere entrato nella Chiesa sotto papa Giovanni Paolo II, e ho fatto letteralmente salti di gioia quando il cardinale Ratzinger, il mio teologo preferito, è stato eletto papa nel 2005. Tuttavia da quel momento ho assistito al susseguirsi degli scandali: la crisi degli abusi commessi da preti, l’omosessualità incontrastata tra il clero, parrocchie tiepide, falsi insegnamenti e azioni vigliacche a tutti i livelli nella gerarchia».
I
Ma le cose, sostiene Sammons, sotto molti aspetti vanno peggio ora.
«Uno dei motivi principali per cui ho abbandonato il protestantesimo è stato che ho visto nella Chiesa cattolica una roccia sicura, sulla quale poter stare ritto in mezzo alle acque agitate della modernità. Uno dei miei primi passi verso il cattolicesimo fu mosso proprio dalla frustrazione provocata dagli insegnamenti morali del protestantesimo, o meglio dalla mancanza di insegnamenti. Ero un membro della Chiesa Metodista Unita, che ha approvato sia la contraccezione artificiale sia l’aborto. Pur avendo preso in considerazione altre denominazioni protestanti, non ne ho trovata nemmeno una che non fosse contaminata dai venti del relativismo morale che caratterizzano la vita moderna. Nella Chiesa cattolica, invece, ho visto un baluardo di forza morale. Ho ammirato il papa Giovanni Paolo II e la sua volontà di combattere per principi morali senza tempo, anche di fronte a una dura opposizione. Ma se qualcuno allora mi avesse detto che un quarto di secolo dopo alcuni sinodi romani avrebbero messo in discussione le questioni non negoziabili, come l’adulterio, sotto uno sguardo di approvazione da parte del romano pontefice, mi sarei chiesto se valesse la pena di abbandonare la fede della mia giovinezza».
Credo comunque – dice Sammons – che tutto sommato ne sia valsa la pena. Se, guardando ai due sinodi sulla pastorale per la famiglia, l’ex protestante avverte qualche dubbio circa la sua scelta, si sente molto più rinfrancato pensando alle promesse di Cristo a difesa della sua Chiesa.
«Come metodista – scrive – ero sempre preoccupato che la mia comunità avrebbe continuato ad abbandonare la morale tradizionale per abbracciare ogni aspetto della rivoluzione sessuale, come poi è effettivamente successo. Sapevo che era possibile, perché Cristo non ha mai promesso di proteggere la Chiesa metodista dall’errore. Come cattolico, però, sono meno ansioso. Certo, mi scandalizzo quando i leader cattolici abbracciano la menzogna e il male, e quando lo fanno in modo tale da provocare danni incalcolabili alle anime. Eppure so che la Chiesa cattolica non fallirà e continuerà ad essere la Chiesa di Cristo. Questa rassicurazione non deve essere presa come una scusa per consentire il diffondersi di falsità (“Era solo una battuta su un aereo, che importanza ha?”), ma per mettere le cose nella giusta prospettiva. Se seguiremo gli insegnamenti ufficiali della Chiesa cattolica nella loro totalità, saremo salvati. Nessun’altra chiesa può dirlo».
Un altro aspetto della Chiesa cattolica che non può mai essere dato per scontato o sottovalutato, dice Sammons, è costituito dai sacramenti.
Si potrebbe andare a una  messa celebrata da un prete vestito da clown, e noi fedeli riceveremmo comunque il Corpo e il Sangue di Cristo nell’eucaristia. Questa consapevolezza, dice Sammons, non deve farci sottovalutare lo scandalo di una messa celebrata male, ma va ricordata per sottolineare che il Signore non smetterà mai di riversare la sua grazia sul mondo per la salvezza delle anime. «Come cattolico, ho il privilegio di incontrare Cristo nella santa comunione e nella confessione. E ogni giorno mi viene donata la grazia attraverso il sacramento del matrimonio. Questi sono regali che superano infinitamente eventuali scandali o debolezze dei ministri di Cristo».
Un altro motivo per cui tornerei a convertirmi al cattolicesimo, dice Sammons, è che quando ero protestante la mia conoscenza della storia cristiana riguardava soltanto il primo e il sedicesimo secolo, ma non sapevo nulla di quel meraviglioso arazzo composto dalle vite dei santi che hanno testimoniato la verità della Chiesa.
«Quando vedo quali vette di santità è in grado di produrre la Chiesa cattolica, so che deve essere ispirata da Dio, perché nessuna istituzione umana potrebbe includere membri così luminosi. Voglio essere parte della Chiesa che ha incluso san Pietro, san Atanasio, san Benedetto, san Francesco e santa Chiara, santa Teresa d’Avila, santa Teresa di Lisieux, san Massimiliano Kolbe. E occorre notare che i santi più grandi si sono avuti nei momenti di maggiore crisi nella Chiesa e nel mondo. E se la Chiesa può produrre tali giganti della fede durante periodi di grande scandalo, forse può cambiare in meglio anche me stesso!».
Ecco perché, scrive Eric Sammons in conclusione, tornerei a convertirmi al cattolicesimo: perché è vero!
«Non mi unirei mai a una religione o a una chiesa per aderire a un culto della personalità intorno al suo leader o perché è libera dagli scandali. Mi unisco alla Chiesa cattolica perché è vera. La Chiesa cattolica insegna la verità, ed è l’unica strada per la Via, la Verità e la Vita. C’è solo una Chiesa, ed è la Chiesa cattolica. Essere un seguace di Cristo significa essere un membro della Chiesa cattolica. Andare altrove significherebbe abbandonare nostro Signore».
San Pietro, dopo che Cristo rivelò il suo insegnamento sull’eucaristia, disse a nostro Signore: «Signore, da chi andremo? Tu hai parole di vita eterna; e noi abbiamo creduto e abbiamo conosciuto che tu sei il Santo di Dio» (Giovanni 6, 68-69).
«Allo stesso modo – dice Sammons – , quando sono frustrato o scandalizzato a causa di ciò che vedo accadere nella Chiesa di oggi, posso solo esclamare: “Signore, dove devo andare? Hai stabilito la Chiesa cattolica come il percorso verso la vita eterna; e ho creduto, e sono venuto a sapere, che è la vera Chiesa di Cristo”».
Che cosa aggiungere a questa bella testimonianza? Solo un pensierino.
Siamo così impegnati a vedere che cosa ci manca per essere come i nostri amici protestanti, che non ci accorgiamo di quanto abbiamo, dei doni che il Signore ci ha fatto e di quanto manca ai protestanti per essere come noi.
Non si tratta di fare classifiche, perché lo Spirito soffia dove e come vuole, ma di guardare in faccia la realtà della Chiesa cattolica, l’unica vera Chiesa di Cristo. Espressione che oggi, in epoca «ecumenically correct», suona male, ma non per questo è falsa!

