Post in evidenza

MiL ha bisogno di voi lettori: DONAZIONI

A sx (nella versione per pc) e su palmare (voce " Donazione ") troverete la possibiltà di donare. Vi speghiamo il perchè.  Potrete...

lunedì 20 dicembre 2021

La tenerezza del S. Padre? Bastonate e bastonate della "Chiesa sinodale" #traditioniscustodes

Grazie a Michelangelo per la segnalazione.
Riproduciamo ampi stralci dell'articolo.
Luigi


La Chiesa sinodale, che ha fatto esplodere la rivoluzione della tenerezza, ha dato oggi un altro segno evidente della direzione che stanno prendendo la sua sinodalità e la sua tenerezza, con la risoluzione di alcuni dubbi sollevati dai vescovi alla Congregazione per il Culto Divino sull'applicazione della Traditiones custodes. Naturalmente, le risposte a questi dubbi, che sono stati rapidamente risolti e non come altri che sono ancora in attesa di risposta, sono tutti volti a soffocare ulteriormente la liturgia tradizionale nella Chiesa cattolica. La sinodalità, ci spiega Papa Francesco, esige che la Chiesa ascolti tutte le persone, e lui insiste su "tutte", senza alcun tipo di eccezione. Ma i fatti, che parlano più forte delle parole, ci dicono che c'è un "collettivo" che non va ascoltato ma piuttosto massacrato: è il "collettivo" dei cattolici tradizionalisti.
Sono un ostacolo di cui ci si deve sbarazzare al più presto.
Ci sono alcuni dettagli nel documento che provocano espressioni di incredulità. Per esempio, dice: "Inoltre, questa celebrazione [riferendosi alla Messa tradizionale] non dovrebbe essere inclusa nell'orario della Messa parrocchiale, poiché vi partecipano solo i fedeli che fanno parte del gruppo. Infine, non deve coincidere con le attività pastorali della comunità parrocchiale". Una discriminazione documentata, per evitare che i fedeli "normali" prendano il virus del tradizionalismo. I fedeli di questo "gruppo" devono rimanere isolati e protetti, evitando qualsiasi contatto con le persone normali. E ricordo che cinque giorni fa, il Vaticano si è scusato per aver causato dolore alla comunità LGTB rimuovendo dal suo sito ufficiale un link a un sito di quel "collettivo" che difende i diritti degli omosessuali. I poveretti si erano sentiti discriminati. Mi chiedo se i cardinali della Curia o Papa Francesco non percepiscono il dolore che causano ai fedeli cattolici che preferiscono la liturgia tradizionale e che si sentono anche discriminati da disposizioni come queste. Non ci aspettiamo delle scuse pubbliche come hanno fatto gli LGBT; tanto meno ci aspettiamo che includano dei link a siti tradizionalisti sul sito ufficiale del Vaticano. Siamo soddisfatti che non ci perseguiteranno e ci lasceranno continuare ad esistere.

Per quanto riguarda il documento in sé, purtroppo non influenzerà troppo i fedeli in Spagna o in America Latina, poiché in questa parte del globo, queste crudeltà erano già state perpetrate dai vescovi molti anni fa. Non sarà molto evidente. Il danno potrebbe essere evidente e considerevole in Francia, Gran Bretagna e Stati Uniti, dove il movimento tradizionalista è forte e ha una lunga storia. La questione è fino a che punto sarà obbedito. Tante chiacchiere sulla sinodalità possono dare ai vescovi argomenti per mettere i piedi per terra o per chiudere un occhio. Molti di loro apprezzano sinceramente i fedeli tradizionalisti e i loro sacerdoti, e sanno che non sono contagiosi o dannosi, ma custodi della fede cattolica. Se sono sinceri e agiscono per il desiderio di pascere le pecore loro affidate, è probabile che queste disposizioni siano ascoltate ma non obbedite. E che il vescovo Roche mandi la gendarmeria vaticana a farli rispettare.

Come ha giustamente sottolineato P. Claude Barthe, il problema più serio e complesso sarà nei seminari delle comunità religiose Ecclesia Dei, poiché il documento proibisce esplicitamente l'uso del Pontificale Romanum prima della riforma liturgica. In altre parole, vieta di conferire i sacramenti della cresima e degli ordini sacri secondo il rito tradizionale. E i molti seminaristi che popolano questi seminari sono lì perché desiderano essere ordinati con quel rito, e quindi desiderano celebrarlo. Vietare il tradizionale Pontificale Romanum è un colpo al cuore di queste comunità (si dice che altri colpi saranno sparati a febbraio). Di fronte a questo, P. Barthe insiste sul fatto che il dovere è quello di resistere ad una legge ingiusta. E sono d'accordo. Saranno i dirigenti di questi istituti che, consigliati dagli addetti ai lavori, inizieranno la resistenza nel modo più efficace.

[...]