domenica 5 ottobre 2014

Cosa pensa il Catholic Herald dell'opera di "de-ratzingerizzazione"della Curia

 Papa Francesco sta purgando la Curia dai conservatori?
di don
Mark Drew(*) da Catholic Herald, del 03.10.2014

Si narra che quando Giacomo della Chiesa fu eletto papa nel settembre del 1914, il Cardinale Raffaele Merry del Val rivolse al suo vicino nella Cappella Sistina ed esclamò: "Questo è un disastro!" Il suo interlocutore rispose ironicamente: "Per Vostra Eminenza, sì lo è". Merry del Val aveva goduto grande  autorità senza alcun ostacolo in veste di di Segretario Stato di Pio X, e Giacomo della Chiesa, che prese nome di Benedetto XV, era il candidato di una fazione rivale. Merry del Val si era energicamente opposto alla sua elezione e aveva temuto la fine della sua carriera. Alla fine, i suoi timori furono fondati solo in parte. Benedetto XV era noto per non amare il cardinale anglo-spagnolo, ma non si sentiva in grado di bandire completamente la sua influenza. Sebbene Maru del Val fosse stato effettivamente rimosso dalla Segreteria di Stato, continuò a vivere il resto della sua vita come Segretario del Sant'Uffizio, un posto solo marginalmente meno potente.
Quasi esattamente un secolo dopo, molti stanno percependo un "regolamento di conti" di natura analoga, ma più radicale, a causa del lavoro di nomine curiali compiuti da papa Francesco. Tante teste sono rotolato, o sono in procinto di rotolare. Tant'è che un vaticanista di spicco scrisse di un processo di "de-Ratzingerizzazione" in corso in Curia.
Sembra a prima vista, come se molti di quelli più vicini a Benedetto XVI siano caduti vittima del cambiamento di clima a Roma. Il primo - almeno pubblicamente - è stato il geniale italiano Cardinale Mauro Piacenza, il cui spostamento di un anno fa, dalla carica di Prefetto della Congregazione per il Clero a quella di Prefetto della Penitenzieria Apostolica è difficile non interpretare come una retrocessione. Un altro cambiamento di alto profilo è stata la rimozione del cardinale spagnolo Antonio Cañizares Llovera dalla Prefettura della Congregazione per il Culto Divino - una congregazione la cui competenza è stata al centro del progetto ratzingeriana - e nominato Arcivescovo della sua nativa Valencia. La partenza di Cañizares, conosciuto come il "piccolo Ratzinger" - tanto per il suo aspetto quanto per la sua teologia - è stata vista da molti come la prova provata di una purga.
Di gran lunga l'onda d'urto più grande, però, è rappresentata dalla perdita apparentemente incredibile del cardinale Raymond Burke, forse il sostenitore più schietto e forte del ritorno alla applicazione della disciplina della Chiesa di Roma. Egli sta per essere rimosso senza tanti complimenti dalla carica di Prefetto della Segnatura Apostolica, che gli dà una forte influenza sull'interpretazione e l'applicazione del diritto canonico, e alla quale era stato chiamato da Benedetto XVI nel 2008. La parte più sorprendente della notizia, è che invece di essere spostato a dirigere un altro dicastero minore, (che sarebbe comunque interpretato come una retrocessione al pari di quella inflitta al cardinale Piacenza) la rimonzione di Burke sembra una vera ed inequivocabile umiliazione. Sembrerebbe che il cardinale americano, riconosciuto come una mente giuridica formidabile e con 66 anni uno dei più giovani membri del Sacro Collegio, riceverà l'incarico cerimoniale del patrono dei Cavalieri di Malta. [n.d.r.: ormai la notizia è certa ed è stata cofermata alla Redazione di MiL; n.d.r.].
Questo incarico è storicamente visto come una sinecura affidata o da cardinali di età al termine della loro carriera o da più giovani cumulativamente con responsabilità più sostanziali. La domanda che molti si fecereo dopo l'elezione di Francesco era inevitabile: l'attuale Papa si impegnerà nello smantellamento dell'eredità del suo predecessore? Tale processo, sospettato con un crescente senso di presagio da alcuni e con gioia sempre più sfrenata da parte di altri, sembrerebbe essere una spiegazione logica per la rimozione frammentaria degli uomini accuratamente selezionati da Benedetto e da san Giovanni Paolo II prima di lui.
Prima di fare giudizii, guardiamo ai fatti. Troppo è stato fatto nel caso del cardinale Cañizares. Si sapeva ben prima abdicazione di Benedetto XVI che lo spagnolo struggeva per  ritornare in patria e guardava alla sede presto vacante di Madrid. Così il suo ritorno in Spagna non avrebbe  nulla, se non fosse che egli sia stato inviato ad una sede di rango minore rispetto a quella pensata. Questo è un elemento molto significativo e porterebbe ad una conclusione scontata.
La rimozione del cardinale Piacenza solleva più interrogativi, dal momento che sembra essere parte di una revisione radicale del dicastero. Il suo segretario, Celso Morga Iruzubieta, legato all'Opus Dei e vicino a Piacenza, sembra essere destinato molto presto ad una diocesi spagnola non di primaria importanza. Ci sono voci di gravi turbolenze all'interno di questo dicastero della Curia. Non ho idea di quale sia l'origine di questo stato di cose ma potrebbe essere collegato con la debacle che si svolse all'interno della sua area di competenza nel 2010, quando la proclamazione attesa di san Giovanni Maria Vianney come patrono di tutti i sacerdoti del mondo fu improvvisamente e inspiegabilmente cancellata. Forse più informazioni emergeranno in futuro.

