giovedì 7 gennaio 2010

Introduzione allo spirito della liturgia, di mons. Guido Marini


Maranatha pubblica il testo integrale, nella lingua originale (inglese) e in traduzione italiana, della relazione che mons. Guido Marini, cerimoniere del Papa, ha tenuto nel convegno per sacerdoti di lingua inglese in corso a Roma in questi giorni. Invitiamo caldamente ad andare a leggere l'integralità del lungo intervento; qui, per farvene comprendere l'importanza, riportiamo alcuni stralci:



[..]

Ho pronunciato la parola “continuità”. E’ una parola cara all’attuale Pontefice, che ne ha fatto autorevolmente il criterio per l’unica interpretazione corretta della vita della Chiesa e, in specie, dei documenti conciliari, come anche dei propositi di riforma ad ogni livello in essi contenuti. E come potrebbe essere diversamente? Si può forse immaginare una Chiesa di prima e una Chiesa di poi, quasi che si sia prodotta una cesura nella storia del corpo ecclesiale? O si può forse affermare che la Sposa di Cristo sia entrata, in passato, in un tempo storico nel quale lo Spirito non l’abbia assistita, così che questo tempo debba essere quasi dimenticato e cancellato?

Eppure, a volte, alcuni danno l’impressione di aderire a quella che è giusto definire una vera e propria ideologia, ovvero un’idea preconcetta applicata alla storia della Chiesa e che nulla ha a che fare con la fede autentica.

Frutto di quella fuorviante ideologia è, ad esempio, la ricorrente distinzione tra Chiesa pre conciliare e Chiesa post conciliare. Può anche essere legittimo un tale linguaggio, ma a condizione che non si intendano in questo modo due Chiese: una – quella pre conciliare – che non avrebbe più nulla da dire o da dare perché irrimediabilmente superata; e l’altra – quella post conciliare – che sarebbe una realtà nuova scaturita dal Concilio e da un suo presunto spirito, in rottura con il suo passato. Questo modo di parlare e ancor più di “sentire” non deve essere il nostro. Oltre a essere erroneo, è superato e datato, forse storicamente comprensibile, ma legato a una stagione ecclesiale ormai conclusa.

[..]

Ponendosi in questa prospettiva, non è difficile rendersi conto di quanto alcuni modi di fare siano distanti dall’autentico spirito della liturgia. A volte, in effetti, con il pretesto di una male intesa creatività si è arrivati e si arriva a stravolgere in vario modo la liturgia della Chiesa. In nome del principio di adattamento alle situazioni locali e ai bisogni della comunità ci si appropria del diritto di togliere, aggiungere e modificare il rito liturgico all’insegna della soggettività e dell’emotività. E in questo noi sacerdoti abbiamo una grande responsabilità.

Ecco, in proposito, quanto affermava il Card. Ratzinger già nel 2001: “C’è bisogno come minimo di una nuova consapevolezza liturgica che sottragga spazio alla tendenza a operare sulla liturgia come se fosse oggetto della nostra abilità manipolatoria. Siamo giunti al punto che dei gruppi liturgici imbastiscono da se stessi la liturgia domenicale. Il risultato è certamente il frutto dell’inventiva di un pugno di persone abili e capaci. Ma in questo modo viene meno il luogo in cui mi si fa incontro il totalmente Altro, in cui il sacro ci offre se stesso in dono; ciò in cui mi imbatto è solo l’abilità di un pugno di persone. E allora ci si accorge che non è quello che si sta cercando. E’ troppo poco e insieme qualcosa di diverso. La cosa più importante oggi è riacquistare il rispetto della liturgia e la consapevolezza della sua non manipolabilità. Reimparare a riconoscerla nel suo essere una creatura vivente che cresce e che ci è stata donata, per il cui tramite noi prendiamo parte alla liturgia celeste. Rinunciare a cercare in essa la propria autorealizzazione per vedervi invece un dono. Questa, credo è la prima cosa: sconfiggere la tentazione di un fare dispotico, che concepisce la liturgia come oggetto di proprietà dell’uomo, e risvegliare il senso interiore del sacro” (da “Dio e il mondo”, Edizioni San Paolo, Cinisello Balsamo 2001).

