Post in evidenza

URGENTE APPELLO AI GRUPPI STABILI ITALIANI: comunicateci conferme o variazioni alle vostre Messe

ABBIAMO URGENTE BISOGNO DEL VOSTRO AIUTO!  Viste le ultime notizie sulla CEI e sulle risposte dei Vescovi  sul Summorum Pontificum i...

mercoledì 5 febbraio 2020

Benedetto XVI accusato 11 anni fa di uno "sfarzo ormai inconsueto: ho il dovere di dirglielo" Bufale spacciate per verità

Calunniate, calunniate: qualcosa resterà! (Frase attribuita a Voltaire)
Esattamente 11 anni fa: il 10 febbraio 2009 il mite Papa Benedetto XVI fu vittima di uno dei più veementi attacchi contro il suo Pontificato/Via Crucis : don Matteo Ragazzo, all'epoca parroco di Ca' Onorai (Padova), forse istigato da altri suoi confratelli, in un'intervista divenuta famosa disse: «Il Papa, dopo la Santa Messa di mezzanotte si è inginocchiato davanti al bambino Gesù appena deposto nella mangiatoia. Era collegato in mondovisione quindi tutti hanno visto com'era vestito il Santo Padre.
Aveva un mantello con un'apertura alare di 7-8 metri, tutto in raso e damasco dorato, una mitria con gemme e diamanti di tutte le grandezze incastonate, il pallio con spilloni in oro, casula ( quella della foto N.d.R.) rifinita con bordi in oro che richiamavano i disegni del mantello (sic! N.d.R), camice ricamato, anello d'oro (sic! l'Anulus piscatoris N.d.R.), scarpe luccicanti in tinta con i paramenti: senza esagerare credo che difficilmente Alessandro Magno, Cesare Ottaviano Augusto, lo Zar Pietro il Grande, Napoleone o la regina d'Inghilterra siano riusciti a raggiungere uno sfarzo del genere! Il giorno di Natale, la scena era veramente imbarazzante: un vecchio Papa vestito da Dio, di fronte a Dio, vestito da bambino piccolo, povero e nudo. ... Amo la Chiesa come mia madre, il Vescovo come mio padre e il Papa come se fosse mio nonno. Ma se mio nonno fa qualcosa di strano ho il dovere di dirglielo. Che cosa sta succedendo nella Chiesa? Cosa stanno facendo a Roma? Perché il Papa si veste con il guardaroba di 50-100-200 anni fa e per le celebrazioni in San Pietro si fa costruire un trono alto 5 metri? Perché, mentre in tutto il mondo si parla inglese, la grande novità liturgica della Chiesa è la Messa in latino? Come mai, qualche mese fa i vescovi italiani si sono trovati per trattare il tema della Parola di Dio e, come conclusione del Sinodo, hanno concesso anche alle donne il ministero del 'Lettorato": cioè, finalmente, anche loro possono leggere ufficialmente in chiesa! Senza accorgersi che le donne leggono in chiesa da duemila anni, da quando esiste la Chiesa!». ( QUI
La bella casula indossata dal Papa nella Messa della Notte di Natale ( v. video sotto)"rifinita con bordi in oro che richiamavano i disegni del mantello" ( ma quale mantello?) era stata realizzata e donata dalle Suore di un Convento vicino Roma. 
Poi la bufala che il Papa avrebbe fatto "costruire un trono alto 5 metri": cioè lo stesso "trono" che vediamo attualmente nella Basilica Vaticana per le celebrazioni papali dei Vespri e del Te Deum di fine anno. (v.foto a sinistra, del 31/12/2019)
Le fantasie del parroco padovano ( e forse dei suoi confratelli diffamatori...) furono riprese  come "veritiere" anche da altri siti progressisti che si sono soffermati persino sul fantomatico "camice ricamato" del Papa. (Leggi  QUI
Don Matteo nel lanciare violentemente delle fake news contro Papa Benedetto XVI se la prese con il "mantello" ( cioè con il piviale ) sbagliando però la data e la collocazione liturgica: Benedetto XVI aveva  indossato uno splendido piviale che, ci dicono, giaceva nella sagrestia papale da anni ricavato da un vecchio mantum papale , non per la Messa della Notte di Natale ma per i Vespri e il Te Deum di fine anno 2008 (  vedi sotto il video). 
In verità alla Notte di Natale quando il Papa "si è inginocchiato davanti al bambino Gesù appena deposto nella mangiatoia. Era collegato in mondovisione quindi tutti hanno visto com'era vestito il Santo Padre...":  cioè con la medesima casula della celebrazione eucaristica! ( QUI il servizio fotografico vaticano)

