mercoledì 17 marzo 2010

La 'destra estrema del Cristo'?

Traduciamo dal sito cattoprogressista Golias l'articolo che segue

All'evidenza, certi vescovi italiani sono il bersaglio privilegiato dei tradizionalisti italiani. Nel passato i monsignori Luigi Bettazzi (Ivrea), Tonino Bello (Molfetta) e Raffaele Nogaro (Caserta) per le loro posizioni dottrinali, i monsignori Pietro Giachetti (Pinerolo) o Clemente Riva (ausiliare di Roma) per la loro troppo grande apertura ecumenica, mons. Aldo del Monte (vescovo di Novara) per le sue audacie catechetiche o mons. Luca Brandolini (vescovo di Sora e Aquino) per le sue audacie liturgiche.

Alcuni mesi orsono, mons. Giuseppe Mani, arcivescovo di Cagliari, è stato egualmente oggetto di vivissimi attacchi, in particolare da parte di Messainlatino, per aver rifiutato di autorizzare un simposio tradizionalista sulla liturgia nella sua diocesi.

E' un altro vescovo che subisce oggi gli attacchi della destra estrema del Cristo. Mons. Dante Lafranconi, 70 anni, vescovo di Cremona - la città dei liutai - accusato da dei militanti tradizionalisti di «ideologia postconciliare » e di voler livellare verso il basso la liturgia della sua cattedrale. E' vero che lo sfortunato don Lafranconi è conosciuto per le sue simpatie nei confronti del card. Martini. E che incarna quindi una linea di apertura. Il che è sempre meno ben visto, perfino a Roma...

59 commenti:

  1. Che dire, speriamo che sia poco ben visto persino a Roma.

    RispondiElimina
  2. l'Arcivescovo Mani non ha negato una autirizzazione, ha proibito di tenere un convegno, un semplicissimo convegno di cattolici che volevano riflettere su una legge della Chiesa.

    Sarebbe come se venisse proibito a Melloni e compagni progressisti di riunirsi nei periodici incontri che fanno e in cui si cucinano il Vaticano II facendone un ragù bolognese. Se a costoro venisse proibito di riubirsi cisa farebbero?
    I tradizionalisti della diocesi di Mani hanno ubbidito all'ingiusta e illegittima proibizione. I progressisti farebbero altrettanto?

    RispondiElimina
  3. «Nel tesoro della Rivelazione vi sono dei punti essenziali, di cui ogni cristiano, per il fatto stesso di chiamarsi cristiano, ha la conoscenza necessaria e l’obbligo della difesa… I veri fedeli sono gli uomini che attingono dal loro battesimo (in tempi d’eresia) l’ispirazione per una linea di condotta; non i pusillanimi che, col pretesto specioso della sottomissione ai poteri stabiliti, per correre incontro al nemico o opporsi alle sue imprese, aspettano un programma che non è necessario e che non si deve loro dare». (Dom Gueranger, ai suoi monaci)
     

    RispondiElimina
  4. Golias:  cartastraccia punto e basta. Ma che li citate a fare: la loro reputazione di disonestà intellettuale è immensa e le loro posizioni sono dettate da puro spirito di contraddizione contro il messaggio evangelico ed il magistero ecclesiale.

    RispondiElimina
  5. mamma mia, io fino ad ieri ero stato uno moderato, adesso scopro di essere un estremista di destra :-D ; per fortuna che ci sono i francesi a dirci che la posizione giusta di un cattolico non è quella di sinistra ma di 'destra estrema'.

