mercoledì 28 aprile 2010

Mons. Ranjith incoraggia la Messa di Sempre in Sri Lanka


L'Arcivescovo di Colombo (Sri Lanka, ex Ceylon) ha inviato all'annuale corso liturgico per sacerdoti organizzato dalla Latin Mass Society di Inghilterra e Galles non solo una lettera di incoraggiamento, ma anche due dei suoi preti diocesani, in modo che al ritorno in patria possano diffondere il tesoro della liturgia immemoriale.

Ne riferisce Rorate caeli.

14 commenti:

  1. Una notizia che fa senz'altro piacere.

    RispondiElimina
  2. Mi auguro vivamente che l'amore per la liturgia antica di mons. Ranijth venga premiato con la porpora.

    RispondiElimina
  3. preghiamo per questa intenzione ;)

    RispondiElimina
  4. Andrea Carradori28 aprile 2010 14:34

    Grande uomo di chiesa : nell'obbedienza e nella preghiera !
    Mi auguro che uno dei nostri ministranti, Chandana, originario dello Sri Lanka, possa seguire l'esempio di santità del suo degnissimo Arcivescovo.
    Nel nostro sito www.missaleromanum.it abbiamo dedicato all'Arcivescovo una pagina ricordando quando nel 2006 venne a riaprire ed a consacrare l'altare di una semplice chiesa di campagna vicino Tolentino.

    RispondiElimina
  5. Incredibile !!! in Sri Lanka dove il latino è veramente incomprensibile (dato che a differenza dell'italiano non è una lingua neo latina ) ci sono fedeli che chiedono la Messa di sempre, e sono tanti da spingere il Vescovo locale a inviare due Sacerdoti ad imparare il Rito per poi divulgarlo in patria.
    A A A A A. Avviso per i vescovi e preti che leggono il blog: PRENDETE ESEMPIO DAL VESCOVO RANIJTH.
    Porca miseria! Con tutti problemi che avete nelle vostre diocesi, con i seminari vuoti, le chiese deserte e sopratutto i vostri catto-progressisti che non vi hanno minimamente stra-cunato; fate la guerra proprio agli unici cattolici che ancora vi ossequiano come sucessori degli Apostoli e che vi chiedono solo una Messa con un Rito diverso !? No dico...ma siete connessi ?!

    RispondiElimina
  6. P.S. Per "non è una lingua neo latina"intendevo ovviamente la lingua locale.

    RispondiElimina
  7. non è un caso che il vescovo di colombo sia uno dei pochi che ha manifestato a chiare lettere la propria solidarietà all'amatissimo Bendetto XVI subdolamente attaccato dalle forze del male. 

    RispondiElimina
  8. è molto confortante che da un'altro angolo di mondo, si sia aperta una fessura, che speriamo diventi presto una porta spalancata, dalla quale possa entrare 'l'aria pura' capace di disperdere il fumo di Satana dalla Chiesa di Cristo!

    RispondiElimina
  9. Ricorderete che critico' apertamente l'atteggiamento di chiusura e di ostilita' dei porporati nei confronti del Motu Proprio e dei fedeli che chiedevano loro la Messa Tridentina [il permesso vescovile non occorre, ma bisogna sempre passare da lui per evitare guai al Sacerdote intenzionato a celebrare la Messa Antica].

    Proprio per questo il Santo Padre opto' per il "promoveatur ut amoveatur" mandandolo in SryLanka, ma ogni volta che Monsignore e' uscito dalla porta e' anche rientrato dalla finestra. L'anno scorso gli fu imposto il pallio dal Santo Padre, quindi e' uno dei prossimi candidati Cardinali.

    RispondiElimina
  10. OGGI 29 APRILE S. CATERINA DA SIENA, BUON ONOMASTICO A CATERINA63.

    RispondiElimina
  11. ma non era un blog tradizionalista? S. Caterina è domani secondo il calendario tradizionale.

    RispondiElimina
  12. E' il pensiero che conta.

    RispondiElimina
  13. oggi è San Pietro da VeronA

    RispondiElimina
  14. circa lo Sri Lanka29 aprile 2010 11:56

    Non solo la FSSPX ha molti fedeli, sia in loco, che tra i cingalesi emigrati (anche in Italia), ma, spesso i tradizionalisti locali, approfittano della relativa facilità con cui possono trovare chiese cattoliche di rito non latino( malabarico o greco), per ricevervi i Sacramenti.

    RispondiElimina

L'inserimento senza moderazione dei commenti è limitato ai soli post usciti nella medesima giornata di inserimento e nel giorno precedente. Per i post più vecchi, i commenti saranno sottoposti a moderazione.
Qualora fosse attiva la moderazione, possono passare anche alcuni giorni prima del controllo da parte della Redazione.