Post in evidenza

MiL ha bisogno di voi lettori: DONAZIONI

A sx (nella versione per pc) e su palmare (voce " Donazione ") troverete la possibiltà di donare. Vi speghiamo il perchè.  Potrete...

venerdì 11 novembre 2022

Francia: il rapporto della Commissione indipendente sugli abusi sessuali nella Chiesa (CIASE) e il non detto sull’omosessualità…

Si avvertono i lettori che l’articolo riporta descrizioni esplicite di rapporti violenti omoerotici.

Vi proponiamo – in nostra traduzione – la lettera numero 899 pubblicata da Paix Liturgique il 7 novembre 2022, in cui descrive labisso omoerotico in cui la Chiesa cattolica francese sta sprofondando.
Larticolo prende spunto dallallegato al rapporto finale della Commissione indipendente sugli abusi sessuali nella Chiesa (CIASE), nel quale sono contenute le testimonianze di stupri commessi da religiosi (uomini e donne) con tendenze omosessuali; testimonianze, fatti e soprattutto tendenze omosessuali che sono stati ignorati nelle raccomandazioni finali della Commissione.
Nel maggio 2022, un gruppo di laici pubblicò osservazioni critiche sulle conclusioni del rapporto, il quale non tiene conto delle tendenze omoerotiche degli abusatori, critiche anch’esse ignorate
E ancora, vengono riportate notizie pubblicate dalla stampa francese negli ultimi mesi riguardanti abusi omoerotici compiuti da ecclesiastici, «tuttavia, la Chiesa – e in particolare i vescovi riuniti all’Assemblea plenaria della Conferenza episcopale francese a Lourdes fino all’8 novembre – si rifiuta ancora di dare parole ai mali e di riflettere sulla prevalenza degli abusi commessi da omosessuali»
«C’è una buona ragione per questo. – conclude l’articolo – Le raccomandazioni della CIASE sono contrarie al rapporto – e ai vescovi viene chiesto di peccare contro la Verità, minando l’istituzione e affidandosi, per tutto, alle autorità civili che in tutti questi anni hanno ampiamente fallito nel punire i responsabili degli abusi – quando non sono stati ardentemente protetti, a causa della loro posizione, dei loro legami politici o occulti, o per altre ragioni. Negare, per ben tre volte, la propria ragion d’essere.
Ma con i piedi nel fango, i vescovi di Francia rimarranno pieni di zelo per cacciare questo cancro, questo male assoluto, che costituisce… la liturgia tradizionale».

L.V.


Le rivelazioni di Paix Liturgique sulla gestione del seminario eudista di Orléans – dove sono stati ordinati seminaristi omosessuali, in contraddizione con un’istruzione di Roma del 2005 che aveva suscitato l’ostilità dell’allora superiore, Pierre-Yves Pecqueux – o di Golias sui seminari di Avignone (prima di mons. Cattenoz) e di Tolosa, dove un insegnante, che poi divenne vescovo di Tulle, aveva una doppia vita che lo portava a frequentare i locali gay della Linguadoca – ricordano un abisso tra i documenti che hanno portato al rapporto della CIASE – testimonianze, audizioni di vittime – e le sue raccomandazioni che non dicono nulla al riguardo.

Insieme al rapporto finale, la CIASE ha pubblicato l’allegato AN32, un corpus di testimonianze anonime. Molti di essi descrivono, con dovizia di particolari, stupri commessi da persone con motivazioni omosessuali. Alcune delle 208 pagine sono le seguenti.

«Il padre mi ha trascinato verso la sua tenda, che ha chiuso, mi ha tenuto stretto a sé, puzzava di sigari freddi (fumava sigaretti), odiavo l’odore, ho cercato di allontanarmi ma lui mi ha stretto ancora di più e ha iniziato a baciarmi sulla bocca con la lingua, mi ha disgustato. Continuava ad accarezzarmi, ero completamente tetanizzata (…) Non ne sapevo nulla e quella sera mi insegnò parole e atti che non conoscevo sulla sessualità! Pompino, masturbazione, ecc. Tornai nella mia tenda per andare a letto pensando che forse era normale, era padre ***, aveva autorità, doveva essere rispettato, era un sacerdote» (pag. 26).

