martedì 7 giugno 2011

Legittimo criticare il cardinale che si schiera con Pisapia (di M. C. Allam)

Legittimo criticare il cardinale che fa politica e si schiera con Pisapia
di Magdi Cristiano Allam, Il Giornale, 06 Giugno 2011


Legittimo il nostro intervento su Tettamanzi: un sindaco contrario ai dogmi della fede. È giunto il momento di privilegiare l’amore per gli italiani prima di preoccuparci degli immigrati .

Dobbiamo ringraziare Marco Tar­quinio, il direttore dell’ Avveni­re , l’organo della Conferenza episcopale italiana, per aver ieri additato il Giornale come la voce che più di altre si eleva contro l’asse Pisapia-Tettamanzi. È stato il nostro Mario Gior­dano a denunciare come, anche nel re­cente raduno religioso di 50mila cresi­mandi nello stadio di San Siro, l’arcive­scovo di Milano non abbia perso l’occa­sione per manifestare il suo sostegno po­litico al neo-sindaco, espressione della sinistra radicale favorevole all’aborto, all’eugenetica, all’eutanasia, ai matri­moni omosessuali, alla droga di Stato, ai centri sociali, alla mega-moschea, ai pri­vilegi ai rom e agli immigrati rispetto al­le istanze dei cittadini milanesi.

Fermo restando il nostro diritto alla li­bertà d’espressione anche su temi pret­tamente religiosi, è decisamente un no­stro dovere intervenire, persino severa­mente, nel momento in cui il cardinale Tettamanzi dismette l’abito talare color rosso porpora per indossare quello del militante politico a sostegno di Pisapia come ha fatto prima, durante e dopo le elezioni amministrative. Non perché io la consideri un’indebita interferenza,es­sendo assolutamente favorevole alla presenza della voce della Chiesa nella sfera pubblica quale laico e non laicista. Personalmente, sin da quando ero anco­ra musulmano, ho difeso il Papa Bene­detto XVI quando a Ratisbona e altrove ha manifestato dall’alto del suo magiste­ro la verità in libertà, assumendo delle posizioni che hanno inequivocabilmen­te una valenza politica che va oltre l’am­bito religioso, storico, culturale e socia­le.

Trovo pertanto di per sé sbagliato l’ap­proccio del giornalista Tarquinio che vorrebbe mettere il bavaglio ai colleghi che criticano Tettamanzi. Mentre consi­dero assolutamente legittimo il fatto che,nella sua veste di direttore dell’orga­no ufficiale della Cei, difenda le posizio­ni dell’arcivescovo di Milano, fermo re­stando il nostro diritto- dovere a conside­rare come non meno legittima la nostra critica, anche sferzante, per delle posi­zioni che non condividiamo nel merito e di cui ci rammarichiamo perché ci pre­occupa il disorientamento che il cardi­nale crea tra i fedeli cattolici schierando­si dalla parte di un sindaco che incarna delle scelte in flagrante contraddizione con i dogmi della fede cristiana, a comin­ciare dalla sacralità della vita.

Noi rivendichiamo il diritto-dovere a contestare l’asse Pisapia-Tettamanzi perché espressione di una concezione relativista della persona, della società,dell’identità e della fedeche consideriamo dannosa al punto da farci precipitare nel suicidio della nostra civiltà. Consideriamo ad esempio il tema ripetutamente evocato dell’accoglienza degli immigrati additato come fulcro della proposta sociale sia di Pisapia sia di Tettamanzi. Ma veramente il capital-comunista Giuliano Pisapia e il catto-relativista Dionigi Tettamanzi sarebbero più «ospitali»,nel senso di essere favorevoli all’accoglienza degli immigrati, più di quanto non lo siano il cattociellino Roberto Formigoni e il laico-leghista Roberto Maroni? Assolutamente no! La vera differenza, usando un’allegoria più che mai pertinente, è che dell’esortazione evangelica «Ama il prossimo tuo così come ami te stesso», il tandem Pisapia-Tettamanzi fa propria solo la prima parte «Ama il prossimo tuo» anche a scapito dell’amore per se stessi, mentre il tandem Formigoni- Maroni l’accetta nella sua integralità mettendo sullo stesso piano l’amore per il prossimo e l’amore per se stessi. Ebbene io dico che è arrivato il momento di avere la lucidità e il coraggio di privilegiare l’amore per se stessi, l’amore per l’Italia e per gli italiani, perché diversamente non potremo donare amore al prossimo in modo responsabile e costruttivo. La polemica è stata innescata sabato 4 giugno da Pisapia che ha accusato Formigoni di non essersi finora occupato della questione degli immigrati in fuga dalla sponda meridionale del Mediterraneo e di avere «abdicato al ruolo di regia politica della gestione di questa emergenza». «Milano - ha precisato Pisapia - deve tornare ad essere la città dell’accoglienza », mentre si faceva ritrarre esultante in compagnia di giovani africani alla festa «Living togheter» al quartiere Corvetto. Questa concezione di Milano la ritroviamo nelle parole di Tettamanzi lo scorso 23 maggio quando parlò della necessità che torni ad essere «Mediolanum che come terra di mezzo è da sempre un crocevia di popoli e quindi anche di fedi cui va garantita libertà di culto come prevede la Costituzione ».

Questa Mediolanum di Tettamanzi corrisponde a una visione relativista della vita che culmina nell’abbraccio dell’identità mondia-lista: «A Milano bisogna riprendere a ragionare non da milanesi o da italiani, ma in termini di mondialità: che va considerata motivo di ricchezza. Non di paura». Che cosa è la mondialità evidenziata in un contesto identitario come distinta e come un superamento del nostro essere milanesi e italiani? È l’adesione a una identità a tal punto plurale dove noi finiamo per non aver più la certezza di chi siamo. Alla radice del conflitto vi è una concezione qualitativamente diversa della persona, della società, dell’umanità e della stessa vita. Per l’asse Pisapia- Tettamanzi il concetto di«accoglienza»si colloca nell’esaltazione ideologica dell’immigrazionismo, ossia nella considerazione comunque positiva dell’arrivo a casa nostra degli immigrati a prescindere da qualsiasi considerazione quantitativa o qualitativa.

Così come si inquadra nella prospettiva multiculturalista di Milano e dell’Italia dove noi siamo invitati ad azzerare le nostre radici, i nostri valori, la nostra identità e ci è richiesto di aderire a una nuova civiltà che si realizza con la sommatoria quantitativa delle istanze di tutti coloro che arrivano a casa nostra, piantano la loro tenda e dettano le loro condizioni. Ebbene noi non ci stiamo! Caro Tarquinio noi la pensiamo in modo qualitativamente diverso! Rivendichiamo il diritto-dovere di sostenere a viva voce che è arrivato il momento di rifondare l’Italia affrancandola dalla strategia massonica che ha ispirato l’unità d’Italia attraverso la guerra e la sottomissione dei popoli, riuscendo a scardinare la nostra anima al punto da farci immaginare oggi che sia addirittura positivo concepirci come una landa deserta per trasformarci in terra di occupazione dell’immigrazionismo, dell’europeismo dei banchieri e del mondialismo capital comunista. È arrivato il momento di far primeggiare l’Italia degli italiani occupandoci di noi italiani prima di preoccuparci degli immigrati; di privilegiare l’Europa dell’anima anziché dell’euro; di scegliere il mondo dell’essere, non dell’avere e dell’apparire!

148 commenti:

  1. Tettamanzi ha appoggiato Piaspia.
    Ruini  ha appoggiato Berlusconi.
    Questi sono gli uomini di Chiesa che abbiamo. Forse qualcuno ha sbagliato Chiesa?

