Post in evidenza

MiL ha bisogno di voi lettori: DONAZIONI

A sx (nella versione per pc) e su palmare (voce " Donazione ") troverete la possibiltà di donare. Vi speghiamo il perchè.  Potrete...

martedì 23 marzo 2021

Da ieri Mons. Lanzani congedato dalla Fabbrica di San PIetro e meno Messe a San Pietro. La protesta di Müller

A San Pietro ci sono movimenti sospetti. 
Dopo le recenti disposizioni sulle Messe individuali e quelle in rito antico (qui e qui) ci è giunta notizia dalle nostre fonti che ieri il Santo Padre ha ricevuto in udienza S. E. R.ma mons. Vittorio Lanzani, storico e competente delegato per la Fabbrica di San Pietro
Mons. Lanzani era arrivato in Basilica nel 1989 per ricoprire l’incarico anche di Commissario per la Tutela dei Monumenti Storici ed Artistici della S. Sede. 
Dal 17 novembre 2001, per nomina di Giovanni Paolo II, era Delegato della Veneranda Fabbrica di San Pietro di cui era Segretario, e per tale motivo era stato elevato in pari tempo alla Sede Vescovile titolare di Labico.
 Ieri, all’età di 70 anni (quindi ancora in età “lavorativa”), dopo una vita spesa in e per la Basilica di San Pietro viene congedato e allontanato per essere “confinato” a San Giovanni in Laterano come Canonico. 
Ennesimo atto di “pulizia”? Sembrerebbe di sì, giacché Sua Eccellenza può considerarsi una valida memoria storica della Basilica. Basilica che sta sempre più diventando un museo vuoto e freddo.  

E’ del medesimo avviso Tosatti  che traduce il resoconto della giornata di oggi in Basilica di S. Pietro, da parte Edward Pentin, sull'ukase contro la celebrazioni delle Messe individuali (soprattutto quelle tridentine) rivelato da MiL ( QUI QUI).
Luigi

22 Marzo 2021 

Carissimi Stilumcuriali, da oggi sono entrate in vigore nella basilica di San Pietro le nuove norme, emanate dalla Segreteria di Stato (cioè da un ufficio che non ha competenza sulla basilica) relative alla celebrazione delle messe. Il collega Edward Pentin, direttore del National Catholic Register ha fatto questo reportage, di cui abbiamo tradotto alcuni brani, rimandando chi conosce l’inglese all’originale. Buona lettura.
§§§

‘Come un museo’: Silenzio tombale nella Basilica di San Pietro quando entra in vigore la soppressione delle messe individuali.
Il Cardinale Gerhard Müller, prefetto emerito della Congregazione per la Dottrina della Fede, ha detto al National Catholic Register il 22 marzo che la direttiva avrà l’effetto di rendere il clero che lavora in Vaticano “più simile a dei funzionari e con meno identità sacerdotale”.Gli altari laterali della basilica di San Pietro erano quasi tutti privi del Santo Sacrificio della Messa questa mattina, poiché è entrata in vigore una direttiva del Vaticano che sopprime le messe individuali celebrate nella parte superiore della basilica.

Da oggi, i sacerdoti possono solo concelebrare le Messe nel corpo principale della basilica al mattino tra le 7 e le 9.30 ora di Roma – una rottura con l’usanza abituale di permettere ai singoli sacerdoti di celebrare liberamente la loro Messa quotidiana ai molti altari della basilica.

La Messa tradizionale in latino, finora consentita nel corpo principale della basilica, è stata celebrata questa mattina da un “sacerdote autorizzato” nella piccola Cappella Clementina, nella grotta sotto la basilica, come stabilito dall’istruzione del Vaticano del 12 marzo.