«Per il mio funerale non voglio andare in chiesa, troppi brutti ricordi di un prete sporco ***, mi ha violentato per tutta l’infanzia. (…) La mia vita è finita da un pezzo. Non cercate una mia foto, non ce l’ho, mi sono sempre nascosto, mi sento sporco […]. Sono le ore 6:30 del mattino di domenica 20 giugno 2004. Ho un appuntamento con la morte» (pag. 36, «parole testamentarie di un suicida»).

«Padre Z, invece, era molto più serio, cioè cercava i bambini più estetici, più belli (…) Diceva: “Sei molto brillante, sento che sei molto vicino a nostro Signore, come si chiama, dovrò vederti in particolare, pregheremo insieme”. Mi ha tirato… una volta, nella sua tana, e basta. E sono uscito con i pantaloni abbassati» (pag. 39).

«In collegio sognavo di scappare e di andare a ucciderlo. Ha smesso di toccarmi quando avevo tredici anni, probabilmente perché ero troppo grande per lui. Dall’età di sedici o diciassette anni, avevo pulsioni omicide nei miei sogni, al momento di andare a letto» (pag. 52).

«Quest’uomo era il pilastro della famiglia, il riferimento, la persona di fiducia a cui tutta la famiglia si rivolgeva per avere consigli […] Così ho fatto quello che mi ha chiesto di fare, quel gesto maledetto che ancora mi disgusta a quasi 44 anni. Ero in prima media, avevo 11 anni, il mio dodicesimo compleanno si avvicinava. È stata una settimana lunga, lunga. Durante il giorno tutto andava bene. La sera non era la stessa cosa (…) Lo vedevo felice, nella mia testa il bene e il male si mescolavano. Una parte di me urlava silenziosamente, chiedendogli di smettere, ma le parole non uscivano […] Ancora oggi non so se l’ho perdonato, so solo che non sono responsabile. L’adulto era lui. Non ho fatto nulla, doveva controllare i suoi impulsi» (pag. 104).

«Un giorno mi è tornata in mente un’immagine che all’inizio non capivo: ho visto un bambino nudo seduto sul bordo di un letto in una stanza poco illuminata con un muro. All’inizio non capivo cosa fosse. Mi sembrava molto strano, era sempre la stessa immagine molto specifica che continuava a tornarmi in mente in momenti diversi della giornata. Poi un giorno ho capito che quel bambino nudo ero io. Non so perché mi è venuto in mente, ma ero io seduta nuda su un letto in una stanza. Sapevo perché mi trovavo lì, avevo creato dei legami, mi resi subito conto che quell’uomo mi aveva aggredito. Ma ho dovuto aspettare un altro anno o due prima che diventasse più chiaro, e poi finalmente ci sono riuscita; è venuta fuori un’altra immagine in cui vedo questo Padre entrare nella stanza con la sua camicia nera, e il nero è lì» (pag. 140).

«Ho incontrato, nel mio lavoro di infermiera psichiatrica, un uomo che era stato violentato per dieci anni dal prete del suo villaggio. Ha cinquant’anni e tutto gli sta crollando addosso; si rende conto del danno e tenta regolarmente il suicidio» (pag. 142).

«Veniva a casa dei miei genitori a prendermi o a vedermi il giovedì, che all’epoca era la vacanza scolastica settimanale. Gli abusi sessuali avvenivano o in casa […] poiché i miei genitori erano commercianti e lavoravano al piano terra, nel negozio, e gli abusi avvenivano nella sala da pranzo al primo piano. La separazione tra me e il pedofilo da un lato e i miei genitori dall’altro era una scala. Ho trascorso il maggio del ’68 sulle ginocchia di quel prete» (pag. 161).