Per quanto riguarda il cardinale Burke, penso che ci siano pochi dubbi che la sua venuta defenestrazione, se confermata [come detto, MiL sa per certo che sarà confermata, salvo cambiamenti dell'ultima ora; n.d.r.], non dimostrino un desiderio di Francesco di  percorrere un percorso distinto da quello di Benedetto XVI. E 'vero che può essere dovuto in parte a un progetto di ridimensionamento curiale che prevede la fusione di vari dicasteri e una conseguente soppressione dei posti nei reparti destinati a scomparire. Ma lo status di Burke venne già degradato da quando il nuovo Papa lo rimosse dalla Congregazione per i Vescovi nel dicembre 2013. Questo non è stato solo un'umiliazione per il cardinale, ma anche una grave battuta d'arresto per il progetto "ratzingeriano" che egli e altri avevano perseguito in quel dicastero con energia e successo. In realtà, ho sospettato fin dal primo giorno che Francesco fosse stato eletto al fine di perseguire un programma diverso da quello di Benedetto e che egli stesso desideri ora  un consapevole cambiamento di rotta.
Io non sono ancora sicuro di quanto radicale potrà essere il cambiamento desiderato dal Papa, ma voglio azzardare un'ipotesi. Uno sguardo indietro potrebbe aiutarci a capire la scena contemporanea.
Al conclave del 1914, ci fu una fazione curiale che intendeva perseguire con determinazione la politica anti-modernista perseguito sotto Pio X, guidata da Merry del Vel. Poi ci fu una fazione di "liberali" (uso le virgolette perché per gli standard odierni loro "liberalismo" è stata moderata al punto di invisibilità), che si opponeva a questa campagine e che volle  perseguire una politica di apertura alla modernità. C'era, però, anche un terzo gruppo, non meno ortodosso, in realtà, di quello di Merry del Val, ma che era preoccupato che quest'ultimo avesse condotto un eccesso di zelo nella caccia alle streghe, contro teologi fedeli e vescovi che furono presi di mira ingiustamente (qualcuno ricorderà che san Giovanni XXIII scoprì che nella sua elezione egli era stato tra i sospettati). Alla fine, i primi due gruppi non poterono ottenere l'elezione dei propri  uomini e della Chiesa, il candidato della terza fazione, venne eletto come candidato di compromesso quando i "liberali" e i moderati si unirono contro gli ultras irriducibili. Sono sempre più convinto che il 2013 è stato giocato conclave molto simile. Una nomina tanto attesa fatta il mese scorso può aiutare a illustrare il mio discorso. Il nuovo Arcivescovo di Chicago, Blase Cupich, è una delusione per i guerrieri della  componente culturale cattolica della destra religiosa americana. Egli rifugge l'approccio conflittuale in cui prelati come il cardinale Burke sembrava piacere, ma ha difeso la dottrina cattolica su tutti i punti controversi in modo chiaro, ma senza ira. Papa Francesco si dice che abbia assunto un ruolo particolarmente attivo nel garantire la promozione del Vescovo Cupich.
