Post in evidenza

MiL ha bisogno di voi lettori: DONAZIONI

A sx (nella versione per pc) e su palmare (voce " Donazione ") troverete la possibiltà di donare. Vi speghiamo il perchè.  Potrete...

mercoledì 3 marzo 2021

La mitra gemmata del Tesoro di San Gennaro

La Bellezza salverà il mondo e la povertà deve fermarsi prima dell'altare.
Luigi

Europa Cristiana, 27-12-20, Barbara Ferabecoli

Una meraviglia da togliere il fiato! La mitra di San Gennaro, realizzata agli inizi del XVIII secolo dal Maestro Matteo Treglia, console della Corporazione degli orafi di Napoli, è un capolavoro che nell’arco dei secoli non smette di sorprendere.
Nella sua abbagliante Bellezza infatti, si intreccia l’aspetto religioso, il significato simbolico e la ricchezza intrinseca dei materiali preziosi usati: l’oro, l’argento, le gemme.

Per la devozione al Santo, la Deputazione del tesoro di San Gennaro decise di arricchire il busto d’argento del XIII secolo con questa mitra, facendo fronte ad un impegno economico con pochi precedenti. Il maestro orafo aveva l’incarico di creare un bel progetto, di realizzare per il suo compimento le più ardite soluzioni tecniche e di usare oltre l’oro e l’argento, le pietre preziose più grandi, più pure, più belle.

Egli scelse i diamanti, la pietra preziosa per eccellenza, per le sue prerogative di lucentezza uniche. Gemma da sempre carica di significati e valenze misteriose, legata com’è anche a tradizioni simboliche per il suo significato che rappresenta la forza, vista l’impossibilità di essere scalfita, e per il rapporto della sua luce remota e misteriosa con la profondità dell’animo umano. Il diamante, infatti, risplende anche e straordinariamente nella penombra e, nella luce tremula delle candele, esprime al massimo la sua fantasmagoria di vibrazioni. I diamanti nella mitra non sono le gemme più grandi, ma quelle più numerose, quasi a formare un tappeto di luce sul quale si stagliano gli smeraldi, vera forza della composizione, suddivisi in un disegno simmetrico sul quale spicca la grande gemma centrale.

Agli smeraldi da sempre viene attribuita una valenza di regalità, a sancire l’unione tra la sacralità del Santo e il simbolo dell’eternità del potere. Gran parte degli smeraldi scelti per la mitra furono acquistati da mercanti spagnoli per cui ci troviamo di fronte ad una delle più belle collezioni di smeraldi maya al mondo.

Il rubino posto al centro, unanimemente nominato il “sangue di San Gennaro” per l’intenso colore rosso che si intensifica sotto i raggi del sole, rappresenta il colore porpora del martirio, e da sempre è considerata la pietra degli dèi , degli imperatori , dei re.

3692 diamanti, 198 smeraldi e 168 rubini, tutto questo sforzo, questa abbondanza di ricchezza per simboleggiare la sacralità dell’oggetto.

Nessun risparmio, uno sforzo sotto tutti i punti di vista al massimo della sua espressione, eppure non si ha l’impressione che questo “tanto“ sia “troppo”, la sua Bellezza valica ogni mera considerazione di semplice valutazione materiale, il suo significato cultuale e religioso va molto al di là, la sua Bellezza parla una lingua di devozione senza limiti, parla di adorazione, di preghiera, di ossequio, di amore.

Da Napoli a San Gennaro, dal devoto per il suo Santo, dal Cristiano per la sua Chiesa.

2 commenti:

  1. Sforzo? Forse è Sfarzo.

    RispondiElimina
  2. Ad Onor del vero bisogna precisare che chi detiene oggi il tesoro di San Gennaro è la Real Deputazione di Napoli, e non come si crede, l'Arcidiocesi di Napoli. Questa è un istituzione laica che fà pagare 15 Euro per ogni visitatore, nonostante, il Diritto Canonico vieta alcun pagamento per venerare le Sacre Reliquie. La Chiesa di Napoli più volte ha cercato di eliminare questo scempio. Ma i soliti giacobini comunisti radical chic al grido di " Che la Chiesa non metta le mani sul Tesoro del Santo Patrono del Popolo Napoletano" , ma che di fatto viene gestito da una ristretta Elitè Ateo e Giacobina.

    RispondiElimina

L'inserimento senza moderazione dei commenti è limitato ai soli post usciti nella medesima giornata di inserimento e nel giorno precedente. Per i post più vecchi, i commenti saranno sottoposti a moderazione.
Qualora fosse attiva la moderazione, possono passare anche alcuni giorni prima del controllo da parte della Redazione.