Post in evidenza

MiL ha bisogno di voi lettori: DONAZIONI

A sx (nella versione per pc) e su palmare (voce " Donazione ") troverete la possibiltà di donare. Vi speghiamo il perchè.  Potrete...

domenica 3 aprile 2022

La fede dei nostri padri: una breve storia del Tradizionalismo cattolico negli Stati Uniti #summorumpontificum #traditioniscustodes

Vi proponiamo – in nostra traduzione – la lettera numero 854 pubblicata da Paix Liturgique il 22 marzo 2022, in cui, partendo dal libro di recente pubblicazione Faith of Our Fathers. A Brief History of Catholic Traditionalism in the United States (La fede dei nostri padri. Una breve storia del tradizionalismo cattolico negli Stati Uniti), l’autore Stuart Chessman esamina e descrive la situazione della Tradizione cattolica e della Santa Messa tradizionale negli Stati Uniti sia da un punto di vista storico che in prospettiva futura, non disgiunte da un sano e profondo apostolato culturale e spirituale
L’autore giunge ad affermare che «nella zona di New York, ho visto sempre più fedeli frequentare le messe in latino dopo la lettera apostolica Traditionis custodes. Perché l’interesse e la partecipazione alle liturgie tradizionali è una reazione spontanea da parte dei fedeli attaccati alla fede cattolica, coscienti della loro responsabilità missionaria per il futuro della Chiesa»: una ulteriore ed ennesima conferma di quanto anche noi costantemente evidenziamo nel nostro sito.

L.V.


UN’INTERVISTA CON STUART CHESSMAN

Stuart Chessman è poco conosciuto dal pubblico francese, anche se è uno dei più ardenti difensori della liturgia tradizionale negli Stati Uniti. Nel 2007 ha fondato la Society of St. Hugh of Cluny per portare avanti questo impegno. Ha appena pubblicato una storia della Tradizione negli Stati Uniti, Faith of Our Fathers. A Brief History of Catholic Traditionalism in the United States (La fede dei nostri padri. Una breve storia del tradizionalismo cattolico negli Stati Uniti). Lo scopo di questo libro: «Oggi, la maggior parte dei fedeli sono giovani che non hanno vissuto gli anni difficili che abbiamo vissuto noi… Era necessario che conoscessero la lunga storia del tradizionalismo con i suoi successi ma anche i suoi conflitti, sacrifici e prove». In occasione di questa pubblicazione, abbiamo posto alcune domande a Stuart Chessman per arricchire le nostre informazioni su quest’altra bella provincia della Tradizione Cattolica, gli Stati Uniti.


Paix liturgique – Cosa è successo negli Stati Uniti – specialmente nel Nordest – dopo la Riforma liturgica? La messa tradizionale ha continuato ad essere celebrata o è scomparsa?

Stuart Chessman – Parlando degli Stati Uniti nord-orientali – la regione che conosco meglio – la messa in latino è scomparsa tra gli anni 1964 e 1970. Ma in realtà non del tutto… perché alcuni sacerdoti, che chiamerei «Indipendenti» hanno continuato a celebrare la Messa tradizionale in cappelle private. Il più notevole fu il prete belga Gommar DePauw, che più tardi lanciò il Movimento Cattolico Tradizionalista. Ha fondato la sua cappella «Ave Maria» nel 1968. Padre Paul Wickens, fondatore della Cappella di Sant’Antonio di Padova nel New Jersey, fu un altro esempio, un po’ più tardivo, di questa resistenza, che fu sostenuta fin dall’inizio da molti laici. Inoltre, alcuni scrittori e pensatori «conservatori» – come Dietrich von Hildebrand – avevano anche organizzato almeno occasionalmente celebrazioni della messa tradizionale nelle loro case.

Paix liturgique – Quando la situazione si è capovolta e sono ricomparsi nuovi apostolati di massa?

Stuart Chessman – La situazione cominciò a cambiare negli Stati Uniti con la comparsa della Fraternità San Pio X. In questa regione, la FSSPX ha ottenuto una presenza importante nel Connecticut, ma non a New York. La loro attività, tuttavia, rimase relativamente esotica e marginale per la maggior parte dei cattolici americani. Il vero cambiamento avvenne un po’ più tardi con la promulgazione degli indulti del 1984 e del 1988. Per esempio, sulla scia di Quattor Adhinc Annos, fu fondata la St. Gregory Society di New Haven. Ha stabilito un forte legame tra la liturgia tradizionale e l’eccellenza musicale che è diventato un tratto distintivo del tradizionalismo nell’area di New York. Nel 1988, a New York City (Manhattan), tre nuovi luoghi per la celebrazione regolare della messa tradizionale sono stati stabiliti in chiese parrocchiali – due dei quali sono ancora in funzione oggi. I celebranti erano entrambi clero diocesano o sacerdoti legati alle istituzioni tradizionali. Dopo il 1988, gli apostolati tradizionalisti esistenti e le cappelle di sacerdoti indipendenti o di associazioni laiche private, come la Cappella di Sant’Antonio (ora Oratorio) a West Orange o la Cappella di Nostra Signora di Fatima a Pequannock (entrambe nel New Jersey), furono rilevate da sacerdoti dell’ICRSS e della FSSP.