C’è anche una rara descrizione di uno stupro lesbico (pag. 74).
«Sono stata messa in un collegio per “ragazze di buona famiglia” e sono stata toccata dalla direttrice di divisione quando ero in quinta elementare, e posso descrivere quello che è successo come se fosse ieri. Questa suora stava venendo a prendere una studentessa nel bel mezzo della lezione per prepararsi alla messa settimanale. Avevo 11 anni e ne dimostravo 9. Mi portava nel suo ufficio, chiudeva la porta a chiave e tirava le tende, poi mi metteva sulle sue ginocchia per leggere la Lettera di San Paolo o di qualche altro santo, mentre con una mano mi stringeva al petto e con l’altra mi tirava su le mutandine […] La pedofilia femminile esiste e purtroppo i media non ne parlano mai».

Tuttavia, queste numerose testimonianze – supportate da statistiche che mostrano una prevalenza di ragazzi tra le vittime di abusi sessuali del clero – sono state ignorate dalle raccomandazioni della CIASE (pagine 387 e seguenti).

Quando fu pubblicato il rapporto della CIASE, La Vie stilò una tipologia di vittime: «Nel suo rapporto la commissione ha tracciato un “ritratto” di tutti questi uomini e donne. Il 30% delle vittime che hanno contattato la CIASE ha più di 70 anni e il 50% ha un’età compresa tra i 50 e i 69 anni, mentre il 17% ha un’età compresa tra i 30 e i 49 anni. L’87% degli incidenti segnalati alla CIASE riguarda minori, gli altri riguardano adulti vulnerabili e, in questo caso, per un terzo, religiosi o seminaristi. Quasi l’80% delle vittime è di sesso maschile: una caratteristica delle aggressioni sessuali ai danni di chierici».

Che, per definizione, sono anche uomini – anche se alcune testimonianze ricevute dalla CIASE parlano anche di abusi in congregazioni religiose femminili su collegi femminili – rimaniamo in una problematica di omosessualità – di lesbismo piuttosto, ancora più volutamente ignorata dell’omosessualità maschile.

La stessa CIASE ha menzionato nel suo rapporto (pag. 122) che la natura «per lo più omosessuale» degli stupri è un ostacolo alla denuncia delle vittime: «Inoltre, essere una vittima di sesso maschile implica, da un lato, il riconoscimento di un attacco alla propria virilità e, dall’altro, la denuncia di un atto che il più delle volte è omosessuale, mentre la società ha da tempo condannato questo orientamento sessuale. Ancora oggi è difficile far parlare le persone».

Da pagina 205 in poi, la CIASE traccia una tipologia di sacerdoti autori di abusi sessuali che la commissione ha potuto intervistare. A pagina 207, una precisazione cruciale: «poco più della metà dei sacerdoti intervistati si sono dichiarati omosessuali, alcuni dei quali hanno indicato di aver avuto rapporti con adulti della loro età, prima o dopo l’ordinazione». A pagina 210, un’ulteriore precisazione a fondo pagina: «in quasi la metà dei casi, gli abusatori sessuali di minori si sono dichiarati omosessuali (oltre l’80% di quelli che hanno abusato di vittime maschili)».

Il problema era noto da tempo – la CIASE parla del lavoro del canonico Boulard e del Priestly Relief alla fine degli anni ’50 e all’inizio degli anni ’60 a pagina 260. Conclusione: «Nel 1962, il rapporto del canonico Boulard aveva quindi indicato che la percentuale di abbandoni del sacerdozio legati a “colpe omosessuali o pedofile” si aggirava tra l’11 e il 12%».

Ma questo era prima del Concilio e della «liberazione sessuale» degli anni ’70, che ha portato a un crollo delle nozioni di ciò che era proibito… e a condanne giudiziarie, di chierici o della popolazione in generale, per abusi sessuali.