Affermare, dunque, che la liturgia è sacra significa sottolineare il fatto che essa non vive delle invenzioni sporadiche e delle “trovate” sempre nuove di qualche singolo o di qualche gruppo. Essa non è un circolo chiuso in cui noi decidiamo di incontrarci, magari per farci coraggio a vicenda e sentirci protagonisti di una festa. La liturgia è convocazione da parte di Dio per stare alla sua presenza; è il venire di Dio a noi, il farsi trovare di Dio nel nostro mondo.

[..]

Che cosa si intende con “preghiera rivolta a oriente”? Si intende l’orientamento del cuore orante a Cristo, Colui dal quale proviene la salvezza e al quale si tende come al Principio e al Fine della storia. A est sorge il sole e il sole è simbolo di Cristo, la Luce che sorge dall’oriente. Si ricordi, in proposito, il passo del cantico messianico del “Benedictus”: “…per cui verrà a visitarci dall’alto come sole che sorge”.

Studi molto seri e anche recentissimi hanno ormai dimostrato che, in ogni tempo della sua storia, la comunità cristiana ha trovato il modo di esprimere anche nel segno liturgico, esterno e visibile, questo orientamento fondamentale per la vita della fede. Così troviamo le chiese costruite in modo tale che l’abside fosse rivolta verso oriente. Quando non fu più possibile un tale orientamento nella edificazione del luogo sacro, si fece ricorso al grande crocifisso posto sopra l’altare e a cui tutti potessero rivolgere lo sguardo. Si pensi, ancora, alle absidi decorate con splendide raffigurazioni del Signore, verso le quali tutti erano invitati ad alzare gli occhi al momento della Liturgia Eucaristica.

Senza entrare nel dettaglio di un percorso storico che ci porrebbe all’interno di una riflessione riguardante lo sviluppo dell’arte cristiana, in questo contesto ci interessa affermare che la preghiera orientata, ovvero rivolta al Signore, è espressione tipica dell’autentico spirito liturgico. In questo senso, come ben ci ricorda il dialogo introduttivo del Prefazio, al momento della Liturgia Eucaristica siamo invitati a rivolgere il cuore al Signore: “In alto i nostri cuori”, esorta il sacerdote, e tutti rispondono: “Sono rivolti al Signore”. Ora, se tale orientamento deve essere sempre interiormente adottato dall’intera comunità cristiana raccolta in preghiera, esso deve poter trovare espressione anche nel segno esteriore. Il segno esteriore, infatti, non può che essere vero, così che in esso si renda manifesto il corretto atteggiamento spirituale.

Ecco, allora, il motivo della proposta fatta a suo tempo dal card. Ratzinger e ora riaffermata nel corso del suo pontificato, di collocare il crocifisso al centro dell’altare, in modo tale che tutti, al momento della Liturgia Eucaristica, possano effettivamente guardare al Signore, orientando così la loro preghiera e il loro cuore. Ascoltiamo direttamente Benedetto XVI, che così scrive nella prefazione al I volume della Sua Opera Omnia, dedicato alla liturgia: “L’idea che sacerdote e popolo nella preghiera dovrebbero guardarsi reciprocamente è nata solo nella cristianità moderna ed è completamente estranea in quella antica. Sacerdote e popolo certamente non pregano l’uno verso l’altro, ma verso l’unico Signore. Quindi guardano nella preghiera nella stessa direzione: o verso Oriente come simbolo cosmico per il Signore che viene, o, dove questo non è possibile, verso un’immagine di Cristo nell’abside, verso una croce, o semplicemente verso il cielo, come il Signore ha fatto nella preghiera sacerdotale la sera prima della Passione (Gv 17, 1). Intanto si sta facendo strada sempre di più, fortunatamente, la proposta da me fatta alla fine del capitolo in questione della mia opera [Introduzione allo spirito della liturgia, pp.70-80]: non procedere a nuove trasformazioni, ma porre semplicemente la croce al centro dell’altare, verso la quale possano guardare insieme sacerdote e fedeli, per lasciarsi guidare in tal modo verso il Signore, che tutti insieme preghiamo”.