    RispondiElimina
  2. Analoga condanna avrei voluto leggere sulle colonne del medesimo giornale nei confronti di chi ha fatto della sessualità sfrenata un vanto, o di chi racconta barzellette di rara scurrilità o peggio condite da bestemmie. Che brutta Italia, da una parte e dall'altra....Che la Madonna ci aiuti!! 

    RispondiElimina
  3. Diciamo che mi vergogno di avere un presidente del consiglio che predica bene e razzola male... inutile parlare di famiglia, fregiarsi di essere cattolico e filoclericale a parole mentre nei fatti  si hanno 2 divorzi alle spalle con scandali sessuali che anche nella migliore delle ipotesi (cioè che non si tratti di sesso con minorenni) fa venire la nausea! L'abbiamo visto tutti il filmato in cui il divorziato e risposato Silvio Berlusconi prendeva la S.Eucarestia come nulla fosse! Solo per essersi comunicato essendo in peccato mortale è incorso nella scomunica... Bah non so se un fariseo, sepolcro imbiancato privo anche dei valori fondamentali che trascendono le religioni meriti l'appoggio della Chiesa. Meglio chi coerentemente si dichiara ateo e conserva se non i valori cattolici almeno i valori universali illuministi.

    RispondiElimina
  4. Detto questo non vedo comunque l'ora che Tettamanzi se ne vada in pensione.... 

    RispondiElimina
  5. Pisapia è stato eletto democraticamente dalla maggioranza dei cittadini. Se non vi va bene, espatriate in qualche dittatura.

    RispondiElimina
  6. Matteo Carnieletto7 giugno 2011 17:20

    Un albero storto non diventa dritto perchè considerato tale dalla maggioranza.

    RispondiElimina
  7. Il problema è che nella politica italiana non si trovano più alberi dritti

    RispondiElimina
  8. Claudio Sinclair7 giugno 2011 17:33

    Il buon Cardinale Dionigi Tettamanzi, a mio modestissimo parere, non ha fatto altro che applicare il Vangelo. Il resto è spazzatura.
    Personalmente ne ho piene le tasche di fondamentalismi e di fondamentalisti (tipo Magdi Cristiano Allam)

    RispondiElimina
  9. Si stava meglio quando si stava peggio! Diciamolo!

    RispondiElimina
  10. Beppe Grillo invece è stato appoggiato direttamente da Rosemary's Baby ???

    RispondiElimina
  11. Ulrico da Bresso7 giugno 2011 17:48

    <span><span>Il Giornale è il giornale del nostro Presidente del Conisglio che è stato e rimarrà un socialista    
    Ricordo che il motto dei socialisti ai tempi dell'Unità d'Italia era " Con le budella dell'ultimo prete impiccheremo l'ultimo re. Il pensiero non è cambiato molto. Beh effettivamente avere un presidente del consiglio che fa baciare la statua di priapo e poi mi viene a parlare di famglia, vabbene farmi prendere in giro ma a tutto c'è un limite. Non mi sorprendo che il punto di riferimento spirituale di questo pervertito 75enne con un harem di escort, sia stato Don Gelmini, negli anni settante noto come padre Jaguar per la macchina con cui girava, amico di starlet e calciatori, un pregiudicato che nel 1976 fuggì in Vietnam con la cassa delle Acli, e che poi fu arrestato e si fece tre mesi di galera, per degli assegni a vuoto per 30milioni. E che il Papa ha ridotto allo stato laicale dopo le denucie per pedoflia e il rinvio a giudizio da parte della Procura di Terni nel 2010, dicono che ora sia in Vietnam, paese che sta venendo alla ribalta per la triste pratica del turismo sessuale minorile   
    Dimmi con chi vai e ti dirò chi sei</span></span>

    RispondiElimina
  12. Vabbeh, a guardare cosa offriva comunque l'altra sponda (letteralmente, vedasi Vendola) viene da rimpiangere che il non expedit di Pio Unoics non abbia fatto parte del Magistero Infallibile Irreformabile...

    RispondiElimina
  13. <span>Beh , anche Giuda ha applicato il Vangelo a modo suo</span>
    <span> ...</span>

    RispondiElimina
  14. Ebbravo Renzo,
    pur non provando nessuna simpatia per  Tettamanzi (per la sua insensisibilità liturgica, ecc) mi sembra che lui avesse diritto di lasciar trasparire la sua simpatia per Pisapia.
    Porse che Ruini, appunto, non si è consegnato mani e piedi a Berlusconi?
    Geniale la battuta di Grillini: "quelli del popolo della libertà credono talmente tanto alla famiglia, che quasi tutti ne hanno due"

    RispondiElimina
  15. Pellegrinaggio degli zingari europei a Roma: sabato l'incontro col Papa.
    la Chiesa ama il popolo gitano
    Sabato prossimo, 11 giugno, il Papa accoglierà in Vaticano circa 1400 zingari europei, in occasione del loro pellegrinaggio a Roma nella ricorrenza del 75.mo anniversario del martirio e dei 150 anni dalla nascita del Beato Zeffirino Giménez Malla, gitano martire della fede di origine spagnola.

    http://paparatzinger4-blograffaella.blogspot.com/2011/06/pellegrinaggio-degli-zingari-europei.html

    RispondiElimina
  16. Tettamanzi si comporta come tutti i bambini che fanno i capricci quando gli si toglie il giocattolino.
    Non era così prima, ai tempi di evangelium vutae.
    Forse non ha preso bene la mancata elezione al soglio pontificio...
    Cmq ai moralisti che scrivono contro Berlusconi dico che un cattolico chiede ai politici leggi giuste e non contarie ai valori cristiani e non che abbiano la tessera della azione cattolica...
    O preferiamo tipi come zappatero?

    RispondiElimina
  17. Cittadini Romani! Chiudete a chiave con doppia mandata le porte di casa!

    RispondiElimina
  18. Quando uno ha il Neo- ...

    RispondiElimina
  19. La verità è che nessuno, nemmeno i filo comunisti che hanno risposto qui, si fa un baffo della dottrina cattolica e di quello che a più riprese ha detto il papa. Il papa ha chiesto moltissime volte che i cattolici avessero ben saldi i valori non negoziabili, il che significa, per gli elettori, andare a votare delle persone che non siano chiaramente intenzionate a distruggere il matrimonio e la famiglia con l'istituzione del registro per le coppie di fatto, chiaramente favorevoli all'aborto e all'eutanasia, chiaramente contrari all'autonomia dell'educazione da parte dei genitori nei confronti dei figli nelle scuole cattoliche.
    Ebbene chi ha votato Pisapia ha fatto esattamente il contrario di quello che il papa ha indicato; non solo, ma ha fatto anche il contrario di quanto afferma la dottrina cattolica.

    E' inutile che mi si venga a dire "Oh...Berlusconi...La moralità...si tromba le ragazzine e se le porta in parlamento..." A quelli che parlano di moralità dovrebbe venire in mente il sublime esempio di moralità costituito dal leader del partito di pisapia, un uomo che se lo fa mettere nel didietro (scusate la volgarità, ma è questa la verità), ed è pure capace di dire in televisione che gli pare, con la sua omosessualità conclamata, di non aver mai dato scandalo a proposito di moralità.

    E poco mi interessa se Berlusconi va a fare la Comunione (anche se non capisco come chi si dice cattolico si possa permettere di fare l'esame di coscienza a Berlusconi e non, ad esempio, a Scalfaro); siccome stiamo parlando di politica e di elezioni, da un punto di vista laico (e non laicista) se quello che mi assicura il rispetto dei cosiddetti valori non negoziabili e l'altro no, io voto per lui, poi che se la veda con la sua coscienza, a me non interessa.

