Post in evidenza

Ora puoi... aiutare MiL

Se volete aiutare e sostenere MiL, potete fare una donazione anche piccola.   Ricordiamo ai nostri lettori infatti che MiL si sostiene solo ...

domenica 15 gennaio 2023

Domenica 15 gennaio la 100ª Messa a Saint-Germain-Hors-les-Murs

Vi proponiamo – in nostra traduzione – la lettera numero 913 pubblicata da Paix Liturgique il 12 gennaio 2023, in cui si ripercorre la storia del coetus fidelium di Saint-Germain-en-Laye (Comune francese situato nel dipartimento delle Yvelines, nella regione dell’Île-de-France), ribattezzato ironicamente «Saint-Germain-Hors-les-Murs», ovvero «fuori-le-mura», che oggi celebrerà la sua 100ª Santa Messa tradizionale… «fuori-le-mura», appunto.
Qual è l’importanza di tale anniversario? Ricordiamo (ne abbiamo scritto molte volte, da ultimo QUI, QUI, QUI, QUI, QUI, QUI e QUI) che questi eroici fedeli (mediamente un centinaio ad ogni celebrazione) dal 21 giugno 2020 stanno partecipando alla Santa Messa tradizionale celebrata all’aperto davanti ad una chiesa (per loro) tenuta chiusa (per volontà del Vescovo e del Parroco), sotto il sole e sotto l’acqua, con il caldo torrido e con il gelo, con l’eccezione della Santa Messa di Natale 2022, in occasione della quale la Diocesi concesse l’uso della Cappella dei Francescani: «una sorta di trovata pubblicitaria per la diocesi e la parrocchia, o meglio di una misura prudenziale per evitare che circolassero immagini e video che ci mostravano fuori e al freddo per Natale “perché per noi non ci sarebbe stato posto all’ostello”».
Ma questi fedeli non demordono, perché «come tutti i fedeli cattolici, siamo pieni di Fede e di Speranza. Quindi, ovviamente, pensiamo che un giorno il buon senso e la carità prevarranno. Ma per il momento tutto questo rimane piuttosto opaco».
Invitiamo tutti i nostri lettori a ricordare e sostenere con la preghiera questi nostri fratelli nella fede, in particolare unendosi nella preghiera per la «centesima Messa domenica 15 gennaio alle ore 11:00 davanti alla cappella dell’ospedale, al 15 di rue Armagis a Saint-Germain-en-Laye».

L.V.


Paix Liturgique: Caro Germain, è davvero la centesima messa della vostra comunità quella che sarà celebrata domenica prossima, 15 gennaio?

Germain de Paris: Assolutamente sì, la prima è stata celebrata domenica 21 giugno 2020.

Paix Liturgique: Perché questo ritardo?

Germain de Paris: Perché inizialmente era previsto per domenica 16 marzo 2020… ma il blackout causato da Covid lo ha impedito ed è stato solo dopo questo periodo di confinamento che abbiamo allestito la nostra celebrazione a Saint-Germain-en-Laye.

Paix Liturgique: Sono passati più di due anni…

Germain de Paris: Certo, ma lei sa che la storia della nostra richiesta di celebrare una Messa tradizionale a Saint-Germain risale a quasi trent’anni fa!

Paix Liturgique: Quanto tempo?

Germain de Paris: Tanto tempo, perché fu padre Philippe Potier, allora Vicario generale della Diocesi di Versailles, ad esprimere per primo la richiesta di celebrare una Messa tradizionale a Saint-Germain-en-Laye nel 1993. Da allora, le richieste si sono susseguite regolarmente e i risultati sono noti.

Paix Liturgique: Ce li può ricordare?

Germain de Paris: Si possono riassumere in due affermazioni che le autorità della Diocesi di Versailles ci hanno ripetuto per quasi tre decenni:
- il primo è che per i nostri pastori non c’era un gruppo stabile di candidati a Saint-Germain-en-Laye;
- la seconda è che in ogni caso a Saint-Germain non c’era una cappella disponibile per soddisfare questa richiesta.

Paix Liturgique: Ma era vero?

Germain de Paris: L’esistenza del gruppo stabile, negata per tanto tempo, è stata confermata a vista d’occhio dalla presenza media di un centinaio di fedeli a ogni celebrazione da più di due anni… e, se posso osare, dalle centinaia di fedeli che hanno partecipato alle Messe di Natale francescane solo pochi giorni fa.

Paix Liturgique: Ma una media di cento fedeli ad ogni celebrazione non è un po’ troppo?

Germain de Paris: Innanzitutto, penso che una comunità stabile di più di cento fedeli costituisca una comunità molto significativa. Ma non dimentichiamo che questi cento fedeli frequentano la Messa all’aperto, al freddo e sotto la pioggia… E, come hanno confermato le Messe di Natale, se le nostre celebrazioni si svolgessero all’interno di una chiesa saremmo naturalmente due o tre volte più numerosi di oggi.

Paix Liturgique: E che dire della mancanza di cappelle disponibili?

Germain de Paris: Provvidenzialmente, la cappella dell’ospedale, che era stata abbandonata da mons. Éric Marie Pierre Henri Aumonier, allora Vescovo di Versailles, semplicemente perché «c’erano troppi luoghi di culto a Saint Germain», è stata recuperata dalla parrocchia: Deo gratias!
E di fatto fu liberata anche la cappella francescana: Osanna!
Così questa impossibilità che ci è stata così spesso opposta è ora eliminata.

Paix Liturgique: Se torno alla sua centesima Messa, sono state celebrate tutte all’aperto, al freddo e sotto la pioggia?

