Post in evidenza

URGENTE APPELLO AI GRUPPI STABILI ITALIANI: comunicateci conferme o variazioni alle vostre Messe

ABBIAMO URGENTE BISOGNO DEL VOSTRO AIUTO!  Viste le ultime notizie sulla CEI e sulle risposte dei Vescovi  sul Summorum Pontificum i...

lunedì 19 ottobre 2020

Sulla famiglia e gay la CEI dovrebbe fare un giro in Polonia

Li mandiamo a ripetizione di buona dottrina i nostri Vescovi?
Luigi

Famiglia: mandiamo la CEI a ripetizione dalla CEP?

Documento dei vescovi polacchi: “Aiutare a ritrovare il normale orientamento sessuale”


La Conferenza episcopale polacca ha rilasciato alla fine di agosto un documento di 27 pagine sui temi LGTB +, annunciandolo anche con un comunicato in cui si sottolinea che le persone con sentimenti omosessuali devono essere rispettate, ma allo stesso tempo è necessario essere in disaccordo con l’ideologia di genere e riconoscere che si tratta di posizioni incompatibili con gli insegnamenti cattolici su sessualità, famiglia e diritti dei bambini, ad esempio.
Così come sintetizzate da Religion en libertad evidenziamo sette idee presenti nel documento.

1. La Chiesa è aperta al dialogo con tutti, comprese le persone LGTB +
I vescovi sottolineano che la Chiesa è aperta al dialogo con qualsiasi “uomo di buona volontà” che cerca la verità. Danno l’esempio di come Papa Francesco accoglie «le persone che si identificano con LGBT +, si rivolge gentilmente a loro, esprime comprensione per le loro inclinazioni, ma allo stesso tempo non evita di presentare chiaramente l’insegnamento della Chiesa sull’ideologia di genere e sulle pratiche contrarie alla natura e alla dignità umana».

2.La rivoluzione sessuale e l’ideologia di genere, contro la morale tradizionale
I vescovi polacchi segnano l’origine di questo conflitto ideologico nella «cosiddetta rivoluzione sessuale e nei cambiamenti culturali e morali che l’accompagnano» e nel «rifiuto della morale tradizionale». L’ideologia di genere sostiene «la priorità del sesso socioculturale rispetto al sesso biologico, così come lo sforzo per creare una società senza differenze di genere».

3. Dobbiamo creare centri che aiutino coloro che vogliono «ritrovare il loro naturale orientamento sessuale»
Il documento chiede che «di fronte alle difficoltà, alle sofferenze e alle lacrime spirituali che queste persone sperimentano, è necessario creare dei centri di consulenza (anche con l’aiuto della Chiesa o delle sue strutture) per aiutare le persone che vogliono ritrovare l’orientamento sessuale naturale».

4.Tutte le persone devono essere rispettate: il comportamento aggressivo è inaccettabile
I vescovi difendono «il rispetto per tutte le persone, comprese le persone che si identificano con LGBT +» e che «qualsiasi atto di violenza fisica o verbale, qualsiasi forma di comportamento violento e aggressione nei confronti delle persone LGBT + è inaccettabile». Ma, contemporaneamente, devono essere rispettati anche i sentimenti religiosi, i principi morali e di ordine pubblico degli altri membri della società.

5.La Chiesa si opporrà all’ideologia di genere
La Chiesa si pronuncerà sempre contro l’ideologia di genere. All’interno di questa ideologia c’è la strategia di etichettare come «omofobi e discriminatori» tutti coloro che si oppongono al matrimonio tra persone dello stesso sesso, e dichiarare che le società tradizionali praticano «la normatività eterosessuale oppressiva». Questa ideologia nega ulteriormente la complementarità tra uomini e donne e «almeno implicitamente mina la loro vocazione genitoriale». I vescovi ricordano che «la Chiesa non può accettare l’estensione del concetto di matrimonio e famiglia alle unioni dello stesso sesso».

