mercoledì 24 aprile 2013

Ecumenismo, pastorale di Scorzelli e Stiatico. Alcune riflessioni



 Riceviamo queste riflessioni da un caro amico sacerdote, e le giriamo ai lettori. 
Roberto

Gent.ma Redazione,

il post sull’ecumenismo a danno dei migranti, mi spinge a segnalarti una iniziativa modenese già alla seconda edizione. I religiosi “Giuseppini del Murialdo” che gestiscono la scuola cattolica Sacro Cuore (medie e superiori)  cedono il loro teatro ad una  predicazione che gli evangelici locali fanno per cercare proseliti.
Liberissimi di farlo, ma non nelle strutture cattoliche, le quali non possono essere cedute per altri culti o predicazioni. Come sempre succede chi dovrebbe governare, conosce tutto ma tace.

Il post sul pastorale di Scorzelli (in se stesso dignitoso) temo  sia il segno e

purtroppo non  l’unico, che si vogliano cancellare gli otto anni di Benedetto, quasi fossero in discontinuità con il postconcilio.  Si vuole tornare insomma  a prima del  discorso alla Curia Romana nel  dicembre 2005 in cui si è denunciata l’ermeneutica della discontinuità e si è bollato lo “spirito del concilio”. Tu ti auguri a fine post, che questa idea sia prontamente smentita, ma io non ho più sentito parlare di ermeneutica della continuità e nemmeno di Anno della Fede . Questo non è un buon segno.
Benedetto XVI ha cercato di riportare unità non criticando il concilio  e il legittimo rinnovamento, ma nemmeno umiliando la grande tradizione della Chiesa .  Ha fatto  ogni sforzo  per la bellezza e sacralità della Liturgia assieme alla passione per la Verità.   Oggi l’ entusiasmo osanna Bergoglio, ma per fatti molto epidermici.

Esprimo la mia simpatia e vicinanza al coraggioso don Alfredo Morselli. Se la sua provenienza fosse stata da un seminario normale, come quello della mia diocesi, cioè modernista e se non si ostinasse a portare sempre la veste talare, vista la sua ancor giovane età non gli avrebbero dato Stiatico. Ma chi ama la Tradizione è visto come un appestato e nonostante che 50 anni di riforma catechistica, liturgica e pastorale non abbiano dato i frutti attesi, si  continua imperterriti per la solita strada. 

Un sacerdote

7 commenti:

  1. Io prima che Don Alfredo Morselli giungesse a Stiatico di Stiatico non avevo mai sentito parlare. Poi ho scoperto che Stiatico è un paesello di 326 anime (all'anagrafe) che dista solo 25 km da bologna centro e dove si mangia benissimo, dove c'è una chiesetta stupenda e dove si celebrano degnamente i Santi Misteri.
    Vi sembrerà strano, ma quando passerò dalle parti di Bologna, invece di fermarmi a mangiare qualche schifezza in autogrill, andrò a visitare Stiatico, andrò a trovare Don Alfredo che magari mi suggerirà una buona trattoria da camionisti dove se il buon Dio vorrà potremo pranzare assieme, dopo aver magari potuto assistere ad una Santa Messa come si deve.

    Stiatico non è così male come sembrerebbe... tutt'altro....

    Avanti, sempre avanti a maggior gloria di Dio senza cedimenti nella buona battaglia.

    Auguri e preghiere a voi preziosi e rari sacerdoti buoni.

    Monaldo.

    RispondiElimina
  2. Anche io invio auguri.
    Meglio salvare due anime a monculo marittimo che predicare al vento a sodoma e gomorra!
    atronge.

    RispondiElimina
  3. zuavopontificio26 aprile 2013 01:44

    Nei seminari si sono infiltrati nel corso dei decenni molti cattocomunisti e allo stesso modo molti criptosedevacantisti accomunati dallo stesso odio strisciante per il Papato. Speriamo che di questa gente si possa presto fare pulizia in modo che i "preti" rossi possano ricollocarsi fra i loro compagni valdesi e quelli pseudotradizionalisti approdino a qualche setta sedevacantista. Ovviamente la preghiera di noi Cattolici è affinchè si convertano entrambi dalle loro vie malvage.

    RispondiElimina
  4. Voglio andare a vivere in campagna

    RispondiElimina
  5. Invece di criticare perchè non aiutate il vostro Parroco? Con queste diatribe demenziali sul rito di S. Pio V che nessuno ricorda con favore, nemmeno la sig.ra 80 enne che ho sempre di fianco a messa. I reazionari della liturgia sono persone sovente ricche, sovente snob. Gesù, che non diceva in latino mi pare, li manderebbe a quel paese. E oggi ben volentieri canterò "Il tuo popolo in cammino" e "Resta con noi signore".

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Caro ANONIMO DELLE 11:23,
      VERAMENTE NON HAI CAPITO NIENTE DELL'IMPORTANZA DELLA LITURGIA, DELLA CENTRALITA' DEL SANTO SACRIFICIO DELLA MESSA ED HAI SBAGLIATO ANCHE VICINA DI BANCO!
      POVERA CHIESA CATTOLICA SE ANCHE I PRATICANTI RIPETONO COME PAPPAGALLI I SOLITI LUOGHI COMUNI.
      E POI C'E' UN FONDO DI PREOCCUPANTE STUPIDITA':
      GESU' NON HA PARLATO IN LATINO, MA NON HA PARLATO NEMMENO IN ITALIANO, QUINDI SEGUENDO IL TUO RAGIONAMENTO ANCHE I DUE CANTI DEGENERATI CHE TI PIACE CANTARE SONO FUORI LUOGO E FUORI LINGUA!
      STEFANO GIZZI, CECCANO

      Elimina
  6. Bene fa Morselli a girare per le strade in talare e se ne riceve disprezzo meglio per lui, gli servirà in paradiso.
    Pensate a quanti sono morti per amore di quel l'abito che infastidisce i modernisti e spaventa persino molti preti tradizionalisti che pur già si credono coraggiosi nel difendere la Verità.
    Anche dalle parti di Modena c'è un recente beato ucciso in odium fidei proprio a causa della talare!
    Perció sarebbe saggio che il clero locale prendesse esempio, anzi dovrebbe senz'altro cominciare a metterla anche il sacerdote che ha pubblicato questo commento e che vista la condizione della sua diocesi potrebbe pensare di essere l'unico cattolico della città.
    Bisogna pure che qualcuno cominci e il coraggio attira critiche ma anche ammirazione e desiderio di fare altrettanto, magari aiuterebbe un giovane sacerdote che vorrebbe farlo ma pensa 'se non lo fa neanche lui allora è proprio una cosa da fanatici...'

    RispondiElimina

L'inserimento senza moderazione dei commenti è limitato ai soli post usciti nella medesima giornata di inserimento e nel giorno precedente. Per i post più vecchi, i commenti saranno sottoposti a moderazione.
Qualora fosse attiva la moderazione, possono passare anche alcuni giorni prima del controllo da parte della Redazione.