E non si dica che l’immagine del crocifisso viene a oscurare la vista dei fedeli in rapporto al celebrante. I fedeli non devono guardare al celebrante, in quel momento liturgico! Devono guardare al Signore! Come al Signore deve poter guardare anche colui che presiede la celebrazione. La croce non impedisce la vista; anzi, le apre l’orizzonte sul mondo di Dio, la porta a contemplare il mistero, la introduce in quel Cielo da cui proviene l’unica luce capace di dare senso alla vita di questa terra. La vista, in verità, rimarrebbe oscurata, impedita se gli occhi rimanessero fissi su ciò che è solo presenza dell’uomo e opera sua.

Così si comprende perché è ancora oggi possibile celebrare la Messa agli altari antichi, quando le particolari caratteristiche architettoniche e artistiche delle nostre chiese lo dovessero consigliare. Il Santo Padre ci dona anche in questo l’esempio quando celebra l’Eucaristia all’altare antico nella Cappella Sistina, per la festa del Battesimo del Signore.

Nel nostro tempo è entrata nel linguaggio abituale l’espressione “celebrazione verso il popolo”. Se con tale espressione si intende descrivere l’aspetto topografico, dovuto al fatto che oggi, il sacerdote, a motivo della collocazione dell’altare, si trova spesso in posizione frontale rispetto all’assemblea, la si può accettare. Ma non la si potrebbe assolutamente accettare nel momento in cui venisse ad avere un contenuto teologico. Infatti, la Messa, teologicamente parlando, è sempre rivolta a Dio attraverso Cristo Signore e sarebbe un grave errore immaginare che l’orientamento principale dell’azione sacrificale fosse la comunità. Tale orientamento, dunque - quello al Signore –, deve animare l’interiore partecipazione liturgica di ciascuno. Ed è altrettanto importante che possa essere ben visibile anche nel segno liturgico.

[..]


Ecco perché tutto, nell’azione liturgica, nel segno della nobiltà, della bellezza, dell’armonia deve condurre all’adorazione, all’unione con Dio: la musica, il canto, il silenzio, il modo di proclamare la Parola del Signore e il modo di pregare, la gestualità, le vesti liturgiche e le suppellettili sacre, così come anche l’edificio sacro nel suo complesso. Proprio in questa prospettiva è da considerare la decisione di Benedetto XVI che, a partire dal “Corpus Domini” del 2008, ha iniziato a distribuire la Santa Comunione ai fedeli, direttamente sulla lingua e in ginocchio. Con l’esempio di questo gesto, il Papa ci invita a rendere manifesto l’atteggiamento dell’adorazione davanti alla grandezza del mistero della presenza eucaristica del Signore. Atteggiamento di adorazione che dovrà ancor più essere custodito accostandosi alla SS. Eucaristia nelle altre forme oggi concesse.

Mi piace al riguardo citare ancora un brano dell’Esortazione Apostolica Postsinodale “Sacramentum caritatis”: “Mentre la riforma muoveva i primi passi, a volte l’intrinseco rapporto tra Santa Messa e l’adorazione del SS.mo Sacramento non fu abbastanza chiaramente percepito. Un’obiezione allora diffusa prendeva spunto, ad esempio, dal rilievo secondo cui il Pane eucaristico non ci sarebbe dato per essere contemplato, ma per essere mangiato. In realtà, alla luce dell’esperienza di preghiera della Chiesa, tale contrapposizione si rivelava priva di ogni fondamento. Già Agostino aveva detto: «Nessuno mangia questa carne senza prima adorarla; peccheremmo se non la adorassimo». Nell’Eucaristia, infatti, il Figlio di Dio ci viene incontro e desidera unirsi a noi; l’adorazione eucaristica non è che l’ovvio sviluppo della celebrazione eucaristica, la quale è in se stessa il più grande atto d’adorazione della Chiesa. Ricevere l’Eucaristia significa porsi in atteggiamento di adorazione verso Colui che riceviamo. Proprio così e soltanto così diventiamo una cosa sola con Lui e pregustiamo in anticipo, in qualche modo, la bellezza della liturgia celeste” (n.66).

Penso che, tra gli altri, non sia passato inosservato il seguente passaggio del testo appena letto: “(La Celebrazione eucaristica) è in se stessa il più grande atto di adorazione della Chiesa”. Grazie all’Eucaristia, afferma ancora Benedetto XVI, “ciò che era lo stare di fronte a Dio diventa ora, attraverso la partecipazione alla donazione di Gesù, partecipazione al suo corpo e al suo sangue, diventa unione” (Deus caritas est, n. 13). Per questo motivo tutto, nella liturgia, e in specie nella Liturgia Eucaristica, deve tendere all’adorazione, tutto nello svolgimento del rito deve aiutare a entrare dentro l’adorazione che la Chiesa fa del Suo Signore.

