Post in evidenza

URGENTE APPELLO AI GRUPPI STABILI ITALIANI: comunicateci conferme o variazioni alle vostre Messe

ABBIAMO URGENTE BISOGNO DEL VOSTRO AIUTO!  Viste le ultime notizie sulla CEI e sulle risposte dei Vescovi  sul Summorum Pontificum i...

venerdì 24 luglio 2020

Svizzera: Ostie consacrate in scatolette di carta che i fedeli possono prendere per comunicarsi a casa...

Abbiamo visto ieri che negli USA, in una parrocchia cattolica di Minneapolis, il parroco distribuiva la Ostie consacrate in sacchetti di plastica che i fedeli potevano prendere alla fine della Messa per una "comunione take-away". 

Ma già in Svissera, in aprile 2020, erano arrivati a una cosa simile, sempre "per colpa" del coronavirus. Leggiamo da LifeSiteNews "Ostie consacrate da portare a casa per la Comunione", un cartello scritto a mano indica accanto a una ciotola contenente dozzine di scatole di fiammiferi con l'Eucaristia". Con l'approvazione della Conferenza episcopale elvetica. 

La cosa assurda è che sono davvero convinti di fare bene: se non è colpa del demonio questo... 
Qui sotto l'articolo (traduzione google). 

Roberto


A Stans (Canton Nidvaldo, Svizzera, 21 aprile 2020) - Diverse chiese cattoliche in Svizzera offrono Ostie consacrate "preconfezionati" ai fedeli, da prendere, e portare via, per e consumarle a casa. E ciò a seguito del divieto delle Messe pubbliche durante la pandemia
di coronavirus. Le particole consacrate, che, come credono i cattolici, sono il corpo, il sangue, l'anima e la divinità di Gesù Cristo, sono messe in piccoli contenitori che sembrano una scatola di fiammiferi e sono fatti di carta.

Il sito web ufficiale della Conferenza episcopale svizzera ha riferito della pratica in una luce favorevole, senza porre domande sulla sua adeguatezza.

Ogni domenica, l'ex chiesa cappuccina di Stans, un villaggio a sud di Zurigo, in Svizzera, mette una ciotola dozzine di pacchetti di scatole di fiammiferi ontenenti un'Ostia consacrata, su un tavolo di fronte al santuario.

"Ostie consacrate da portare per la Comunione a casa", recita un cartello scritto a mano. La chiesa parrocchiale di Stans e una chiesa in un altro luogo non lontano offrono un servizio simile.

Secondo l'articolo sul sito Web dei vescovi svizzeri, le chiese non hanno chiesto l'approvazione della diocesi di Coira. Tuttavia, hanno sottolineato di attenersi alle norme emanate dal governo locale, compresi i requisiti di allontanamento sociale.

Tuttavia, sembra che non stiano seguendo allo stesso modo un certo numero di regole della Chiesa.

L' Istruzione Generale del Messale Romano , scritta sotto Papa Giovanni Paolo II nel 2002, discipina i vasi sacri che devono contenere il corpo consacrato e il sangue di Cristo.

I vasi sacri dovrebbero essere realizzati in metallo prezioso. Se sono fatti di metallo che arrugginisce o di un metallo meno prezioso dell'oro, dovrebbero generalmente essere dorati all'interno”, sottolinea il documento.

Le Conferenze episcopali possono emettere le proprie eccezioni a questa regola, ma non viene mai menzionato il documento. [...]

L'Istruzione Redemptionis Sacramentum, approvata da Papa Giovanni Paolo II e pubblicata dalla Congregazione per il Culto divino e la Disciplina dei Sacramenti nel 2004, parla dell'accoglienza della Comunione nella mano.

Sebbene ogni fedele abbia sempre il diritto di ricevere la Santa Comunione sulla lingua, a sua scelta, se un comunicatore desidera ricevere il sacramento in mano, nelle aree in cui la Conferenza episcopale con il riconoscimento della Sede Apostolica ha dato il permesso, l'Ostia sacra deve essere amministrato", afferma l'istruzione.

Il punto successivo riguarda anche alle "scatolette di fiammiferi". “Tuttavia, si dovrebbe prestare particolare attenzione a garantire che l'Ostia sia consumata dal comunicando in presenza del ministro, in modo che nessuno se ne vada portando la specie eucaristica in mano. Se c'è il rischio di profanazione, allora la Santa Comunione non dovrà essere data nella mano ai fedeli ”.