La direttiva…. (di cui il cardinale arciprete non era conoscenza, secondo nostre informazioni, nota di Stilum) è stata imposta in modo “top-down” senza alcuna consultazione, secondo una fonte vaticana informata che ha chiesto di rimanere anonima. Il cambiamento colpisce principalmente i funzionari sacerdoti che lavorano in Vaticano e che erano soliti celebrare le messe individualmente nei 45 altari laterali e nelle 11 cappelle della basilica prima di iniziare la loro giornata di lavoro.

“Sono molto arrabbiati”, ha detto la fonte al Register. “Pochissimi di loro sono qui ad unirsi alle messe concelebrate questa mattina per protesta contro i cambiamenti”, ha detto la fonte, aggiungendo che la possibilità di celebrare la messa individualmente nella basilica era una delle poche opportunità che i funzionari avevano di esercitare il loro sacerdozio.

I sacerdoti e i fedeli che verranno nella basilica per la messa potranno d’ora in poi partecipare solo a una delle quattro messe concelebrate ogni mattina, così come ad altre messe concelebrate durante il giorno agli altari principali.

La direttiva ha anche stabilito che le concelebrazioni devono avere l’assistenza di lettori e cantori, e che i gruppi di pellegrini accompagnati da un vescovo o un sacerdote devono ora celebrare la Messa nelle grotte vaticane sotto la basilica. I “sacerdoti autorizzati” sono ora autorizzati a celebrare la Messa nella Forma Straordinaria nella Cappella Clementina solo in quattro orari prestabiliti ogni mattina, limitati a 30 minuti.

In una dichiarazione del 13 marzo, il cardinale Raymond Burke, prefetto emerito della Segnatura Apostolica, il più alto tribunale della Chiesa, ha detto che la direttiva era in “diretta violazione della legge universale della Chiesa”, che ha violato i metodi standard per apportare modifiche alla Sacra Liturgia, e dovrebbe quindi essere “annullata immediatamente”.

Lui e altri critici della direttiva dicono che essa condiziona ingiustamente i sacerdoti a concelebrare le messe in violazione della loro libertà di offrire la messa individualmente. I fedeli di tutto il mondo che vengono nella basilica saranno anche ora quasi sempre limitati a prendere parte alle messe in italiano.

Il cardinale Gerhard Müller, prefetto emerito della Congregazione per la Dottrina della Fede, che ha osservato su The World Over di EWTN la scorsa settimana che la Segreteria di Stato non aveva né la competenza legale né teologica per prendere una tale decisione, ha detto al Register il 22 marzo che avrà l’effetto di rendere il clero che lavora in Vaticano “più simile ai funzionari e con meno identità sacerdotale”.

La direttiva, che ha detto essere un “documento spietato, autoritario, imposto senza consultazione o sinodalità”, rappresenta una “comprensione secolarizzata” della Messa come intrattenimento religioso, ignora “la tradizione spirituale cattolica del sacerdozio di celebrare la Messa ogni giorno”, ed è un’ulteriore prova della “auto-secolarizzazione della Chiesa”.

“È tutto molto superficiale”, ha detto, aggiungendo che è “assolutamente ovvio che questo documento è stato fatto da uomini anonimi che non sanno nulla di teologia cattolica”.

Il cardinale Müller ha detto che gli autori della direttiva “vogliono avere questo ‘raccoglimento e decoro’ ma non è la realtà”. Crede invece che stiano dando “un esempio totalmente cattivo a tutta la Chiesa, perché la Santa Romana Chiesa è Mater et Magistra, per tutta la Chiesa, e deve dare il miglior esempio della liturgia romana”.

Ha aggiunto che spera che non renda la basilica “sempre più simile a un museo”.

Scrivendo in Catholic World Report, George Weigel, illustre senior fellow dell’Ethics and Public Policy Center, ha previsto che “San Pietro sarà molto meno una casa di preghiera di quanto non fosse prima”, qualcosa che ha visto come “una grande tristezza, soprattutto in un momento in cui la Chiesa e il mondo hanno un gran bisogno della potenza dell’Eucaristia e della testimonianza di un’intensa pietà eucaristica”.