A tal proposito si consideri che il Papa  ha recentemente osservato che "non vuole guerrieri culturali, non vuole ideologi". Visto in questo contesto, la nazionalità del cardinale Burke non è priva di valenza nella sua presunta degradazione. Il punto di vista di molti cattolici americani che hanno abbracciato la politica neo-conservatorista sembra pericolosamente ideologica per molti europei, anche quelli che non hanno simpatia per lassismo dottrinale. Per sostenere il Magistero quando esso difende la morale sessuale tradizionale e la santità della vita, pur relativizzando quando condanna gli eccessi del capitalismo e sostiene il ruolo dello Stato nella  redistribuzione della ricchezza e fornendo assistenza sanitaria, per esempio, spesso si rischia di essere moralisti selettivi. Il cardinale Burke non è mai caduto negli eccessi di qualche  commentatore americano che persino  rifiuta gli insegnamenti di papi successivi sulla giustizia sociale.  Ma egli ha pubblicamente relativizzato l'autorità magisteriale della Evangelii Gaudium, adottando posizioni senza compromessi su questioni come la comunione per i politici che dissentono da altri insegnamenti morali. Ho il sospetto che questo ha causato preoccupazione a persone influenti a Roma, compresi quelli che sono tutt'altro che liberali sulle questioni dottrinali. Forse ha irritato il Papa stesso. Così forse Francesco, se  toglie il cardinale Burke, intende inviare un messaggio alla Chiesa degli Stati Uniti sul fatto che le ideologie neo-conservatrici non devono essere usate come arma. Naturalmente, questo deve valere anche per coloro che vorrebbero usarlo al servizio di una ideologia liberale. Ci sono certamente in Curia quelli che vogliono smantellare l'eredità di Benedetto e di san Giovanni Paolo II. Ci sono anche quelli che vogliono vedere una lieve rettifica della linea di fuoco e, a torto oa ragione, ritengono che questa eredità debba essere perseguita con più cautela. L'attuale Papa potrebbe essere più vicino al secondo gruppo rispetto al primo. L'esito del prossimo sinodo sulla famiglia ci dirà di più. Naturalmente, i papi possono commettere errori, e l'attuale papa ha ammesso candidamente che lui può commettere. Se il cardinale Burke è stato fatto capro espiatorio, potrebbe anche essere un errore papale. Se Francesco mina seriamente l'eredità di Benedetto - intenzionalmente o come strumento inconsapevole di una fazione nella Curia -  sarà sicuramente un errore,  Ma la storia, sotto la Provvidenza, ha il suo modo di essere, e sarà considerata con il senno di poi. Aspetti della carriera di Merry del Val rimangono controversi. Ma pochi negherebbero che l'eredità di san Pio X per la Chiesa è più significativo di quello del suo successore.


