Post in evidenza

Un parroco in Diocesi di Fidenza coraggioso sulla S. Comunione in bocca

L'arciprete di Castelvetro e Croce S. Spirito (PC), in Diocesi di Fidenza ma alle porte di Cremona, spiega perchè darà la S. Comu...

domenica 15 marzo 2020

Il Papa a piedi per le strade di Roma: finalmente!

Finalmente. Ci ha veramente toccato vedere il S. Padre camminare tra le vie deserte e disperate di Roma.
Auspichiamo che tanti altri vescovi, prelati e anche sacerdoti si facciano vedere tra i loro fedeli.
Nel caso se ne fossero dimenticati, noi siamo il Santo Popolo di Dio (Concilio Vaticano II, se qualcuno di loro se ne fosse dimenticato).
Luigi

La Repubblica, 15-3-20
Questo pomeriggio Papa Francesco ha lasciato il Vaticano in forma privata e si è recato in visita alla Basilica di Santa Maria Maggiore, per rivolgere una preghiera alla Vergine, Salus populi Romani. "Successivamente, facendo un tratto di Via del Corso a piedi, come in pellegrinaggio, il Santo Padre ha raggiunto la chiesa di San Marcello al Corso" per pregare per "la fine della pandemia". Lo riferisce il direttore della sala stampa vaticana Matteo Bruni.
Oggi dunque, poco dopo le 16, Papa Francesco è andato prima a Santa Maria Maggiore poi, percorrendo anche un tratto a piedi nella chiesa di San Marcello al Corso, dove si trova il Crocifisso miracoloso che nel 1522 venne portato in processione per i quartieri della città perché finisse la 'Grande Peste' a Roma.

"Con la sua preghiera - riferisce il portavoce vaticano Matteo Bruni -, il Santo Padre ha invocato la fine della pandemia che colpisce l'Italia e il mondo, implorato la guarigione per i tanti malati, ricordato le tante vittime di questi giorni, e chiesto che i loro familiari e amici trovino consolazione e conforto. La sua intenzione si è rivolta anche agli operatori sanitari, ai medici, agli infermieri, e a quanti in questi giorni, con il loro lavoro, garantiscono il funzionamento della società". Il pontefice è rientrato in Vaticano verso le 17.30.

Un Papa che non si blinda, dunque, anche se le migliaia di pellegrini che da sempre affollano il Triduo pasquale in Vaticano quest'anno non ci saranno. Le modalità delle celebrazioni in Vaticano sono ancora "da valutare" ma una cosa è certa: nessuno potrà chiedere i biglietti per partecipare alle messe di quei giorni. Se ci sarà qualcuno, nel rispetto delle distanze di sicurezza, saranno solo alcuni sacerdoti, suore o addetti vaticani, un pò come avviene in questi giorni per la messa a Santa Marta. Resta confermato che ogni momento della Settimana Santa del Papa sarà trasmesso in tv, radio e web.

Una Pasqua dunque che si preannuncia diversa per tutti e anche per il Papa della 'Chiesa in uscita' che pure oggi, al termine dell'Angelus dalla Biblioteca, non aveva resistito al saluto e alla benedizione della finestra del Palazzo apostolico. Un 'abbraccio' ad una piazza San Pietro completamente vuota. Nel corso della preghiera mariana il Papa ha voluto dare, anche se da lontano, una 'carezza' ai tanti sacerdoti in prima linea, come in Lombardia, la regione più colpita in Italia dall'emergenza coronavirus. "Grazie tante per tutto lo sforzo che ognuno di voi fa per aiutare questo momento tanto duro" ha detto rivolto a chi è accanto ai malati e alle persone fragili.

Il pensiero in particolare al vescovo di Milano, mons. Mario Delpini, "arcivescovo vicino al suo popolo". Il pontefice ha parlato anche della "creatività dei sacerdoti: tante notizie mi arrivano dalla Lombardia su questa creatività. E' vero, la Lombardia è stata molto colpita" ma ci sono "sacerdoti che pensano mille modi di essere vicini al popolo perché il popolo non si senta abbandonato. Sacerdoti con lo zelo apostolico che hanno capito bene che in tempi di pandemia non si deve fare il don Abbondio".

17 commenti:

  1. La solita sceneggiata. Siccome non può parlare di accoglienza e di migranti si è chiuso in un mutismo inconcepibile. Ma ci avete fatto caso che non ha mai invitato a pregare ?.

    RispondiElimina
  2. Perché non pregava mentre camminava ? Si vergognava di essere considerato un medievale ? O ha voluto dare il segnale che pregare è superfluo ?

    RispondiElimina
  3. avere una idea fissa di una persona e prostrarsi a tale idea è peccato di idolatria. questa gente che attacca sempre e comunque il Papa è idolatra di una idea fissa che non corrisponde alla realtà. manicheisti

    RispondiElimina
    Risposte
    1. "Avere un'idea fissa di una persona"? E se fosse questa persona ad avere un'idea fissa che stravolge il messaggio di Cristo? "Un'idea fissa che non corrisponde alla realtà"? Ma lei dove vive? O fa parte della grande schiera dei "buoni" e "misericordiosi" che a ogni pie' sospinto bacchettano i cattivi e idolatri?