[..]


non sempre vi è stata una comprensione corretta della “partecipazione attiva”, così come la Chiesa insegna ed esorta a viverla. Certo, si partecipa attivamente anche quando si compie, all’interno della celebrazione liturgica, il servizio che è proprio a ciascuno; si partecipa attivamente anche quando si ha una migliore comprensione della Parola di Dio ascoltata e della preghiera recitata; si partecipa attivamente anche quando si unisce la propria voce a quella degli altri nel canto corale… Tutto questo, però, non significherebbe partecipazione veramente attiva se non conducesse all’adorazione del mistero della salvezza in Cristo Gesù morto e risorto per noi: perché solo chi adora il mistero, accogliendolo nella propria vita, dimostra di aver compreso ciò che si sta celebrando e, dunque, di essere veramente partecipe della grazia dell’atto liturgico.

A riprova e sostegno di quanto si va affermando, ascoltiamo ancora il Card. Ratzinger in un brano del suo fondamentale volume “Introduzione allo spirito della liturgia”: “In che cosa consiste… questa partecipazione attiva? Che cosa bisogna fare? Purtroppo questa espressione è stata molto presto fraintesa e ridotta al suo significato esteriore, quello della necessità di un agire comune, quasi si trattasse di far entrare concretamente in azione il numero maggiore di persone possibile il più presto possibile. La parola partecipazione rinvia, però, a un’azione principale, a cui tutti devono avere parte. Se, dunque, si vuole scoprire di quale agire si tratta, si deve prima di tutto accertare quale sia questa ‘actio’ centrale, a cui devono avere parte tutti i membri della comunità. Con il termine actio riferito alla liturgia, si intende il canone eucaristico. La vera azione liturgica, il vero atto liturgico, è l’oratio. Questa oratio - la solenne preghiera eucaristica, il canone- è più che un discorso, è actio nel senso più alto del termine. In essa si fa presente Cristo stesso e tutta la sua opera di salvezza e per questo motivo, l’actio umana passa in secondo piano e lascia spazio all’actio divina, all’agire di Dio”.

Così, la vera azione che si realizza nella liturgia è l’azione di Dio stesso, la sua opera salvifica in Cristo a noi partecipata. Questa è, tra l’altro, la vera novità della liturgia cristiana rispetto a ogni altra azione cultuale: Dio stesso agisce e compie ciò che è essenziale, mentre l’uomo è chiamato ad aprirsi all’azione di Dio, al fine di rimanerne trasformato. Il punto essenziale della partecipazione attiva, di conseguenza, è che venga superata la differenza tra l’agire di Dio e il nostro agire, che possiamo diventare una cosa sola con Cristo. Ecco perché, per riaffermare quanto detto in precedenza, non è possibile partecipare senza adorare. Ascoltiamo ancora un brano della Sacrosanctum concilium: “Perciò la Chiesa si preoccupa vivamente che i fedeli non assistano come estranei o muti spettatori a questo mistero di fede, ma che, comprendendolo bene nei suoi riti e nelle sue preghiere, partecipino all’azione sacra consapevolmente, piamente e attivamente; siano formati dalla parola di Dio; si nutrano alla mensa del corpo del Signore; rendano grazie a Dio; offrendo la vittima senza macchia, non soltanto per le mani del sacerdote, ma insieme con lui, imparino ad offrire se stessi, e di giorno in giorno, per la mediazione di Cristo, siano perfezionati nell’unità con Dio e tra di loro, di modo che Dio sia finalmente tutto in tutti” (n. 48).