(*) Mark Drew è un sacerdote attualmente lavorando nell'Arcidiocesi di Liverpool. Ha conseguito un dottorato in teologia ecumenica presso l'Institut Catholique di Parigi, e ha anche studiato in Germania e Roma

ps. traduzione nostra.

58 commenti:

  1. L'articolo è di qualità ma fate attenzione agli errori di traduzione (errori di battitura). Grazie :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In effetti per capire certe frasi bisogna immaginare l'originale inglese e poi ritradurlo bene in italiano.

      Elimina
    2. Grazie per la segnalazione, per cui avevamo già deciso di correre ai ripari. Ringrazio i lettori che in privato ci hanno segnalato gli errori (di traduzione e di battitura).
      Rimango rattristato (per non dire peggio) per quanti si divertano, senza pietà nè carità, nè tanto meno intelligente comprensione, a criticare con acrimonia e una punta di sadismo la Redazione per errori di traduzione di un articolo LUNGO da un inglese non scolastico. Il povero "volontario" ha fatto di corsa pur di poterlo offrire ai lettori. Solo pochi ci hanno ringraziato e sostenuto (primo tra questi il prof. Pastorelli). Gli altri non hanno perso, neanche questa volta, l'occasione e il piacere per trovare da ridire alla Redazione. La prossima volta lo traducano loro.

      Elimina
  2. L'articolo nonn solo è di ottima qualità, ma l'autore ha anche il raro, dalle parti nostre, coraggio ed onestà intellettuale di dire le cose come stanno, senza infingimenti e torsioni mentali per difendere l'indifendibile e dire una sola cosa che conta, la verità sulla chiesa francesquista se poi ci vogliono far passare per scemi tutti quanti,io non ci sto,è sotto gli occhi di tutti, basta tenerli aperti....

    RispondiElimina
  3. E sempre stato così, i Papi conservatori hanno "purgato" dagli innovatori e viceversa. Ognuno si circonda di collaboratori vicini alla propria sensibilità.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se si pensa che Pio XII s'era circondato dei o aveva promosso al cardinalato Montini, Lercaro, Bea, Tisserant, Agagianian; Roncalli, Lienart ecc. ecc. almeno le eccezioni bisognerebbe ricordarle.

      Elimina
    2. Montini fu creato cardinale da san Giovanni XXIII.

      Elimina
    3. E infatti ho scritto che si era circondato dei...o aveva promosso cardinali...
      Basta saper leggere.

      Elimina
  4. La traduzione è così sgrammaticata che spesso ne scapita il senso, e comunque si dura fatica a leggerla.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Un po' di comprensione si potrebbe anche manifestare. Basta indicare gli errori alla redazione. Il senso è chiarissimo. La redazione non è il solito anonimo che martirizza la lingua senza dir nulla o dicendo cretinate.

      Elimina
    2. Tutta la comprensione che vuole...
      3 october 2014
      si traduce 3 ottobre 2014 e non 3.01.2014
      Questo non è un particolare ma si tratta di nove mesi di distanza: durante questo periodo sono successe molte cose...
      manuel2014

      Elimina
    3. Ben detto.

      Elimina
    4. Preciso:ben detto Dante

      Elimina
  5. Io invece non capisco il senso dell'articolo.
    "Già infatti il mistero dell'iniquità è in azione; è necessario solo che chi lo trattiene ora sia tolto di mezzo"-San Paolo II Tessalonicesi 2/7.
    Se è vera la tesi di Socci le uniche nomine ecclesiastiche valide al momento sono quelle effettuate da Benedetto XVI e nella falsa chiesa non
    può esservi ovviamente un qualsivoglia vero rappresentante.
    L'uomo dell'iniquità si proclamerà a sua volta Dio nell'apostasia.
    Se i sacramenti sono di istituzione divina non può l'uomo fatto di fango mutarli a meno di vestirsi di colossale empietà e di farsi Dio a sua volta.
    La falsa misericordia seduce colui che non vuole accogliere la Verità che lo avrebbe salvato e per questo Dio permette che la potenza del maligno lo faccia smarrire così da credere anche lui alle menzogne.
    Non dimentichiamo che il falso papa proviene dal sudamerica dove sono nate le famose telenovelas e cioè melensi e pastosi drammi ad uso e consumo di chi non vuol vedere la verità fuori la finestra della sua favela.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Le telenovelas? Ma per favore...

      Elimina
    2. Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.

