Post in evidenza

MiL ha bisogno di voi lettori: DONAZIONI

A sx (nella versione per pc) e su palmare (voce " Donazione ") troverete la possibiltà di donare. Vi speghiamo il perchè.  Potrete...

venerdì 18 giugno 2021

La Chiesa in declino: il punto di vista del Card. Pell


Il Card. George Pell ha recentemente rilasciato un'importante intervista a The Catholic World Report, e Sabino Paciolla ne ha pubblicato sul suo blog la traduzione di ampi stralci. La riprendiamo per i nostri lettori. 
CWR: Lei è stato Prefetto della Segreteria per l’Economia, supervisionando e scavando negli affari finanziari di vari angoli della Santa Sede. Parte della ragione per cui il segretariato è stato fondato era di ripulire la corruzione e di estirpare alcuni degli elementi più nefasti. A causa della sua posizione a quel tempo, ci sono speculazioni secondo cui alcuni a Roma la volevano fuori da quella posizione – perché lei li sfidava, o perché metteva in pericolo i loro affari finanziari – e che potrebbero anche aver cospirato con funzionari australiani per portare questo caso contro di lei, per rimuoverla da quella posizione. Vorrebbe commentare questa speculazione?

Cardinale Pell: Beh, prima di tutto, penso che la ragione fondamentale per cui sono stato nominato Prefetto per l’Economia, era quella di introdurre una metodologia moderna, procedure adeguate che sono comuni in tutti i buoni affari, in modo da avere una buona idea e poter vedere davvero la situazione in Vaticano. Prima del nostro insediamento, pochissime persone (se non nessuna!) avrebbero saputo [dire] con precisione quale fosse la situazione finanziaria.

Inoltre, naturalmente, stavamo lottando contro la corruzione. Ora, non conosco la risposta alla sua domanda. Quello che so è che una somma di denaro a sette cifre è passata dalla Segreteria di Stato all’Australia. Non siamo sicuri di dove sia finito quel denaro, non siamo sicuri del perché fosse così grande, o quale fosse il suo scopo. Potrebbe essere stato abbastanza innocente (cioè senza un particolare significato negativo, ndr). Ma questo non lo sappiamo, e forse non lo sapremo mai. Ma non possiamo dire che la storia sia chiusa. Non lo sappiamo.

CWR: Nelle ultime settimane e mesi, ci sono state notizie di alcuni sviluppi significativi negli sforzi per ripulire la situazione finanziaria, compresi i problemi con il cardinale Becciu, così come Gianluigi Torzi e altri. Sulla base di questo, o di qualsiasi altra cosa Lei abbia visto di recente, pensa che si stiano facendo progressi reali nel ripulire la corruzione finanziaria? Pensa che stiamo facendo progressi?

Cardinale Pell: Sì, non c’è dubbio che abbiamo fatto progressi. Non c’è alcun dubbio. Abbiamo un’idea abbastanza buona di quello che è successo con quella proprietà di Sloane Street a Chelsea a Londra. Sono stati fatti dei progressi, progressi maggiori sarebbero stati fatti se fossimo stati in grado di fermare quella procedura prima che si trasformasse in un disastro.

CWR: Alla luce di tutto questo, sembra che si stiano facendo progressi in questa pulizia?

Cardinale Pell: Sì, e c’è la possibilità che vengano mosse delle accuse e che abbia luogo un procedimento giudiziario. Credo che in Vaticano sia stata costruita una nuova aula più grande. Ma cosa ne verrà fuori, non lo so. Se queste persone che sono state messe da parte saranno accusate, vedremo, e poi vedremo qual è la storia. Ma tutti, certamente queste persone, hanno diritto a un giusto processo, al loro giorno in tribunale, dove possono presentare prove e stabilire la loro innocenza, se questo è il caso.

CWR: Lei conosce meglio di molte persone l’importanza del giusto processo!

Cardinale Pell: Lo so. Credo nel principio che una persona è innocente fino a quando non viene provata la sua colpevolezza.

CWR: Come lei sa, la Chiesa sta affrontando molte sfide, in particolare nel mondo occidentale: Il flirt della Germania con la via sinodale e la recente benedizione delle unioni omosessuali da parte dei sacerdoti in Germania; paesi storicamente cattolici come l’Irlanda stanno permettendo maggiori libertà per l’aborto, i “matrimoni gay”, l’eutanasia; in Australia, la pratica della fede sta diminuendo piuttosto rapidamente. Cosa pensa che ci sia alla radice di questa tendenza nel mondo occidentale?

Il cardinale Pell: Beh, questa è una domanda molto grande. È la domanda principale. Penso che una delle prime cose di cui ogni vescovo deve rendersi conto è che una delle caratteristiche più sorprendenti della vita cattolica nel mondo occidentale è il declino. In paesi diversi sta procedendo ad un ritmo diverso per ragioni diverse. Ci sono state molte, molte ragioni. A volte i nostri problemi sono autoinflitti – non insegniamo ciò che Cristo insegna, e cerchiamo di fare “meglio”. Quando il cristianesimo è radicalmente liberalizzato, svuota la Chiesa delle persone. Lo abbiamo visto in Belgio, Olanda e Quebec.

