Post in evidenza

URGENTE APPELLO AI GRUPPI STABILI ITALIANI: comunicateci conferme o variazioni alle vostre Messe

ABBIAMO URGENTE BISOGNO DEL VOSTRO AIUTO!  Viste le ultime notizie sulla CEI e sulle risposte dei Vescovi  sul Summorum Pontificum i...

domenica 4 ottobre 2020

7.000 ore di canto gregoriano in un’unica app

Una bella notizia per i nostri lettori amanti del canto gregoriano.
Sacrosanctum Concilium 116: "La Chiesa riconosce il canto gregoriano come canto proprio della liturgia romana: perciò nelle azioni liturgiche, a parità di condizioni, gli si riservi il posto principale".
Luigi

Il Timone, 2-10-20
In un momento in cui le persone si rivolgono alla musica per trovare conforto, un uomo si sta assumendo l’enorme compito di portare l’intero canto gregoriano al mondo, gratuitamente.
Ogni giorno, per tre anni, il musicista statunitense John Anderson registra il canto quotidiano di una comunità di 45 suore, che vivono in clausura presso l’Abbazia di Notre-Dame de Fidélité di Jouques, vicino ad Aix-en Provence, nel sud della Francia.
Ha installato microfoni nella cappella dell’abbazia e alla fine di ogni giornata l’audio viene caricato su un’unità remota, consentendo la registrazione senza interrompere lo stile di vita delle suore.
Il risultato sono 7.000 ore di canti che compongono l’intero repertorio gregoriano, alcuni dei quali mai registrati prima.

Cos’è il canto gregoriano?
Il canto gregoriano, che ha avuto origine nell’VIII secolo, segue la regola di San Benedetto, in cui la giornata è suddivisa in lavoro manuale e intellettuale, preghiera e riposo, a partire dalle 5 del mattino con il canto del mattutino.
Parlando a Classic FM della sua visita all’abbazia, Anderson dice: «Per alcuni giorni mi svegliavo alle 5 del mattino e cercavo di seguire la loro vita e capire perché lo facevano. È estremamente bello. Trascorrono metà della giornata in chiesa, pregando e cantando. E lo fanno tutti i giorni dell’anno, per tutta la vita. È come una lunga canzone. Riempie il tempo ma ne definisce anche la forma».
Anderson si è reso conto che «Queste non sono le preghiere personali delle suore, sì, sono di clausura e tagliate fuori dal mondo, ma sono qui per noi. La loro vita è in preghiera per tutti noi. Quando cantano questi canti, lo fanno per noi. Una preghiera comune, non una preghiera personale. È una preghiera che offrono a nome di tutta l’umanità».

Il senso del tempo
«Il senso del tempo in un monastero e nel canto è simile a quello che stiamo vivendo tutti in questo periodo», dice. «Tutto è regolare, e mentre un giorno può sembrare molto lungo, tre mesi possono sembrare una settimana. Perdi la prospettiva di dove ti trovi nel tempo. Le suore trascorrono metà della giornata in chiesa, pregando e cantando. E lo fanno tutti i giorni dell’anno, per tutta la vita. È come una lunga canzone, ed è sempre una buona lezione per le persone», aggiunge, scherzando: «Le suore sono esperte in quarantena».

Cosa fa l’app Neumz?
Nell’applicazione Neumz, i canti sono raccolti in un’unica risorsa insieme alle partiture, ai testi latini e alle traduzioni del canto gregoriano completo.
Neumz prende il nome dai graffi che si trovano sopra il testo in una partitura di un canto gregoriano: neumes che letteralmente significa “respiri”. Era il modo in cui le persone leggevano la musica prima che venissero inventati i pentagrammi moderni..
I fondi raccolti tramite questa applicazione saranno devoluti per due terzi alle Suore, per sostenere loro e la loro fondazione, Notre Dame de l’Ecoute in Benin.

Neumz è disponibile online come web app.

Nessun commento:

Posta un commento

L'inserimento senza moderazione dei commenti è limitato ai soli post usciti nella medesima giornata di inserimento e nel giorno precedente. Per i post più vecchi, i commenti saranno sottoposti a moderazione.
Qualora fosse attiva la moderazione, possono passare anche alcuni giorni prima del controllo da parte della Redazione.