Paix liturgique – Qual è il pubblico di queste iniziative?

Stuart Chessman  Queste messe inizialmente attiravano un piccolo numero di fedeli impegnati che erano rimasti fedeli alla messa latina durante i secoli bui. Dall’inizio, tuttavia, le dimensioni delle comunità crebbero costantemente man mano che sempre più persone scoprivano la messa in latino per la prima volta e cominciavano ad amarla.

Paix liturgique – Partecipare alla Messa tradizionale era visto come una disobbedienza alla Gerarchia?

Stuart Chessman – Sì, a quel tempo, partecipare alla messa tradizionale era ancora visto come una sfida all’establishment. Ma con il progredire degli anni ’90, questo ha cominciato a cambiare. Una messa tradizionale fu persino celebrata dal cardinale Stickler nella cattedrale di San Patrizio a New York nel 1996 – con una grande congregazione che riempì l’intera cattedrale! Ma purtroppo solo 20 anni dopo, cioè fino al 2016, vi si è celebrata una nuova liturgia tradizionale.

Paix liturgique – Nel 2007, con il motu proprio Summorum Pontificum, lei ha creato la Society of St. Hugh of Cluny. Perché ha scelto questo santo e qual è lo scopo di questa fondazione?

Stuart Chessman – Abbiamo scelto Sant’Ugo di Cluny come nostro santo patrono a causa dell’importanza che Cluny ha avuto nell’opera di restaurazione del cattolicesimo in Europa tra il X e il XII secolo – proprio attraverso la celebrazione della liturgia.

Questa sembrava una risposta appropriata alla nuova opportunità creata dal Summorum Pontificum. La missione centrale della Society of St. Hugh of Cluny è quella di promuovere la celebrazione della liturgia tradizionale in tutta la sua pienezza e splendore – nella conduzione delle cerimonie, la qualità degli ornamenti e l’esecuzione della musica. Queste messe, e a volte i vespri solenni, venivano celebrate nelle chiese parrocchiali, nelle cappelle tradizionali e persino nelle cattedrali.

Potrei menzionare, per esempio, le Messe Pontificie celebrate a Brooklyn, Connecticut e New York – e la prima Messa nell’Arcidiocesi di New York celebrata sotto Summorum Pontificum. La Società ha sponsorizzato queste messe in numerose chiese storiche in tutta l’area di New York. La conservazione del patrimonio artistico e architettonico cattolico è un altro obiettivo della nostra missione.

Paix liturgique – Collaborate con i cosiddetti istituti Ecclesia Dei?

Stuart Chessman – Con alcune eccezioni molto notevoli, la società ha avuto una collaborazione abbastanza limitata con gli istituti Ecclesia Dei per una ragione locale. A differenza di altre parti degli Stati Uniti, gli istituti Ecclesia Dei hanno un ruolo secondario nella nostra società, poiché i sacerdoti che eseguono le liturgie tradizionali sono per lo più diocesani o sacerdoti appartenenti a congregazioni ordinarie. Ma forse le cose cambieranno, soprattutto con l’istituzione dell’Istituto di Cristo Re a New York.

Paix liturgique – Offrite anche conferenze…

Stuart Chessman – Un altro dei nostri apostolati ha organizzato conferenze di tradizionalisti cattolici. Molti di loro vengono dall’Europa: Martin Mosebach, Luc Perrin, Roberto de Mattei, il vescovo Athanasius Schneider, tra gli altri. Molto spesso collaboriamo con altre società e organizzazioni per eventi più grandi.

Paix liturgique – Siete riusciti a creare nuove cappelle? Può darci qualche esempio?

Stuart Chessman – In termini di nuovi apostolati in cui io o la Society of St. Hugh of Cluny siamo stati coinvolti, di gran lunga il più significativo è stata la nostra cooperazione dal 2007 nello sviluppo della parrocchia di Santa Maria a Norwalk, Connecticut, che ha assunto un ruolo di leadership nel mondo tradizionalista di New York e probabilmente anche a livello nazionale. St Mary’s è una parrocchia diocesana che celebra anche il Novus Ordo. A New York, potrei menzionare in questo contesto la Catholic Artists Society, che sponsorizza sia le liturgie tradizionaliste che quelle del Novus Ordo, e organizza conferenze di importanti cattolici nelle arti. Potrei anche menzionare la parrocchia dei Santi Innocenti, che è diventata una fiorente presenza tradizionale a New York.