    Sarebbe ora che i cattolici, a cominciare dai politici e a finire con i preti, fossero più coerenti con il credo che professano. Per molti, purtroppo, la politica è diventata la loro religione, e la religione politica.

    RispondiElimina
  20. Incontro non voluto e non organizzato dal Papa. Comunque, caro Ospite, se ci sono gli zingari nei paraggi, chiudi in casa i tuoi figli.

    RispondiElimina
  21. Caro Ubriaco da Bresso, è stato Don Gelmini ha chiedere di essere ridotto alla stato laicale dopo le varie denuncie, non è stata una decisione del Papa. In più ti faccio notare che molti vescovi lo difendono. Don Gelmini stesso non ha mai negato di non essere stato un santo. Ma si è pentito, ha pagato per quello che ha fatto e ha cercato di porvi rimedio.
    E poi, prima di condanndare qualcuno, dovresti aspettare le sentenze dei tribunali non quelle mediatiche. Non ti fa onore se ti professi cristiano. In più ti do un consiglio: pensa prima ai tuoi peccati - sicuramente saranno tantissimi - e poi a quelli altrui.

    RispondiElimina
  22. <span>Il link alla replica di avvenire da fastidio? </span>

    RispondiElimina
  23. Anche Hitler è stato eletto democraticamente dalla maggioranza dei cittadini.

    RispondiElimina
  24. Tettamanzi vuole prendere il posto di Martini anche a fare l' Antipapa... peccato che non si accorga che non è degno nemmeno di sciogliere i sandali a Carlo Maria...

    RispondiElimina
  25. Perchè, a lei fa onore dare dell' "Ubriaco" a chi manifesta la propria opinione?

    RispondiElimina
  26. Ma gli zingari non erano Ortodossi??

    RispondiElimina
  27. Vero, Però don Gelmini non mi è mai stato simpatico.... Per non parlare poi delle sue manie come di portare anello senza avere veruna giurisdizione o officiare messa con in testa la tiara ortodossa, e altre stranezze... mi sembra si fregiasse anche di croce pettorale! CHE PAGLIACCIO!!!

    RispondiElimina
  28. Ah, ecco, mi è venuto in mente perchè va in giro conciato così: è esarca della chiesa cattolico-melkita. Forse ignora che un ecclesiatico  latino non può essere dignitario di un altro rito...

    RispondiElimina
  29. ma ti sei fatto delle canne di incenso anche tu? Berlusconi è il nostro capo del governo e come tale deve rispettare delle regole (formali o reali che siano) di etica e moralità: all'estero al minimo sentore di qualche scandaluccio i parlamentari danno immediatamente le dimissioni...tralascio la storia della S.Comunione perchè mi fece abbastanza schifo che qualcuno trovasse il tempo per una giustificazione da diritto canonico del fatto che potesse dopo e prima no: una volta si chiamavano baciapile e non sono certo l'orgoglio di una comunità e di una nazione...in questo caos mi sembra che quello "che se lo fa mettere nel didietro" abbia una eticità personale di gran lunga superiore (ovviamente è una opinione strettamente personale).
    Valore non negoziabili..OK: pero' se coloro che "difendono" i valori non negoziabili rovinano la collettività meglio muoversi in altre direzioni: con Pinochet non c'era il divorzio o l'aborto pero' la gente moriva nelle carceri solo per aver aperto bocca..qualcuno provo' anche a dire che da un punto di vista "cristiano" era il male minore...

    RispondiElimina
  30. più fastidio il "da" senza accento.

    RispondiElimina
  31. <p><span>Si rimane colpiti dalle parole di particolare odio che si sprigionano dagli articoli di Allam. Usare nel proprio nome di battesimo, quello di Cristiano, per fare articoli di odio verso il prossimo, è quanto di più incredibile possa accadere. Come lui siti, forum, blog, che sbandierano il loro cristianissimo essere per creare ad arte dei ghetti di pensiero unico, in cui l’altro è l’assoluto nemico, senza nessuna intenzione di capire le persone che si hanno davanti.</span>
    </p><p><span>Allam fa, come tanti tradizionalisti, fa del proprio cattolicismo esclusivamente la religione civile, un cattolicismo politico, in cui stabilire i propri eletti, i giusti (come fanno Testimoni di Geova!!!) dall’altra parte, gli altri, i reprobi, i dannati, coloro che non si salveranno.</span><span></span>
    </p><p><span>Cristianesimo? No! Semplice ideologia! Cristianismo o cattolicismo che sia.</span><span></span>
    </p><p><span>Per questa ossessione identitaria è fondamentale stabilire i propri nemici (possibilmente tanti…). Certo, questo non è il Vangelo. Ma che gliene importa? Ma che ve ne importa?</span><span></span>
    </p><p><span>Non è importante il Vangelo per i (voi) cristianisti, ma la Religione, fatta di formalità, di associati, di uniformati, di cappa magna, splendidi codazzi da 12 metri, di ornamenti e paludamenti vari. Gesù snobbava la grandiosità del Tempio, mentre gli addetti della religione civile cristianista hanno bisogno di concrete affermazioni di potere. La croce, così, per il tradizionalismo politico ed ecclesiastico, appartiene solo a Gesù, non alla Chiesa e non a quei<span>  </span>cristiani che hanno bisogno solo di crocifissi da attaccare a ogni parete possibile, come fosse un amuleto pagano.</span>
    </p><p><span>Per il cristianismo alla Allam, non la Croce salva, ma la Spada, per tagliare le orecchie agli altri. Chissà perché Gesù ha detto a Pietro di riporre la spada?</span></p>

    RispondiElimina
  32. E' comunque sempre più cristiano lui del Tetta.

    Come anche è molto più musulmano il Tetta di lui.

    RispondiElimina
  33. Hai ragione, il Tetta è proprio ridicolo!

    RispondiElimina
  34. :-D Certe volte ho proprio l'impressione ,come questa volta, che la Redazione scivoli senza accorgersi verso il becero tradizional-fascismo alla Lefebvre ... ;) . Oppure, secondo astuzia alla B16, si dà un colpo al cerchio ed uno alla botte per tenersi buoni i tradizionalisti qui scriventi, altrimenti cosa rimarrebbe? Simoni maghi, tripparoli, Sinclair anglicani, Ovi, ovidotti ed ovisodi con guazzetti analoghi.
    Comunque aldilà di queste mie considerazioni, non posso che dar lode per aver censito e pubblicato questa analisi di un cattolico serio e "di prima mano" ! :) :-D

    RispondiElimina
  35. Chissà perchè Gesù ha detto di esser venuto a portar la spada?

    RispondiElimina
  36. Che razzista che sei. Io mi vergognerei, fossi in te.

    RispondiElimina
  37. Ridicolo è il tentitivo di preferire un buon pastore della chiesa ad un personaggio neconservatore, sostenitore dell'esportazione della democrazia con le bombe. Dov'è il Vangelo?

    RispondiElimina
  38. Cattolico serio, ma mi faccia il piacere.

    RispondiElimina
  39. Rispetto a certi buffoni ^ anche una iena ridens è seria.

    RispondiElimina
  40. No no no, non puoi cancellare le prove...il tuo inconscio è venuto fuori! Hai detto: Pastor ille...RIDICOLO. Scusami, qua non ci sono interpretazioni, hai chiaramente voluto dire che il Tetta è ridicolo, e io te ne do ragione, non devi giustificarti.

