lunedì 27 febbraio 2017

DJ FABO è morto. Accompagnato al suicidio da Marco Cappato

Raffaella Frullone: "Djfabo è morto. Ucciso. Alle 11.40. Alle 11.48 Marco Cappato ha twittato "la notizia". 
E alle 11.55 è il titolo di apertura di tutte le grandi testate. Possa Dio avere misericordia di chi ha causato questo crimine e degli sciacalli che lo usano per i loro progetti di morte."

25 commenti:

  1. Scelta fatta in scienza e coscienza da parte di una persona che soffriva moltissimo in stato di disabilità estrema senza alcuna possibilità di recupero...da credente ma prima di ogni altra cosa da persona non giudico e non condanno e non sono per l' accanimento terapeutico...rispetto la decisione della persona assunta in assenza di vincoli di costrizione e in piena consapevolezza...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. concordo pienamente. Si parla tanto di legge naturale e in natura in quelle condizioni sarebbe morto in poche ore.. è un abominio tenere in vita un morto..
      la scienza deve avere dei limiti e non sfidare la natura

      Elimina
    2. SUICIDIO ASSISTITO non eutanasia c'è una bella differenza!! Ecco i NUOVI cattolici!

      Elimina
  2. Beh ormai abbiamo Amoris Laetitia a risolvere tutte le questioni...

    Il Suicidio, o l'omicidio, sono atti oggettivamente gravi, però esistono attenuanti per cui in coscienza può essere annullata la colpa, e l'omicidio diventare addirittura meritorio!
    Si potrà anche dare la Comunione come medicina per i deboli, non premio per i giusti! (la conversione saltiamola)
    Ecco fatto, problema risolto..
    Dedichiamoci al grande problema dell'umanità oggi, la raccolta differenziata!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Carechismo della Chiesa Cattolica

      1735 "L'imputabilità e la responsabilità di un'azione possono essere sminuite o annullate dall'ignoranza, dall'inavvertenza, dalla violenza, dal timore, dalle abitudini, dagli affetti smodati e da altri fattori psichici oppure sociali".

      1860 L'ignoranza involontaria può attenuare se non annullare l'imputabilità di una colpa grave. Si presume però che nessuno ignori i principi della legge morale che sono iscritti nella coscienza di ogni uomo. Gli impulsi della sensibilità, le passioni possono ugualmente attenuare il carattere volontario e libero della colpa; come pure le pressioni esterne o le turbe patologiche. Il peccato commesso con malizia, per una scelta deliberata del male, è il più grave.



      Riguardo al suicidio (tra cui per l'appunto può rientrare anche quanto fatto da dj Fabo)




      2282 Se è commesso con l'intenzione che serva da esempio, soprattutto per i giovani, il suicidio si carica anche della gravità dello scandalo. La cooperazione volontaria al suicidio è contraria alla legge morale.

      Gravi disturbi psichici, l'angoscia o il timore grave della prova, della sofferenza o della tortura possono attenuare la responsabilità del suicida.

      2283 Non si deve disperare della salvezza eterna delle persone che si sono date la morte. Dio, attraverso le vie che egli solo conosce, può loro preparare l'occasione di un salutare pentimento. La Chiesa prega per le persone che hanno attentato alla loro vita."



      Perciò che le devo dire, caro anonimo, se non lo sta bene può abbandonare la Chiesa Cattolica, visto che, stando a quanto dice, pure il Catechismo sarebbe eretico.

      Elimina
  3. All'epoca della "messa di sempre", una persona così sarebbe morta dopo massimo dodici ore. I progressi della scienza pongono interrogativi cui lo scienziato e il dottore in morale cristiani NON possono sottrarsi invocando semplicemente spirito di sacrificio (della serie "armiamoci e partite")

    RispondiElimina
  4. Anche all'epoca in cui non c'erano gli antibiotici...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La medicina serve quando cura... l'antibiotico è una cura temporanea che ripristina i normali parametri di vita di una persona malata. la respirazione e l'alimentazione forzata diviene cura se circoscritte ad un periodo utile al ripristino autonomo delle proprie funzioni vitali. Se diventano strumenti permanenti e necessari alla vita stessa non sono cure ma palliativi alla vita. In pratica si tiene in vita artificialmente. Stiamo creando dei Frankenstein.

      Elimina
    2. Concordo pienamente con andrea s.

      Elimina
  5. Anche all'epoca in cui non c'erano gli antibiotici molti di noi sarebbero già morti...

