Post in evidenza

URGENTE APPELLO AI GRUPPI STABILI ITALIANI: comunicateci conferme o variazioni alle vostre Messe

ABBIAMO URGENTE BISOGNO DEL VOSTRO AIUTO!  Viste le ultime notizie sulla CEI e sulle risposte dei Vescovi  sul Summorum Pontificum i...

giovedì 23 luglio 2020

Lula da Silva: il mio partito (pro aborto) non esisterebbe senza la teologia della liberazione

Cos'altro aggiungere...

"Il cattolicesimo democratico fa ciò che il socialismo non potrebbe: amalgama, ordina, vivifica e si suicida."

(Antonio GRAMSCI)
Roberto

Da Il Timone del 09.07.2020

In una recente videoconferenza l’ex presidente brasiliano Luis Inácio Lula da Silva ha assicurato all’ecologista e ex sacerdote Leonardo Boff che il suo gruppo politico il Partito dei lavoratori (PT) non esisterebbe senza la controversa teologia della liberazione. L’incontro tra Boff, il cui lavoro è stato condannato dalla Santa Sede negli anni ’80, e Lula da Silva, il cui partito sostiene istituzionalmente la causa del femminismo e dell’aborto, si è tenuto il 1° luglio ed è disponibile su YouTube.


Boff ha affermato che l’ex presidente del Brasile, sul quale pesa ancora una pena di 17 anni e un mese di carcere per i crimini di corruzione e riciclaggio di denaro, è un «leader politico e religioso». Da parte sua, Lula da Silva ha assicurato che «il PT non esisterebbe se non fosse per la teologia della liberazione. Il PT non esisterebbe come esiste se non fosse per le comunità ecclesiali di base. Io, che ho viaggiato in tutto il Brasile per costruire questo partito, conosco il valore di un prete progressista», ha detto il politico brasiliano, aggiungendo che «le comunità ecclesiali di base (CEB) non si sono unite al PT, il CEBS ha fondato le celle del PT».

Sul suo sito web, il gruppo politico di Lula da Silva ricorda di essere stato «il primo partito in Brasile a istituzionalizzare la lotta LGBT internamente». Sottolinea inoltre che è stato il primo partito a presentare un candidato gay e una candidata lesbica, Virginia Figueiredo, che ha promesso «di difendere l’aborto (diritto all’aborto) e tutto ciò per cui una femminista avrebbe combattuto». In un altro articolo incluso nel sito web del partito di Lula da Silva, Juliana Cardoso, una delle sue militanti, assicura che «oggi è il giorno della lotta delle donne per il diritto di decidere sul proprio corpo (…). Noi donne non rifuggiremo dalla lotta per legalizzare l’aborto».

Le comunità ecclesiali di base sono emerse sul finire degli anni ’60 e si sono distinte come una forma alternativa di organizzazione pastorale per le parrocchie, con il sostegno di alcuni vescovi brasiliani. Tuttavia, con la loro crescente partecipazione ai movimenti sociali, le comunità di base della chiesa, sotto la guida di un altro noto teologo della liberazione, il domenicano Frei Betto, divennero nicchie per la diffusione del marxismo culturale nella chiesa.

Lula da Silva ha anche assicurato che il suo rapporto con Leonardo Boff e i membri dell’episcopato brasiliano negli anni ’70 e ’80 è stato importante per la genesi del suo partito. «Era il rapporto con te e con gli altri compagni della Chiesa, come sacerdoti… Era il rapporto che avevo con Don Claudio Hummes, Don Angélico, Don Evaristo Arns, Don Luciano Mendes e migliaia di movimenti sociali che mi hanno reso quello che sono», ha dichiarato l’ex presidente condannato per corruzione e riciclaggio di denaro.

Il cardinale Claudio Hummes era vescovo di Santo André, nello stato brasiliano di San Paolo, dove nacque il movimento sindacale a cui apparteneva Lula da Silva. Fu quindi nominato arcivescovo di San Paolo e alla fine andò in Vaticano come prefetto della Congregazione per il clero. Il cardinale Hummes, 85 anni, è attualmente presidente della Rete ecclesiale panamense (REPAM) e della Conferenza ecclesiale dell’Amazzonia di recente creazione. Il cardinale è un noto difensore dell’ordinazione degli uomini sposati e promuove la creazione di un rito amazzonico per la liturgia. Un altro prelato citato da Lula da Silva è il vescovo di Blumenau, Mons. Angélico Sandalo, che ha tenuto una liturgia di massa in onore dell’ex presidente brasiliano poche ore prima che fosse imprigionato, nell’aprile 2018. Ha anche menzionato il vescovo Paulo Evaristo Arns, arcivescovo emerito di San Paolo; e Mons. Luciano Mendes, defunto Arcivescovo di Mariana. Insieme al vescovo Helder Camara, defunto arcivescovo emerito di Olinda e Recife, furono alcuni dei principali esponenti della teologia della liberazione in Brasile.

«Sono in politica come un giovane figlio del movimento sindacale, dei movimenti sociali, un giovane figlio di teologia della liberazione», ha detto Lula da Silva. Non è la prima volta che Lula da Silva stabilisce una connessione tra la teologia della liberazione e l’origine del suo partito, che è sempre stata identificata con lotte contrarie a ciò che difende la Chiesa cattolica, come il matrimonio “gay”, il femminismo. radicale e il falso “diritto” all’aborto. In un video registrato su un volo privato, quando era ancora presidente, Lula da Silva fece un confronto tra lui e Lech Walessa, ex presidente cattolico della Polonia. Lì disse che Walessa era presidente della Polonia perché era «il frutto della Chiesa conservatrice», mentre lui era «il frutto della teologia della liberazione». (Fonte)

1 commento:

  1. Ormai le carte sono scoperte e non si devono nemmeno più nascondere: intesa perfetta tra i vescovi e preti progressisti affossatori della Chiesa cattolica che hanno occupato tutto in barba a duemila anni di Fede e politici social-comunisti da sempre odiatori di Dio e della vita. È così in Italia, non vedo perché dovrebbe essere diverso in Brasile.

    RispondiElimina

L'inserimento senza moderazione dei commenti è limitato ai soli post usciti nella medesima giornata di inserimento e nel giorno precedente. Per i post più vecchi, i commenti saranno sottoposti a moderazione.
Qualora fosse attiva la moderazione, possono passare anche alcuni giorni prima del controllo da parte della Redazione.