«La dott.ssa Agnès Gindt-Ducros, direttrice dell’Osservatorio nazionale per la protezione dell’infanzia, ascoltata dalla CIASE in sessione plenaria il 5 giugno 2020, ha inoltre ricordato che gli anni Settanta e Ottanta sono stati un periodo molto fluido in termini di sessualità, con l’emergere del diritto alla contraccezione, all’interruzione volontaria della gravidanza e al riconoscimento dell’omosessualità, un periodo in cui, sostenendo una forma di libertà sessuale, alcune persone hanno contribuito a “confondere” i confini tra ciò che è proibito e ciò che è permesso».

Ma nelle 45 raccomandazioni della CIASE questo aspetto importante della prevalenza dell’abuso omosessuale non viene affatto affrontato.

Nemmeno un richiamo all’importanza dell’istruzione romana del 2005 sull’importanza di non ammettere al sacerdozio seminaristi con tendenze omosessuali, presa dopo diversi scandali di abusi tra adulti nei seminari di vari Paesi europei.

Niente.

Lo storico Guillaume Cuchet, nell’ottobre 2021, ha osato sottolineare l’ovvio su La Croix.

«Il rapporto Sauvé ha mostrato chiaramente tre cose: la massività del fenomeno dell’abuso sessuale sui minori nella società, la sua prevalenza nella Chiesa e il fatto che, nella Chiesa, l’80% delle vittime sono ragazzi, spesso di età compresa tra i 10 e i 13 anni, mentre è vero il contrario nel resto della società (il 70% sono ragazze, tra i 15 e i 17 anni). Tuttavia, mentre i primi due fatti sono stati ampiamente commentati, il terzo è rimasto finora nell’ombra. Ciò che emerge dal rapporto, tuttavia, è la prevalenza nella Chiesa, tra gli abusatori, di una forma di omosessualità pedofila ed efebica, che un tempo veniva chiamata “pederastia”. Era già stato ben identificato negli anni ’50 e ’60 da psichiatri o specialisti del problema nella Chiesa. Il rapporto conferma il fenomeno, ma si ha l’impressione che esiti un po’ a pensarci.
Il problema è delicato perché richiama l’attenzione su altri due fatti imbarazzanti: la prevalenza del reclutamento di omosessuali nel clero, da un lato, e la sovrarappresentazione delle relazioni omosessuali tra gli abusi registrati, anche nella popolazione generale, dall’altro. Il rapporto non calcola quest’ultimo tasso, ma si può fare al suo posto: probabilmente è intorno al 30%. Possiamo notare la sproporzione rispetto alla probabile quota combinata di omosessualità e bisessualità nella società nel suo complesso».

Il silenzio è totale.

Nel maggio 2022 i laici hanno messo online una rilettura critica del rapporto della CIASE, con una quarta parte specificamente dedicata alla dimensione «sessuale» dell’abuso, che per gli autori è il vero carattere «sistemico» di questo abuso. Merita di essere citato ampiamente:

