Post in evidenza

Clamoroso: il Pellegrinaggio a Chartres in diretta TV (olte che su YouTube) #NDC2024 #pentecoste2024 #pentecoste

SEGUI LA DIRETTA Qui sul canale YouTube di Notre Dame de Chretienté tutte le varie dirette.  - sabato 18 maggio a partire dalle ore 6:00 la...

sabato 28 febbraio 2009

Il Cardinale, Lord di Sua Maestà Britannica

L'ANSA annuncia:
LONDRA, 27 FEB - Il cardinale Murphy-O'Connor, capo della chiesa cattolica di Inghilterra e Galles, entrera' con ogni probabilita' nella camera dei Lord. Sara' il primo vescovo della chiesa di Roma ad assumere il titolo dall'epoca della Riforma protestante. Secondo il Times, al cardinale verra' offerto il posto da Pari appena lascera' la guida della chiesa cattolica oltremanica, tra qualche settimana. Gordon Brown ha detto che la possibilita' di un suo ingresso tra i Lord sara' oggetto di discussioni.

3 commenti:

  1. non ho capito se difenderà gli interessi cattolici o quelli protestanti.

    RispondiElimina
  2. Un solo appunto di carattere "costituzionale": posto il fatto che i cosiddetti "Lord Spirituali" siedono nella Camera dei Pari in diretta ed esclusiva dipendenza delle funzioni vescovili esercitate, a fronte del pericolo attuale (costituito da un soggetto che tanto male potrebbe arrecare alla Chiesa, se collocato in un così rilevante incarico civile), che cosa mai attende la Santa Sede a dimissionarlo un poco prima del tempo, onde scongiurarne la nomina?

    Certo, il presule in questione, leso nei suoi diritti canonici, non mancherebbe di interporre appello ai competenti organi vaticani contro tale atto di destituzione, ma, a quel punto, posto lo scarso interesse nutrito dallo Stato britannico ad invischiarsi in un gratuito contenzioso con la Santa Sede, certamente svanirebbero, come neve al sole, le concrete probabilità di quell'incresciosa nomina.

    Cordialmente.

    RispondiElimina

AVVISO AI LETTORI: Visto il continuo infiltrarsi di lettori "ostili" che si divertono solo a scrivere "insulti" e a fare polemiche inutili, AVVISIAMO CHE ORA NON SARANNO PIU' PUBBLICATI COMMENTI INFANTILI o PEDANTI. Continueremo certamente a pubblicare le critiche ma solo quelle serie, costruttive e rispettose.
La Redazione