    RispondiElimina
  41. Cara Deledda,
    ma lei si fa una striscia di coca prima di scrivere i commenti? :-)
    Rintuzza chi osa menzionare i trascorsi di don Gelmini (chiedendo di aspettare le sentenze ec...), ma poi si permette di dare dell'Anticristo a Tettamanzi (per il quale, ribadisco, non ho alcuna simpatia).
    Aggiungo - a quanto scritto da Ulrico da Bresso - che Berlusconi non è solo amico di don Gelmini, ma anche del "protestante"  don Verzè.

    RispondiElimina
  42. <span>Perchè...forse che lei, Pastor ille, in qualunque veste si presenti su questo blog, ultimamente l`inenarrabile "lollarda", senza dimenticare d.mercenaro,  è forse un"cattolico serio"?  
    Ma mi faccia il piacere!</span>

    RispondiElimina
  43. Ci sarebbe da scrivere a lungo, ma vorrei limitarmi a un'osservazione.
    Preferisco persone come la Bindi che pur essendo una vergine consacrata si era battuta - qualche anno fa - per legalizzare altre foma di convivenza (comunque non soddisfacenti) a persone come Berlusconi che gridano "la famiglia non si tocca" e poi sappiamo bene quale sia il suo stile di vita.
      

    RispondiElimina
  44. Gettare fango su qualcuno non è esprimere un'opinione. Dandogli dell'ubriaco cercavo di giustificarlo, intendevo dire che non sapeva quello che scriveva.

    RispondiElimina
  45. Ma Gesù si è mai occupato di politica?

    RispondiElimina
  46. Di fronte a cattolici come voi, scusami redazione, ma mi cadono le palle. Mi arrendo, fatevela voi la religione, io ci tengo ai gioielli, non starò a leggere le vostre scemenze un minuto di più (o quando mi alzo dalla sedia rischio di farmi male seriamente).

    RispondiElimina
  47. Ricordo il grande vescovo di como Alessandro Maggiolini che scriveva a proposito di certi vescovi che dicevano "i poveri, i poveri!":
    QUELLI PARLANO DI POVERTà, MA NON SANNO CHE POI LA GENTE DI SOTTO CONTA LE FINESTRE DEI LORO PALAZZI?
    Parlano parlano, ma il popolo cristiano non sanno neppure cos'è. D'altronde hanno fatto di tutto per distruggerlo con le loro noiosissime lettere pastorali. Che nessuno legge.

    RispondiElimina
  48. Anche Barabba e' stato scelto dal popolo in alternativa a Gesu', cio' non toglie che quelli che lo hanno democraticamente votato non stiano tra le fiamme dell'inferno.

    RispondiElimina
  49. Preghiamo il Signore affinche' il prossimo pastore di Milano sia di religione cattolica. Dopo tali predecessori , la povera Chiesa di Milano ne ha un gran bisogno.

    RispondiElimina
  50. "Insensibilità liturgica"? Beh, dai. Tutto sommato i Pontificali in Duomo sono piuttosto ben curati.

    RispondiElimina
  51. Mio caro, sciocco, osservatore - più sciocco che caro - intanto voglio rassicurarla: non mi faccio di cocaina. Anzi, se fosse per me, toglierei dal commercio pure le sigarette. Ma temo che lei abbia respirato il fumo di Satana di montiniana memoria. Tettamanzi ha le stesse peculiarità dell'Anticristo descritto da <span>Vladimir Solovev nel suo libro "I racconti dell'Anticristo" (1900). Le consiglio di leggerlo. Potrebbe aiutarla a smaltire il fumo di Satana. </span>

    Anche il mentore di don Abbondio Tettamanzi, Carlo Maria Martini Lutero, è un grande amico di don Verzè - da me chiamato don Merdè - con il quale ha scritto un libro al limite dell'ortodossia cattolica, "Siamo tutti sulla stessa barca". Questo libro è bene che non lo legga, perché le farebbe respirare altro fumo di Satana.

    Con simpatia,
    mdeledda

    RispondiElimina
  52. Il quotidianino dei vescovi italiani, Avvenire, l'anno scorso non ha difeso con altrettanta foga il Papa quando scoppiò lo scandalo pedofilia. Ma che fine ha fatto la buona stampa cattolica?

    RispondiElimina
  53. <p><span>“Da questo vi conosceranno come miei discepoli se vi amerete gli uni gli altri come io vi ho amati”. E tutti dovrebbero sapere “come”, “fino a che punto” Gesù ci ha amati.
    Ecco la discriminante, la chiave di lettura per capire se, al di là delle ortodossissime etichette, le persone sono realmente fedeli, sono Tutte Sue.
    Ecco io dico: l’odio, l’intolleranza, l’aggressività che traspare in Allam, nei cattolici neoconservatori filo-Bush, nel tradizional- fascismo lefevriano dimostra che l'ultra-ortodossia cristiana oltre che un'etichetta è un abuso e una millanteria.
    E' semmai un’idologia. Sì, l’ideologia ateodevotistica e occidentalista, che sostiene il penisero unico, lo stato teocratico, l'uso delle armi della dittatura, la pena di morte, pur di liquidare lo Stato Moderno e restaurare la Cristianità medioevale.
    L’uso fanatico di argomenti ridicoli come la difesa del potere temporale della Chiesa, della pena di morte, l’attacco strumentale ai Vescovi illuminati e profetici, al clero di frontiera, la negazione di orrori storici come l’inquisizione, le crociate, l’eccidio degli indios, l’attacco all'ambientalismo e alla parità dei generi: tutti argomenti che sono le ovvie conseguenze di questa ideologia.
    Ma soprattutto quello colpisce che turba è il fastidio che trapela nei confronti dalla dottrina sociale della Chiesa, che pure si proclama integralisticamente di sostenere: lo spregio per gli immigrati, l’elogio dell’evasione fiscale, le istanze di liquidazione del welfare.
    E la posposizione della Parola ai sacramenti, la negazione del dialogo ecumenico e interreligioso, la negazione del diritto degli altri di avere i propri luoghi di culto. La veemenza sconsiderata con cui viene attaccato Tettamanzi in alcune aperture che a mio avviso ne evidenziano invece la statura profetica e morale.
    Riguardo alla anticristianità di questo cattolicesimo  mi viene solo da dire col Salmista: “Signore, fino a quando?”</span>

    </p><p><span> </span></p>

    RispondiElimina
  54. Mia cara,
    devo convenire che pur essendo talebana anche lei è molto simpatica.
    Il libro che lei menziona l'ho letto parecchi mesi fa e non mi stupisce affatto che Martini e Verzè vadano d'accordo (nelle tematiche ecclesiali, politicamente sicuramente no).
    Ma se Berlusconi si accompagna a don Verzè e a don Gelmini  mi dirà sicuramante che anche lui è intossicato da Satana

      

    RispondiElimina
  55. In effetti ho sempre voluto sapere come, quando e perchè è passato al rito melkita.