Rispetto a questo tutto il resto è secondario. E mi riferisco, in particolare, alle azioni esteriori, pur importanti e necessarie, previste soprattutto durante la Liturgia della Parola. Mi riferisco ad esse, perché se diventano l’essenziale della liturgia e questa viene ridotta a un generico agire, allora si è frainteso l’autentico spirito della liturgia. Di conseguenza, la vera educazione liturgica non può consistere semplicemente nell’apprendimento e nell’esercizio di attività esteriori, ma nell’introduzione all’azione essenziale, all’opera di Dio, al mistero pasquale di Cristo dal quale lasciarsi raggiungere, coinvolgere e trasformare. E non si confonda il compimento di gesti esterni con il giusto coinvolgimento della corporeità nell’atto liturgico. Senza nulla togliere al significato e all’importanza del gesto esterno che accompagna l’atto interiore, la Liturgia chiede molto di più al corpo umano. Chiede, infatti, il suo totale e rinnovato impegno nella quotidianità della vita. Ciò che il Santo Padre Benedetto XVI chiama “coerenza eucaristica”. E’ proprio l’esercizio puntuale e fedele di tale coerenza l’espressione più autentica della partecipazione anche corporea all’atto liturgico, all’azione salvifica di Cristo.

Aggiungo ancora. Siamo proprio sicuri che la promozione della partecipazione attiva consista nel rendere tutto il più possibile e subito comprensibile? Non sarà che l’ingresso nel mistero di Dio possa essere anche e, a volte, meglio accompagnato da ciò che tocca le ragioni del cuore? Non succede, in taluni casi, di dare uno spazio sproporzionato alla parola, piatta e banalizzata, dimenticando che alla liturgia appartengono parola e silenzio, canto e musica, immagini, simboli e gesti? E non appartengono, forse, a questo molteplice linguaggio che introduce al centro del mistero e, dunque alla vera partecipazione, anche la lingua latina, il canto gregoriano, la polifonia sacra?

[..]


Concludo. E’ ormai da alcuni anni che nella Chiesa, a più voci, si parla della necessità di un nuovo rinnovamento liturgico. Di un movimento, in qualche modo analogo a quello che pose le basi per la riforma promossa dal Concilio Vaticano II, che sia capace di operare una riforma della riforma, ovvero ancora un passo avanti nella comprensione dell’autentico spirito liturgico e della sua celebrazione: portando così a compimento quella riforma provvidenziale della liturgia che i Padri conciliari avevano avviato, ma che non sempre, nell’attuazione pratica, ha trovato puntuale e felice realizzazione.

Non c’è dubbio che in questo nuovo rinnovamento liturgico siamo proprio noi sacerdoti a ricoprire un ruolo determinante. Possa, con l’aiuto del Signore e di Maria Madre dei sacerdoti, l’ulteriore sviluppo della riforma essere anche il frutto del nostro amore sincero per la liturgia, nella fedeltà alla Chiesa e al Papa.



Mons. Guido Marini
Maestro delle Celebrazioni Liturgiche Pontificie

14 commenti:

  1. Che Dio ci conservi ancora a lungo questo Papa...

    RispondiElimina
  2. Il problema è sempre lo stesso e rimane al momento senza soluzione: sono sacrosante e condivisibili in tutto e per tutto le parole di Mons. Guido Marini e gli auspici del Santo Padre, tuttavia non è auspicando, sperando o incoraggiando che si risolvono i problemi, bensì imponendo! Il Papa dovrebbe finalmente mettere in pratica e imporre a tutta la Chiesa, una volta per tutte, questa Benedetta riforma della riforma che egli va predicando da almeno dieci anni e che noi attendiamo ardentemente! Con gli incoraggiamenti e i buoni esempi non si va da nessuna parte e intanto gli anni passano e il Pontefice invecchia... Abbiamo visto quanto poco seguito hanno nel clero cattolico i suoi buoni esempi! Quanti vescovi e sacerdoti hanno cominciato a porre il crocefisso sull'altare durante le celebrazioni? Quanti hanno cambiato modalità di distribuire la particola? Quanti hanno iniziato a celebrare "ad orientem"? Quanti hanno provveduto ad adottare paramenti liturgici decorosi e dignitosi? Nessuno, o quasi, neppure tra i cardinali residenziali (cioè non di Curia)! E allora, a cosa servono i buoni esempi del Papa? A nulla! Il nostro amato Benedetto XVI è troppo ottimista, troppo fiducioso, troppo ingenuo, se spera che il clero raccoglierà spontaneamente il suo buon esempio, aspetta e spera...! Quando, purtroppo, egli verrà a mancare, chi raccoglierà la sua eredità se prima non avrà provveduto ad imporla per decreto? A mio avviso dovrebbe stabilire in forma obbligatoria per tutti i sacerdoti del mondo, fin d'ora, la tanto auspicata riforma della riforma. Essa dovrebbe necessariamente prevedere, secondo il mio modesto parere, almeno tre cose: anzitutto l'adozione, da parte del celebrante, di paramenti sacri più in linea con la tradizione, in luogo delle attuali casule "arcobaleno" e tuniche bianche "tuttofare" usate in qualsiasi situazione. In secondo luogo dovrebbe ripristinare la celebrazione "ad Deum" (almeno per la cosiddetta "liturgia eucaristica"). Da ultimo, risulta indispensabile ripristinare l'uso del latino almeno per la recita del Canone, oltre che abolire tutte le possibilità di "chiaccherata" libera che il messale di Paolo VI attualmente consente al celebrante durante la Santa Messa. Un novus ordo celebrato con questi accorgimenti dovrebbe essere sufficiente a restituire dignità, decoro e sacralità alla liturgia cattolica. Ma il Papa deve assolutamente sbrigarsi a rendere obbligatorio tutto questo, prima che il tempo compia la sua opera distruttiva: si ricordi che ad aprile compirà 83 anni!
     Detto questo, lunga vita a Papa Benedetto! Evviva la Chiesa di sempre! Evviva la Santa Messa di sempre!

