mercoledì 13 novembre 2013

Ragazza sputa l'ostia e la calpesta. Denunciata per vilipendio alla religione

Capoterra, sputa l'ostia e la calpesta. Sgomento e rabbia tra i fedeli
di V. Nedrini, da Unione Sarda, 13.11.2013

L'episodio è accaduto durante la messa di commemorazione ai caduti
A Capoterra (Ca)

Capoterra, sputa l'ostia e la calpesta Sgomento e rabbia tra i fedeli
Una ragazza tredicenne è stata segnalata al Tribunale dei minori per vilipendio della religione. Il fatto è accaduto domenica scorsa a Capoterra, durante la funzione di commemorazione ai caduti. La ragazzina dopo aver ricevuto l'ostia, ha raggiunto un gruppo di compagni e prima di sputarla per terra e calpestarla. L'accaduto ha mandato su tutte le furie i fedeli presenti che hanno segnalato il fatto ai carabinieri.

26 commenti:

  1. Penso che solo un indemoniato può fare una cosa simile.

    RispondiElimina
  2. Sicuramente qualcuno darà la colpa al Papa o al CVII...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.

      Elimina
    2. Il Nuovo sei veramente nauseante

      Elimina
    3. Vedi...Il Nuovo.. non ti sei preoccupato di riconoscere per prima cosa in assoluto la grave sacrilega offesa a Gesu'. Perche' queste cose non risaltano quando si ha' una povera catechesis e spiritualita' cattolica cattolica.

      Elimina
    4. Non stai sbagliando il nuovo, ci hai dato ancora un bel suggerimento probabilmente stai diventando un cristiano assennato. Perché effettivamente se la Sacra Ostia viene data in ginocchio alle balaustre come avveniva prima, non dico che nessuno può sputarla però: 1. l'Ostia non può essere portata via prima di non essere stata consumata in ginocchio 2. il fatto avverrebbe davanti al sacerdote che sa cosa fare dell'Ostia calpestata 3. Forse in questo modo di comunicarsi la gente avrebbe un po' più senso del sacro e non come dicono alcuni ignoranti "un pasto collegiale" che in realtà si trasforma in uno spuntino scampagnata in compagnia (purtroppo....) quindi 3 punto trasmettere senso del Divino e del sacro 4. Sicuramente prima del Concilio avevano più a cuore la salvezza eterna delle anime e quindi ci sarebbe stato un provvedimento disciplinare con lo scopo di favorire nella ragazza vero pentimento ed espiazione con un'assistenza spirituale, oggi invece che faranno le autorità religiose e i cristiani vicini a questa ragazza? Applicheranno la psicologia? La sociologia? Il karma?

      Elimina
    5. Il problema è che il parroco di Capoterra è un ottimo sacerdote, uomo di preghiera, amico della tradizione, non credo che dia la Comunione sulla mano...

      Elimina
  3. Invece di fare commenti fuori luogo, diciamo qualche preghiera di riparazione per lo spregevole atto contro il Corpo di NSGC ed affidiamoci alla misericordia divina.

    RispondiElimina
  4. Solo un indemoniato puo fare Una cosa simile. Preghiamo tanto perche l Ora SI avvicina !

    RispondiElimina
  5. Probabilmente è posseduta e avrebbe bisogno di un esorcista. Di solito queste cose le fanno gli indemoniati

    RispondiElimina
  6. Nessun caso di possessione e satanismo. Il fatto è semplice. Da cinquanta anni a questa parte nessuno spiega più chiaramente alle nuove generazioni che l'ostia è corpo di Cristo vivo e non un pezzo di pane qualunque, e che la S. Messa non è una semplice cena, ma il sacrificio incruento di Nostro Signore.

    Micus

    RispondiElimina
    Risposte
    1. questo è vero, purtroppo la parrocchia di Capoterra è stata in balia di una congregazione religiosa ormai al tramonto, dal post-concilio fino a qualche anno fa. L'attuale parroco (dal 2011), veramente un uomo di preghiera, amico della tradizione, ce la sta mettendo tutta per ri-cristianizzare il paese. In questo caso non è certamente sua la responsabilità. Chissà cosa passava per la testa a questa ragazzina... Preghiamo per questo sacrilegio!

      Elimina
    2. o forse potrebbe essere proprio uno spregio fatto ad un parroco che sta tentando di ri-cristianizzare il paese...comunque un fatto orripilante, offriamo tutta la nostra contrizione per una modesta riparazione ad una cosi immensa offesa. emi rattrista ancora di piu pensare che quella giovane non abbia la benchè minima idea di quello che ha fatto, soprattutto non sa di avere offeso l'unico vero Amore, eterno ed infinito, l'unica vera Salvezza, la sola Speranza. povera anima sprofondata nel buio della propria cecità.

      Elimina
    3. non credo si tratti di uno sfregio al parroco. E' una ragazzina ignorante che voleva mettersi in mostra, evidentemente poco seguita dai genitori. La cosa è finita sul giornale locale semplicemente perché i fedeli, indignati, l'hanno denunciata e segnalata al tribunale dei minori per vilipendio... Il giornale su cui è apparso l'articolo viene redatto con squadra e compasso, l'intento era certamente quello di mettere in rilievo il bigottismo degli astanti davanti a una "ragazzata"... Oremus!