Si può  vedere il video integrale della Messa della Notte di Natale del 2008 QUI  

Per quanto riguarda la " mitria con gemme e diamanti di tutte le grandezze incastonate" ( risum teneatis!) sappiamo era stata donata da un fedele al Papa : bella , dignitosa, ottimamente realizzata e di grande pregio ma senza alcun diamante! 
Queste bufalate di 11 anni fa (certamente frutto di una campagna denigratoria e diffamatoria di un circolo di preti ) ci riportano alla mente quel che Benedetto XVI scrisse in nella lettera ai Vescovi il 10 marzo 2009 "riguardo la rimessione della scomunica dei 4 vescovi consacrati da Mons.Lefebvre" " Ma purtroppo questo "mordere e divorare" esiste anche oggi nella Chiesa come espressione di una libertà mal interpretata. È forse motivo di sorpresa che anche noi non siamo migliori dei Galati? Che almeno siamo minacciati dalle stesse tentazioni? Che dobbiamo imparare sempre di nuovo l’uso giusto della libertà? E che sempre di nuovo dobbiamo imparare la priorità suprema: l’amore? " (Benedetto XVI, 10 marzo 2009 QUI)

Chissà cosa avrà pensato Don Matteo il 4 ottobre 2019  per" quel che è avvenuto  nei giardini vaticani, santificati dal sangue di San Pietro e dei primi Martiri romani, nel giorno dedicato al Serafico Padre San Francesco d'Assisi, alla vigilia del "sinodo per l'Amazzonia" : la vomitevole invasione orgiastica pagana ( con tanto della statua della dea Pachamama e di alcuni idoli con dei  simboli fallici N.d.R)  promossa  dal Santo Padre Francesco e dai Suoi più stretti collaboratori"? (QUI)
Che cosa sta succedendo nella Chiesa?
AC

 Vespri e Te Deum di fine anno 31 dicembre 2008





Leggere anche QUI 

14 commenti:

  1. Mi sembra che la questione dello "sfarzo" sia davvero di infima importanza. Enorme e tragica importanza, invece, risulta quanto il "papa emerito" (?) scriveva, da raffinato teologo quale molti lo considerano, nel 1982. Sarebbe interessante che qualcuno gli chiedesse se oggi riscriverebbe quelle cose. https://escogitur.wordpress.com/2013/02/22/piu-di-30-eresie-di-benedetto-xvi-fin-dal-suo-libro-del-1982-principi-di-teologia-cattolica-2/

    RispondiElimina
  2. Più le persone vivono di Cristo e per Cristo e più trovano i tanti PADRE Matteo pronto a distorcere lo Spirito dei fedeli cristiani che seguono il loro PASTORE NEL RECINTO DI PIETRO.GRANDE PAPA BENEDETTO XVI IERI COME OGGI MITE E UMILE DI CUORE.OGNI DON MATTEO DI TURNO SFRACELLA E CONFODO IL POPOLO DI DIO NON AL PAPA CHE FA LE SUE CELEBRAZIONI SECONDO LE LITURGIE E PARAMENTI.

    RispondiElimina
  3. Nell’Autobiografia, Santa Teresa di Gesù Bambino sintetizzava così la “scoperta” della sua vocazione: «O Gesù, mio amore, ho trovato finalmente la mia vocazione. La mia vocazione è l’amore. Sì, ho trovato il mio posto nella Chiesa, e questo posto me lo hai dato Tu, o mio Dio.Nel cuore della Chiesa, mia madre, io sarò l’amore ed in tal modo sarò tutto e il mio desiderio si tradurrà in realtà».

    A volte lo Spirito Santo non ne puo' piu' e ci abbandona .

    RispondiElimina
  4. Le accuse calunniose contro BXVI,sono non certo nuove, provenienti da più parti, fin da quando era prefetto per la Dottrina della Fede. Un articolo sull'Oss. Romano del 2/X/2011, aveva per titolo: "Vuoi il successo? parla male di BXVI". Critiche per la sua denuncia della dittatura del relativismo e del modernismo, provenienti dal mondo massonico-marksista sia esterno che interno alla Chiesa che ne è infettata ( v. setta gesuitico-martiniana) per la sua critica alla contraccezzione e all'aborto); un coro di insulri per La Dominus Jesus fondamento del Cristianesimo, per il MP sulla Messa VO e per il decoro della liturgia che ammoniva non essere di nostro arbitrio ma dettata da Cristo, il primato della fede pur nella speculazione teologica, etc. etc. Ci ha lasciato un patrimonio dottrinale ampio e profondo che bisogna saper leggere con criterio oggettivo e non personale. La tragica situazione attuale della Chiesa deriva proprio dal rifiuto del suo magistero, comprensibile se viene dai dichiarati nemici di Cristo, ma inaccettabile dal mondo ' cattolico' (sic!.

