lunedì 10 febbraio 2020

Benigni: Gandolfini spiega perché il comico ha sbagliato. Ravasi e l’Avvenire ovviamente lo plaudono


Gandolfini (che non è certo un conservatore tanto meno un reazionario tradizionalista) critica il comico toscano. Qui su in terris un interessante commento.
Ovviamente il citato Ravasi e il quotidiano della CEI sono entusiasti!!!
Roberto

10 commenti:

  1. Quell'eminenza è noto per essere il sostenitore,oggi ancor più 'adeguato', dell'ideologia della sperimentazione in ogni attività della Chiesa. Quindi qualsiasi invenzione, fino alla profanazione, va bene, annaspando nelle più scriteriate novità. Dopo lo scandalo di New York non ha sentito la necessità, non dico il dovere morale, di andarsi a nascondere. Paga volentieri il prezzo per essere tenuto in carica in un momento in cui i 'non amici' cardinali vengono buttati fuori.

    RispondiElimina
  2. «Petali di loto le labbra del mio amato /colano mirra. Il suo inguine è avorio / tempestato di zaffiri. / Favi colanti le tue labbra mia sposa / miele e latte sotto la tua lingua / come incenso del Libano / l’aroma del tuo grembo / giardino chiuso fonte sigillata. / Entri il mio amato nel suo giardino / succhi il suo frutto prodigioso. / Nel mio giardino entravo / mia sorella mia sposa / e la mirra e ogni essenza rapivo / e succhiavo il miele dal favo»
    Beh che aggiungere d'altro!?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Quindi? Vorresti spiegare cosa ti passa per la testolina birichina, 19:37?

      Elimina
    2. Chissà perché non riportano Jahvè che si arrabbia con i suoi che si sono dimenticati di uccidere (anche) le donne e i bambini delle tribù nemiche, e dice loro che li ucciderà se non lo faranno. Chissà perché non riportano questo e decine di altri casi in cui si capisce perché Egli era soprannominato il "Dio degli eserciti". Chissà perché ci vengono propinate solo le cose dolciastre (poche e solitamente frutto di un linguaggio metaforico e/o allegorico).

      Elimina
  3. Ravasi, il degno erede di Carlo Maria Martini!

    RispondiElimina
  4. Le inziative del pavoneggiante ' ministro della cultura' ! ) del Vaticano, sono emblematiche della deformazione e del rifiuto da apostati, in cui è precipitata la Chiesa cattolica, dimentica della millenaria dottrina e quindi della cultura romano-cristiana che ha evangelizzato il mondo. Mentre avanza rapidamente la scristianizzazione, la gerarchia si balocca divertendosi con avanspettacoli e demagogia spacciati subdolamente per evangelizzazione. La situazione attuale è molto peggiore di quella c he ha vissuto la Chiesa la quale, sebbene sporcata con comportamenti umani negativi, non ha mai toccato il depositum fidei ora sgretolato con arroganza ed imposizioni programmate.

    RispondiElimina
  5. Ieri ho scritto riportando parola per parola un estratto dal Cantico dei Cantici , ma non lo avete pubblicato. Censurate la Bibbia e voi sareste veri cristiani!

    RispondiElimina
  6. Benigni, Ravasi, giornalisti di Avvenire: tutti ferri vecchi. Sono anacronistici, sembrano usciti da una macchina del tempo degli anni '70.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dici bene, 19,43. ma il fatto è che questi ferri vecchi stanno in mezzo agli zibbidei, inquinano e beccano un sacco di soldi!

      Elimina

L'inserimento senza moderazione dei commenti è limitato ai soli post usciti nella medesima giornata di inserimento e nel giorno precedente. Per i post più vecchi, i commenti saranno sottoposti a moderazione.
Qualora fosse attiva la moderazione, possono passare anche alcuni giorni prima del controllo da parte della Redazione.