    RispondiElimina
  6. DANTE PASTORELLI17 marzo 2010 12:21

    <span>Se la linea aperturista di Martini e compagni è mal vista a Roma, vuol dire che l'estrema destra di Cristo è ben vista? </span>

    RispondiElimina
  7. mamma mia quanto sono patetici! anzi visto che ci leggete io vi dico: siete patetici, e rincaro, accettate una sfida? chiedete ai vostri vescovi eretici di far cessare il boicottaggio verso la tradizione: fate celebrare in quelle sventurate diocesi la messa di sempre, e poi vediamo chi vince la "sfida", ma siccome siete perdenti e sapete di difendere l'eresia non lo farete mai, la viltà è sempre dalla parte di chi è nell'errore sxapendo di esserlo, patetici!

    RispondiElimina
  8. Personalmente, cara REDAZIONE, io non definerei più Golias cattolico, è un sito a-cattolico, anticattolico.
    Il suo direttore, Terras, è molto amato dai media e spesso invitato dalle radio o tv quando il tema tocca la Chiesa o il Papa.Posso assicurarvi che i suoi interventi non hanno niente di cattolico.
    Che poi il signor Terras, o chi per lui, legga Messa in Latino, non mi stupisce affatto, bisogna conoscere il nemico per combatterlo.

    RispondiElimina
  9. O MIO BUON SIGNORE! TRA UN Pò FINIREMO A TENDERE AGGUATI AGLI ALTI PRELATI COME QUEI TRADIZIONALISTI CHE IN FRANCIA HANNO PRESO A LEGNATE UN CARDINALE.... MA NON VI RICORDATE? ;) eheheheheheh...comunque con tutte le volte che voi di messainlatino avete preso a colpi di frombola golias, bè lasciategli almeno il contentino di questi articoli....

    RispondiElimina
  10. hanno sempre ragione LORO ... ed io di fronte a tanta ........... mi inchino e mi tolgo il cappello ...........  



    ah per caso il CARD 23 non voleva l' uso dei lacrimogeni con la polizia inviata per far sgombrare i fedeli riunitisi in preghiera per un ROSARIO riparatore ????? ......... 

    RispondiElimina
  11. nella sostanza sono senza faccia e senza vergogna .....

    non so se avete presente il colloquio fra il PRINCIPE diSALINA ed il suo bracchiere ......

    all' incirca '' ....... prima ero un fedele suddito borbonico ....... adesso sono un sovversivo ....... un brigante ...... ,, e piu o meno e piu o meno siamo li' ........

       prima del CVII eravamo tutti cattolici ........ dopo IL SUPERDOGMA , ..  tradizionalisti e. poi ......... fascisti ....... ora sovversivi ......... tra un po si riapriranno per noi i

    campi di concentramento ......... la tendenza è questa ..!!!!!

    RispondiElimina
  12. La prima pagina del sito, poi, è semplicemente vergognosa..
    http://www.golias-editions.fr/

    RispondiElimina
  13. <span>dell'Arcivescovo Mani possiamo dire di tutto ma che non sia tradizionalista no. mi spiace per voi. Basta andare ad una delle sue celebrazioni e noterete l'ortodossia dei paramenti: tunicella e pianeta... per esempio, e quasto non a partire dal motu proprio ma da molto tempo prima... Quindi definire Mons mani progressiasta è come dire un eresia!</span>
    <span>se ha proibito tale convegno avrà avuto le sue buone ragion per farlo non è che debab dare autorizzazioni ad ogni gruppuscolo che nostalgicaamente si leva a farsi notare. nella Diocesi chi guida e comanda è il Vescovo! Non si parlava di Pastore e pecore in qualche enciclica? quondi obbedienza e devozione al proprio vescovo. dopottutto ognuno ha il vescovo che si merita. E anche questa è Tradizione o no?</span>
    <span>stefano por</span>

    RispondiElimina
  14. CAZZOLICI!
    Matteo Dellanoce

    RispondiElimina
  15. Golias......... il nome dice tuto. (IL gigante buono!) amico dei catto progressisti e di tante rovine in questi 40 anni. Quanti diritti sono stati calpestati in nome del Concilio. Quane persone i parroci hanno mandato a casa con le lacrime agli occhi. Quante ruspe sono entrate nelle nostre chiese.
    Quante statue sono state messe da parte( considerarla fortuna) se non addirittura distrutte