Non è ancora chiaro chi ci sia dietro la direttiva che è stata discussa per molti anni, ma ha coinciso con la partenza a febbraio del precedente arciprete, il cardinale Angelo Comastri, che era noto per essere resistente a un tale cambiamento. Fonti attendibili hanno detto al Registro che Papa Francesco ha autorizzato lui stesso con l’aiuto di uno dei suoi più stretti confidenti, il cardinale Beniamino Stella, prefetto della Congregazione per il Clero, e un certo numero di altri cardinali vicini al Santo Padre.

Il National Catholic Register ha chiesto alla Sala Stampa della Santa Sede, all’arcivescovo Peña Parra, e al suo superiore, il cardinale Pietro Parolin, Segretario di Stato vaticano, una spiegazione del cambiamento e di come è nato, ma non ha ancora ricevuto una risposta.

6 commenti:

  1. Scusate, ora non per fare i pignoli.. ma l'uso di celebrare più messe,anche contemporaneamente, sugli altari laterali, era tipico del pre-concilio, nel quale non erano previste concelebrazioni... Dal momento che il rito di Paolo VI le prevede, perché andare a celebrare contemporaneamente sugli altari laterali? Non mi sembra che si sia fatto quale abuso.. semplicemente la basilica di San Pietro si è allineata a pressoché tutte le altre chiese/basiliche, dove non esiste più l'uso di celebrare contemporaneamente sugli altari laterali, non essendoci necessità.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Nessun prete può essere obbligato a concelebrare, per cui questa disposizione mette in difficoltà chi legittimamente non lo vuole fare. Inoltre il sacrificio della Messa, in una concelebrazione, viene offerto una volta sola, anche se celebrata da tanti preti. Invece, celebrando la Messa singolarmente, ogni prete eleva il sacrificio a Dio, con maggiori frutti per tutta la Chiesa.

      Elimina
    2. Forse si stupirà di quanto sto per dire, ma tutto il mondo non parla italiano. Oltre alle ragioni teologiche delinate da Felice qui sopra, ce n'è una molto prattica: fin qui, i pellegrini di diverse nazionalità potevano recarsi a San Pietro, sapendo che abrebbero trovato uscendo dalla sagrestia un prete che celebrasse nella loro lingua. D'ora in poi sono costretti ad assistere a una Messa in una lingua sconosciuta — da parecchio tempo non ho letto i testi del Vaticano II, non mi ricordo se quella era l'intenzione dei redattori del Sacrosanctum Concilium?

      Elimina
    3. Questa fantomatica conclebrazione: un pastrocchio ordito dai novatori per non si sa bene quale misterioso motivo. Un atto inutile ed irrispettoso che ha, come unico frutto, quello di privare il mondo delle grazie associate ad ogni singola Messa (ovviamente cattolica) detta da ogni singolo prete.

      Elimina
  2. Mi dispiace molto per Monsignor Lanzani, che tutti conoscono per la sua intensa laboriosità ed umiltà, soprattutto i lavoratori di San Pietro, è evidente che qualcosa in tutto ciò non torna, i soliti giochi di potere all'interno della Chiesa...e scusate lui essendo Vescovo coadiutore non aveva diritto di successione come Arciprete?Forza Don Vittorio il suo paese Natale è con Lei

    RispondiElimina
  3. prima o dopo, e per fortuna direi, se c'è del losco viene scovato! non credo che certi provvedimenti vengano presi a sproposito, poco centra la messa in latino.. credo anzi siano scaturiti da ferme valutazioni.

    RispondiElimina

L'inserimento senza moderazione dei commenti è limitato ai soli post usciti nella medesima giornata di inserimento e nel giorno precedente. Per i post più vecchi, i commenti saranno sottoposti a moderazione.
Qualora fosse attiva la moderazione, possono passare anche alcuni giorni prima del controllo da parte della Redazione.