mercoledì 30 novembre 2016

Card. Bagnasco: “L’Occidente sta perdendo la dimensione mistica del Vangelo”

foto di domenica 27.11.2016
presa dal sito della Curia di Genova
Queste parole, pronunciate dall'Arcivescovo di Genova domenica 27.11.2016 in occasione di due ordinazioni nella Cattedrale ligure, si vanno a inserire con forza, se pur in maniera implicita, nel solco degli intenti dei 4 cardinali che hanno espresso dubbi sull'Amoris Laetitia.
Anche il Card. Bagnasco ammonisce la Chiesa a non voler stravolgere il Vangelo umanizzandolo, o meglio, privandolo della natura divna della Novella, pur di piacere a tutti i costi al mondo. 
Facile intravedere in questo discorso un rimprovero o comunque un avverimento: sbagliato modificare i principi della dottrina adattandoli alla prassi, pur di piacere alle persone che non si sforzano di seguire i precetti della Chiesa (errore che si sta facendo con il matrimonio e Amoris Laetitia).
Nell'omelia del Card. Bagnasco si sente l'eco della lettera di Medi a che abbiamo, per coincidenza, riproposto pochi giorni fa. 
Roberto 


Da SIR del 28.11.2016 via Blondet

Omelia del Sig. Cardinale A. BagnascoDuomo di Genova, domenica 27.11.2016
in occasione delle ordinazioni sacerdotali.

“Se non si conosce Dio, non si può neppure conoscere Gesù. Lo si riduce a un saggio, a un politico, a un martire, un visionario, ma non si riconosce il redentore del mondo. Allora la Chiesa non è più mistero e sacramento ma diventa una realtà sociologica opera di uomini soggetta alle categorie del mondo: il numero, il potere il consenso, le organizzazioni”.
Ad affermarlo il cardinale Angelo Bagnasco, arcivescovo di Genova e presidente della Cei, nell’omelia pronunciata ieri pomeriggio, nella cattedrale di San Lorenzo, in occasione della Messa per le ordinazioni presbiterali (due i sacerdoti ordinati).

“Ma – ha aggiunto il card. Bagnasco – la Chiesa non è umanamente attraente perché Dio vuole convertire, non sedurre. Divenire cristiani non è una adesione ma una conversione perché Dio, prima di essere il nostro bene è la nostra origine, la possibilità e la consistenza del nostro essere. Solo dopo è anche il destino della nostra anima”. E questa, ha aggiunto “è la questione delle questioni” perché riguarda “la salvezza eterna dell’anima”. Ma “quando si perde il senso dell’eterno, allora l’anima si identifica con le cose che incontra e consuma”.
“Il sole di Satana che vuole sedurre le anime vuole far credere che il proprio del cristiano è l’attività ma questo svuota la memoria di Dio e della sua grazia. L’uomo si trova da solo con sé stesso solo anche se dentro ad una collettività che però è altro della comunità dei discepoli”. Di qui l’invito all’adorazione perché “adorare non è un fare, è un non fare, per lasciarsi fare da Cristo e questa è la dimensione mistica del Vangelo che l’Occidente sta perdendo e per questo, più si danna nel fare, più sprofonda nell’angoscia della sua impotenza di senso”.

 “Il sacerdote non è un operatore sociale ma è l’uomo di Dio”

Il sacerdote non è un operatore sociale ma è l’uomo di Dio”. Ad affermarlo il cardinale Angelo Bagnasco, arcivescovo di Genova e presidente della Cei, nell’omelia pronunciata ieri pomeriggio, nella Cattedrale di San Lorenzo, in occasione della Messa per l’ordinazione presbiterale di don Andrea Carcasole e di padre Enea Traffano, d.O.
“Oggi – ha detto ai due ordinandi – siete costituiti maestri di fede ma per essere tali dovrete essere uomini di fede, dovrete ragionare non secondo le categorie del mondo ma secondo quelle di Cristo, quelle della Pasqua di morte e resurrezione, della croce gloriosa. Separare queste categorie significa non capire più nulla dell’esistenza umana della storia dell’universo. La vita pastorale non potrà mai essere preghiera se non vi sono nella vita del prete spazi personali di preghiera dove il vostro cuore umano parla al cuore divino. Il mondo sta male perché perde il contatto con la realtà sempre di più. Crede che tutto si riduca a ciò che vede e tocca a ciò che può misurare mentre la realtà è molto più grande. Ciò che è invisibile è più concreto e importante di tutto ciò che vediamo. Questa miopia spirituale può colpire anche noi sacerdoti e pastori. Nessuno può considerarsi esente da questa miopia che può progredire con l’età [Allude?, ndr.]. Per questo è necessaria l’adorazione che marca la differenza tra Dio e l’uomo, riconosce che solo Dio è Dio e non noi e così tornano al loro posto i giudizi e le scelte”.

6 commenti:

  1. Più' che altro la Chiesa prego e per merito ANCHE e SOPRATUTTO VOSTRO .
    Vallo a dire a Bersaglio che non fa mai atto di adorazione davanti il Sacramento !
    Se la società' si è descristianizzata lo si deve grazie e sopratutto a VOI !
    e impara a mettere la croce pettorale bene in evidenza e non d' impiccio nel taschino della giacca come la custodia degli occhiali

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bergoglio almeno fa di meglio : se la leva al momento per non offendere gli altri !!! questo si è galateo !!!

      Elimina
  2. Il bue che da cornuto all'asino? Prima esaltano la misericordia il comunismo e l'ateismo e poi si meravigliano se si svuotano chiese e seminari?

    RispondiElimina
  3. non dico che abbiano desacralizzato o ridicolizzato il tutto , hanno fatto di meglio e di più' : hanno BANALIZZATO il tutto !
    le lacrime del coccodrillo !

    RispondiElimina
  4. L'omelia di Bagnasco è l' ennesimo dito nella piaga, sempre più incancrenita, della Chiesa ad opera dell'infezione bergogliana e dei vescovi suoi seguaci e da quelli vilmete adeguati!

    RispondiElimina
  5. Forse si è reso conto che con 2 (dico 2) nuovi sacerdoti per la diocesi che fu del Cardinale Siri si è veramente toccato il fondo

    RispondiElimina

L'inserimento senza moderazione dei commenti è limitato ai soli post usciti nella medesima giornata di inserimento e nel giorno precedente. Per i post più vecchi, i commenti saranno sottoposti a moderazione.
Qualora fosse attiva la moderazione, possono passare anche alcuni giorni prima del controllo da parte della Redazione.