    RispondiElimina
  16. Mario Bonario17 marzo 2010 13:52

    Vero: il mio Arcivescovo mons. Mani ha proibito un convegno di  fedeli cattolici normali ( basta etichette) che volevano meditare semplicemente su un atto del magistero del Pontefice al quale il Nostro dovrebbe semplicemente obbedire baciandoGli il Sacro Piede . Invece di concedere blasfeme esequie al Capo della Massoneria nonche' far arrivare dal Continente ,  durante le giornate missionarie parrocchiali,  gli eretici di Taize'!!!!

    RispondiElimina
  17. brandolini non e' "audace" solamente in materia liturgica... =-X

    RispondiElimina
  18. Mario Bonario17 marzo 2010 14:02

    Come lo fu Marlon Brando-Lini???

    RispondiElimina
  19. Confermo,l`odio contro il Papa e il Magistero caratterizza Golias  e il suo direttore Terras, Golias è quello che noi chiamiamo "un torchon"= uno straccio.

    RispondiElimina
  20. usquequo Domine? fino a quando tratterrai la tua destra estrema? fino a quando permetterai che costoro insultino la tua Chiesa, definendosi tuoi figli? che turbino tante coscienze...? oportet ut scandala eveniant... sed.... MALEDETTI COLORO CHE LI PROVOCANO!

    RispondiElimina
  21. anonimo rivoltano17 marzo 2010 14:05

    certo la diocesi di cremona e riditta male basterebbe vedere la sciatteria del parroco di rivolta con le sue messe brevi  e i funerali senza piu neanche la croce e la poibizione di mettere i fiori in chiesa pero e amico del vescovo dante  tra poco chiuderemo anche le nostre belle chiese tanto tutto e relativo

    RispondiElimina
  22. Nobis quoque peccatoribus17 marzo 2010 14:07

    L'articolo di Golias mi ricorda l'"aiuto fraterno" con cui Mosca soleva venire in aiuto dei compagni in difficolta'. Come se fossero i Vescovi progressisti a doversi difendere dai tradizionalisti riottosi e non quest'ultimi a subire attoniti i loro abusi e soprusi.

    Per rimanere in Francia, certi progressisti mi fanno venire in mente il marchese De Sade, che dopo la rivoluzione, dal manicomio criminale dov'era rinchiuso, aveva invocato... "ancora un piccolo sforzo".

    FdS

    RispondiElimina
  23. Se le cose nella Chiesa stessero a posto, come Dio comanda, non ci sarebbe alcun bisogno di tradizionalisti o progressisti!

    RispondiElimina
  24. Purtroppo Taizè*Bosè c'est le modè... :'( e chi più ne ha più ne mè! 

    RispondiElimina
  25. <span>Leggetevi e gustatevi anche questo..il card. Levada si sarebbe sacrificato andando a Denton perchè proprio i tradi non li ama, secondo Romano Libero di Golias... </span> 
    <p>http://www.golias-editions.fr/spip.php?article3659
    </p><p> 
    </p><p>Romano Libero, degno complice di Terras, un pseudonimo suppongo,leggere i suoi contributi , da solo un`idea dell`odio anticattolico, anti-Papa, anti-Magistero che rigurgita Golias.
    </p><p> 
    </p>

    RispondiElimina
  26. <span><span><span>Leggetevi e gustatevi anche questo..il card. Levada si sarebbe sacrificato andando a Denton perchè proprio i tradi non li ama, secondo Romano Libero di Golias... </span>   



    http://www.golias-editions.fr/spip.php?article3659  

    Romano Libero, degno complice di Terras, un pseudonimo suppongo,leggere i suoi contributi , da solo un`idea dell`odio anticattolico, anti-Papa, anti-Magistero che rigurgita Golias.  
    </span></span>

