Post in evidenza

MiL ha bisogno di voi lettori: DONAZIONI

A sx (nella versione per pc) e su palmare (voce " Donazione ") troverete la possibiltà di donare. Vi speghiamo il perchè.  Potrete...

domenica 18 aprile 2021

Le Sante Messe del tempo pasquale in dom Prosper Guéranger #11 seconda domenica dopo Pasqua

Continuiamo le meditazioni liturgiche tratte dall’Année Liturgique di dom Propser Guéranger (Le Mans 1841-1866) per il tempo pasquale: seconda domenica dopo Pasqua.

L.V.

SECONDA DOMENICA DOPO PASQUA

Domenica del Buon Pastore

Questa Domenica viene designata con l’appellativo popolare di “domenica del Buon Pastore” perché, alla Messa, vi si legge il brano evangelico di san Giovanni in cui nostro Signore stesso si chiama in questo modo. Un vincolo misterioso unisce tale testo al tempo nostro, poiché è in questi giorni che il Salvatore degli uomini, stabilendo e consolidando la sua Chiesa, cominciò a darle quel Pastore che dovrà governarla fino alla consumazione dei secoli.

Nella Chiesa greca, la seconda domenica dopo Pasqua, che chiamiamo del “Buon Pastore”, è designata sotto il nome di Domenica delle sante mirofore o porta-profumi. Vi viene particolarmente celebrata la pietà delle pie donne che portarono i profumi al Sepolcro, per imbalsamare il corpo del Salvatore. Giuseppe di Arimatea ha pure la sua parte, nei cantici di cui si compone l’officio della Chiesa greca durante questa settimana.

MESSA

EPISTOLA (1Pt 2, 21-25) – A questo infatti siete stati chiamati, poiché anche Cristo patì per voi, lasciandovi un esempio, perché ne seguiate le orme: egli non commise peccato e non si trovò inganno sulla sua bocca, oltraggiato non rispondeva con oltraggi, e soffrendo non minacciava vendetta, ma rimetteva la sua causa a colui che giudica con giustizia. Egli portò i nostri peccati nel suo corpo sul legno della croce, perché, non vivendo più per il peccato, vivessimo per la giustizia; dalle sue piaghe siete stati guariti. Eravate erranti come pecore, ma ora siete tornati al pastore e guardiano delle vostre anime.

L’esempio di Cristo

Il Principe degli apostoli, il Pastore visibile della Chiesa, ci ha fatto ora udire la sua parola. Osservate come nella fine di questo brano Pietro orienta il nostro pensiero sul Pastore invisibile, di cui è il vicario. Con quanta modestia evita qualsiasi allusione a se stesso. È il medesimo Pietro che, guidando Marco, il discepolo, nella compilazione del suo Vangelo, non volle che vi raccontasse l’investitura che Cristo gli diede su tutto il gregge, e invece non omettesse niente nel riferire il triplice diniego presso Caifa.
Con quale tenerezza l’Apostolo ci parla qui del suo Maestro, delle sofferenze da lui sopportate, della sua pazienza, della sua dedizione, fino alla morte, verso le povere pecorelle erranti che dovevano formare il suo ovile! Queste parole un giorno troveranno applicazione in Pietro stesso. Verrà l’ora in cui sarà anche lui affisso a una croce, in cui si mostrerà paziente come il suo Maestro in mezzo agli oltraggi e ai maltrattamenti. Gesù glielo aveva predetto: poiché, dopo avergli affidato pecore e agnelli, aggiunse che sarebbe venuto il tempo in cui Pietro “divenuto vecchio stenderebbe le sua mani” sulla croce e che la violenza dei carnefici si sarebbe praticata sulla sua debolezza (Gv 21). E ciò accadrà non soltanto per la persona di Pietro, ma a un numero notevole dei suoi successori, che fanno una sola cosa con lui e che si vedranno, durante i secoli, perseguitati, esiliati, imprigionati, messi a morte. Seguiamo anche noi le tracce di Gesù, soffrendo volentieri per amore della giustizia; noi lo dobbiamo a Colui che, uguale nella gloria a Dio Padre, da tutta l’eternità, si è degnato scendere sulla terra per essere “il Pastore e il Vescovo delle anime nostre”.