19 commenti:

  1. Sammons è uno dei tanti nella storia che hanno lasciato il protestantesimo perché fuori, se non contro, i fondamenti dottrinali ed etici del Vangelo. La millenaria liturgia cattolica è stato il mezzo con il quale sono approdati alla Chiesa cattolica, apostolica, romana. La gerarchia cattolica è ormai infetta di quelle eresie è del tutto disorientata nella evangelizzazione. La Mater Dei ci aiuti a fare quello che il Suo Divino Figlio ci ha veramente detto di fare.

    RispondiElimina
  2. Adesso che don Minutella fa uno scisma per abbracciare il satanismo, spero che tutte le persone di questo blog lo seguino.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ...lo seguano!
      Magari prima impariamo l'italiano, ok?

      Elimina
    2. Sei un "poro gramo" a parlare così. Intanto dovresti migliorare il tuo italiano (lo seguano, caso mai...), poi in fatto di scisma dovresti andarci piano, visto che il caos viene dai vertici della gerarchia, o no?

      Elimina
    3. OK:
      "Adesso che don Minutella fa uno scisma per abbracciare il satanismo, spero che tutte le persone di questo blog lo seguano."

      Elimina
    4. Mi spiegate quella di Don Minutella per favpre?

      Elimina
  3. Sammons è uno dei tanti che hanno abbandonato il protestantesimo ed entrati nella Chiesa cattolica, spesso mediante la sua millenaria liturgia che evoca appieno il Mistero di Cristo. Hanno capito che quell'eresia non ha nulla della autentica dottrina ed etica del Vangelo, che anche tanti teologi ed esegeti 'cattolici' leggono 'scientificamente' per arrivare solo alla negazione e all'apostasia. La gerarchia mediti, se è ancora capace, l'esempio di tanti grandi anime che si sono convertite ad una fede da loro oscurata.

    RispondiElimina
  4. Molti sono i grandi personaggi di cultura e fede che hanno lasciato l'eresia protestante per entrare nella Chiesa cattolica perché hanno constatato che è lontana dalla autentica dottrina ed etica del Vangelo, frutto di una ideologia inventata dopo 1500 anni e oggi abbracciata da tanti teologi ed esegeti di cosiddetta 'scienza'.Si comprende la loro angoscia nel vedere una Chiesa nell'apostasia che ha rinnegato anche una liturgia millenaria che per loro è stata una guida per entrare nel mistero di Cristo e della Chiesa da lui fondata.