    RispondiElimina
  27. <span><span>
    <span><span><span><span>Leggetevi e gustatevi anche questo..il card. Levada si sarebbe sacrificato andando a Denton perchè proprio i tradi non li ama, secondo Romano Libero di Golias... </span>    
     
    http://www.golias-editions.fr/spip.php?article3659   
     
    Romano Libero, degno complice di Terras, un pseudonimo suppongo,leggere i suoi contributi, da solo un`idea dell`odio anticattolico, anti-Papa, anti-Magistero che rigurgita Golias.   </span></span></span></span></span>

    RispondiElimina
  28. Leggetevi e gustatevi anche questo..il card. Levada si sarebbe sacrificato andando a Denton perchè proprio i tradi non li ama, secondo Romano Libero di Golias...       

    http://www.golias-editions.fr/spip.php?article3659     

    Romano Libero, degno complice di Terras, un pseudonimo suppongo,leggere i suoi contributi, da solo un`idea dell`odio anticattolico, anti-Papa, anti-Magistero che rigurgita Golias.   

    RispondiElimina
  29. Come proprio la scorsa settimana leggevo su un muro di Roma, "A MALI ESTREMI...ESTREMA DESTRA!"

    RispondiElimina
  30. Filippo Burighel17 marzo 2010 14:55

    Certi andrebberlo solo ignorati.

    RispondiElimina
  31. Filippo Burighel17 marzo 2010 15:16

    AHAHAHAHAHAH!!! L'ho visto anch'io in giro dalle mie parti! :-D

    RispondiElimina
  32. ehehehehehe ...... gli piacerebbe vero !!!!!!!!!! 

    RispondiElimina
  33. Redazione di Messainlatino.it17 marzo 2010 15:38

    Appunto. Uno come Mani te lo meriti tu. Noi ne facciamo a meno. E il vescovo non è il tiranno della diocesi o, se lo è, si aspetti i suoi meritati Armodio e Aristogitone.

    RispondiElimina
  34. Golias sei alla frutta !! Ormai Davide sta prendendo la mira!

    RispondiElimina
  35. A parte il fatto che alla destra del Cristo mi pare un buon posto, fa ridere che nel 2010 sti poveretti ragionino ancora su destra e sinistra,pensando poi che dire ad uno "sei di destra" sia un'offesa. Con l'imprintig post conciliare non si scherza! Passano tutta la vita come quegli ocarotti che credono che il tagliaerba sia la loro mamma. Perdoniamoli.....

    RispondiElimina
  36. Un Vescovo non GUIDA E COMANDAS ma SERVE ed AMA il gregge!
    Matteo Dellanoce

    RispondiElimina
  37. Voca me in partem dexteram!!!

    RispondiElimina
  38. <p><span>dell’Esposizione sui Salmi Sant’Agostino indicava le condizioni di un et … et indenne dalla tentazione babelica: <span> </span>“Chiunque ripone la felicità umana solo in ciò che si può ottenere e godere sulla terra, nello scorrere e nell’abbondare dei beni mondani, è stolto e perverso, perché fa della sinistra la destra. Erano tali coloro di cui parla il salmo: certo avevano ricevuto da Dio ciò che possedevano, ma solo ciò essi consideravano beatitudine e non desideravano altro. Vien detta nostra sinistra tutto ciò che possediamo in questo mondo, viene detta nostra destra tutto ciò che di eterno e immutabile Dio ci promette. Colui poi che ci darà la vita eterna è quegli stesso che consola la nostra vita con i beni terreni: egli ha fatto la destra e la sinistra”.</span>
    </p><p><span></span>
    </p><p><span>E VALLO A DIRE AI FRANCESI.....secondo me sono incavolati con gli italiani perchè gli abbiamo rifilato la Bruni ed una barcata di delinquenti terroristi comunisti!</span>
    </p><p><span>Matteo Dellanoce</span></p>