    RispondiElimina
  3. aderisco a quanto detto dal commentatore che mi precede: tutto condivisibile quanto auspicato dal Monsignore, tuttavia non è più tempo di indugizre ed auspicare, è il tempo di agire. Quindi il Papa faccia il Papa, la Verità è dalla sua parte, la provvidenza lo aiuterà perchè egli è nel giusto

    RispondiElimina
  4. Aderisco a quanto detto dai due commentatori che mi precedono Eraclio e Francesco. E' ora che il Papa prenda la penna in mano e ordini nero su bianco a tanti Vescovi e confratelli riottosi....
    don Bernardo

    RispondiElimina
  5. A me sembra che il Papa stia dimostrando di saper far bene il suo "mestiere". A chi gli rimprovera ingenuità e polso molle credo che i fatti di questo pontefice parlino molto più di mille esortazioni.
    A che serve imporre una riforma se le menti non l'accolgono? Vogliamo cedere alle stesse tentazioni moderniste-montiniane? Ci ritroveremo tra ulteriori quarant'anni a discutere della riforma della nuova riforma!
    La nuova riforma è cominciata col Summorum Pontificum. Grazie a questo documento molti, come me, si sono avvicinati ad un rito che non avrebbero potuto conoscere non foss'altro per ragioni anagrafiche.
    Credo che il S.P. sia stato il primo passo per aumentare la "base" di coloro che ammirano una liturgia più sacra.
    Se non sbaglio, quest'anno sarà l'anno dei bilanci del S.P., e a me pare che questi tre anni siano stati piuttosto positivi. E questo blog ne è dimostrazione.
    Sono convinto che Benedetto sa quel che fa e finchè il Signore vorrà mantenercelo farà tutti i passi che ritiene indispensabili a che il gregge ami sempre più la liturgia.
    Poi, può anche darsi che sia un suo successore a sigillare con un "decreto" il lavoro di questo grande Papa, ma questo solo la Provvidenza può saperlo se e quando accadrà.

    RispondiElimina
  6. caro Laico, il tuo discorso in astratto è condivisibile, ma la tua diocesi non è il mondo intero! nella mia diocesi è vietato celebrare nel rito di san Pio V, questa è la realtà del 99% delle diocesi di tutto il mondo! quindi il Papa che sa di queste insubordinazioni da parte dei vari vescovi, deve inizare a prendere dei provvedimenti. Se un lavoratore dipendente si macchia di insubordinazione, il datore ha il diritto di licenziarlo (anche in Italia nonostante la legge sovietica di Gino Giugni :) ) la stessa cosa è ora che la si inizi a fare con i vescovi riottosi e boriosi come quello del post di ieri

    RispondiElimina
  7. Sarebbe certo ora di var valere l'Autorità con provvedimenti decisivi, e che siano attuati DI FATTO.
    Ma... come già si è rilevato da parte di tanti commentatori realisti, si tratta di vedere le forze in gioco nella questione, e.... quei giochi politici, che alla fine danno ragione alla forza!
    Non è che vogloio giocare con le parole, ma nel vivo della mia realtà ho dovuto vedere che
    CONTRO LA FORZA LA RAGION NON VALE.