Germain de Paris: Quasi tutte, ma dobbiamo ricordare che in passato – due anni fa – la cappella dell’ospedale era aperta tutti i giorni dalla mattina alla sera. Così le prime due Messe si sono tenute all’interno della cappella. Ma non appena le autorità se ne sono accorte, hanno deciso di chiudere la chiesa durante il periodo della nostra presunta celebrazione.

Paix Liturgique: Questo significa che la cappella è stata aperta dopo la vostra celebrazione all’esterno?

Germain de Paris: Esattamente. Il cappellano o un volontario della parrocchia arrivavano verso le ore 13:00, dopo la nostra celebrazione, per aprire la chiesa. Ecco perché, a parte un miracolo avvenuto la domenica di Pentecoste del 2021, quando abbiamo trovato la chiesa aperta, tutte le altre celebrazioni si sono svolte all’aperto, indipendentemente dalle condizioni meteorologiche.

Paix Liturgique: Ma ha qualche speranza che le venga proposta una soluzione?

Germain de Paris: Come tutti i fedeli cattolici, siamo pieni di Fede e di Speranza. Quindi, ovviamente, pensiamo che un giorno il buon senso e la carità prevarranno. Ma per il momento tutto questo rimane piuttosto opaco.

Paix Liturgique: Ma siete stati comunque accolti per le due celebrazioni natalizie…

Germain de Paris: Assolutamente sì… ma non dobbiamo farci ingannare del tutto: anche se ne abbiamo beneficiato, e di questo ringraziamo il nostro Vescovo, si è trattato di una sorta di trovata pubblicitaria per la diocesi e la parrocchia, o meglio di una misura prudenziale per evitare che circolassero immagini e video che ci mostravano fuori e al freddo per Natale «perché per noi non ci sarebbe stato posto all’ostello».

Paix Liturgique: Non sei un po’ cinico?

Germain de Paris: Temo di essere troppo vicino alla realtà… Perché se i nostri pastori fossero stati sinceri e buoni, una soluzione avrebbe dovuto essere proposta il giorno dopo le celebrazioni natalizie. Tuttavia, non è stato così e siamo tornati a un lungo e infruttuoso bla, bla, bla.

Paix Liturgique: Perché si sarebbe dovuta proporre una soluzione il giorno dopo Natale?

St. Germain de Paris: Per due buoni motivi:
- il primo è che la forte presenza di fedeli ha risolto una volta per tutte la negazione della nostra esistenza (ricordo che c’erano circa 240 fedeli alla Messa di mezzanotte!);
- La seconda è che i «timori» di protestantizzazione avanzati dal vescovo non reggono di fronte a ciò che è avvenuto il giorno di Natale. La partecipazione a queste due Messe ha dimostrato chiaramente che quando il nostro Vescovo ci concede una chiesa e un celebrante siamo molto contenti.
Così le riserve diventano ciò che probabilmente sono: bugie o tattiche dilatorie.

Paix Liturgique: Ma cosa volete?

Germain de Paris: Continuiamo a ripeterlo: una Messa ogni domenica e giorno festivo dell’anno in un orario familiare, cioè tra le ore 10:30 e le ore 11:00, celebrata da un sacerdote benevolo.

Paix Liturgique: Come possiamo aiutarvi?

Germain de Paris: Per esempio, venendo numerosi alla nostra centesima Messa domenica 15 gennaio alle ore 11:00 davanti alla cappella dell’ospedale, al 15 di rue Armagis a Saint-Germain-en-Laye; ma anche pregando affinché il cuore del nostro Vescovo si apra un po’ di più alla Pace e alla Carità.

5 commenti:

  1. Centesima vergognosa ribellione contro la gerarchia della chiesa da parte di gente che crede di essere migliore degli altri in virtù del rito che preferisce.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ridicolo.
      Il Vetus Ordo è riconosciuto dalla Chiesa come forma extraordinaria del rito romano. Le condizioni per far svolgere la Messa all'interno di quella chiesa ci sono tutte. Gli ostracismi sono iniziati nel 2020, ben prima del motu proprio Traditionis Custodes. Quindi la vergognosa ribellione è in primis del Vescovo di Versailles.

      Elimina
    2. No, fanno pena. Usano la Messa per creare divisioni e tensioni con la gerarchia legittima, oltre che, implicitamente, con tutti i fedeli che vivono serenamente la propria fede andando a Messa nella forma ordinaria.
      Il fatto che a queste kermesse siano presenti anche dei bambini rende ancora più disgustoso il tutto.
      La facciano finita.

      Elimina
    3. Ai vescovi si chiede e, in caso di risposta non conforme alle nostre richieste, si obbedisce comunque.
      Se non va bene l’autorità del vescovo, si può traslocare altrove: lefebvriani o sedevacantisti che siano.
      Invece i tradizionalisti vogliono essere dentro, ma col diritto di agire come credono in barba a tutto e tutti, prendendo solo quello che fa loro comodo.
      Mi sembra un modo di fare proprio non cristiano.

      Elimina
  2. Mi fai pena tu che ti permetti di giudicare la fede e la devozione di altri cristiani. È così che si crea divisione.

    RispondiElimina

AVVISO AI LETTORI: Visto il continuo infiltrarsi di lettori "ostili" che si divertono solo a scrivere "insulti" e a fare polemiche inutili, AVVISIAMO CHE ORA NON SARANNO PIU' PUBBLICATI COMMENTI INFANTILI o PEDANTI. Continueremo certamente a pubblicare le critiche ma solo quelle serie, costruttive e rispettose.
La Redazione