    RispondiElimina
  56. Caro Ospite,
    se i pontificali in duomo, tutto sommato, sono ben curati, credo che ciò sia dovuto al cerimoniere mons Giacomo Mellera (in carica da almeno 35 anni) e non certo a Tettamanzi.
    Non dimenticare che qualche anno fa, alla morte dell'ottimo arciprete del duomo mons. Angelo Majo, Tettamanzi ha nominato nuovo arciprete mons Manganini, tenace avversario della tradizione e che segue la filosofia ZEN  

    RispondiElimina
  57. fatti e parole7 giugno 2011 21:32

    <span><span><span>E la posposizione della Parola ai sacramenti,...<span> =-O  ?!?</span></span></span></span>
    <span><span><span>la negazione del dialogo ecumenico e interreligioso ecc ecc. ecc............<span> =-O ?!?.<span><span><span>..</span></span>    </span></span></span></span></span>
    <span><span><span> anticristianità di questo cattolicesimo <span><span><span> </span></span></span></span></span> .....
    <span><span> ?!?!?!?<span>  </span></span></span>   =-O   =-O  ...  >:o  ....  
         roba da matti !    
    :( </span>

    RispondiElimina
  58. Filippo Burighel7 giugno 2011 21:43

    il paragone Pisapia=Barabba lo fece anche Camillo Langone prima delle elezioni. :-)

    RispondiElimina
  59. Filippo Burighel7 giugno 2011 21:44

    Quel "diciamolo" mi fa pensare a La Russa. Sbaglio l'ironia? :-)

    RispondiElimina
  60. Fai pietà ai sassi

    RispondiElimina
  61. Filippo Burighel7 giugno 2011 21:46

    L'unica tessera di partito che Berlusconi ebbe era della Democrazia Cristiana. Che non mi risulta un partito socialista e anzi mi sembrava molto amico dei preti. Ma forse ricordo male io...

    RispondiElimina
  62. fatti e parole7 giugno 2011 21:46

    è evidente che TUTTA LA CHIESA CATTOLICA, fino al 1962, secondo l'ill.mo inopportuno-pastorille, è stata, per 19 secoli e mezzo, con TUTTI I SUOI SANTI E MARTIRI,  .................anticristiana  ! ! e lui invoca il Signore perchè ce ne scampi, ci liberi dalla Fede di sempre della sua stessa Chiesa, da Lui fondata e amata come Sposa !!!
    non c'è che dire: dobbiamo dire   g r a z i e   per tutto questo inaudito satanico rovesciamento della Verità, come sempre, al sig. Kiko, ai suoi seguaci katekisti eretici, e a tutti i pastori che li  hanno tollerati, incoraggiati, approvati come nuovi evangelizzatori, fin dal 1968, accogliendoli in nome del principio inclusivo che dice: "nella Chiesa c'è posto per tutti" ! (perchè il Signore ama tutti così come sono, senza che nessuno si corregga o si converta.........TUTTOVABENE, VERO-FALSO senza differenze, anzi no ! ORA  si deve convertire chi ha sempre seguito e testimoniato  la Verità, Nostro Signore , senza cambiare uno iota delle sue parole e della sua Dottrina: quelli sì che si devono convertire !  a che cosa ?...ma, al verbo kikarmeniano, è evidente  !..........)

    RispondiElimina
  63. <span><span>Mi scuso per l`OT ma vorrei segnalarvi che mercoledì 1 giugno, in Santa Trinità dei Pellegrini, mons. Haas, vescovo di Vaduz, ha ordinato un sacerdote della sua Diocesi con il Rito Antico, in presenza di numerosi  membri dell`Ecclesia Dei.   
    Il che ha suscitato la riflessione del giornale "La Croix" che ricorda l`art. 31 della U.E.  </span> 
     
    "Un prêtre diocésain ordonné dans la forme extraordinaire". 
     
     "Mercredi 1er juin en l’église de la Très-Sainte-Trinité-des-Pèlerins, à Rome, Mgr Wolfgang Haas, archevêque de Vaduz (Liechtenstein), a ordonné un prêtre de son diocèse dans la forme extraordinaire du rite romain. 

De nombreux membres de la Commission pontificale Ecclesia Dei ont assisté à cette ordination. 

Le 13 mai dernier, l’instruction Universae Ecclesiae de cette même commission, approuvée par Benoît XVI, précisait pourtant que « seuls les Instituts de vie consacrée et les Sociétés de vie apostolique qui dépendent de la Commission pontificale Ecclesia Dei  peuvent utiliser le Pontifical romain en vigueur en 1962 pour conférer les ordres mineurs et majeurs » (n° 31). 

« Il semble bien que (ce point) ne doive pas s’entendre de manière absolument restrictive et que les autorisations peuvent être accordées volontiers à un évêque qui souhaiterait ordonner des diocésains avec l’ancien pontifical », se félicite le site traditionaliste Liturgia." 
     
    http://www.schola-sainte-cecile.com/2011/06/03/ordination-dun-pretre-diocesain-dans-lancien-rit-a-rome/ 
    http://www.la-croix.com/Religion/Urbi-Orbi/Rome/Un-pretre-diocesain-ordonne-dans-la-forme-extraordinaire-_NP_-2011-06-06-622102
    </span>

    RispondiElimina
  64. Filippo Burighel7 giugno 2011 21:48

    Gli zingari sono della religione che più gli conviene nel paese in cui stanno.

    RispondiElimina
  65. Filippo Burighel7 giugno 2011 21:50

    Senza contare che i politici devono per forza di cose trattare col mondo. E' dura trattare col mondo senza sporcarsi le mani col suo principe.

    RispondiElimina
  66. ma lei le offese che si becca il Papa nei commenti su questo blog li legge?
    Le metto il link?
    E la Redazione non li cancella... :-D

    Pesi cara, pesi...

    RispondiElimina
  67. La Bindi non è vergine per scelta, ma per costrizione.

    RispondiElimina
  68. Homer Simpson7 giugno 2011 21:56

    Pastor Ille, perchè il profeta Tettamanzi si è incazzato quando i mussulmani sono andati in piazza Duomo a Milano a pregare sotto le sue finestre? Perchè non li ha fatti entrare nel cortile della sua canonica e non ha portato loro un bicchier d'acqua come comanda il Vangelo? Ha chiamato i carabinieri, altro che acqua! E lo stesso dicasi per la curia milanese dove il giorno successivo un gruppetto di mussulmani è andato a chiedere scusa per il gesto del giorno prima. Sul suo non si tocca, tocca sempre agli altri?

    RispondiElimina
  69. Filippo Burighel7 giugno 2011 22:01

    Parecchio. Basta aver letto la Scrittura per saperlo. Se lo chiede non lo sa, quindi non ha letto la Scrittura.

    RispondiElimina
  70. Filippo Burighel7 giugno 2011 22:04

    Ho ragione di credere che un vescovo abbia mantenuto il suo ruolo di liturgo.

    RispondiElimina
  71. Mah Silvestro si accordò con Costantino non perché l'imperatore fosse un santo (anzi era un politico cinico e un tantino brutale), ma perché riteneva che fosse la scelta più opportuna per la Chiesa;in grado in definitiva di assicurarle pace e libertà di organizzazione.
    Papa Adriano e papa Leone appoggiarono Carlo magno pur conoscendone le mende morali e la concezione "padronale" dello stato, semplicemente erano dell'idea che lo stato carolingio avrebbe rafforzato la Santa Sede e agevolato l'attività missionaria in Germania.
    I vari Tettamanzi e Ruini, si parva licet, fanno lo stesso: appoggiano non il più virtuoso, ma chi a viste umane (fallibilissime) sembra loro più adatto ad essere interlocutore della Chiesa. Padronissimi noi, su questioni tanto opinabili, di pensarla diveramente. Magari senza toni alla Vincenzo Ferrer o alla Savonarola meritevoli di miglior causa....

    RispondiElimina
  72. Pastor Ille vero non Falso7 giugno 2011 22:30

    Il Vaticano II ha voluto scrollare di dosso la polvere di Costantino,come popolo cristiano riprendiamoci il potere di cacciare i vescovi indegni,per cui dico:licenziamo Tettamanzi!

    RispondiElimina
  73. Pastor ille è per caso don Giorgio de Capitani?