    RispondiElimina
  5. i modernisti sono sempre stati cattivi: già dai tempi antichi.... .

    RispondiElimina
  6. Ma voi avete scritto a questo prete? Siete andati a cercarlo e a parlare con lui? L'avete interpellato per farlo ragionare o per fargli presente che stava esagerando e che doveva avere più rispetto sia per il Papa sia per i semplici fedeli?
    Altrimenti restiamo a livello di mormorazione su quanto sono brutti i tempi, ma non serve a niente.

    RispondiElimina
  7. Ma perché ancora cercate di controbattere? Faceva bene Benedetto ad utilizzare una ben minima parte di ciò che giace nelle sagrestia vaticane o Francesco a rifarsi il "guardaroba" che, da alcune fonti, non é poi a buon mercato come la manifattura (sciatteria) ci potrebbe far credere? Mi insospettisce chi attacca il decoro di una liturgia. Vedere il santo padre indossare bei paramenti era un vanto per noi cattolici: credo che gli inglesi provino lo stesso sentimento quando la regina indossa mantello, scettro, globo e corona... Con la differenza che il celebrante lo fa per onorare Dio.
    Il clero padovano dovrebbe avere poi il pudore di guardarsi in casa e ai VERI scandali (alcuni veramente da brivido) che la cronaca locale pone alla attenzione.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In effetti certo clero svia l'attenzione: parlano dello "sfarzo", che peraltro è cosa tipicamente cattolica, per non parlare degli abusi sessuali e dei guadagni che fanno gli immigrati.

      Elimina
  8. PROVATE A RICONTATTARLO DOPO DIECI ANNI E FATEGLI RIFARE LE STESSEOSSERVAZIONI.
    LUI USA I PARAMENTI PRESCRITTI O SE LI INVENTA COME SI E' INVENTATA LA BUFALA.HA MAI MEDITATO CHE IL BAMBINELLO E' STATO VISITATO E OMAGGIATO DA TRE RE MAGI CON ORO INCENSO E MIRRA?TRENTANNI DOPO UNA PECCATRICE LO UNSE CON BALSAMI E PROFUMI TANTO CHE UNO DEL SEGUITO SI LAMENTO'(SI POTEVANO VENDERE ED IL RICAVATO DARLO AI POVERI)::::: COMUNQUE CREDO CHE SE SI IMPEGNA PER UNA CHIESA IN USCITA (CHE FA TANTO MODA OGGI) SARA DI GIA' MONSIGNORE

    RispondiElimina
  9. Fa una certa impressione rileggere dopo un secolo le vergognose menzogne che un pretino osò scagliare contro il papa il quale ha fatto molto bene ad un certo punto ad abbandonare tutto e tutti "donandoci" l'attuale pontefice seppur soggetto a sbalzi umorali. Voglio vedere se il demagogo don Matteo osa criticare il nuovo papa come invece fece un secolo fa...

    RispondiElimina
  10. "Ha fatto molto bene ad abbandonare tutto e tutti". Eccome no? Ha fatto proprio come Gesù Cristo!

    RispondiElimina
  11. E no! Quando si ha il potere bisogna usarlo e non far finta di niente.Bisogna essere puntuali ogni qualvolta si viene chiamati in causa ,a torto o a ragione,e rispondere del proprio operato.E se l'accusa è infondata bisogna assolutamente pretendere le scuse pubbliche dal proprio accusatore.Fra " gli sbalzi umorali" ed il tacere c'è una via sicura che è quella della verità (facilmente dimostrabile in questo caso)e del rispetto dell'ordine gerarchico.In nessun posto di lavoro al mondo nessun dipendente può pubblicamente accusare impunemente il proprio presidente ,dicendo delle falsità, senza essere punito.Ad essere troppo buoni si passa per …..

    RispondiElimina
  12. Al Papa emerito BENEDETTO tutto il mio affetto filiale. Dio lo aiuti e lo PROTEGGA sempre. Fino al suo ultimo respiro non gli manchi l'affetto delle persone a lui più care, non gli manchi la preghiera di tutta la Chiesa. :)

    RispondiElimina
  13. Cari entusiasti ratzingeriani, non vi sembra di esagerare? Ma le conoscete le derive moderniste dell'ex papa che ancora si veste da papa con la scusa dell'"emerito"? Andate ad informarvi prima di abbandonarvi ad elogi fuori luogo. Certo, in confronto a Bergoglio, Ratzinger sembra un sant'Atanasio, ma ...

    RispondiElimina

L'inserimento senza moderazione dei commenti è limitato ai soli post usciti nella medesima giornata di inserimento e nel giorno precedente. Per i post più vecchi, i commenti saranno sottoposti a moderazione.
Qualora fosse attiva la moderazione, possono passare anche alcuni giorni prima del controllo da parte della Redazione.