mercoledì 6 gennaio 2016

La sindaca di Podemos a Madrid: "I Re Magi siano donne per rispettare la parità di genere"



di Matteo Matzuzzi Il Foglio  29 dicembre 2015
L'alcaldesa di Madrid, Manuela Carmena (LaPresse)
Roma. A fine ottobre il comune di Madrid era bloccato dal grande dubbio che arrovellava l'alcaldesa di Podemos, la sindaca Manuela Carmena: allestire o no il grande presepe a Palacio de Cibeles, la sede del municipio? Carmena, infatti, era stata chiara: il comune "non è dei cattolici", e quindi sarebbe stato opportuno tenere in considerazione tutte le sensibilità, comprese – ça va sans dire – quelle dei non credenti. L'idea, allora, era stata quella di "delocalizzare" luminarie, buoi e asinelli, così da accontentare anche le periferie. Inutile dire che i commercianti erano subito insorti, anche perché le attrazioni natalizie hanno sempre portato nel centro madrileno migliaia di turisti, con chiari effetti benefici sulle casse di negozi e ristoranti. Scontata la retromarcia: il presepe s'è fatto, anche se ridotto a otto metri, anziché i consueti e tradizionali cinquanta.
  
Ma l'idea del "Natale multiculturale" non è caduta nel dimenticatoio, tant'è che la giunta comunale ha deciso di apportare qualche cambiamento alle storiche sfilate dei Re Magi, che affollano le strade cittadine ogni 5 gennaio, vigilia dell'Epifania. In nome della parità di genere, Manuela Carmena ha stabilito che in due dei cortei Gaspare e Melchiorre saranno donne. Niente gonne, però: le figuranti avranno una barba posticcia, il che "è tutto molto dignitoso", ha osservato la sindaca. Baldassarre, però, sarà uomo, è stato subito precisato: essendo per tradizione di colore, la "parità etnica" è garantita.

9 commenti:

  1. Io non posso crederci!
    L'umanità non puo essere così tanto degradata

    RispondiElimina
  2. ma quale parità del gender , vergognatevi con le Vs. teorie state distruggendo tutti e tutto , non ci resta che stringere con un bacio forte forte questa sera , come di consuetudine ,Gesù Bambino e pregare - pregare - pregare

    RispondiElimina
  3. Spagna si ha degradato fino a confini insopportabili. Certe Regioni cattolicisime oggi sono paganizzate dagli organismi statali. La gioventu' e' piena di lussuria, avarizia, mondanita', fatte le solite eccezione. Pare che le forze del Male stano qui a fare la sua sperienza. E' strano: La cattolica Spagna e Roma, la Sede Apostolica. Non e' casuale. Ci fa pensare: In persecutione extrema.

    RispondiElimina
  4. Una befana....ma non buona.
    ma che va a C.....!!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non avrei saputo esprimermi più appropriatamente: concordo al 100% sia sulla befana che sul mandarla a C....

      Elimina
  5. Deus quod damnaret vult, demetat prius!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Corretto: Deus quod damnaret vult dementat prius!

      Elimina
  6. In perfetta sintonia con il VdR… e il concilio. Ecumenicità, decristianizzazione, parità dei sessi, politically correct, parità etnica.
    E così nemmeno i cattolicissimi sovrani di spagna non riescono a far fronte a questo penoso declino… ci vorrebbe Torquemada!
    A.

    RispondiElimina
  7. La gente dovrebbe posare il fiasco di sangria....

    RispondiElimina

L'inserimento senza moderazione dei commenti è limitato ai soli post usciti nella medesima giornata di inserimento e nel giorno precedente. Per i post più vecchi, i commenti saranno sottoposti a moderazione.
Qualora fosse attiva la moderazione, possono passare anche alcuni giorni prima del controllo da parte della Redazione.