    RispondiElimina
  74. :'( :'( uheee,uheee, mi vergognoooo ;) .....però Magdi Allam è uno che ha sotto due bei maroni più dell'omonimo !...ed è pure cattolico con fiocchi e controfiocchi

    RispondiElimina
  75. :-D :-D  vedete che Predator ille  ha abboccato come un pesce bucalone all'amo ? ha citato "<span>tradizional- fascismo lefevriano " che avevo scritto con ironia poco sopra alludendo alla Redazione... :-D :-D . Non sarà il solito errabondo Pasquale ?</span>

    RispondiElimina
  76. No! O è don Gallo o "padre" Bianchi? :-D

    RispondiElimina
  77. Parole sante, Imperiese! Solo per la sua conversione e quel che ne segue dovrebbe essere trattato con i guanti, ma l'esempio vien dall'alto...Si chieda quante volte sia tornato in Vaticano Magdi Allam e perchè non scrive più sul Corrierone!

    RispondiElimina
  78. <span>Berlusconi è stato eletto democraticamente dalla maggioranza dei cittadini. Se non vi va bene, espatriate in qualche dittatura.</span>

    RispondiElimina
  79. Fra lei e don Verzè non c'è molta differenza.

    RispondiElimina
  80. Meglio un peccatore che fa leggi giuste di un giusto che fa leggi cattive. Non lo dico. Lo dice la Dottrina della Chiesa.

    RispondiElimina
  81. Tutte le offese al Papa vengono dal demonio, ma questo non è un organo ufficiale della Santa Sede o della CEI, a differenza di Avvenire.

    RispondiElimina
  82. Sarai  pastore, ma questo commento non è altro che un bellato di pecora.

    RispondiElimina
  83. Preferisco persone come la Bindi che pur essendo una vergine consacrata si era battuta - qualche anno fa - per legalizzare altre foma di convivenza (comunque non soddisfacenti) a persone come Berlusconi che gridano "la famiglia non si tocca" e poi sappiamo bene quale sia il suo stile di vita.

    Quindi, se ben comprendo, preferisce comprare il latte avariato (comunque non soddisfacente) dalla lattaia vergine consacrata piuttosto che il latte fresco del bottegaio porco sconsacrato?

    RispondiElimina
  84. Alpum Pastor Quidam7 giugno 2011 23:52

    Il commento precedente è stato pubblicato col nome di ospite, non so perchè, ma è mio. Chiedo scusa ad "ospite"

    RispondiElimina
  85. Roberto Martelli8 giugno 2011 00:04

    Quanti elettori di Pisapia fra i devoti del rito extraordinario .......

    RispondiElimina
  86. É legittimo criticare un cardinale perchè la pensa diverso da noi, non è forse il caso che ci si interroghi sul perchè certo Pisapia è a favore dell'aborto ma Bossi e Berlusconi sono contro l'uomo, quando l'uomo è immigrato. E allora forza Tettamanzi siamo tutti con te. E poi donde viene tutto questo coraggio nel criticare Tettamanzi, viene dal fatto che il Cardinale Arcivescovo è 77 enne  e tutti sanno che presto verrà nominato il successore. Della serie Ferrucci tu uccidi un uomo morto. A Sua Eminenza Reverendissima il Signor Cardinale Arcivescovo Metropolita di Milano Dionigi dei Santi Ambrogio e Carlo Presbitero Cardinale Tettamanzi, la mia solidarietà e il mio augurio.

    RispondiElimina
  87. Tettamanzi è la dimostrazione vivente che il Signore si serve di strumenti davvero mediocri per fare la sua Chiesa.

    RispondiElimina
  88. Filippo( l'apostata)8 giugno 2011 01:04

    Allora ne dovremmo dedurre che Letizia Moratti sia Gesù Cristo?

    RispondiElimina
  89. Filippo( l'apostata)8 giugno 2011 01:05

    Come faceva Giuda ad applicare il Vangelo prima che venisse scritto?

    RispondiElimina
  90. Filippo( l'apostata)8 giugno 2011 01:11

    "<span>Gli zingari sono della religione che più gli conviene nel paese in cui stanno"</span>
    <span></span>
    <span>Non è una caratteristica dei soli zingari.</span>

    RispondiElimina
  91. Filippo( l'apostata)8 giugno 2011 01:12

    Ma anche il mondo si sporca a contatto coi politici...

    RispondiElimina
  92. Filippo( l'apostata)8 giugno 2011 01:16

    Hai l'occhio clinico...

    RispondiElimina
  93. Non so chi sia "pastor ille" e non mi interessa; Tolga pero' "ille" sia se lo riferisca a se' stesso o se lo riferisca a Gesu'; non mi pare che le idee espresse siano in linea con i vangeli: stato moderno e le altre belle cose ...?! affermate , il fascismo (che c'entra? ), ; Si rilegga il vangelo e veda se le sue idee concordino, per esempio - con cio' che mi pare copra in senso contrario molte delle cose scritte - ossia  " euntes in mundum universum praedicate Evangelium omni creaturae. Qui crediderit et baptizatus fuerit, salvus erit: qui vero non crediderit condemnabitur..."

    RispondiElimina
  94. Sono convinto che chi non ha commesso nulla di male non chieda condanne preventive... probabilmente per evitare scandali il vescovoha obbligato il prete border line a chiedere la riduzione allo stato laicale...

    RispondiElimina
  95. Sono convinto che chi non ha commesso nulla di male non chieda condanne preventive... probabilmente per evitare scandali il vescovoha obbligato il prete border line a chiedere la riduzione allo stato laicale...

    RispondiElimina
  96. ecco ricorda molto male.... Il berlusca sta ancora piangendo il compagno di merende Craxi... requiem aeternam... (parlar da vivi si intende...)

    RispondiElimina
  97. purtroppo hanno un re cattolico

    RispondiElimina
  98. ah gia peccato allora sia stato ucciso Mussolini! Ha fatto lui i patti Lateranensi NO???? peccato però abbia poi nei fatti impedito un educazione cristiana all'italia abolendo anche il potere educativo della Chiesa tramite le sue associazioni laiche come l'azione cattolica... 

    RispondiElimina
  99. I Papi per molto meno di quel che fece Berlusconi non hanno esitato a lanciare scomuniche a piu di un imperatore del Sacro Romano Impero e noi dobbiamo tenerci un folle che lecchina la Chiesa per poi farsi gli affari sui???? ma stiamo impazzendo??? ma piuttosto voto il S. Padre come Papa Re alle prox elezioni!!!!

    RispondiElimina
  100. Caro Pastor Ille, se gli articoli di Allam (che, a dire il vero non mi piacciono molto)  "sprigionano odio", le sue risposte sprigionano forse amore e carità cristiana?

    RispondiElimina
  101. I Cattolici veri non sono Macchiavellici! per un Cattolico il fine non giustifica i mezzi!!! un mezzo improprio non porta ad alcuna vittoria porta solo disonore e vergogna!

