Post in evidenza

MiL ha bisogno di voi lettori: DONAZIONI

A sx (nella versione per pc) e su palmare (voce " Donazione ") troverete la possibiltà di donare. Vi speghiamo il perchè.  Potrete...

venerdì 19 novembre 2021

l Vaticano perderà 100 milioni di sterline con la vendita dell'edificio, situato a Londra, ora al centro di un'inchiesta penale internazionale

Poi non si lamentino che calano le offerte.
Luigi


Lo scrive il Financial Times in prima pagina nella sua edizione europea, precisando che "il Vaticano è nelle fasi finali della vendita dell'edificio situato a 60 Sloane Avenue, nel quartiere londinese di Knightsbridge", per una somma pari a "circa 200 milioni di sterline al gruppo di private equity Bain Capital, secondo diverse persone che hanno familiarità con il dossier.

Bain Capital e Savills, che gestisce la vendita, hanno entrambi rifiutato di commentare". Secondo il quotidiano finanziario britannico "la Santa Sede ha investito sul palazzo, tra il 2014 e il 2018, 300 milioni di sterline, il che significa che la vendita dovrebbe confermare una perdita di circa 100 milioni di sterline" Il giornale della City ricorda che "lo scandalo legato all'acquisto dell'edificio ha condotto il procuratore della Santa Sede ad aprire un procedimento nei confronti dell'ex banchiere Raffaele Mincione e di altri, tra cui un Cardinale" e "alla fine dello scorso anno papa Francesco ha privato il potente ufficio dell'amministrazione centrale del Vaticano di un portafoglio di investimenti del valore di centinaia di milioni di euro costituito da donazioni dei cattolici".

2 commenti:

  1. Non Metuens Verbum19 novembre 2021 14:51

    quanti poveri si sfamerebbero, con 100 milioni pounds ?

    RispondiElimina
  2. Per i poveri è previsto solo un pranzo ogni tanto, non possono aspettarsi altro.

    RispondiElimina

AVVISO AI LETTORI: Visto il continuo infiltrarsi di lettori "ostili" che si divertono solo a scrivere "insulti" e a fare polemiche inutili, AVVISIAMO CHE ORA NON SARANNO PIU' PUBBLICATI COMMENTI INFANTILI o PEDANTI. Continueremo certamente a pubblicare le critiche ma solo quelle serie, costruttive e rispettose.
La Redazione