    RispondiElimina
  39. All'elenco dei vescovi "offesi" dai brutti e cattivoni tradizionalisti Golias poteva aggiungerne mooolti altri, per me quelli citati son pochini. Come si vede che in Francia stanno perdendo la bussola per occuparsi di noi italiani. Bisogna dire che proprio in Francia la tradizione sta andando avanti riscontrando sempre più la stima e la simpatia dei cattolici, i quali non ne possono più nè dei loro preti (ridotti a pochini) nè dei loro Vescovi. O prima o poi la frittata doveva pur voltarsi nella padella. Golias si occupi meglio di tutto ciò che i propri amici e fratelli di congrega hanno distrutto del cattolicesimo: un buon esame di coscienza in quaresima sarà salutare specialmente per costoro e la smettano di ficcare il naso altrove. Un mese fa ebbi modo di visitare un monastero di carmelitane in Francia: sono rimasto allibito. Mi aspettavo la clausura, monache vestite decorosamente con l'abito delle carmelitane.., macchè! Queste escono ed entrano da quello che loro chiamano monastero, a proprio piacimento, una di loro indossava un bel paio di jens e un fazzolettino ino ino sulla testa. Non vi dico poi la messa celebrata da un vescovo! Si è presentato in borghese, ha celebrato con un camice ed una stola variopinta. Non seguiva nemmeno il messale e che VERBOSITA'! Ovviamente comunione sotto le due specie per tutti, nessuno in ginocchio durante la consacrazione, tutti in piedi. Canti melliflui e con testi che fanno....schifo. Vi risparmio quello che poi ho visto e sentito nella cattedrale gotica di quella vetusta diocesi francese, una sola cosa: i confessionali sono spariti, ci si confessa chiaccherando dentro delle camerette che sembrano l'ufficio del mio commercialista. Gli altari antichi diventati porta vasi o porta manifesti sociali. Il sacro? La liturgia? La preghiera? Le devozioni? Nulla, piazza pulita.
    Golias se ne ricordi!

    RispondiElimina
  40. '68 uber alles17 marzo 2010 17:17

    ah, ma perchè lei è convinto che da noi i confessionali esistono ancora?
    ....capisco, ospite, lei forse risiede....tra le Alpi e il Po !
    :)

    RispondiElimina
  41. '68 uber alles17 marzo 2010 17:21

    si vede che anche in Francia è dura a morire la convinzione che
    "la cultura è 'dde sinistra"..., l'arte manco a dirlo...
    e il vero cristiano cattolico pure "è 'dde sinistra" !

    RispondiElimina
  42. povera redazione17 marzo 2010 18:12

    <span><span>Redazione di Messainlatino.it</span><span></span><img></img></span>
    <span>Appunto. Uno come Mani te lo meriti tu. Noi ne facciamo a meno. E il vescovo non è il tiranno della diocesi o, se lo è, si aspetti i suoi meritati Armodio e Aristogitone.,,,</span>
    <span>siamo alla frutta? vi irritate facilmente e perdete il controllo. viva la Chiesa fatta da gente intiollerante e integralista.</span>

    RispondiElimina
  43. gia' che faccio parte del branco .........


    personalmente parlando ...... mi metto a ridere quando si ha a che fare con dei clowns tu che fai piangi quando vai al circo ????
    ,
    piangi ???? ..........  


    gli integralismi e le intolleranze le lascio per gli altri  ..........

    RispondiElimina
  44. All'estrema destra del Cristo c'è il buon ladrone.