    RispondiElimina
  102. Filippo( l'apostata)8 giugno 2011 02:04

    Chi si scandalizza per l'apparente incongruenza tra pubbliche virtù e vizi privati del presidente del consiglio, piuttosto che di altri personaggi politicamente o socialmente influenti, evidentemente non ha ancora aperto gli occhi o forse fa finta di non vedere. Berlusconi non agisce tanto diversamente da quei preti che, da sempre, dai pulpiti predicano i dieci comandamenti, per poi, in privato, agire in direzione opposta. Lo stesso Mussolini che stipulò il concordato con la Santa Sede, che esaltava il valore della famiglia con tutta la retorica e la pantomima di regime, in privato faceva come cavolo più gli piaceva. Così hanno fatto principi, imperatori e pure qualche papa. I potenti per dominare la società hanno bisogno del consenso delle masse, in particolare della classe dominante, cioè quella più consistente e determinante a livello politico. La classe borghese. Non a caso i vari governi sono sempre piuttosto tolleranti nei riguardi dell'evasione fiscale, abusivismo edilizio etc. Per mantenere il consenso, bisogna anche sposare la morale della classe sociale maggioritaria. Ecco che, siccome la morale pubblica è cosa ben diversa da quella privata per tutti ( vedi padri di famiglia che vanno a trans e prostitute di notte, per poi di giorno proclamare il loro amore per la famiglia tradizionale etc), allora finché un politico va a prostitute minorenni e non si sa, è tutto apposto, è un uomo come gli altri, ma se scoppia lo scandalo, diventa di cattivo esempio ed il sistema non regge. Ovviamente c'è da dire che molti arrivano persino ad approvare lo stile di vita privata del politico in questione, ma per lo più in foro interno. Se il popolo amasse l'etica cristiana, si farebbe governare dai santi. Ma la gente non vuole questo. La gente ha bisogno di sepolcri imbiancati che non sbianchino. Perché siamo tutti dei sepolcri imbiancati.
    <p> </p>

    RispondiElimina
  103. Scenda dal pero, Filippo, scenda, cascare può essere molto doloroso...

    RispondiElimina
  104. Il Vangelo, prima ancora di essere scritto, è la BUONA NOTIZIA che è Gesù, dal quale Giuda aveva ricevuto tutto quanto ha tradito nel Signore.

    RispondiElimina
  105. "Maramaldo" uccidi un uomo morto, non "Ferrucci"

    RispondiElimina
  106. Cattolico Tradizionalista8 giugno 2011 10:53

    L'articolo di Cristiano Magdi Allam a me è piaciuto. Pisapia è espressione della sinistra radicale favorevole all’aborto, all’eugenetica, all’eutanasia, ai matri­moni omosessuali, alla droga di Stato, ai centri sociali, alla mega-moschea, ai pri­vilegi ai rom e agli immigrati rispetto al­le istanze dei cittadini milanesi.
    Bene, tutto ciò come si concilia con il Cattolicesimo?
    Ce lo spieghi l'arcivescovo...

    RispondiElimina
  107. Grazie a M.C. Allam8 giugno 2011 10:56

    Una presa di posizione coraggiosa!!
    Purtroppo ci tocca di essere tacciati di fanatismo, solo perchè vogliamo credere ancora in una civiltà cattolica e in una Chiesa che annunci con entusiasmo Gesù Cristo.

    RispondiElimina
  108. ah, credevo Allam fosse ebreo

    RispondiElimina
  109. maggiolini non lo sapeva neanche lui cos'era il popolo cristiano, scriveva e non aveva nessun contatto con la vita della diocesi

    RispondiElimina
  110. Magdi Israeliano Allam?

    RispondiElimina
  111. che ridere.
    la scuso solo perche evidententemnte scrive in condizioni di alterazione mentale

    RispondiElimina
  112. Io credo che lei sia folle.
    Vedo che a lei basta il moralismo di facciata, e poi tutto va bene.
    Il mio docente di religione - al liceo - ci diceva che Alessandro VI (il famigerato Papa Borgia) ha lasciato scritti dottrinalmente purissimi. Evidentemente a lei questo basta.
    E già che ci siamo: proponga la promozione all'episcopato di don Riccardo Seppia (sempre in talare e spesso in mantelletta). Magari faceva delle ottime prediche la domenica, dottrinalmente ineccepibili.
    Contano più le parole e le leggi - che possono essere sempre trasgredite da chi le promulga - o contasno di più i fatti e l'esempio di vita?
    Rifletta prima di scrivere idiozie che offendono il buon senso. Essere tradizionalisti significa forse essere beceri? Spero di no!

    RispondiElimina
  113. E' assolutamante cosi.
    Maggiolini era rigido su alcuni principi, molto autoritario, buon parlatore e vanitoso.
    Ma assolutamente contraddittorio.
    Molti parlano di Maggiolini a vanvera, senza averlo conosciuto. Il vero Maggilini non era qello veicolato dai giornali. E chi scrive abita a 5 km  chilometri dall'episcopio di como

    RispondiElimina
  114. Che idiozia identificare Pio IX, beato per giunta, con 'Pio Unoics'! Davvero una scemenza.

    RispondiElimina
  115. neessuno ne sa nulla al riguardo?

    RispondiElimina
  116. Ma no, e' un vero pastore di capre !!

    RispondiElimina
  117. Mi spiace contraddire. Ho conosciuto personalmente mons. Maggiolini ed ho curato l'archiviazione dei suoi articoli insieme alla prof.ssa Buzzi dopo la sua morte.
    Sfido qualsiasi persona a dire che "<span>maggiolini non lo sapeva neanche lui cos'era il popolo cristiano, scriveva e non aveva nessun contatto con la vita della diocesi", quando lo si sarebbe potuto incontrare (con bello o cattivo freddo, che fuori ci fossero 10 gradi o ce ne fossero 50) in confessionale (anche fino agli ultimi mesi di vita. e sfido altrettanto a trovare Vescovi (malati o no: anche quando era ancora Vescovo di Como non era difficile ritrovarselo nel confessionale) che facciano altrettanto.</span>

    RispondiElimina
  118. mons. Maggiolini inoltre MAI prese pubblica posizione su partiti da votare. Egli era rigidissimo nei principi della fede ("<span>professo la fede cattolica</span> insegnata, ricevuta e vissuta nella Chiesa: ogni affermazione ed ogni esperienza, <span>senza sgarri e senza attenuazione</span>" scrisse nel Testamento), ma con la gente era buonissimo.
    Fosse stato per me, in questo periodo di crisi profonda della fede (e fu lui stesso uno dei primi a riconoscerla pubblicamente) avrei già iniziato il processo di beatificazione. Ma forse non avrò mai la gioia di vederlo sugli altari: troppo scomodo!

    RispondiElimina
  119. 1. Fosse per me, ritornerei subito al cattolicesimo medioevale, o alle <span>reducciones dei Gesuiti in Paraguay.</span>
    2. Se i musulmani, o gli induisti o qualsiasi altra persona vuole un luogo di culto: bene, tira fuori i soldi, si compra il terreno, costruisce (nel rispetto delle norme edilizie) e ha il suo luogo di culto. non vedo perchè uno stato laico debba edificare a sue spese una moschea.
    3. Se un vescovo dà giudizi politici (che non riguardino la dottrina della Chiesa), egli stesso si espone alle critiche, che sono legittime. Sia esso Fisichella o Tettamanzi.
    4. mi pare che il Codice di Diritto Canonico vieti ai sacerdoti di dare indicazioni su che partito votare. come la mettiamo con don colmegna &C.???

    RispondiElimina
  120. Quando il dito indica il cielo, lo stolto guarda il dito.

    RispondiElimina
  121. Se non vi sta bene la Dottrina sociale della Chiesa cattolica fatevi protestanti. Nessuno nella Chiesa cattolica noterà la vostra assenza.

    RispondiElimina
  122. credo che la sua - già ora - non venga notata

    RispondiElimina
  123. credo che la sua - già ora - non venga notata

    RispondiElimina
  124. :( già già..."observator romanus quidam" sa per certo di un presidente del consiglio che frequenta minorenni...peccato per lui (osservatore romano)che la stessa minorenne neghi risolutamente ciò. Evidentemente conta più quanto propagano certi giornali che attizzano odio come e quando possono, che certe verità...

