Post in evidenza

MiL ha bisogno di voi lettori: DONAZIONI

A sx (nella versione per pc) e su palmare (voce " Donazione ") troverete la possibiltà di donare. Vi speghiamo il perchè.  Potrete...

mercoledì 23 febbraio 2022

Il Santo del giorno in Plinio Corrêa de Oliveira #36 Sant’Etelberto (24 febbraio)

Continuiamo i commenti del Santo del giorno del prof. Plinio Corrêa de Oliveira (QUI): Sant’Etelberto (552 circa -616).

24 febbraio. In Inghiltérra sant’Edilbérto, Re dei Cánzii, il quale da santo Agostíno, Vescovo degli Inglesi, fu convertito alla fede di Cristo. (Martirologio Romano ed. 1955)
24 febbraio. A Canterbury in Inghilterra, sant’Etelberto, re del Kent, che il vescovo sant’Agostino convertì, primo tra i principi inglesi, alla fede di Cristo. (Martirologio Romano ed. 2004)

L.V.

24 febbraio
Sant’Etelberto Re

Siamo alle origini del cristianesimo in Inghilterra: vediamo qui due grandi figure, che possiamo considerare fra i fondatori del Medioevo. Un grande missionario, Sant’Agostino di Canterbury, arriva in Inghilterra alla corte di un grande re fondatore, Sant’Etelberto, re del Kent (552-616). Lo chiamo re fondatore perché, in un certo senso, ha fondato l’Inghilterra, che prima della sua conversione era un coacervo di regni barbari e pagani. A stretto rigore l’Inghilterra come nazione o una civiltà inglese non esistevano. Esistevano solo i semi di una futura Inghilterra che, messi in contatto con sant’Agostino, germogliarono e diedero origine a quella nazione.

La solenne cerimonia dell’arrivo di Sant’Agostino e dei suoi monaci alla corte di Sant’Etelberto (che non era ancora cristiano né santo, ma aveva già sentito parlare della Chiesa e aveva accettato di accogliere e ascoltare i missionari) è davvero magnifica. Possiamo immaginare il re Etelberto e i suoi guerrieri semi-barbari schierati in una radura tra i boschi che aspettano l’arrivo dei missionari. Sant’Agostino e i monaci arrivano in processione e cominciano a predicare. Subito il cuore del re è toccato da Sant’Agostino. Il re gli concede libertà di spostarsi e predicare nel regno, anche se afferma che non può cambiare religione così rapidamente. Vuole studiare la questione con maggiore cura.

Ma la simpatia del re per Sant’Agostino è già evidente. Gli offre una casa, lo ringrazia per avere intrapreso un lungo viaggio, e gli dice che è libero di ricevere tutti i suoi sudditi che vogliano convertirsi alla religione cattolica. Appena comincia ad ascoltare la Verità già si rivela inclinato verso di essa.

Dunque Sant’Agostino si stabilisce nella regione e predica la vera religione. Dopo un po’ di tempo il re non solo dà la sua piena adesione alla religione cattolica, dopo averla studiata, ma si occupa personalmente di convertire alla Chiesa due re suoi vicini. È la prova che la libertà che aveva concesso a Sant’Agostino era stata il primo passo verso la sua conversione.

La meditazione c’insegna che in chiunque viene a contatto con l’annuncio della religione cattolica in realtà la grazia opera sempre e fin dall’inizio. Gli dà la possibilità di scorgere che si trova di fronte alla verità e la forza di cominciare ad aderire a questa verità. Ma la decisione che segue è un atto della libertà della persona.

Fonte: Plinio Corrêa de Oliveira, Cum Sanctis Tuis, ChoraBooks (QUI per acquistare)

Nessun commento:

Posta un commento

L'inserimento senza moderazione dei commenti è limitato ai soli post usciti nella medesima giornata di inserimento e nel giorno precedente. Per i post più vecchi, i commenti saranno sottoposti a moderazione.
Qualora fosse attiva la moderazione, possono passare anche alcuni giorni prima del controllo da parte della Redazione.