Probabilmente, il rischio di profanazione è enorme, dato che nessuno sa cosa potrebbero fare le persone che prendono un'Ostia consacrata da una chiesa. Possibile l'uso durante una messa nera satanica - una farsa celebrazione (in versione blasfema) della Messa cattolica che di solito include la profanazione di un'Ostia consacrata rubata da una chiesa cattolica - non può essere escluso.

Anche se l'Eucaristia fosse comunque ricevuta da fedeli cattolici adeguatamente disposti, la domanda rimane: cosa fare con l'imballaggio. Piccole particelle dell'Ostia consacrata, che, secondo l'insegnamento cattolico, contengono ancora il corpo, il sangue, l'anima e la divinità di Nostro Signore Gesù Cristo, potrebbero rimanere nella "scatola di fiammiferi". Pertanto, sarebbe inappropriato semplicemente gettare via la confezione.

"I vasi sacri vengono purificati dal Sacerdote, dal Diacono o da un accolito istituito dopo la Comunione o dopo la Messa, per quanto possibile al tavolo della credenza", sottolineano le rubriche per la Santa Messa, secondo l' Istruzione Generale del Romano Messale .

La purificazione del calice viene effettuata con acqua da sola o con vino e acqua, che viene quindi consumata da chiunque esegua la purificazione. La patena viene pulita come al solito con il purificatore." Questo è però impossibile con un piccolo contenitore fatto di carta...

L'unico motivo fornito dalle chiese svizzere per l'utilizzo di imballaggi di carta era che "la carta è più utile del metallo in termini di diffusione del virus". Inoltre, non ci sono tante teche fatte di metallo quanti ne sarebbero necessari.

Marino Bosoppi-Langenauer, identificato dal sito web ufficiale della Conferenza episcopale svizzera solo come un “ministro” (Seelsorger), ma non come un sacerdote, ha affermato che solo il sabato santo sono stati dalla chiesa presi 70 pacchi di scatole di fiammiferi contenenti l'Ostia consacrata.

Ha anche detto che altre parrocchie in Svizzera stanno pensando di fornire un servizio simile. “Abbiamo ricevuto molte richieste dai fedeli che desideravano ricevere l'Eucaristia. Abbiamo quindi deciso di rendere possibile la Comunione in questo modo”, ha detto Bosoppi-Langenauer del ragionamento in Stans.

8 commenti:

  1. Gli svizzeri possono diventare bizzarri e maniacali ogni tanto, ma la Svizzera rimane uno tra i pochi Paesi dove è possibile vivere in grazia di Dio: natura, cibo biologico, ecologia, se la donna ha i figli può non lavorare e stare a casa perché uno stipendio solo è sufficiente, funziona tutto, rispetto del libero arbitrio nei limiti, donne e uomini poco lussuriosi. Infatti è anticristiano che le donne con figli piccoli vadano a lavorare. Un matrimonio dove l'uomo non può mantenere una famiglia è un matrimonio truffa e disordinato.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bizzarri sono i modernisti fanatici, mica gli Svizzeri. Infatti è il paese con la maggior presenza della FSSPX.

      Elimina
    2. Concordo pienamente.

      Elimina
  2. Non c’avete proprio niente da fare...

    RispondiElimina
  3. No so che dire, certamente in periodo di covid ho sentito tanto dolore nel non poter fare la comunione. Mi è mancato questo cibo che sostiene il mio cammino e la mia fatica. Io non so valutare speriamo che il Signore possa aiutarci senza inveire ma con amore a capire il bene e il male.

    RispondiElimina
  4. Continuiamo così è poi non lamentiamoci delle conseguenze.Il Signore sistemera'ogni cosa.Basta aspettare.

    RispondiElimina
  5. Ci sono due ordini di problemi Uno riguarda il rito nella sua sacralità e l'altra riguarda l'essenza delle presenze del corpo e sangue di Cristo nella sua totalità in ogni paticola o parte di essa. Il rito sottolinea la divinità desacramentalizzando il rito il fedele È sempre meno portato verso l'essenza dello stesso. Portarsi a casa un pezzettino di pane in un sacchettino take away assomiglia più ad andare a fare la spesa piuttosto che a partecipare ho un rito religioso.

    RispondiElimina

L'inserimento senza moderazione dei commenti è limitato ai soli post usciti nella medesima giornata di inserimento e nel giorno precedente. Per i post più vecchi, i commenti saranno sottoposti a moderazione.
Qualora fosse attiva la moderazione, possono passare anche alcuni giorni prima del controllo da parte della Redazione.