    Certo non ho un millesimo della fede del buon ladrone, ma, come dire, all'estrema destra del Cristo:

    HIC MANEBIMUS OPTIME,

    Claudio

    RispondiElimina
  45. Non mi è parso proprio che la redazione abbia perso il controllo, nè che parli per niente. Di solito interviente raramente e sempre nel momento opportuno e in modo argomentato, tutto qua. La rivoluzione antiprogressista che si sta alzando contro il moribondo cattolicesimo conciliare francese è soltanto il preludio a ciò che, a mio avviso, accadrà un pò alla volta in tutto l'orbe cattolico. Sotto alla melliflua palude pseudoconciliare stanno già ribollendo i fermenti del cattolicesimo autentico, il quale, prima o dopo, erutterà la sua lava benefica e salvifica su tutta la Chiesa. Certo, ci vorranno decenni.
    Pertanto, caro lettore che difendi Mons. Mani, alla frutta state voi catto-conciliari. Caro mio, penso proprio che il futuro della Chiesa, se la Provvidenza ci assiste, sarà nostro. Voi conciliari siete un incidente di percorso ha annacquato per un certo tempo la Chiesa di Roma con le sue mode passeggere frutto del malsano operato di un Pontefice sognatore come Paolo VI. Ma la pellaccia del Cattolicesimo verace è dura e scomparire e un pò alla volta sta riemergendo come l'araba fenice dalle sue ceneri.
    Un piccolo particolare: ho notato che, nell'articolo di Golias, il vescovo Lafranconi di Cremona viene titolato come "don". Da quando in qua ci si rivolge ad un vescovo con tale titolo? Ah, dimenticavo... la furia demolitrice dello "Spirito del Concilio" e la sua bramosia iconoclasta tende a fare di ogni erba un fascio, a livellare tutto verso il basso da buoni comunisti, tanto, tutto fa brodo, siamo tutti uguali, non ci sono distinzioni, tutti "fratelli" di Dio, quindi niente veste talare, niente paramenti diversificati in funzione dei tempi liturgici e niente titoli onorifici al clero. Tra poco chiamerete anche il Papa "don Ratzinger". Che squallore, ma fatemi il piacere: dove volete andare conciati così...
    Viva la Tradizione, viva la Chiesa di sempre, viva Benedetto Decimosesto!

    RispondiElimina
  46. non bisogna fare politica, la destra e la sinistra non sono categorie della Tradizione.

    RispondiElimina
  47. le etichette fanno comodo eccome !!!!!!!!!!!

    RispondiElimina
  48. Mario Bonario17 marzo 2010 20:35

    Chi sei, forse  Frassica?

    RispondiElimina
  49. Destra e sinistra sono categorie della rivoluzione francese. Meglio evitare.

    RispondiElimina
  50. Mah! C'è un libro di fede e cultura dal titolo il laicismo alla sinistra del Padre....sinistra e detra sono categorie teologiche prima che rivoluzionarie!
    Matteo Dellanoce

    RispondiElimina
  51. Andrea Carradori17 marzo 2010 22:14

    BEDWERE : intelligentissimo, coinciso intervento !
    Hai detto tutto in  pochissime parole !
    Bravissimo !!!

    RispondiElimina
  52. golias : pettegolezzi da pescivendole , con tutto il rispetto per che vende pesce

    RispondiElimina
  53. <span>Golias fa schifo!lo leggo (almeno i titoli) abbastanza spesso in questo periodo,ma é illeggibile,e l'odio per il S Padre é a ogni intervento..fa male leggerlo,se potete evitatelo!Non parla di Dio neanche a pagarlo,é solo veleno..non tutta la francia é cosi', grazie a Dio,anzi ci sono isole bellissime di fede,dove abito io,ma certo che la fede di massa é sparita,e non interessa a nessuno..ma la preghiera fa miracoli!Grazie per i vostri bei commenti, questo é un blog  bellissimo!
    </span>

    RispondiElimina
  54. Luis Moscardò18 marzo 2010 11:52

    Golias, ah ah ah! Ma che sono? Le caramelle alla liquirizia dei francesi?
    Stanno mettendo i gomiti nel piatto, orami da un bel po': che triste il loro risveglio... pensavano che tutti fossero con loro, che le avanguardie della sempre attesa (e mai arrivata) primavera  avessero dietro alle loro stolide nuche il gregge dei cattoliconi.
    Che disillusione: siete vecchi, invecchiati, sbiaditi nei sogni di una frenesia postadolescenziale che non c'è più! U' U' U'!
    Non è questione d'anagrafe ma di nutrimento dottrinale e spirituale: avete mangiato roba marcia e ora l'intestino presenta il conto: che dolori lancinanti!