VANGELO (Gv 10, 11-16) – In quel tempo Gesù disse ai Farisei: «Io sono il buon pastore. Il buon pastore offre la vita per le pecore. Il mercenario invece, che non è pastore e al quale le pecore non appartengono, vede venire il lupo, abbandona le pecore e fugge e il lupo le rapisce e le disperde; egli è un mercenario e non gli importa delle pecore. Io sono il buon pastore, conosco le mie pecore e le mie pecore conoscono me, come il Padre conosce me e io conosco il Padre; e offro la vita per le pecore. E ho altre pecore che non sono di quest’ovile; anche queste io devo condurre; ascolteranno la mia voce e diventeranno un solo gregge e un solo pastore.»

La sottomissione all’unico Pastore

O Pastore divino delle anime nostre, come è grande il tuo amore per le pecorelle! Arrivi fino a dare la vita, affinché esse siano salve! Il furore dei lupi non ti fa fuggire; tu ti offri vittima per distogliere da esse il dente mortale che vorrebbe divorarle; sei morto in nostra vece perché eri nostro Pastore. Noi non ci meravigliamo più che tu abbia voluto da Pietro un amore più grande di quello che aspettavi dai suoi fratelli: volevi stabilirlo loro e nostro Pastore.
Pietro ha risposto con assoluta sicurezza che ti amava e tu gli hai conferito quel titolo che ti apparteneva e il potere di esercitare le tue mansioni, perché egli ti rimpiazzasse quando saresti sparito dai nostri sguardi. Sii benedetto, Pastore divino, poiché hai provveduto ai bisogni del tuo ovile, che non poteva conservarsi Uno, se avesse avuto molti pastori senza quello Supremo. Per conformarci ai tuoi ordini, ci inchiniamo con amore e sottomissione davanti a Pietro, baciamo con rispetto i suoi sacri piedi; poiché è per suo mezzo che noi raggiungiamo te e che siamo le tue pecorelle. Conservaci, Gesù, nell’ovile di Pietro, che è il tuo. Allontana da noi il mercenario, che vorrebbe usurpare il posto e i diritti del Pastore. Con profana violenza egli diviene un intruso nell’ovile, dandosi delle arie da maestro, ma non conosce le pecore e queste non conoscono lui. Attirato non dallo zelo, ma dalla cupidigia e dall’ambizione, fugge all’avvicinarsi del pericolo. Quando non si è mossi che da interessi umani, non si sacrifica la propria vita per gli altri; il pastore scismatico ama se stesso; non ama le tue pecorelle; perché allora darebbe la sua vita per loro?
Liberaci da questi mercenari, o Gesù! Ci separerebbero da te, staccandoci da Pietro, che tu hai stabilito tuo Vicario. E noi non ne vogliamo riconoscere altri. Anatema chiunque volesse comandarci in tuo nome e non fosse inviato da Pietro! Falso pastore, non si appoggerebbe sulla pietra fondamentale e non avrebbe le chiavi del Regno dei Cieli; non potrebbe altro che perderci.
Accordaci, o nostro buon Pastore, di restare sempre con te e con Pietro, di cui tu stesso sei il fondamento, come egli è il nostro; e allora noi potremo sfidare tutte le tempeste. Tu l’hai detto, Signore: «L’uomo saggio (…) ha costruito la sua casa sulla roccia. Cadde la pioggia, strariparono i fiumi, soffiarono i venti e si abbatterono su quella casa, ed essa non cadde, perché era fondata sopra la roccia»¹.

PREGHIAMO

O Dio, che con le sofferenze del tuo Figlio hai rialzato il mondo decaduto, concedi ai fedeli una perenne letizia e, dopo averli liberati dal pericolo della morte eterna, fa’ loro godere l’eterna felicità.

¹ Mt 7, 24-25.