«Analizzando i dati del rapporto, troviamo un’anomalia molto curiosa che riguarda gli abusi commessi dai sacerdoti rispetto a quelli commessi dalla popolazione generale: mentre il 4,6% degli abusi è commesso dai sacerdoti, il 78,5% di essi è commesso contro i ragazzi e l’11,5% contro le ragazze, mentre il 95,4% degli abusi commessi dalla popolazione generale (esclusi i sacerdoti) è commesso al 25,8% contro i ragazzi e al 74,2% contro le ragazze (secondo il rapporto INSERM).
In altre parole, è il numero di ragazzi abusati all’interno della Chiesa la causa di tutti questi scandali e dibattiti, molto più del numero di ragazze (in termini statistici, perché ovviamente tutti gli abusi rimangono scandalosi). Lo stesso fenomeno è stato osservato all’interno della Chiesa in altri Paesi.
Per giustificare che questa differenza non è dovuta all’orientamento sessuale, il rapporto INSERM [che studia lo stupro nella popolazione generale] spiega che tra i bambini a contatto con i sacerdoti nelle parrocchie ci sono il 42,2% di ragazze e il 57,8% di ragazzi. Non vede che, fornendo queste cifre, sta al contrario dimostrando chiaramente l’alta percentuale di sacerdoti attratti dai ragazzi, dal momento che siamo ancora lontani dal rapporto 74,2% ragazze / 25,8% ragazzi di bambini abusati dalla popolazione generale, esclusi i sacerdoti. Un semplice calcolo della “regola del tre” mostra che la percentuale di abusatori nel clero attratti dai ragazzi dovrebbe essere del 43% per corrispondere a queste cifre, nell’ipotesi prudente che abusino solo di ragazzi.
La cosa peggiore è che questa dubbia interpretazione del rapporto INSERM è contraddetta dallo stesso rapporto Sauvé al paragrafo 546: “in quasi la metà dei casi, gli abusatori sessuali di minori si dichiarano omosessuali (più dell’80% di quelli che abusano di vittime maschili)”. Siamo quindi del tutto in linea con la valutazione del 43% fatta sopra.
In breve, il lavoro della CIASE stabilisce innegabilmente il legame tra l’orientamento sessuale, ma senza trarre alcuna conseguenza nelle 45 raccomandazioni.
È quindi accertata la volontà dei membri della CIASE (e più in particolare degli autori del rapporto INSERM) di negare qualsiasi legame tra l’orientamento sessuale dei sacerdoti e gli abusi, ma ciò non regge all’analisi dei fatti riportati dalla CIASE stesso.
Abbiamo qui evidenziato un importante tabù nel lavoro della CIASE.
[…] Quasi il 50% degli abusi su minori è commesso da sacerdoti con tendenze omosessuali e più dell’80% per gli abusi su ragazzi. Il dato dell’80% mostra chiaramente la sovrarappresentazione di sacerdoti con tendenze omosessuali negli abusi. […]
Nel § 547 “La sessualità degli abusatori di vittime minorenni di uno o di entrambi i sessi sembra essere più sviluppata con un maggiore senso di frustrazione rispetto agli abusatori di vittime di sesso femminile”.
Un altro dato, al § 546, mostra una percentuale molto minore di persone con tendenze omosessuali: “Tra gli aggressori di vittime adulte, il 20% si dichiara omosessuale e nessuno si dichiara bisessuale”.
Sempre nel § 546, “in un terzo dei casi, essi [gli aggressori di minori] si dichiarano bisessuali”. Tra gli abusatori di minori c’è quindi solo il 20% di persone con tendenza puramente eterosessuale.
E anche nel § 546 “Tra gli abusatori di vittime minorenni, tutti si dichiarano eterosessuali”. Si tratta di un’osservazione fondamentale che conferma che il carattere sistemico dell’abuso è legato alla tendenza omosessuale, data la percentuale molto bassa di vittime femminili nella Chiesa rispetto a quanto si osserva nella società nel suo complesso (cfr. § 1). Inoltre, questa osservazione mette fortemente in discussione l’argomentazione del “fenomeno dell’opportunità” avanzata dall’INSERM per spiegare il fatto che i sacerdoti aggrediscano soprattutto ragazzi. L’orientamento sessuale è effettivamente un fattore determinante.
Abbiamo così individuato una causa fondamentale dell’eccessiva diffusione degli abusi sessuali nella Chiesa, e certamente il vero fenomeno sistemico, nel senso che è specifico della Chiesa.
Si tratta di una vera e propria bomba, accuratamente nascosta nelle conclusioni dei rapporti della CIASE, che scelgono invece di dare la colpa all’istituzione e alla sua teologia. Anche se questo verrà alla luce in tempo, il danno sarà già stato fatto. La negazione della sovrarappresentazione dei sacerdoti con tendenze omosessuali negli abusi avrà prodotto le conseguenze dannose per la Chiesa di una diagnosi altamente distorta. Ma soprattutto, e questo è ancora più grave, questo occultamento non permette di prendere alcune misure atte a proteggere i bambini, nella selezione dei candidati al sacerdozio».