      Elimina
    3. Se è vera la tesi di Socci... Nessuno nega a Socci di argomentare le sue convinzioni, ma chi può dichiarare "vera" la sua tesi ? Tutto il resto del commento cade da sé a causa del "se" senza risposta.

      Elimina
    4. Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.

      Elimina
    5. Sei il solito cretino ed anche blasfemo. A questo porta la diabolica rabbia anonima.

      Elimina
  6. Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.

      Elimina
    2. Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.

      Elimina
    3. Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.

      Elimina
    4. Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.

      Elimina
    5. Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.

      Elimina
    6. Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.

      Elimina
    7. Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.

      Elimina
    8. Purtroppo Nostro Signore permette anche la stupidità. E diversi commenti di cui sopra ne sono la prova. Forse gli autori hann'appena finito di veder la madama di Tebe che le carte fa.

      Elimina
  7. Ricordate l'odiop dei gesuiti contro quelli che chiamavano giansenisti? In realtà si eran costruiti un nemico che non c'era. I giansenisti erano dei cattolici non lassisti. Ora hanno bisogno di un nemico e l'han trovato nella Tradizione cattolica...quando si dice la coerenza!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.

      Elimina
    2. Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.

      Elimina
    3. Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.

      Elimina
    4. Forse anche quest'altro anonimo farebbe a consultar qualche testo per capir qualcosa sul Giansenismo: il Matteucci, il Bondioli, o almeno l'Enciclopedia Cattolica o qualche dizionario teologico. Non basta leggere qualche articolino in internet per santificare un'eresia. E infine furono i giansenisti che iniziarono la polemica contro i gesuiti.

      Elimina
    5. Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.

      Elimina
  8. Stiamo calmi, forse faranno come per la liturgia. Dopo aver detto non cambieremo nulla han cambiato tutto.
    Per via di una gerarchia impazzita collusa e mondanizzata la chiesa cattolica sta morendo ma Cristo non muore!
    Otto von Bismark : nella chiesa cattolica i nemici di oggi son gli amici di domani, bruciano ciò che ieri adoravano e adorano ciò che ieri bruciavano.

    RispondiElimina
  9. Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.

      Elimina
    2. Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.

      Elimina
    3. Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.

      Elimina
    4. Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.

      Elimina
    5. Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.

      Elimina
    6. Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.

      Elimina
    7. Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.

      Elimina
  10. Non so chi sia l'autore, ma da quello che leggo mi pare che il suo intento principale fosse prendersela, a torto o a ragione, coi neoconservatori statunitensi; e già che c'era, come fanno in tanti, ha attribuito al Papa le proprie opinioni - vuoi perché sembrassero più autorevoli, vuoi perché si illude davvero che sia così.
    Dei tre deminuatur ut amoveatur liquida i primi due, così da poter interpretare il terzo a modo suo e ridurre tutto a quell'interpretazione. E tutti gli altri provvedimenti - spostamenti, istituzioni, destituzioni, nomine - che normalmente vengono letti come occupazione del potere da parte dei progressisti? In realtà sono tutti un dispetto ai neoconservatori?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Adesso aspettiamoci pure un bell'articolo ove è scritto che la crisi delle vocazioni è colpa dei Francescani dell'Immacolata!

      Elimina
  11. Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.

      Elimina
    2. Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.

      Elimina
    3. Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.

      Elimina
    4. Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.

      Elimina
    5. Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.

      Elimina
    6. Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.

      Elimina
    7. Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.

      Elimina
    8. Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.

      Elimina
  12. Il Mastino di Baskerville5 ottobre 2014 20:29

    Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.

    RispondiElimina
  13. Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.

      Elimina
  14. Peccato tutti i commenti criptati! :-)

    RispondiElimina

L'inserimento senza moderazione dei commenti è limitato ai soli post usciti nella medesima giornata di inserimento e nel giorno precedente. Per i post più vecchi, i commenti saranno sottoposti a moderazione.
Qualora fosse attiva la moderazione, possono passare anche alcuni giorni prima del controllo da parte della Redazione.