    RispondiElimina
  125. lo spiegherà meglio l'osservatore... ;)

    RispondiElimina
  126. Non contesto che sedesse spesso in confessionale. 
    E non contesto che a modo suo  - più volentieri sotto i riflettori - avesse contatti con il buon popolo crisitano.
    Il mio intervento -influenzato da un commento in un altro post - contestava il suo stile di vita "povero".
    D'estate saliva a dormire a Brunate, perchè piu fresco. E per le sue ferie estive requisiva due suore di Valduce.
    In altre situazioni, se non c'erano le telecamere, è stato letterlamente assente.
    Fu amico della Tradizione? Non credo.
    Molti lo credevano tradizionalista in quanto autoritario e perche sedeva volentieri nel confessionale in duomo.
    Ma era assolutamante indifferente alla liturgia tradizionale e infatti nominò cerimoniere e responsabile diocesano per la liturgia don Valpolini, asoolutamente mariniano (intendo Piero e non Guido).
    In Episcopio riceveva la gente in ciabatte e d'estate girava per le vie del centro  in t-shirt a righe con le manche corte.

       

    RispondiElimina
  127. Grazie per le tue parole.
    Hai il Signore nel cuore!

    RispondiElimina
  128. Il fine giustifica i mezzi?
    A giudicare da quel che leggo qui sembrerebbe, piuttosto, che per molti cattolici sia il mezzo a giustificare i fini: la specchiata onestà morale del governante (il MEZZO) concede a costui la facoltà di emanare leggi (i FINI) immorali e disoneste (e se anticristiane, tanto meglio).

    RispondiElimina
  129.  sapete che molti cattolici, compreso me, sono a sinistra?? Siamo contro l'aborto e l'eutanasia, siamo con coloro che non pensano che esista una padania da liberare , non abbiamo nulla in contrario con la costruzione di luoghi di culto per le altre religioni, siamo quelli che, vedendo i profughi e gli stranieri, ricordano le parole di Cristo''Ero forestiero e mi avete accolto''. Siamo per i poveri e per gli ultimi; molti , tra cui io , fanno il tifo per la bellezza e la forza del rito antico. Non siamo comunisti, non siamo atei, siamo cristiani.

    RispondiElimina
  130. A me dà fastidio Avvenire.

    RispondiElimina
  131. Grazie Pastorille per il bellissimo e profondissimo intervento, tu hai compreso la verità su chi crede che ci possa essere un nesso tra Gesù Cristo e il fascismo, tra l'odio verso gli stanieri e l'essere cristinani, o che ci possa essere un nesso tra lo Stato Pontificio e la Fede Cattolica. Quei tradizionalisti ''neri'' , spero pochi, dovrebbero dirsi sconfitti dal Vangelo e si dovrebbero convertire.Grazie Pastor Ille per le tue parole luminose, Grazie!!!!

    RispondiElimina
  132. Grazie, caro Pastor Ille, perchè in poche ma dense ringhe lei è riuscito a fornirci una mirabile silloge di tutti, o quasi, gli errori e gli orrori modernisti, sia su un piano politico, sia su un piano sociale, sia, ovviamente, su un piano dottrinale. Inoltre, è riuscito a infilare nel suo indigesto pastone stupidaggini quali (ma non solo) "i cattolici neoconservatori filo-Bush", l' "ideologia occidentalista" e il "pensiero unico", (di cui in realtà è lei a essere figlio). Si tenga pure i suoi vescovi illuminati e profetici, il suo clero di frontiera e, ovviamente, i suoi immigrati. Io sto con Papa Leone Magno, con San Bernardo e le crociate, con S. Pio V e Lepanto. Su un solo punto le dò ragione: "Signore, fino a quando?", dovremo subire "cattolici" come lei?

    RispondiElimina
  133. Lei è in errore, Martelli. La cosa è ontologicamente impossibile. Salvo casi sporadici, ma che hanno natura patologica, di totale dissociazione psico-cognitiva...

    RispondiElimina
  134. Sulla sua ultima affermazione, avrei forti dubbi.

    RispondiElimina
  135. E quali sono i politici di sinistra che sono contro l'aborto,l'eutanasia e i matrimoni gay ?

    RispondiElimina
  136. Marco da Cormòns8 giugno 2011 21:50

    1. "Chi è senza peccato scagli la prima pietra".
    Mi viene in mente: scaricare film e musica pirata da internet, utilizzare sul proprio pc software craccato, violare il codice della strada (basta poco: limiti di velocità, sorpassi su strisce continue, passaggio con il giallo, ecc.), pagare in nero per pagare di meno, non pagare il canone TV, non dichiarare redditi occasionali...
    Molti prima di chiedere agli altri una vita virtuosa dovrebbero fare un piccolo esame di coscienza.

    2. I cattolici che hanno votato Pisapia hanno dato un voto in bianco a prescindere dai valori non negoziabili. Questo non significa che bisogna votare a destra, ma che qualunque sia il soggetto politico almeno vengano rispettati i valori cattolici.

    RispondiElimina
  137. L'amore verso il prossimo e il Vangelo non hanno niente in comune con  il filantropismo e il buonismo. Essere cristiano non significa essere masochista.

    RispondiElimina
  138. L'amore verso il prossimo e il Vangelo non hanno niente in comune con  il filantropismo e il buonismo. Essere cristiano non significa essere masochista.

    RispondiElimina
  139. mentre lei lo annusa

    RispondiElimina
  140. La battuta non è tua e inoltre è assolutamente scontata
    E poi per scopare bisogna essere forse belli? Non mi sembra che Berlusconi lo sia! 

    RispondiElimina
  141. A proposito di nessi, mai sentito parlare di "Uomo della Provvidenza"?...O, più seriamente, della Conciliazione e dei Patti Lateranensi?

    RispondiElimina
  142. Hai ragione! L'ho pensato pure io dopo aver postato il mio intervento.

    RispondiElimina
  143. preferisco un vescovo in maniche corte d'estate che un prete in talare e bisogna fare un terno al lotto per trovarlo disponibile (in confessionale o anche fuori). tanto per stare nel tema del post, manganini va sempre in giro in talare... era a favore di una liturgia nel rito di Paolo VI ben fatta piuttosto che nel rito antico, certo.
    che male c'è poi nell'andare a dormire in un posto fresco? dall'episcopio a brunate non c'è moltissima strada. come il Papa va a Castel Gandolfo...
    io lo intendo come tradizionalista, forse sbagliando termine, nel senso che fu un grande difensore dell'ortodossia. non dimentichiamo che fu lui a redigere parte del catechismo, e a difenderlo - come disse mons. Negri - spesso all'interno della stessa Chiesa.

    RispondiElimina
  144. Buon PASTORE? QUesta è buona!! penso che un povero pastore delle alpi lombarde con amagari solo la 3 elementare sia più degno di quell'appellativo che il pessimo Tetta!!

    RispondiElimina
  145. Il pastore Luterano Tettamazi, ha sostenuto una corrente abosrtisa, anti famiglia, che è contraria ai principi della fede! Quaesto basta per far capire che non è più in comunione con il magistero del Papa. Non doveva intervenire! Dall'altra parte c'è un Berlusconi con tutti i suoi difetti, anche lui divorziato ecc.. quindi la cosa più saggia era il silenzio! Ora speriamo che il papa ce lo levi da Milano, magari lo accolga in casa sua visto che le vuole così bene...

    RispondiElimina

L'inserimento senza moderazione dei commenti è limitato ai soli post usciti nella medesima giornata di inserimento e nel giorno precedente. Per i post più vecchi, i commenti saranno sottoposti a moderazione.
Qualora fosse attiva la moderazione, possono passare anche alcuni giorni prima del controllo da parte della Redazione.