martedì 5 novembre 2019

Rito di consacrazione di una chiesa, in rito antico.

https://drive.google.com/uc?export=view&id=1baKG6S2S9MtpVRRVYeXebNeYhNmOizqa

Su facebook abbiamo trovato questa bella foto (non ricordiamo dove, e ci scusiamo). 

Ritrae uno dei momenti previsti dal rito di consacrazione di una chiesa (si tratta, in questo caso, della cattedrale di Westminster, a Londra, 29 giugno 1910). 
Sul pavimento della navata centale vengono tracciate due linee a formare una croce di S. Andrea. In esse, il Vescovo, con la punta del pastorale, inscrive le lettere dell'alfabeto (sia latino sia greco). 

5 commenti:

  1. "Rito di consacrazione": parole (e fatti) caduti nel dimenticatoio. In centodieci anni ne è passata di acqua sotto i ponti!
    Anzi più che di acqua si è trattato di acido corrosivo. Nel 1910 si respirava un'altra aria, anche se i novatori erano già all'opera per preparare lo schianto "primaverile" del Vaticano II e dell'invenzione montiniana del novus ordo.

    RispondiElimina
  2. https://www.radiospada.org/2019/11/prete-messicano/

    RispondiElimina
  3. https://www.marcotosatti.com/2019/11/05/super-ex-non-si-puo-tacere-su-ruini-forse-non-ne-poteva-piu/

    RispondiElimina
  4. ' Coelestis urbs Jerusalem' è il mirabile inno gregoriano che si canta in occasione della consacrazione di una chiesa.

    RispondiElimina

L'inserimento senza moderazione dei commenti è limitato ai soli post usciti nella medesima giornata di inserimento e nel giorno precedente. Per i post più vecchi, i commenti saranno sottoposti a moderazione.
Qualora fosse attiva la moderazione, possono passare anche alcuni giorni prima del controllo da parte della Redazione.