C’è un meraviglioso libro di Mary Eberstadt intitolato Adamo ed Eva dopo la pillola. Vale certamente la pena leggerlo; è una delle cose migliori sulle conseguenze rivoluzionarie nell’atteggiamento, non solo in un numero diminuito di bambini, ma mostrando come il legame tra attività sessuale, amore e nuova vita sia stato spezzato.

Un’altra influenza molto potente è la pornografia su internet. Per esempio, ora abbiamo statistiche dal Giappone che mostrano che circa un quarto delle donne tra i 18 e i 24 anni, e una buona percentuale degli uomini, non hanno più alcun interesse nell’attività fisica, sessuale. È qualcosa che mi ha stupito, non era qualcosa che avevo previsto. Negli anni ’80, con un buon numero di femministe, come risultato dell’accesso alla pornografia ci sarebbero stati più crimini violenti (stupri, sado-masochismo, e così via). Questo non sembra essere stato affatto il caso. È andata nella direzione opposta, [nel senso] che la fantasia si è sostituita alla vita reale. È un po’ come una replica del mito di Mida. Tutto ciò che Mida toccava diventava oro: non poteva mangiare, né bere, né copulare. Così con la pornografia, è un grande, grande problema, e non solo per i cristiani.

CWR: Lei probabilmente è a conoscenza della grande questione della coerenza eucaristica. Ci sono così tanti politici di spicco, tra cui il presidente Joseph Biden, che sono cattolici battezzati e che ostentano la loro affiliazione alla Chiesa come una sorta di distintivo d’onore, ma poi promuovono esplicitamente cose contrarie all’insegnamento della Chiesa, contrarie alla legge naturale (aborto, matrimonio omosessuale, eutanasia, ecc.). C’è un certo dibattito tra la gerarchia americana su come affrontare la questione – se a questi politici debba essere negata o meno la comunione, se debba essere fatta una sorta di educazione pubblica o meno. Vorrebbe commentare questo?

Cardinale Pell: Beh, ci sono diverse questioni. So che i vescovi americani stanno considerando queste questioni, e non è solo una loro preoccupazione, perché fanno parte della Chiesa universale. Ma penso che, come posizione minima, questi personaggi pubblici che sostengono pubblicamente l’aborto e l’eutanasia, penso che dovrebbero essere fortemente scoraggiati dal ricevere la comunione. Dovrebbe essere chiesto loro di fare un esame di coscienza, perché è difficile vedere come si possano sostenere tali leggi ed essere fedeli agli insegnamenti cristiani fondamentali.

CWR: San Paolo dice che se ti presenti [a ricevere la Comunione] in uno stato indegno, porti la condanna su di te. L’arcivescovo Cordileone a San Francisco e alcuni degli altri vescovi hanno iniziato a parlarne; è una questione spinosa.

Cardinale Pell: Sì, è una questione spinosa. Ho letto molto di ciò che l’arcivescovo Cordileone ha detto sull’argomento nel corso degli anni. Sono un grande ammiratore del suo insegnamento, perché penso che sia esattamente coerente con la Tradizione. Vedete, la distribuzione della Santa Comunione non è come offrire a un ospite una tazza di caffè, un gesto di amicizia o di benvenuto, non importa chi sia l’ospite. È una dichiarazione di fede che chi la riceve crede di ricevere il corpo e il sangue, l’anima e la divinità di Gesù Cristo, il Figlio di Dio.

E per questo motivo, San Paolo ha elencato le disposizioni che sono necessarie per un’appropriata ricezione della comunione. Abbiamo molta catechesi da fare sulla ricezione della comunione. In Australia è diventata troppo libera e facile. È vista come l’offerta di una tazza di tè e di un biscotto. E questo è un problema.

CWR: Nei suoi molti anni di ministero sacerdotale ed episcopale, lei ha servito in molti tipi di ruoli diversi. Sulla base di questa esperienza, che tipo di sfide vede affrontare la Chiesa? E soprattutto, quali segni di speranza vede per il futuro?

Cardinale Pell: Oh, penso che ci siano molti, molti segni di speranza, specialmente tra i giovani credenti e il giovane clero. Vede, le persone devono decidere molto esplicitamente, anche durante la scuola superiore, qual è il loro atteggiamento nei confronti della visione regolare della pornografia. Quando lasceranno la scuola, vivranno come cristiani anche se lo faranno in modo imperfetto? Nella stragrande maggioranza dei casi, la minoranza di giovani che hanno deciso di praticare seriamente la loro fede sono in maggioranza ortodossi. Sono appassionati e aperti alla trascendenza. Nessuna generazione è stata capace di distrarsi così facilmente come i giovani di oggi, e c’è una reazione contro questo.

Così i liberali radicali hanno pochi o nessun seguito tra i giovani cattolici, almeno nel mondo occidentale. E questo fornisce un’enorme spinta e una solida base per andare avanti, forse in modo minore. Ma la vita è piena di sorprese. È possibile che le pressioni contro il cristianesimo continuino ad aumentare; il tempo lo dirà. Ma la fedeltà e l’ortodossia di base, la fedeltà e la preghiera dei giovani cattolici, è un grande, grande segno di speranza.

Nessun commento:

Posta un commento

L'inserimento senza moderazione dei commenti è limitato ai soli post usciti nella medesima giornata di inserimento e nel giorno precedente. Per i post più vecchi, i commenti saranno sottoposti a moderazione.
Qualora fosse attiva la moderazione, possono passare anche alcuni giorni prima del controllo da parte della Redazione.