    Quanto al blogger che definisce Mons. Mani come tradizionalista perché mette i paramenti "tradizionali" ricordo che uno dei ricorrenti pregiudizi sui "tradizionalisti" è che saremmo maniacalmente attaccati alla forma; ecco ti dimostro che non è così: potrebbe pure celebrare un bel pontificale il buon Mani(tù) ma dopo aver negato dei sacrosanti liberi diritti al suo gregge, sarà difficile ritenerlo credibile se non dopo una coraggiosa, dovuta, onesta e soprattutto caritatevole richiesta di perdono ai suoi fedeli e al Papa.
    (Credete che sia così difficile? Io ho assistito -a Roma al Convegno in ottobre sul Motu Proprio- a una ammissione di colpe e a una richiesta di scuse che mi ha fatto affezionare a un personaggio prima d'allora vituperato.)

    RispondiElimina
  55. Filippo Burighel18 marzo 2010 14:06

    Diciamo per correttezza, che "destra e sinistra" teologiche e "destra e sinistra" mondane non sono propriamente le stesse categorie. Non fosse altro perché le prime hanno a riferimento Dio, le altre il mondo. Il problema semmai è che la "sinistra" mondana non ammette la possibilità di "destra" o "sinistra" teoligiche, la "destra" mondana almeno non ha solitamente preconcetti a riguardo.

    RispondiElimina
  56. Filippo! A mo' di sintesi icastica direi che la destra non esiste più dalla rivoluzione francese. Esiste semmai una destra della sinistra che si avvicina un tantino al centro ma che sempre sinistra è!
    Matteo Dellanoce

    RispondiElimina
  57. sostengo in pieno con DELLA NOCE .........

     L' ultimo vero uomo di DESTRA è stato CARLO X  ....... ed è stato  tutt' altro che un povero imbecille ........ retrogrado ........

    RispondiElimina
  58. Filippo Burighel18 marzo 2010 17:25

    Oddio, adesso non esageriamo...
    Destre "decenti" (e notate bene che non ho scritto "buone") ci sono anche state. Il problema è che non ci sono MAI state in Italia: la nostra destra "storica" era la corrente nazionalista della massoneria nostrana, emula della destra "repubblicana" francese (che non ha niente a che vedere coi Repubblicani nostrani che sono eredi della tradizione mazziniana, che sebbene non direttamente massonica - la Carboneria non era massoneria, il "fratello massone Mazzini" fu un'invenzione del sindaco Natan di Roma, lui sì massone oltre che ebreo ferocemente anti-cristiano - era comunque simpatizzante per la massoneria più "sinistra"), quindi liberale-agnostica-libertaria; la destra "fascista" nacque da una costola della vecchio Partito Socialista, quindi di fatto un socialismo nazional-corporativo.
    Un partito "High Tory" italiano, per fare un paragone col mondo britannico, non c'è mai stato. (Precisazione: l'attuale partito conservatore inglese "Tory" non e' "High Tory". E' un po' lungo da spiegare e non mi dilunghero che non mi sembra il caso, ma su Wikipedia inglese è ben spiegato se volete approfondire).

    RispondiElimina

L'inserimento senza moderazione dei commenti è limitato ai soli post usciti nella medesima giornata di inserimento e nel giorno precedente. Per i post più vecchi, i commenti saranno sottoposti a moderazione.
Qualora fosse attiva la moderazione, possono passare anche alcuni giorni prima del controllo da parte della Redazione.