    RispondiElimina
  8. e se la crisi d'autorità è un fatto oggettivo, a quanto pare non reversibile nell'immediato, vedremo che questi vescovi riottosi, che sono la maggioranza, l'avranno vinta ancora per decenni soggiogando tutti, finchè non passerà definitivamente la loro generazione...o no?

    RispondiElimina
  9. Appare oramai più che evidente lo "scisma silenzioso" dolorosamente in atto nella nostra povera Chiesa. Ciò posto, che si chiede al Papa? Forse di rendere palese questo scisma (con tutto quello che ne seguirebbe, soprattutto in ordine al presumibile incremento della perdizione di moltissime anime)? Non è forse più consona ad uno spirito improntato alla fiducia nella Divina Provvidenza una chiara indicazione della Verità, affidando, poi, all'immancabile successiva manifestazione dei lumi dello Spirito Santo il futuro svolgimento delle vicende della sola Chiesa di Cristo? Non dimentichiamo troppo spesso, tutti noi, come i "tempi della Chiesa" eccedano di gran lunga quelli uomani?
    Sia ben chiaro: la mia intende semplicemente costituire una riflessione e non vuole certo risolversi nell'auspicio di un'attitudine, psicologica e pratica, di carattere meramente attendistico, anzi! Se molte delle indicazioni di Benedetto XVI (che Iddio ce lo conservi ancora per lunghissimo tempo!) ci forniscono finalmente un'ufficiale legittimazione alla pubblica proclamazione delle Verità di sempre, d'altro canto, un comportamento ignavo, pur nelle materiali angustie e nelle difficoltà che connotano l'ora presente, costituirebbe certamente un gravissimo peccato d'omissione.

    RispondiElimina
  10. Con la riforma della riforma si avrà una nuova messa aggiunta od un ibrido indigedto fra il NO ed il VO? Sarà comunque nuovo motivo per ulteriori polemiche. Con la vecchia messa il mondo è diventato cristiano, anzi cattolico, con la messa di Paolo VI i seminari, i conventi, le chiese si sono svuotae e dilaga l'idifferentismoconseguente al volemose bene tanto in voga. Ritorniamo al vecchio modo di pregare, sicuro passaporto per ben credere. Dico di più rimettiamo in auge la vecchia messa anche in lingua volgare e così non ci sarà più motivo di contendere, ma togliamo di mezzo l'obbrobrio del NO.

    RispondiElimina
  11. @Eraclio73: anche la mia diocesi fa parte del 99% in cui non si celebra (più) il VO grazie ad un monsignore degno di licenziamento!
    Credo che il disegno del Papa sia l'applicazione VERA della Sacrosantum Concilium, quindi un "ammodernamento" del VO senza le storpiature del NO montiniano.

    RispondiElimina
  12. Redazione di Messainlatino.it7 gennaio 2010 20:50

    Concordiamo che l'ora dei buoni esempi è finita. O c'è qualche, pur limitato, intervento cogente, o non serve a niente. Guardate a Thiberville, cosa succede a quelli che provano a seguire l'esempio del Papa...

    E per provvedimenti cogenti, non si intende qualche documento curiale che pur dica di imporre. No, si intende qualche destituzione selettiva di vescovi recalcitranti, qualche trasferimento in partibus. E ne basterebbero poche, davvero: gli altri si adeguerebbero in fretta.

    RispondiElimina
  13. Bentrovati a tutti e Buon Anno, con un saluto particolare alla Redazione affinchè questo impegno proceda anche in quest'anno in grazia di Dio  :)
    Specifica mons. Guido Marini:
     ascoltiamo ancora il Card. Ratzinger in un brano del suo fondamentale volume “Introduzione allo spirito della liturgia”: “In che cosa consiste… questa partecipazione attiva? Che cosa bisogna fare? Purtroppo questa espressione è stata molto presto fraintesa e ridotta al suo significato esteriore