    RispondiElimina
  6. Bene se il problema è che oggi la medicina e la scienza curano troppo piantiamola di raccogliere soldi per la ricerca, smettiamo di far avanzare la neonatologia e che vinca il migliore

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La medicina serve quando cura... l'antibiotico è una cura temporanea che ripristina i normali parametri di vita di una persona malata. la respirazione e l'alimentazione forzata diviene cura se circoscritte ad un periodo utile al ripristino autonomo delle proprie funzioni vitali. Se diventano strumenti permanenti e necessari alla vita stessa non sono cure ma palliativi alla vita. In pratica si tiene in vita artificialmente. Stiamo creando dei Frankenstein.

      Elimina
  7. Quello che manca e' " la rete " . So quel che dico per aver avuto la mamma malata per 40 anni , di cui alcuni completamente allettata , non in grado di intendere ne' di volere ( psicoci cronica delirante ). Tutto e' " scaricato sulla famiglia che diventa Ospedale ma che viene considerata " Azienda "! Con tutto quel che ne consegue . E questo e' solo 1 aspetto , quello economico. Potrei scrivere un libro sulle chiacchiere della cosiddetta assistenza domiciliare che per me e' esistita solo sulla carta , sulla difficolta' ad avere l'intervento psichiatrico domiciliare , sulla difficolta' ad ottenere presidii necessari quali pannoloni ecc. ecc. Se sventuratamente si aggiunge un altro malato ( nel mio caso il papa' con un cancro peritoneale.)....in una famiglia composta da madre e padre con lavoro turnante e figlio unico abbiamo fatto l'en plein . Anche per andare a Messa si devono organizzare i turni . Mio figlio ha avuto una emorragia cerebrale subaracnoidea : non l'ho potuto accompagnare in Ospedale perche' e' successo il Lunedì dell'Angelo e nelle festivita' non potevo permettermi il lusso di altre badanti ...mi mancano gli Ospedali con le suore , mi mancano i Medici come Giuseppe Moscati , mi manca la responsabilita' della classe politica , mi manca quella "rete"che c'era e che anziche' essere migliorata e' stata smantellata . Ringrazio Iddio ora e sempre per tutte le Croci i patimenti e i pianti , , avrei potuto fare meglio !

    RispondiElimina
  8. http://www.maurizioblondet.it/povero-fabo-dj-ingannato-sempre-cattivi-attori/

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Articolo vergognoso. Blondet ormai è fuori come una pianta di geranei. E' poi si dice cattolico...

      Elimina
    2. Cosa sono i "geranei"?

      Elimina
    3. .......pianta infestante della famiglia dei I Nuovi mostri.

      Elimina
  9. http://www.maurizioblondet.it/povero-fabo-dj-ingannato-sempre-cattivi-attori/

    RispondiElimina
  10. Non commento la scelta "privata" di uno che non c'è la fa più.
    (anche vero che i progressi medici creano situazioni che altrimenti non si porrebbero...ma la vita resta "vita")

    Molto negativo però farlo in modo "pubblico", allora mi spiace ma lo considero un "cattivo esempio".
    Stefano

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In effetti. Ma poi non si comprende perché coinvolgere altre persone in un fatto così (a patto che sia possibile farlo autonomamente, s'intende).

      Elimina
  11. Tutto questo battage è la porta spalancata per l'eutanasia di stato che verrà applicata presto a vecchi, disabili, e tutti quelli che costano al SSN e non sono ritenuti degni di vivere, o semplicemente perché non hanno i soldi per curarsi, non è stato così anche per il diritto all'aborto? Allora, per piacere piantiamola con le ipocrite menate sui medici nazisti e olocausti vari, qui si fanno le stesse cose e sono spacciate per laico progresso....rispetto il morto, non aggiungo altro.

    RispondiElimina
  12. Maurizio Blondet, merita una medaglia...
    Ha avuto il coraggio di dire la verità,senza peli sulla lingua e senza reticenza
    La finestra di Overton, ahimè incomincia ad avere i suoi(micidiali) effetti.


    RispondiElimina
  13. concordo pienamente con Anonimo.

    RispondiElimina
  14. mi limito a ricordare suor Benedetta Frej di Viterbo. 50 anni completamente paralizzata immobile in un letto, dal quale sono usciti altissimi insegnamenti spirituali, guida luminosa per anime elette, comunione mistica con altre vittime consacrate come Padre Pio. Ora per la Chiesa è venerabile.

    RispondiElimina

L'inserimento senza moderazione dei commenti è limitato ai soli post usciti nella medesima giornata di inserimento e nel giorno precedente. Per i post più vecchi, i commenti saranno sottoposti a moderazione.
Qualora fosse attiva la moderazione, possono passare anche alcuni giorni prima del controllo da parte della Redazione.