Ancora una volta, queste osservazioni sono state accolte da un silenzio di tomba.

A un anno dalla pubblicazione del rapporto della CIASE, i risultati reali – in termini di identificazione delle vittime, lotta agli abusi, risarcimento e riforma dell’istituzione ecclesiastica per prevenire ulteriori abusi – sono molto scarsi, mentre i casi scoppiano ogni giorno.

Tra gli ultimi titoli dei giornali, è difficile non notare un’alta prevalenza di omosessuali:

- «l’affare Santier»: confessioni con svestizione di seminaristi e uomini in fase di orientamento spirituale per il sacerdozio, davanti al Santissimo Sacramento;
- mons. Santier aveva insediato nella sua diocesi di Créteil un sacerdote della comunità da lui fondata che era stato condannato due volte, nel 2003 e nel 2013, per atti di pedofilia, l’ultima volta perché dormiva nel suo letto con due ragazzi di 13 e 15 anni – ha ammesso di averli toccati in tribunale;
- a Parigi, la Paix Liturgique ha rivelato che un sacerdote ha molestato dei seminaristi, cioè dei ragazzi;
- di nuovo a Parigi, un sacerdote che scrive una lettera d’amore a un bambino di 12 anni;
- sempre a Parigi, un altro sacerdote ha commesso voyeurismo durante le docce collettive che seguivano le partite delle squadre maschili da lui organizzate;
- a Orléans, sospensione di un parroco, un eudista, che è stato oggetto di una denuncia a Versailles e di diverse segnalazioni di abusi sessuali, toccamenti e adescamenti sessuali di alunni maschi in una scuola.

Tuttavia, la Chiesa – e in particolare i vescovi riuniti all’Assemblea plenaria della Conferenza episcopale francese a Lourdes fino all’8 novembre – si rifiuta ancora di dare parole ai mali e di riflettere sulla prevalenza degli abusi commessi da omosessuali.

«E allo stesso tempo» ammettono di essere «deboli, impotenti, mal equipaggiati» per affrontare gli abusi, pieni di «stanchezza» e «disgusto» di fronte ai casi che si accumulano e che cominciano a essere ampiamente pubblicati e conosciuti.
C’è una buona ragione per questo. Le raccomandazioni della CIASE sono contrarie al rapporto – e ai vescovi viene chiesto di peccare contro la Verità, minando l’istituzione e affidandosi, per tutto, alle autorità civili che in tutti questi anni hanno ampiamente fallito nel punire i responsabili degli abusi – quando non sono stati ardentemente protetti, a causa della loro posizione, dei loro legami politici o occulti, o per altre ragioni. Negare, per ben tre volte, la propria ragion d’essere.
Ma con i piedi nel fango, i vescovi di Francia rimarranno pieni di zelo per cacciare questo cancro, questo male assoluto, che costituisce… la liturgia tradizionale… mentre Papa Francesco «li invita alla più grande sollecitudine e paternità verso le persone – soprattutto giovani, sacerdoti o laici – disorientate dal motu proprio Traditionis Custodes».

Nessun commento:

Posta un commento

AVVISO AI LETTORI: Visto il continuo infiltrarsi di lettori "ostili" che si divertono solo a scrivere "insulti" e a fare polemiche inutili, AVVISIAMO CHE ORA NON SARANNO PIU' PUBBLICATI COMMENTI INFANTILI o PEDANTI. Continueremo certamente a pubblicare le critiche ma solo quelle serie, costruttive e rispettose.
La Redazione