    RispondiElimina
  5. La gerarchia, con il corifeo Bergoglio in testa, i teologi ed esegeti si ripassino la lunga lista dei convertiti al cattolicesimo dalle varie sette protestanti e abbiano l'onestà intellettuale di cercarne la ragione.

    RispondiElimina
  6. Il pensiero di Sammons è lo stesso del grande teologo e storico, ora beato, Henry Newman e di tantissimi altri che hanno cercato la Verità del Vangelo e hanno lasciato le ideologie relativistiche tipiche del protestantesimo e modernismo, incompatibili con il Cristianesimo.

    RispondiElimina
  7. Molto bello e commovente!
    Bravi!

    RispondiElimina
  8. Ma con che sfacciataggine si permette di affermare che l’adulterio incontrerebbe uno sguardo d’approvazione da parte del romano pontefice? Si rende conto della gravità e della falsità di simili affermazioni?

    Questa poi, riguardo ai valori non negoziabili, l’affermazione che papa Francesco avrebbe (uso volutamente il condizionale) fatto nell’intervista al Corriere della Sera (5 marzo 2014): ”Non ho mai compreso l’espressione valori non negoziabili. I valori sono valori e basta, non posso dire che tra le dita di una mano ve ne sia una meno utile di un’altra. Per cui non capisco in che senso vi possano essere valori negoziabili”.

    Papa Francesco, si capisce da quell’intervista, viene accusato del contrario di ciò che avrebbe affermato! Se almeno amaste la verità.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bergoglio non ha capito che significa valori non negoziabili dei quali hanno parlato e per i quali hanno combattuto tutti i papi della storia. E' più che evidente perché lui li relativizza e quindi li negozia.

      Elimina
    2. Solo per citare i papi più recenti, GPII e Benedetto hanno fondato il loro alto magistero proprio sui 'valori non negoziabili', perché fondati sul Vangelo e sul diritto naturale. Come dobbiamo giudicare un loro successore che non li riconosce?

      Elimina
    3. Qualcuno avrebbe affermato:
      "non posso dire che le dita di una mano ve ne sia una meno utile di un’altra".

      L'affermazione è certamente poco meditata: posto che tutte le dita sono utili, chi sceglierebbe di perdere il pollice anziché il mignolo perché sono entrambi UGUALMENTE utili?

      Ed il resto della citazione non è che sia più ponderato.

      Elimina
    4. Il punto è, sagittarius, che dedurre da quella frase che non ci sarebbero più valori non negoziabili non ha nessuna logica.

      Elimina
  9. Appunto, la Chiesa Cattolica... quella prefigurata da Bergoglio è Cattolica? Il problema resta, per tutti, sia per i cosiddetti "tradizionalisti" e sia per i cosiddetti "progressisti" (almeno così si auto-definiscono infantilmente). Resta cioè il fatto che Pontefici diversi hanno detto cose diverse, diverse proprio da un punto di vista dottrinale, questo fatto fa traballare tutto, qualsiasi posizione teologica si abbia. Peraltro, a rendere tutto grottesco, è anche il dato oggettivo che se quello che è stato detto ieri, oggi non è legge, in futuro sarà legge qualcosa di diverso a ciò che viene detto oggi (con buona pace di chi preferisce l'oggi...). Comunque sia, quanto affermato da questo Sammons è bello e fa piacere, avrei qualche dubbio su Ratzinger, che con le dimissioni ha agevolato l'avvento del Pontefice attuale, dimostrandosi quanto meno un pavido. Tra l'altro, finalmente, qualcuno che parla di "questioni" e non di "valori" (non negoziabili); mi sembra che questo convertito usi giustamente una parola che non ha una connotazione economica, connotazione economica che non c'entra un fico secco con i concetti spirituali.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. da cristiano mi fate male

      Elimina
  10. Secondo me questo sta cercando solo la sua salvezza di Gesù non gli interessa. Il cristianesimo è l'incontro con Cristo e seguire tutti gli insegnamenti della Chiesa non basta alla salvezza.... Studi San Paolo. Meglio un buon protestante che ha prodotto giganti del calibro di Bonhoffer che un cattolico farisaico.

    RispondiElimina

L'inserimento senza moderazione dei commenti è limitato ai soli post usciti nella medesima giornata di inserimento e nel giorno precedente. Per i post più vecchi, i commenti saranno sottoposti a moderazione.
Qualora fosse attiva la moderazione, possono passare anche alcuni giorni prima del controllo da parte della Redazione.