    Io credo che gran parte del nocciolo del problema stia in questa confusa applicazione della "partecipazione attiva" alla Messa con tutto ciò che ne consegue....per esempio, mons. N. Bux a Radio Maria (il 22 dicembre) ha sollevato un altro problema gravissimo, riporto il punto così come l'ho scritto quel martedì dalla diretta:
    LA MESSA NON E' LA COMMEMORAZIONE DELL'ULTIMA CENA, MA E' IL SACRIFICIO DEL CALVARIO, ecco come si spiega la nascita degli errori di oggi a quanti credono che la Messa sia QUELLA CENA...la Messa è IL MEMORIALE DELLA CROCE non dell'Ultima Cena, questa commemorazione dell'ultima cena invece si fa IL GIOVEDI' SANTO, ecco perchè bisogna far ritornare la croce sull'altare come sta facendo il Papa (spiega mons. Bux)....il diffondersi di queste errate definizioni, ha snaturalizzato la Messa con i tanti problemi che poi ne sono derivati
    Se da una parte sono contraria a parlare di "riforma della riforma" poichè questo potrebbe includere che ad ogni Pontefice che si succederà potrebbe accadere sempre "nuovi cambiamenti" ambiguamente espressi come "riforme" facendo confondere i fedeli già abbondantemente confusi da 40 anni...dall'altra parte è chiaro che la riforma voluta dal Concilio ha subito, suo malgrado, un itinerario per nulla ortodosso, anzi, oserei dire come si esprime il Papa nel MP "di creatività nei limiti del sopportabile", è dunque necessario che la riforma si riappropri della sana ortodossia e si diffonda al più presto...
    Concordo così con quanto dice la Redazione ed altri: di buoni esempi ne abbiamo tanti, occorre ora vedere L'AUTORITA' ESSERE AUTOREVOLE....non imporsi, ma osare con provvedimenti CORAGGIOSI che con carità ci si preoccupi della confusione in cui vivono migliaia di fedeli che NON sanno nulla e che leggendo un testo come questo di mons. Guido Marini, non sanno davvero di che cosa egli stia parlando....

    continua......

    RispondiElimina
  14. continua....

    In queste feste ho parlato con amici cattolici, praticanti, i quali mi hanno confessato tutta la loro confusione di fronte a quanto sta facendo Benedetto XVI: NON COMPRENDONO COSA STA AVVENENDO, mi hanno chiesto: "ma perchè questi cambiamenti? La Messa non è una festa? Non era una festa andare alle messe di Giovanni Paolo II? Noi siamo sempre stati sempre praticanti, abbiamo sbagliato, e in che cosa?"
    Domande legittime perchè conosco queste persone e sono davvero buoni cattolici, ma sappiamo che essere buoni NON basta, ciò che abbiamo perduto è la CATTOLICITA'....le argomentazioni da me portate sono state gradite e attentamente ascoltate, mi hanno promesso di approfondire, ma questo ci fa comprendere la gravità della situazione...

    Chiediamo ai Vescovi che autorizzano la Messa della domenica alla Rai di cominciare ad IMITARE IL PAPA, di far mettere durante la comunione l'inginocchiatoio, di riportare il Crocefisso sull'Altare, di evitare le chierichette almeno in queste funzioni pubbliche... di indossare gli abiti liturgici più decorosi, meno carnevaleschi... di rimettere il cingolo da tempo abbandonato...
    Se è vero che l'abito non fa il monaco è anche vero che l'occhio vuole la sua parte... ;)
    Se il sacerdote stesso consiglia come è giusto che sia che la moglie non si trascuri proprio per RISPETTO verso il marito, lo stesso faccia il Sacerdote nei confronti della sua Sposa, la Chiesa....perchè le crisi coniugali sono legate alle crisi vocazionali e viceversa: dalle Famiglie provengono i sacerdoti, ma dai sacerdoti si formano sante famiglie....e come lo svolgimento, il menage familiare è fondamentale per i coniugi, così è la Liturgia per il Sacerdote....

    Buon Anno, soprattutto ai Sacerdoti.......
    con fraternità CaterinaLD

    RispondiElimina

L'inserimento senza moderazione dei commenti è limitato ai soli post usciti nella medesima giornata di inserimento e nel giorno precedente. Per i post più vecchi, i commenti saranno sottoposti a moderazione.
Qualora fosse attiva la moderazione, possono passare anche alcuni giorni prima del controllo da parte della Redazione.