Paix liturgique – Qual è stato il suo apostolato su Internet?

Stuart Chessman – Spesso è attraverso Internet che la gente viene a sapere di noi. È infatti su Internet che dal 2007 pubblichiamo una cronaca della vita tradizionalista, soprattutto nella zona di New York, che ha un pubblico molto vasto. Pubblichiamo anche un grande archivio fotografico. Il nostro sito web di Sant’Ugo di Cluny offre una storia fotografica degli ultimi 15 anni di celebrazioni liturgiche, conferenze e pellegrinaggi e il gran numero di fedeli che hanno partecipato a questi eventi. Questo ci permette di comunicare meglio la realtà della tradizione negli Stati Uniti, poiché ho sempre temuto che la persecuzione della messa latina si rinnovasse, data l’ostilità in corso tra le file dell’establishment ecclesiastico.

Paix liturgique – Recentemente lei ha pubblicato un libro intitolato Faith of our Fathers. L’obiettivo è quello di lasciare la sua testimonianza per iscritto in modo che non venga dimenticata dalle giovani generazioni?

Stuart Chessman – Faith of our Fathers è basato su una serie di articoli che ho scritto tra il 2012-2013. Sì, la mia intenzione era quella di lasciare una traccia della storia del movimento tradizionalista negli Stati Uniti, perché oggi la maggior parte dei fedeli sono giovani che non hanno vissuto gli anni difficili che abbiamo vissuto noi… avendo vissuto solo la «Pace» post-Summorum Pontificum che a loro sembra essere un normale ordine di cose. Era necessario che conoscessero la lunga storia del tradizionalismo con i suoi successi ma anche i suoi conflitti, sacrifici e prove. Questo può essere un fenomeno americano, ma ho anche ritenuto necessario distinguere il movimento di massa tradizionale dalle attività e dalla filosofia dei cosiddetti «conservatori». In questo paese, questi ultimi sono stati molto spesso gli avversari dei tradizionalisti.

Paix liturgique – Pensa che questo libro aiuterà nella difesa della Messa tradizionale contro i forti attacchi che sta subendo, soprattutto dopo il motu proprio Traditionis custodes?

Stuart Chessman – Quando ho scritto questi articoli, non mi sono reso conto che sarebbero stati così direttamente rilevanti per un ritorno alla guerra liturgica nella Chiesa! Anche se ho sempre avvertito che sotto l’attuale Papa, ulteriori persecuzioni sono una possibilità. Vorrei certamente che Faith of our Fathers contribuisse alla difesa del tradizionalismo. Perché fin dall’inizio, di fronte alla più grande opposizione ufficiale e – ammettiamolo – all’odio, i difensori della Tradizione cattolica hanno parlato in modo eloquente, hanno stabilito reti di fedeli che la pensavano come loro e alla fine hanno portato alla rinascita della celebrazione della Messa tradizionale. Questo dovrebbe servire come lezione e modello per noi oggi.

Paix liturgique – Come vede il futuro della liturgia tradizionale negli Stati Uniti?

Stuart Chessman – La liturgia tradizionale continuerà a crescere negli Stati Uniti – ne sono sicuro! I più oltraggiosi attacchi recenti alla celebrazione della Messa e di altri sacramenti nel Vecchio Rito – come in diocesi come Chicago, Arlington e Helena, tra le altre - sono serviti solo ad aumentare la consapevolezza dei fedeli e a riaccendere il loro impegno per la difesa e persino l’espansione del Vecchio Rito.

Nella zona di New York, ho visto sempre più fedeli frequentare le messe in latino dopo la Traditionis custodes. Perché l’interesse e la partecipazione alle liturgie tradizionali è una reazione spontanea da parte dei fedeli attaccati alla fede cattolica, coscienti della loro responsabilità missionaria per il futuro della Chiesa.

Come sapete, nessun prete viene a celebrare la messa tradizionale nella speranza di favorire la sua carriera, e donne e uomini non partecipano alla messa tradizionale per ottenere lodi dai media cattolici o per essere invitati a cocktail party con vescovi e chierici. Tutti stanno facendo sacrifici per la conservazione della loro Fede e quella dei loro figli e soprattutto sanno che è una missione necessaria da compiere affinché la Pace e la Fede possano finalmente regnare nella Chiesa.

Sant’Ugo di Cluny, prega per noi!

Per maggiori informazioni: https://sthughofcluny.org/

Nessun commento:

Posta un commento

L'inserimento senza moderazione dei commenti è limitato ai soli post usciti nella medesima giornata di inserimento e nel giorno precedente. Per i post più vecchi, i commenti saranno sottoposti a moderazione.
Qualora fosse attiva la moderazione, possono passare anche alcuni giorni prima del controllo da parte della Redazione.