6.Esiste una strategia LGTB + per cambiare le società
I movimenti LGBT + propongono di utilizzare il metodo dei piccoli passi volti a forzare una lenta trasformazione culturale attraverso la graduale familiarizzazione della società con comportamenti che fino a poco tempo fa erano considerati inaccettabili e moralmente riprovevoli. Anche «alcuni social network sostengono questi progetti diffondendo l’ideologia di genere», denunciano i vescovi polacchi. Questi movimenti vogliono trasmettere la loro ideologia ai bambini attraverso un’educazione sessuale ideologica già nella scuola primaria.

7.La Chiesa accoglierà le persone ai sacramenti, ma non gli “atteggiamenti transgender”
La Chiesa non riconosce il cambio di genere di una persona solo perché ha ricevuto documenti civili o perché ha eseguito un intervento chirurgico (che considera solo un atto di mutilazione). La Chiesa ritiene che il sesso genetico sia quello reale. Quando battezza i bambini, non accetterà nomi che non siano coerenti con il sesso reale, né manterrà il sesso “indefinito” nei registri parrocchiali in attesa che il bambino cresca e «definisca se stesso». La Chiesa accetta di battezzare gli adulti che in passato potrebbero aver subito un cosiddetto “cambio di genere” a condizione che durante il catecumenato questa persona accetti la visione cattolica sul cambio di sesso. «Dato che la riassegnazione chirurgica del sesso genitale è irreversibile, dovrebbe essere richiesto un pentimento sincero». Non rendere difficile per queste persone (pentite) l’accesso ai sacramenti. Sarà impedito a coloro che cercano ambiguità (come sposare qualcuno dello stesso sesso, nascondere il vero sesso, ecc …). (fonte originale in polacco)

da: http://www.iltimone.org/news-timone/episcopato-polacco-aiutare-a-ritrovare-il-normale-orientamento-sessuale/

4 commenti:

  1. Bisognerebbe, a mio avviso, (fermo restando l'assoluto rispetto, accoglieza, per persone che molto spesso soffrono in maniera davvero grave, anche per la mancanza di tatto di certuni cattolici) dicevo, bisognerebbe coinvolgere anche e soprattutto le scienze umane in tutto ciò, mostrare come la psicologia, in passato, ma anche oggi, parli delle cause, dell'origine dei sentimenti omosessuali che sovente vanno rintracciati nella mancanza di relazioni sane e costruttive avvenute all'interno della famiglia. L'omosessualità come risposta (inconsapevole) a traumi e ferite ricevuti. Un buon lavoro di collaborazione tra teologia e scienze umane potrebbe fare maggior luce su una tematica che è molto spinosa, e che non si può risolvere semplicemente dicendo "questo non si fa, fine".

    RispondiElimina
  2. Al mondo ci sono un numero davvero alto di omosessuali brave persone e onesti cittadini smettetela con questo accanimento contro gli omosessuali per favore

    RispondiElimina
  3. La famiglia ha senso se è eterosessuale e spirituale. Famiglie omosessuali, famiglie eterosessuali materiali sono entrambe generatrici di caos e sofferenza. Gli artisti spesso sono omosessuali, non gli vanno dati tutti quei soldi che poi comprano i bambini. Gli artisti sono la casta più bassa a livello spirituale. Hanno buone qualità creative ma non sul piano morale ahimè.

    RispondiElimina
  4. L'omosessualità va combattuta, senza se e senza ma. È una patologia, e oggi viene strumentalizzata per cancellare il maschile e il femminile, per cancellare le diversità fondamentali. È in atto un processo di devirilizzazione e di distruzione della psiche per renderci servi, per impedire la ribellione, ci vogliono deboli e acquiescenti. L'ostentazione dell'omosessualità (vedasi i media) è funzionale a questa sterilizzazione; per consolidare la dittatura indeboliscono chi, potenzialmente, può reagire invocando un mondo sano.

    RispondiElimina

L'inserimento senza moderazione dei commenti è limitato ai soli post usciti nella medesima giornata di inserimento e nel giorno precedente. Per i post più vecchi, i commenti saranno sottoposti a moderazione.
Qualora fosse attiva la moderazione, possono passare anche alcuni giorni prima del controllo da parte della Redazione.