      Elimina
  7. Ovviamente e' indemoniata, la devono portare da un esorcista con urgenzia.

    RispondiElimina
  8. Sono ancora più sconvolgenti i commenti in calce all'articolo.

    RispondiElimina
  9. Sarebbe più interessante capire perché lo ha fatto invece di trovare qualcuno da incolpare.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ....................................................................................
      no comment.

      Elimina
  10. NSGC !?!?! INRI non era meglio?!

    RispondiElimina
  11. E' una cosa gravissima, tuttavia bisognerebbe capire se la ragazza in questione fosse realmente consapevole di quello che ha fatto, cosa che con tutta probabilità reputo difficile vista l'educazione catechistica che ricevono i giovani negli ultimi 30 anni...posso dirlo per esperienza personale.

    RispondiElimina
  12. Per quanto si legge, penso che la ragazza aveva molto ben chiaro ciò che stava facendo: l'esagerazione del gesto non lascia dubbi al riguardo, l'ha fatto con precisa cognizione di causa. Voglio dire, se anche si fosse strozzata ingerendo la particola non c'era alcuna necessità di calpestarla. Da quello che scrivono commentatori che conoscono il prete, se la da in bocca, era l'unico modo per impossessarsi della particola, quindi lo sputo era il preambolo di quanto fatto dopo.
    Capisco i fedeli che sono ricorsi all'autorità civile, anzi, nel caso specifico militare. Ma penso anche che se ci aspettiamo tutele verso Cristo da parte dei carabinieri, aspettiamo freschi. Non perché i carabinieri non siano capaci di far rispettare le leggi, ma mi fa comunque uno strano effetto il vuoto diciamo così istituzionale dei primi responsabili, parroco e vescovo.
    Purtroppo dobbiamo prendere atto che il mondo odia Cristo in modo irreversibile, ed odiando Lui odia anche noi. Quel gesto è gravissimo ma ricordiamoci che ci sono tante persone, anche nella stessa Chiesa (come questo caso insegna) che i calci vorrebbe tanto darli a noi. E temo che prima o poi ci riusciranno. Il web comincia a pullulare di video di perfetti imbecilli che, dichiarando assurda la nostra religione, chiede espressamente l'eliminazione fisica dei cattolici. Il tutto nel silenzio assordante della polizia postale, preposta al controllo dei contenuti web.

    RispondiElimina
  13. Per quanto poco s'insegni "a Catechismo" solo la follìa o il demonio posson aver indotto la bambina ad un gesto di tal natura.
    Altre pelose analisi psicologiche son da scartare. E i commenti de il Nuovo, come per lo più gli accade, son privi di senno.

    RispondiElimina
  14. Antonio Peschechera da Barletta14 novembre 2013 17:10

    Si continui a dare la Santa Comunionne in mano a chiunque però nessuno faccia l'ipocrita, neanche il nuovo santo parroco che gliel'ha data; perchè è così: se dai una rosa rossa e profumata a una scrofa, questa non fa altro che calpestarla e......... A Barletta nella parrocchia del Crocifisso una ragazza ha preso dal prete due particole: una l'ha mangiata tornando al banco dove però ha tirato fuori l'altra Particola dal taschino e l'ha data a una sua amica che l'aspettava al banco che l'ha mangiata; quest'ultima non era portatrice di alcun handicap! Intelligenti pauca.

    RispondiElimina
  15. Come al solito c'è chi guarda il dito mentre si sta indicando la luna.

    RispondiElimina
  16. In questo caso la comunione sulla mano non c'entra. Alcuni anni fa un paio d'islamici presero la sacra particola in bocca e la sputarono, calpestandola, uscendo di chiesa. La comunione nella mano può incentivare i furti, non i sacrilegi del genere.

    RispondiElimina
  17. Il tutto accade perchè ormai nessuno crede più nella reale presenza del sangue e corpo di Cristo nell'ostia, preti in primis, che spesso si siedono delegando a laici il compito, ormai è' memoria' desacralizzata, come per i protestanti, prova ne è lo spostamento dei tabernacoli dal centro dell'abside, Dio è stato accantonato anche nella Sua casa, oltre che dalla vita di tutti i giorni, fra un po' sarà Natale, dovrebbe essere la Sua festa, ma la Natività non compare in alcun biglietto augurale, per non infastidire o offendere non credenti o appartenenti ad altre confessioni....ma togliamolo 'sto Natale, facciamo la festa dell'inizio inverno, con papà ghiaccio, come in CCCP ai tempi d'oro del regime...

    RispondiElimina

L'inserimento senza moderazione dei commenti è limitato ai soli post usciti nella medesima giornata di inserimento e nel giorno precedente. Per i post più vecchi, i commenti saranno sottoposti a moderazione.
Qualora fosse attiva la moderazione, possono passare anche alcuni giorni prima del controllo da parte della Redazione.