1 commento:

  1. Pensierini della sera…e del mattino:

    Anonimo ha detto...
    La cronaca mainstream descrive il Covid come una terribile minaccia per la salute.
    I Governi e la Chiesa l’affrontano secondo i dettami della scienza.
    Tre sono le opzioni da prendere in considerazione, semplici e intuitive, di cui due in buonafede:
    1) - i governi e la chiesa hanno reagito come si deve;
    2) - i governi e la chiesa hanno esagerato e sbagliato;
    in pratica avrebbero reagito in preda al panico, assecondando suggeritori catastrofisti che hanno suggerito le misure adottate.
    3) - la terza implica invece che ci sia della malafede: i governi e la chiesa stanno mentendo e hanno altre ragioni per farlo: il panico è diffuso artatamente, rilanciato attraverso un martellante coro massmediatico, mirante a indottrinare, condizionare e minacciare.
    La questione del “great reset” pianificato dall’agenda 2030 è interessante: avere l’intenzione, da parte di potenti burattinai, di condurre il mondo intero nel porto del loro progetto non basta per dire che lo scenario si concretizzerà.
    Ha bisogno di “aiutini”.
    Questo virus ne ha tutti i connotati, per cui la sua pericolosità come malattia è infinitamente inferiore alla propedeutica al reset.
    Una cordigliera di denaro, potere e coercizione alimenta questo cancro che ha contagiato buona parte delle realtà istituzionali, comprese quelle religiose, cattolici inclusi.
    Persino la mitica democrazia è spazzata via imbrogliando qua e là le elezioni e attivando, promuovendo, rilanciando o sopendo e oscurando con grande tempismo le eventuali proteste di chi le inscena.
    Siamo in presenza di un inedito storico: il “colpo di globo”, un colpo di stato globale.
    Se qualcuno sente puzza di anticristo e falso profeta è difficile dargli torto.
    La scienza ha prestato argomenti, lasciando poi ai manipolatori di professione il compito di farne pseudoscienza e fantareligione, gonfiando i numeri o creando parametri e test necessari per dichiarare indispensabili le contromisure, facendone legge in barba alle costituzioni e alla normale giurisprudenza, diritto canonico e dottrina.
    I vaccini sono un ulteriore tassello sulla via del reset: è ingenuo scandalizzarsi per i profitti che ne derivano, o sui soldi che fanno circolare, poiché il busillis è ben altro.
    18 aprile 2021 18:20


    Anonimo ha detto...
    J.R.R. Tolkien, da "Lo Hobbit": "Saruman ritiene che soltanto un grande potere
    riesca a tenere il male sotto scacco.
    Ma non è ciò che ho scoperto io.
    Ho scoperto che sono le piccole cose…
    le azioni quotidiane della gente comune
    che tengono a bada l’oscurità (....)."


    La tirannia instauratasi non è costruita sulla forza. Non c'è stato nessun golpe militare, non è capeggiata da nessun leader carismatico e belligerante. Oggi la vera dittatura è quella del "comportamento". Un metodo di governo mellifluo, subdolo, che fa dell'autocontrollo e della minaccia la sua possanza. È questa la novità, è questo il suo perverso marchio di fabbrica. In questo contesto la condotta è perciò fondamentale. Ignorare, il più possibile, i dettami dell'autorità, i suoi metodi di rieducazione comportamentale, le sue astruse norme pseudoscientifiche, la sua vergognosa propaganda, diviene essenziale. Tutto ciò rappresenta l'embrione del cambiamento, la speranza di poter sovvertire il corso, che sembra segnato, degli eventi. La ribellione parte oggi, quindi, dai piccoli gesti, in apparenza insignificanti. La vera rivoluzione, il vero atto di ribellione che ci fa uscire dal gregge, sta proprio in questo. I "comportamenti" hanno più forza di quanto crediamo. Sono bussola, sono stella polare. Infondono, nella loro apparente semplicità, in noi stessi e nel prossimo il coraggio per affrontare le sfide quotidiane. Per camminare, a testa alta, tra le rovine del mondo moderno.
    19 aprile 2021 09:21

    RispondiElimina

L'inserimento senza moderazione dei commenti è limitato ai soli post usciti nella medesima giornata di inserimento e nel giorno precedente. Per i post più vecchi, i commenti saranno sottoposti a moderazione.
Qualora fosse attiva la moderazione, possono passare anche alcuni giorni prima del controllo da parte della Redazione.