      Elimina
    2. IL MESSAGGIO DI CRISTO Ci INVITA A PERDONARE E AD ACCOGLIERE OPPURE No? Accogliere non vuol dire che tutto va bene. Accogliere i peccatori non vuol dire accogliere il peccato, ma allontanare il peccato perché il peccatore si converta. GESÙ stava a mensa con pubblicani e peccatori, si accostavano a Lui le prostitute, lo cercavano i poveri. Due ladroni a fianco aLui sul calvario ed uno è perdonato perché sa riconoscere Gesù. Non sono i sani che hanno bisogno del medico ma sono i malati. Noi tutti siamo malati di un Virus grande che è il peccato che ci acceca di orgoglio e di ipocrisia. Chi è carico di livore e attacca gli altri vive in questo mondo prepotente e malvagio, chi segue Cristo vive per il Regno di Dio. Alla fine saremo giudicati sull'Amore. Legga anonimo 16 marzo 14.23 1 corinzi 13.

      Elimina
    3. La solita tiritera (fuorviata e fuorviante) di Gesù che "accoglieva" i peccatori. Un po' più di prudenza nel citare le Sacre Scritture, ammesso che uno abbia davvero compreso cosa c'è scritto, non farebbe male. Guardi, 23:52, che ognuno può far dire alle Sacre Scritture quello che vuole. Potrei citarle numerosi passi nei quali altro che "accoglienza": vi si parla di fuoco della geenna, di pietre attaccate al collo, pianto e stridore di denti etc. etc. etc. Perciò bisognerebbe piantarla di confezionarsi il Gesù che più fa comodo. A partire dalle alte sfere ecclesiastiche.

      Elimina
  4. Che fine hanno fatto gli idoletti amazzonizi, benedetti da Bergoglio, che ingannano quei popoli e vengono legittimati e messi al posto della Croce di Cristo e della sua Chiesa !?!. Folgorazione sulle strade deserte di Roma come su quelle di Damasco ??. "Spes ultima dea !! "

    RispondiElimina
  5. Immagine desertica della "chiesa in uscita" e "ospedale da campo". Che pianto!

    RispondiElimina
  6. Purtroppo l'aver imposto come morale universale della Chiesa Cattolica la, condannata dal Sant'Uffizio, Etica della Situazione, l'aver dichiarato Volontà di Dio che il Cristianesimo sia una religione fra le altre, e l'aver adorato in mondovisione un Idolo (Pachamama), trasgredendo così il primo e massimo Comandamento, non si cancellano con una passeggiata per le vie di Roma...

    RispondiElimina
  7. Guardate cosa ha fatto il parroco di Sant'Agata a Palermo: ha portato il Signore nell'ostensorio per le strade del suo quartiere... prima che il papa uscisse dal Vaticano

    RispondiElimina
  8. Ma che papa è questo ? Doveva invitare alla conversione, a recitare il rosario, a fortificare la propria fede, a vivere secondo la Legge di DIO, richiamare i 10 Comandamenti e gli Evangeli, invece che fa una passeggiata triste e solitaria per le vie di Roma, che delusione !

    RispondiElimina
  9. don Chisciotte16 marzo 2020 13:23

    Viviamo tempi difficili ma ancor di più strani. Molto strani. Il Papa, che dovrebbe essere una Pietra (sulle orme di Pietro) si presenta da anni come una sorta di sottilissimo liquido quasi impalpabile che fluisce senza una vera direzione. O forse una direzione ce l'ha, ossia quella di rendere liquido e impalpabile il Cattolicesimo. Non per nulla sono sue le parole: "Dio non è cattolico", un'enormità, detta dal Pontefice della Cattolicità, che fa sospettare due sole diagnosi: o uno squilibrio psichico più o meno latente oppure un disegno lucido di cambiare tutte le carte in tavola per inaugurare un nuovo gioco, ossia una nuova religione: una religione tutta misericordia e niente giustizia. Inquietante! davvero inquietante!

    RispondiElimina
  10. Invitiamo la redazione o qualche sacerdote a promuovere una petizione al Presidente della Repubblica o al Presidente del Consiglio Conte, e ai vari sindaci di procedere ad una solenne consacrazione alla Madonna a cui si uniscano i fedeli, come già hanno fatto alcuni sindaci.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Una petizione al democristiano Mattarella o al "nuovo umanista" Conte per una consacrazione alla Madonna? Apprezzo il suo pensiero, caro 15:13, ma la vedo dura, anzi impossibile. Ormai l'Italia è un paese laicista, cattocomunista e lgbt. Per di più abbiamo un papa misericordioso che tutto "discerne" (per avallare) e crede che Gesù in un certo punto del Vangelo abbia "fatto lo scemo" (parola di papa). Stiamo messi male, caro 15:13. Molto, molto male.

      Elimina
  11. In via del corso le chiese hanno degli ampi sagrati dove potevano benissimo posteggiare la auto. Anche qui si è voluto filmare un goffo filmato di propaganda. Per far vedere che è umile fa parcheggiare le due auto in divieto (una con due ruote sul marciapiede) e fa qualche metro zoppicando con viso mesto. l'opinione pubblica mondiale dovrebbe ribellarsi a queste prese in giro mediatiche.

    RispondiElimina
  12. Lasciamo perdere Bergoglio che passa e le sue intenzioni e guardiamo al Crocifisso il solo che ha " parole di vita eterna" !

    RispondiElimina
  13. A me fa ridere che Bergoglio abbia smentito gli stessi bergogliani, "sanitariamente corretti". (Naturalmente, da parte mia, il giudizio su questo Papa resta fortemente negativo, nonostante nella fattispecie abbia dimostrato un po' di virilità).

    RispondiElimina

L'inserimento senza moderazione dei commenti è limitato ai soli post usciti nella medesima giornata di inserimento e nel giorno precedente. Per i post più vecchi, i commenti saranno sottoposti a moderazione.
Qualora fosse attiva la moderazione, possono passare anche alcuni giorni prima del controllo da parte della Redazione.