giovedì 23 gennaio 2014

Video della Quarta Giornata della Tradizione


Verbania, Domenica 19 Gennaio 2014


L'INVERNO DELLA CHIESA
dopo il Concilio Vaticano II
 Una crisi nella Chiesa che non sembra finire;
prospettive per una resistenza.

A partire dal libro di Cristina Siccardi
"L'inverno della Chiesa dopo il Concilio Vaticano II. I mutamenti e le cause"

INTRODUZIONE ALLA GIORNATA: 
INTERVENTO DI DON ALBERTO SECCI


INTERVENTO DELL'AUTRICE CRISTINA SICCARDI

LA STABILITAS NELLA TRADIZIONE: 
Ripresa nel dibattito


FARE CIO' CHE HA FATTO 
IL PERE EMMANUEL ANDRE: 
DEI LUOGHI STABILI DOVE TENDERE ALLA SANTITA'

UNA SIGNIFICATIVA SINTESI 
DELLA VITA E DELL'OPERA 
DI PERE EMMANUEL ANDRE
[Autore: don Stefano Coggiola]


COSA TI CHIEDE IL SIGNORE 
PER COMPIERE IL MIRACOLO
OMELIA


LA MESSA DI SEMPRE


IMMAGINI DI UN RINCUORANTE
GIORNO DI FEDE E DI AMICIZIA


9 commenti:

  1. Tutta scena. In questa diocesi qua il duro e puro della Tradizione è don Marco Pizzocchi.

    RispondiElimina
  2. Duro e puro pagato dalla Curia...

    RispondiElimina
  3. Anche gli altri. Ma lui non ha mollato. Niente compromessi. Don Pizzocchi è un vero tradizionalista antimodernista, uno che non si tira indietro nemmeno quando c'è da stangare il vescovo o il papa. E non va nemmeno a nascondersi sotto le gonnelle dei lefebviani. E' più tradizionalista di tutta la San Pio X. Questi qua si trastullano invece.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Questo è LAVORO, e non di un giorno, ma di tutti i giorni...chi non vuol lavorare neppure mangi. Caro anonimo, datti da fare e non trastullarti tu...

      Elimina
    2. L'OPERA è quello che conta, mica il lavoro, tanto meno il lavoretto da attivisti del PDUP.

      Elimina
    3. ...inizia a LAVORARE...senza scuse.

      Elimina
    4. Ma Venite in fabbrica a vedere che cosa è il LAVORO e l'OPERA. Ste chiacchierate sono un hobby. Parole, parole + parole + parole + qualche messa con i merletti della zia + qualche viaggetto + qualche coretto. Il LAVORO quello che nobilita è un'altra roba.

      Elimina
  4. Ma cosa dici, Anonimo! Don Secci è un grande. Ha fatto molto per la causa della Tradizione! Dovresti imparare da lui. E con te tutti quelli come te. La FSSPX è una grande realtà della Tradizione immemoriale. E Don Alberto Secci fa benissimo a trattarla come tale. LAVORARE è quel che conta. Parlare e chattare non serve a niente. Don Secci e il suo gruppo sono infaticabili apostoli della Tradizione. Una messa spot una volta alla settimana serve a poco. Lui di messe antiche ne celebra non una la settimana, ma varie al giorno. Imparare, prima di parlare!

    RispondiElimina
  5. Grazie per il post che e' stato molto edificante ...auguri a tutti quelli che hanno messo in atti questo convegno. Spero che si moltiplicano come la Messa di sempre viglia Dio di moltiplicarla come il vino.
    Ben detto Don Alberto!

    RispondiElimina

L'inserimento senza moderazione dei commenti è limitato ai soli post usciti nella medesima giornata di inserimento e nel giorno precedente. Per i post più vecchi, i commenti saranno sottoposti a moderazione.
Qualora fosse attiva la moderazione, possono passare anche alcuni giorni prima del controllo da parte della Redazione.